prontofrancesca.it

ProntoFrancesca.it

domenica, 26 febbraio 2017
VIAGGIO PER IL “NUOVO MONDO” … ANDATA E RITORNO

Mi diceva sempre di NON MOLLARE e me lo ha detto, ripetendolo più volte, fino a quando l’ho vista per l’ultima volta.

Me lo diceva lei, la mia grande amica Nonna Lea, che nonostante i suoi novanta e più anni è stata la donna più squisitamente moderna che abbia mai conosciuto.

Dico squisitamente perché non c’è altro modo per definirla.

Lei che ne ha viste e passate tante, guerre mondiali comprese, non ha mai mollato nonostante la vita non sia stata sempre facile e benevola. Anzi…

Di lei mi mancano tante cose. Mi manca tutto.

Mi manca potermi rifugiare nella sua piccola casa nel quartiere Testaccio di Roma, dove nel tempo tanti amici del mio blog che hanno imparato a conoscerla ed aprezzarla attraverso i video che ho realizzato insieme a lei in questi anni, sono passati per conoscerla dal vivo.

Un bacio ed entrare in quella sua piccola casa dove tutto era così speciale, profumato come lei.

Giorni fa, tornata dal mio viaggio in Repubblica Dominicana, casualmente mi sono trovata a pochi passi da casa sua e non ho esitato a passare sotto il suo balcone, guardando lì in alto, all’ultimo piano di una palazzina dove ha vissuto per tanti anni.

Mi è sembrato di vederla, che con la mano mi salutava come quando andavo via. Lo faceva sempre.

Era diventato nel tempo un nostro piccolo rito. Il nostro rituale.

Come mi sarebbe piaciuto poterle citofonare e salire all’ultimo piano per raccontarle del mio viaggio in Repubblica Dominicana.

Sentire i suoi commenti e soprattutto sapere il suo parere su quello che avrei dovuto fare da qui al futuro.

Un futuro che mentre scrivo è già presente ed breve sarà passato; un concetto del tempo che sempre di più corre velocemente, voracemente tutto mastica ed a volte faticosamente digerisce.

Io, ancora qui, che seguendo il suo consiglio NON MOLLO ed a poche settimane dall’incredibile viaggio in Australia che ha rappresentato un vero “Pit Stop” di affetto da parte di migliaia di telespettatori che ho avuto molto di incontrare, ho ripreso la valigia e mi sono diretta verso quella parte di mondo dove Cristoforo Colombo approdò secoli fa aprendo le porte del Nuovo Mondo.

Una nuova rotta seguita poi da tanti di voi (e vostri antenati) per emigrare verso le Americhe.

L’idea di andare in Repubblica Dominicana per incontrare i nostri connazionali sinceramente ce l’ho da molti anni.

Ha preso poi vita nel concreto per mantenere la promessa fatta a GUIDO DI BERNARDO, intervistato in una puntata di “Cara Francesca” e conoscere, con l’intento di capire un po’ meglio, una comunità italiana che mi ha spesso scritto: gli italiani in Repubblica Dominicana!

Nello specifico a Las Terrenas e Santo Domingo, dove ho partecipato a due interessati incontri, molto diversi tra di loro, con i nostri connazionali.

Il primo a Las Terrenas certamente più informale dal titolo “Attenti agli Italiani” di cui potete vedere qui sotto il video, l’altro più istituzionale ed a modo suo altrettanto interessante poichè ha rappresentato un vivace momento di scambio tra me e loro, italiani che mi guardavano all’inizio un po incuriositi per questa mia visita poi pian piano si sono aperti alle mie tante domande su una comunità italiana, quella nella Repubblica Dominicana, che ho avuto difficoltà ad inquadrare immediatamente in una tipologia ben precisa.

Un viaggio diverso dagli altri, molto diverso.

Una comunità diversa da quelle da me conosciute prima e che ho avuto modo di incontrare varie volte in questi anni in Canada, Stati Uniti, Argentina, Brasile e logicamente Australia.

Quella nella Repubblica Dominicana, la potrei definire una comunità eterogenea, in un certo senso avventuriera, dove si evidenziano e differenziano tre se non quattro diverse tipologie di italiani.

Troverei veramente riduttivo mettermi ora a fare la maestrina ed iniziare una conferenza sul tema.

Non sono mai salita in cattedra e lascio questo compito ai “professori”.

Loro che studiano alle Università e che hanno titoli riconosciuti per farlo.

Io la mia laurea/e l’ho presa e la continuo a prendere sul campo, il campo della vita dove non c’è momento in cui non finisco di conoscere affamata come sono di entrare dentro ciò che vedo per immergermi e respirare emozioni, sensazioni, vibrazioni e se sono più fortunata, come spesso accade, essere sulla stessa frequenza di chi me le trasmette.

Come la frequenza ad esempio che mi fa rincontrare casualmente una telespettatrice, SUSY BELUSSI, intervistata a Rai International nel lontano 2001 e che “Guido la guida” questo il titolo del seguitissimo programma youtube a cui ho avuto il piacere di partecipare in una puntata come conduttore speciale, mi fa ritrovare senza sapere che già era stata protagonista di una puntata di “Sportello Italia” riguardo un problema legato al riconoscimento della cittadinanza del figlio che doveva nascere e che ora ha ben 11 anni.

La frequenza che mi fa conoscere il simpaticissimo PAOLO PULICI, che a Las Terrenas vive da circa trent’anni.

Sub professionista, insegnante di immersioni per tanti anni ora ha creato una bellissima azienda agricola, gettandosi (nel vero senso della parola) con passione in questa nuova impresa.

C’è poi frequenza che mi fa avere animate e vivaci discussioni con “COMANDANTE CLEARCO“.

Un nome che si porta dietro dal 2005 quando partecipò ad un film interpretando il ruolo di un partigiano, indossando un basco che lo fa somigliare molto al ben noto Comandante Chechevara.

Architetto, ha scritto testi teatrali ed è stato coordinatore tecnico del Festival dei Due Mondi di Spoleto, lavorando alla Giunti Multimedia Televisione fino alla fine degli anni ’90 per arrivare sette anni fa in questa parte del mondo e seguire il progetto televisivo dell’allora Samanà Channel ed ora di ENJOYHD.TV 

Lui, Clearco, con un bagaglio professionale impegnativo, sceglie di trasferirsi in un luogo del mondo in cui, almeno all’apparenza, l’approccio alla vita è più semplice.

Guardando oltre poi, forse non è proprio così, ma certamente tutto è più leggero.

Insieme ragioniamo sul concetto di povertà, ricchezza, arrivando in una frazione di secondo a quello di Felicità.

Ed è spesso proprio la ricerca della Felicità che probabilmente ti porta a decidere di allontanarti da alcuni schemi e viverne altri, in un luogo del mondo come la Repubblica Dominicana dove, come qualcuno mi ha detto,  “L’impossibile diventa possibile ed il possibile impossibile!”.

C’è anche la frequenza, è proprio caso di dirlo, che ha dato spunto ad una RADIO TRICOLORE, che vi invito ad ascoltare poichè come alcuni di voi sanno ho sempre sostenuto l’importanza di radio e giornali in lingua italiana all’estero.

La frequenza poi che mi fa decidere di riprendere mia amata e datata telecamerina per passeggiare insieme a Guido nel “pueblo” di Las Terrenas realizzando un divertentissimo video di circa mezz’ora che sono certa vi piacerà molto e che troverete in alto a questa pagina.

Arrivata poi a Santo Domingo, tutto è così diverso, anche se poi per certi versi simile.

Durante il bellissimo incontro nello storico edificio di “Casa d’Italia”, residenza del primo Presidente della Repubblica Dominicana, vengo accolta dal vice presidente ANGELO VIRO, ritrovo e conosco dal vivo alcuni telespettatori intervistati in “Cara Francesca” e Sportello Italia” in particolare ROBERTO ACCINI, WALTER PERISSUTTI e MARCO CRACCO.

Loro mi introducono ad alcuni amici e corregionali del Trentino Alto Adige, tutti facenti parte dei Fogolar Furlàn, tra i quali il loro il simpaticissimo presidente MAURO TONASSO .

Insieme trascorriamo una serata speciale, all’insegna di tanti racconti.

Alla fine, tra un brindisi e l’altro vengo soprannominata da alcuni tra i presenti “radiceto” nomignolo veneto che porterò sempre con me e che è ben spiegato in questo articolo scritto da colui che me lo ha attribuito, ARMANDO TAVANO.

cliccare qui per leggere articolo

In tutto ciò partecipo con immensa gioia anche alla riapertura dell’Ambasciata d’Italia a Santo Domingo accompagnata dal presidente del Comites di Panama e Repubblica Dominicana, PAOLO DUSSICH, con il quale ho modo durante il tragitto in macchina di tracciare un quadro più preciso dei tanti italiani che vivono in Repubblica Dominicana.

Prima di ripartire, non posso non andare visitare la zona coloniale di Santo Domingo la cui parte antica della città è patrimonio dell’Unesco e visitare la prima Chiesa Cattolica di quello che a tutti gli effetti è il Nuovo Mondo.

Sarà un caso (secondo me no!) che proprio lì vicino, trovo ad aspettarmi un toro, che ho preso per le corna. Credo anche questo voglia dire essere sintonizzati su una frequenza.

La giusta frequenza in cui per me tutto sembra essere premonizione del bello e buono che verrà.

 

In aereo verso l’Italia penso che per me il ritorno a casa dalla Repubblica Dominicana rappresenta un viaggio al contrario verso “un mio” Nuovo Mondo riflettendo per la prima volta sul fatto che ogni luogo può essere riscoperto per la prima volta, se visto con occhi e cuore nuovi. Nuovi per una nuova esperienza che li ha resi tali!

È importante tornare al punto di partenza. Al luogo di partenza.       Un luogo dal quale tutto nasce e rinasce per dare vita al Nuovo che verrà.

Per chi come me ancora crede, combatte e soprattutto NON MOLLA!!

19 Commenti a “ VIAGGIO PER IL “NUOVO MONDO” … ANDATA E RITORNO ”

  1. Luisa Grisanti ( Buenos Aires , Argentina )

    Hai ragione cara Francesca non si deve mollare mai, mio nonno sempre mi diceva vai sempre avanti cosí vedrai le cose piú belle che ti asppettano nella vita. Auguri cara per aver fatto questo viaggio alla Republica Dominicana e che hai trovato tanta gente bellissima. Cui in Argentina ti asppetiamo sempre. Ti abbraccio
    Luisa


  2. Vittorio Cassone ( San Paolo , Brasile )

    Bellissimo cara Francesca!
    Evviva anche Guido mi Guida e tutti gli altri, italiani e Dominicani..
    Auguri.


  3. gaetana ( melbourne , australia )

    Brava Francesca solo girando il mondo e incontrando tutti gli italiani , puo fare esperienze e vedere come ci siamo integrati e come viviamo, tutti noi ti diciamo grazie di cuore, chissa se un giorno tu decida di trasferiti all`estero sceglieno una nazione che ti apprezza tanto, ( veramente siamo tutto il mondo ad averti vicino) tanti auguri per la tua nuova avventura.


  4. Pietro Novi ( Union City , USA )

    Cara Francesca,
    che bello la tua esperienza nella Repubblica Dominicana. Ti abbiamo vista in una nuova veste, completamente rilassata, gioiosa e gustante delle bellezze di quei luoghi che pur rappresentano un punto importantissimo per tutti noi emigrati nel Nuovo Mondo. Che dire, sei sempre piu’ imprevedibile e ti dobbiamo ringraziare per portarci dentro le tue esperienze. Continua sempre cosi’ e, come diceva Nonna Lea, grande maestro di vita, non mollare mai. Da me partono come sempre mille auguri di buona vita a te, che sei certamente meritevole. Un forte abbraccio,
    Pietro


  5. liliana ( Buenos Aires , Argentina )

    Cara Francesca,
    mi è piaciuto tantissimo tutto ciò che ho visto e sentito nei video. Hai fatto un bel viaggio e un ottimo lavoro !
    Stupenda la signora Susy , molto importante ciò che fa con i ragazzi .
    Il video nella tenuta di Paolo Pulici è molto interesante , una persona veramente intrapendente e disponibile .
    Molto bello tutto quello che ci trasmetti degli italiani nel mondo , comunque questi italiani di Repubblica Dominicana sono molto diversi da quelli che abitano qui in Argentina , li vedo dal modo di parlare e di vivere. Sono persone che tornano spesso e volentieri in Italia e si vede , direi che sono italiani che si possono concederé lunghi soggiorni in quel bel posto senza abbandonare definitivamente
    l’Italia .
    Complimenti carissima , sei magnifica in tutto quello che fai . Non mollare mai !!!
    Complimenti alla simpatía di Guido.

    Auguroni e un grande abbraccio,
    Liliana


  6. Stefano Mollo ( Greenwood , Australia )

    No, …. non si MOLLA :-)

    Francesca … i miei genitori facevano esattamente quello che faceva Nonna Lea.
    Quando io ero piccolo e poi ragazzo, ogni volta che uscivo di casa mio Padre Mimmo e mia Mamma Matilde mi salutavano dal balcone del 4to piano.
    Poi mio Papa’ ci lascio’, e dal balcone a salutarmi c’ era solo mia Madre.
    Poi io andai in Ecuador e mia Madre non ebbe più nessuno cui salutare per molti anni. L’ ultima volta che mi saluto’ da quel balcone fu’ nel 2009, quando dall’ Ecuador andai in Australia e per 5 giorni mi fermai in Italia.
    Poi mia Madre manco’ nel 2011 ed io tornai in Italia per i funerali. Restai circa tre mesi. Ero molto affranto. No; ero distrutto. Ed ogni volta che uscivo di casa mi voltavo e guardavo all’ insù, ricordando quando dal quel balcone mi salutavano loro e poi solo Lei. Ma la vita doveva andare avanti e l’ Australia mi stava aspettando.
    Ora era solo un balcone vuoto, ma io li vedevo ancora li, affacciati ad agitare la mano salutando.
    Sentimenti indescrivibili.
    Quindi capisco molto molto bene cosa puoi aver sentito e pensato l’ altro giorno quando hai guardato all’ insù anche tu.

    Non mollare Francesca. MAI.
    Ti abbraccio forte.

    Stefano.


  7. Giuseppe ( Melbourne , Australia )

    Ciaoo Cara Francesca
    hai fatto una bellissima esperienza ,girando il mondo e incontrare la comunita Italiana che ti adora,bellissimi i 2 video che hai girato sono speciali insieme a Guido.
    Sei grande ,sei bella sei,forte,(il motto) non mollare mai e andare sempre avanti a nuove esperienze.( La prossima meta?)….
    Riguardo nonna Lea era una nonna speciale e ci manca molto e da lassu’ ti guidera’ e lei vivra’ nei nostri ricordi.
    Auguroni e un grande abbraccio con tutto il cuore…
    Giuseppe.xxx


  8. maria luisa ( roma , italia )

    Carissima Francesca, che bello ritrovarti. Sei la ‘nostra’inviata speciale!! Te lo dice una romana che, attraverso le tue videointerviste, ritrova quel buonumore che troppo spesso sembra mancare agli Italiani d’Italia. Se avessi tanti soldi, oltre che a licenziarmi dal mio posto di lavoro, mi piacerebbe finanziare una tivvù indipendente dedicata solo agli Italiani nel mondo. Tu saresti l’inviata speciale. Al ritorno in patria ti potresti occupare della programmazione insieme a collaboratori scelti. Se l’Italia fosse ancora degli Italiani, lo faresti già.. Un grazie speciale ai protagonisti di questa avventura.
    P.S. Grazie per aver pubblicato la tenera foto con nonna Lea.
    M. Luisa – Roma


  9. Maria Rosa Colombo ( Lujan , Argentina )

    CARA FRANCESCA ………quanti sentimenti in questo post…….e che profondi.
    I tuoi sentimenti per Nonna Lea hai saputo sprimerli tanto bene a tutti noi……che grazie a te……..la abbiamo adottato come nonna……..anche io il piu bello ricordo di Lei……..che sara tra noi SEMPRE.
    Che dirti delle tue avventure dominicane……….bellissime………grazie per farci conoscere tante comunita italiane nel mondo.
    Tu non mollerai mai…….perche hai dietro di te una grande corte che ti segue…..ti accompagna e prega per te!.
    Un bacio grande da una caldissima Argentina…….tvtb
    Saluto a tutti gli amici nel mondo


  10. José Roberto Cersosimo ( San Paolo , Brasile )

    Buon giorno, cara Francesca

    Viaggiare è imparare!
    Tornare a casa è ineguagliabile!
    Ricordade è vivere!
    Evviva Nonna Lea.
    Abbraccio.
    José Roberto


  11. Paolo Bacigalupo ( Valparaiso , Cile )

    Carissima Francesca

    Bello leggere il tuo ricordo di Nonna Lea, la “mamma spirituale” del tuo (e nostro) blog.

    Bellissime anche le tue riflessioni dopo tornare da Republica Dominicana.
    Quando persone come Armando Tavano ti dicono che sei “La Mirko Tremaglia della RAI”, appellativo straordinario e molto ben messo… non si puó mollare !!

    So che non hai bisogno di titoli ne distinzioni speciali come motivazioni, perche l’amore e preoccupazione per gli italiani sparsi per il mondo, ti nasce dal cuore, ti é nell’anima e non viene impostata…

    Speriamo precisamente che l’affetto che hai ricevuto in questo “Pit Stop” dominicano, simboleggi l’affetto di tutte le nostre comunitá italiane all’estero e ti rinforzi l’ispirazione !!!

    Un abbraccio affettuoso

    Paolo Bacigalupo


  12. Maria ( Montreal , Canada )

    Cara Francesca ciao,e` bello ricevere il tuo messaggio con le informazioni dei tuoi spostamenti, vivi delle bellissime avventure,incontrando numerosi italiani dapertutto,sono contenta per te.
    Riguardo la nostra nonna Lea,non possiamo dimenticarla ,immagino tu cara Francesca che sei stata in vicino contatto con lei,la porteremo sempre nei nostri cuori.
    Un abbraccio grande da tutta la mia famiglia.
    Maria


  13. Maria Rosa Colombo ( Lujan , Argentina )

    FRANCESCA……..appena visto con tranquillitá il video……..sono felice che hai visitato no uno dei paradisi artificiali……come li chiamo io…….sino la realtá della Republica Dominicana!!!!!!
    Ti dico che ho scelto tra tutti……anche io…… i quadri delle donne……bellissimi!!!!!!
    Grazie della bellissima passeggiata!!!!!


  14. nicolina magnotta ( lomas de zamora , argentina )

    Buon giorno Francesca…sai cosa mi è successo stamattina? ecco; comè consueto, mi affaccio cuotidianamente per leggere la pagina delle notizie e di più dare un’occhiata al tuo blog… ma ci credi? nei miei ricordi è apparsa una foto che pubblicai 3anni fà, è una vera e propria simbiosi, giacche in seguito ho aperto il tuo blog e sorpresa!!!! tu che apri con i tuoi bellissimi e nostalgici ricordi di Nonna Lèa….. a volte ci penso… sono stata davvero fortunata di conoscerla di persona, grazie al tuo intervento è che fù possibbile… un ricordo incancellabbile!!!!! hò visto i video, bellissimi pieni di vita ed entusiasmo, auguro che tutto si svolga secondo i tuoi desideri, ed anche quello di tantissimi, non mollare e sii sicura che il gran desiderio di tanti al più presto si avveri…. il tuo ritorno alla tivù,un caro saluto a tutti nel blog, a te Francesca un carissimo abbraccio, Nicolina.


  15. Guido ( Las Terrenas , Repubblica Dominicana )

    Francesca non posso non ringraziarti per tutto il tempo passato insieme, per le riprese, le risate, la compagnia e l’allegria che hai portato con il tuo arrivo a Las Terrenas. Ti auguro tutto il bene e la fortuna di questo mondo e mando un grosso abbraccio a te e a tutti i tuoi affezionati e amati seguitori!


  16. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Carissima Francesca che bello vederti coni nostri connazzionali,

    della Republica Dominicana,!!!!!!

    bellissime le foto e video, son sicuro che anno aprezato tanto la tua visita,

    anche se passano gli anni tu sei sempre la stessa carica e piena di indusiasmo,

    i ricordi sono la piu bella cosa che restono in noi per sempre,

    cosi come e rimasta nel nostro cuore Nonna Lea,ora ci resta solo pregare per le,

    un grande abbraccio a te, e un caro saluto a Guido e a tutti in salotto.

    Francesca.


  17. claudia ( buenos aires , argentina )

    Si vede che il viaggio per il ” nuovo mondo” e stato pieno di sorprese belle, di italiani che hanno scelto sia per vivere o per passare un tempo della loro vita in questa terra affascinante che io purtroppo no conosco ma a giudare delle immagini che hai pubblicato e pure il video che hai condiviso sia nel blog o su facebook posso dire che mi piacerebbe conoscere e trascorrere una vacanza li, e non solo per gli italiani che la godono ma anche per la gente originaria di questo bel posto che la arrichisce ogni giorno con il suo lavoro.

    non posso non nominare le immagini di una nonna Lea che ci manca a tutti, e io posso dire che anche io ho provato il saluto di nonna Lea dal balcone affacciandosi e salutandomi assieme alle figlia Vilma quando sono andata a visitarla, a proposito ne sai qualcosa di Vilma e del bel apartamento di Lea pieno di ricordi?

    un caro saluto da baires,
    claudia


  18. claudia ( buenos aires , argentina )

    Un caro saluto a tutte le donne del blog in questa festa della donna 2017 ricordando a Lea e inviandovi un caro saluto virtuale a tutte che facciamo e lavoriamo ogni giorno ogniuna di noi nel nostro piccolo.

    buona giornata e continuando avanti per i nostri diritti!

    Claudia


  19. luigi Santo ( Adelaide , Australia )

    Bellissimo il tuo ricordo nostalgico di Nonna Lea non sara dimenticata mai resta sempre nei nostri cuori.Poi tu sempre piu brava in mezzo a tutti i nostri cari conazzionali sparsi peril mondo e certo non mollare mai e poi mai .
    Poi ti voglio dire che sono rimasta contanta laltra sera a vedere Agostino a porta a porta si mantiene molto in forma complimenti a lui e tantissimi saluti per lui te e tutti i carissimi amici nel nostro salotto internazionale un abraccio

    Nella Santo


Lascia un commento per Francesca





(non verrà pubblicata)

Caratteri disponibili