prontofrancesca.it

ProntoFrancesca.it

mercoledì, 8 ottobre 2008
A NEW YORK CON UN “AMICO”

img_2843res.jpg
Se vi stavate domandando che fine avessi fatto, state sereni, eccomi qui arrivata finalmente a destinazione nella Grande Mela. Il viaggio è andato benissimo. Ci tengo a farvi sapere che ho volato con Alitalia (come sempre!) e di questo, inutile dirvi, sono particolarmente orgogliosa soprattutto dopo le “movimentate” vicende di queste ultime settimane. Per fortuna il pericolo è scampato e la nostra Compagnia di Bandiera continuerà a sfrecciare per i cieli del mondo mostrando fiera la sua coda tricolore. Dunque, dove eravamo rimasti? Per prima cosa vi ringrazio per esservi ricordati del mio onomastico che cade il 4 ottobre, giorno in cui si festeggia San Francesco d’Assisi, Patrono d’Italia. Leggendo qualche istante fa i vostri commenti ho notato che al mio onomastico si è aggiunto quello di tutti i Rosaria e Rosario, nome peraltro della mia mamma, alla quale rivolgo in ritardo  tantissimi auguri. Sapete io sono napoletana e da noi l’onomastico conta quasi più del compleanno, quindi mi ha fatto particolarmente piacere aprire insieme a voi questa bella parentesi. Facendo però una riflessione personale tra me e me, credo che, considerato il numero elevato di amici che ormai si affacciano più o meno frequentemente nel nostro “salotto mondiale”, sia preferibile evitare di trasformare d’ora in avanti le pagine di prontofrancesca in un continuo elenco di auguri. La meraviglia di internet è proprio quella di conservare tutto quanto viene inserito all’interno di questo “mega cervellone” telematico e proprio per questo mi piace pensare che chiunque consulterà nel tempo le pagine che insieme stiamo scrivendo, potrà trovare argomenti di conversazione interessanti da cui prendere spunto, insomma un preziosissimo patrimonio sul mondo degli italiani all’estero scritto direttamente da voi, il che a mio avviso è un’occasione da non sprecare. Tornando a me, come appena scritto, sono arrivata da poco a New York e per quanto questo sia il mio terzo viaggio in questa città, ogni volta la trovo sempre più incredibile. Qui tutto va a mille all’ora, anzi tremila! Sembra che ogni persona riesca a fare almeno tre cose in contemporanea. Qui per strada si mangia, si programmano al telefono gli impegni della settimana, ci si muove e veste come si vuole, insomma qui sembra proprio che nessuno ti guardi o giudichi, ma io credo che invece sia esattamente il contrario e sono sempre più convinta che camminare per le strade di questa immensa città, sia come immergersi in un grande set cinematografico, in cui ci si sente sempre osservati. Mi dicono che a New York ci sono moltissime telecamere che spiano silenziose i movimenti di una moltitudine di persone che si muovono freneticamente su e giù per Manhattan. A me questo non da fastidio, anzi, mi fa sentire più al sicuro. Amo questa città e ne rispetto le regole ed i ritmi, anche se piuttosto impegnativi. Amo questa città  perché riesce ad infondermi un’energia del tutto particolare e mi mette sempre di fronte a me stessa ed ai miei obiettivi. Qui sembra veramente tutto possibile ed ho come la percezione che vengano premiati i reali meriti delle persone e che chiunque veramente abbia qualcosa da dire, lo possa fare e se poi saprà veramente fare qualcosa, lo farà, senza tanti per come e perché. Questa è per me la magia di New York. Nei prossimi giorni anche le mie giornate subiranno una improvvisa accellerata. Saranno infatti moltissimi gli impegni che mi attendono e se desiderate conoscerli nel dettaglio, vi invito a consultare il programma che è stato pubblicato in home-page. Inutile dirvi che l’appuntamento al quale tengo in modo particolare sarà la Parata del Columbus Day di lunedi 13 ottobre sulla Fifth Avenue in cui vi aspetto numerosi e durante la quale realizzerò un video per conoscere da vicino i lettori di prontofrancesca. Rimanendo in tema di Quinta Strada, poche ore fa ho deciso di andare a fare una passeggiata con un amico che vorrei presentarvi: il mio computer. In fondo se la mia avventura telematica è iniziata è stato anche per essere entrata un anno fa nel grandissimo negozio Apple di fronte al Central Park: amore a prima vista. Per una cartacea come me, non è stata una sfida da poco abituarmi a questo nuovo mezzo di comunicazione ed imparare in breve tempo ad utilizzarlo e se ci sono riuscita è stato solo ed esclusivamente perché non mi andava di abbandonarvi. Ora a distanza di un anno capisco che è proprio vero: solo chi ha un cervello può cambiare idea ed io l’ho cambiata. Guai a chi tocca il mio computer che stringo forte a me, ringraziandolo ogni giorno per avermi aiutato a creare un lunghissimo ponte virtuale tra me e gli italiani nel mondo…. in fondo anche un computer può avere un cuore ed il mio sicuramente lo ha!!

113 Commenti a “ A NEW YORK CON UN “AMICO” ”

  1. Stefano Mollo ( Perth , Western Australia )

    E brava Francesca!

    Anche tu viaggiatrice.

    Si, New York City e’ una città magica, senza uguali.

    E nota anche come la “Melting Pot”, ovvero il pentolone dove si fondono tutte le culture del mondo.

    Una delle tantissime cose che non ti devi assolutamente perdere sono i Musei; ce ne sono per tutti gusti e sono tutti eccellenti.

    Divertiti e, come sempre, viva l’ Italia.

    Stefano.


  2. Maria Carfora Hart ( Newport News , Virginia )

    Cara Francesca
    Buongiorno ed ben arrivata, nella grande Mela, ma che tieni in mano la lap top, invece di una mela fresca di New York. Quel che hai commentato hai ragione, ci ne approffitiamo del tuo blog, della tua generosita’. Ora in avanti si deve stare attenti a quel che si scrive. Penso che stai gia’ facendo i tuoi progetti settimanale. Perche’ non vedi di aprire uno studio televiso a New York City ad intevistare gl’ italiani da li. Sarebbe molto interesante per noi qui. Veramente ci vuole una cosa differente nella Rai Italia in America.
    Ti auguro una buona settimana. Aspetto una tua telefonata, grazie.Con affetto Maria


  3. anna maranca ( São Paulo , Brasile )

    Cara Francesca, senza dubbio New York è una città fascinante, a me anche ha incantato. Eppur se pensi bene, è un poco magica, ha quello che ognuno di noi ci mette. Non impone limiti. Forse é la libertà alla quale ti riferisci, di muoversi, di vestirsi e tutto. E i sorvegliamenti, e chi ci pensa, lasciamo questo ai ladri. Noi non ne abbiamo bisogno.
    Mi è piaciuto il tuo notebook, mi terrorizzavi con il tuo cartaceo a Sportello Italia, non sai quanto tempo ci ho messo per capire che cosa voleva dire. Scema? Sì.
    Auguri per il Columbus Day, e vedi se trovi un pezzo di pizza da mangiare in strada, non conosco la pizza a New York…
    Bacioni
    Anna


  4. mariat ( Valencia , Venezuela )

    Cara Francesca che bello saperti in America, che bello leggere le avventure e le tue emozioni, seguiro come sempre i tuoi scritti ciao buona permanenza


  5. Fatima ( São Paulo , Brasil )

    Buongiorno.
    New York, la conosco poco, ci son rimasta due giorni, tornando dalla università di Michigan.
    Evviva il computer.
    Grande abbraccio a tutti.
    Fatima


  6. sergio cuvato ( roma , italia )

    ciao francesca
    A New York risiede da tempo una nostra amica Italo-Americana, Maria Gambale! ricordi? intervistarla sarebbe carino e divertente. Ti mando il suo contatto.


  7. M.Andrea ( N.Prata-RS , Brasile )

    Cara Francesca,
    Ti auguro un bel soggiorno a New York e che trovi molti amici del blog e anche dei nuovi nel tuo itinerario per le città degli Stati Uniti. Ti aspettiamo con i tuoi comemnti e anche con le tue solite sorprese!
    Bacio


  8. Fátima Cipolletta ( Jundiaí , Brasile )

    Ciao Carissima!!!
    ecco sei arrivata a N.Y.
    ti auguro un bellissimo soggiorno!!!
    e torni presto!
    un bacio
    Fátima Cipolletta


  9. Romina ( Chesapeake , Virginia )

    Ciao Francesca che bello saperti non tanto distante da me,stiamo ad un paio d’ore d’aereo,se trovi un po’ di tempo libero nel tuo diario d’impegni ,sarei felicissima di ospitarti a casa mia.Si, New York e’ proprio bella,io ci sono stata lo scorso Agosto,un paio di mesi fa,mi sono anche io immersa nella vita cosi’ frenetica della grande Mela.Un piccolo “Scoop” accanto al negozio della Apple c’e’ un negozio di giocattoli,dove ad attenderti alla porta c’e’ di solito una persona vestita da soldatino.Ebbene quel negozio e’ famosissimo,poiche hanno girato un film molto famoso qui,si chiama”Home alone”.Entraci e’ davvero da non perdere,ti fa ritornare bambina.
    Inoltre ti suggerisco vivamente se hai un po’ di tempo di andarti a fare un giro in carrozzella nel Central Park,io l’ho fatto di sera con mio marito,bellissimo.Anzi a dirti di piu” in Central Park c’e’ un ristorante molto famoso,credo che si chiami “Lantern”,e’ particolarissimo. Quanto tempo rimarrai li?
    Credo che hai gia’ tutto organizzato,ma se hai domande non esitare a chiedere,posti da visitare,luoghi da mangiare,e novita da vedere in N.Y.
    Ti abbraccio forte,forte,Romina


  10. josé Ferreira ( sao paulo , brasile )

    Francesca

    “Columbus Day” mai sarà lo stesso doppo tua permanenza a New York.

    Buon soggiorno!!!

    Bacio
    José Ferreira


  11. maria rosa ( Luján , Argentina )

    Buon arrivo FRANCESCA, la Grande Mela é tua!!!!
    Ti auguro buon incontri e salutami in speciale gli amici del blog, anche io come te, un anno fa mai avressi pensato in usare il compiuter, e nel mio caso quello che ringrazio tanto, é questo incontro con te e gli amici italiani!!!!! Grazie FRAN, un bacio forte a te ed a tutti


  12. Francesco da Toronto ( TORONTO ON , CANADA )

    Buon giorno Francesca , ho appena finito di scrivere al precedende, augurandoti un buon viaggio di nuovo. Ed
    appena finito ho trovato il tuo nuovo, che già sei a NEW YORK, ed condenta che ai volata con l’alitalia. Di questo sono molto codento anch’io, che finalmente hanno fatto un accordo che spero che sia buono per sempre. Francesca ti auguro un buon divertimento con i nostri connazionali, ed un buon COLUMBUS DAY, ed la bella città di NEW YORK. Francesca buon riposo ed un cordiale saluto. Ed ciao a tutti , Francesco.


  13. anna maranca ( São Paulo , Brasile )

    Sono fuori tema ma non resisto.
    Complimenti José Ferreira, continua così.
    Ti si capisce benissimo, fra poco lo scrivi meglio di me sicuro.
    Un abbraccio
    Anna


  14. fernando fancelli ( San PAOLO , Brasile )

    cara Fran.
    conosco solo Miami e Orlando, e sono rimasto bene impressionato dall´accoglineza del turista qui in America, paese che primeggia l´amore alla patria e alla religiosità, mi fece effetto quando affittai una macchina e percorrendo la A1, vedevamo sovente al fondo strada una bandiera americana e spesso una chiesetta, questo ripetersi di continuo mi lasciò questa bella impressione.
    SALUTI
    FERNANDO FANCELLI


  15. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissima Francesca, ora sei in terra americana ed io immagino le accoglienze che starai già assaporando da tutti i tuoi grandi estimatori che, come negli altri territori, saranno elttrizzati dalla tua ambita presenza .
    tanti cari saluti e, penso che anche dall’Italia ti vedremo nei Tg che riprenderanno la grande sfilata del 12 ottobre.

    auguri infiniti e , come sempre, anche chi ti è lontano , ti sarà vicino col cuore e col pensiero .

    aff.ma nonna Lea


  16. roy ( sydney , australia )

    Carissima Francesca,
    prima di tutto, vorrei congratularti per aver scelto di viaggiare con la bandiera ‘nostra’. perche anche io trovo inpensabile l’idea che una compagnia che si chiama ‘ALITALIA’ potrebbe essere condotta da chiunque altro,
    meno che da “ITALIANI”!!… se solo la pensassero tutti
    in Italia cosi….! Francesca, ben arrivata a New York,
    speriamo che i tuoi incontri li ti portano tanta gioia
    per incontrare tanti connazionale, particolarmente per la parata di Columbus Day, insiemme a Giuseppe e anche
    noi tutti(virtualemente) al tuo fianco.
    New York… e’ sempre New York,.. vibrante, eccitante
    la Mela Grande con il battito del cuore che corre 24 su 24, pero si vede anche con la tua foto , che con un pizzico di ‘italianita’ gli da respiro, vita e ‘class’. Tanti auguri per la tua premiazione ‘Meritata’, spero ci fai vedere qualcosa!
    un abbraccio forte…. (stia lontana dal Empire State Building…. mica per caso vorresti incontrar’ti con King Kong..!!)
    un bacione
    roy.


  17. Flavia Mea Pola ( san Paolo , Brasile )

    Cara Francesca,
    dai un morso alla Big Apple…calma…non nel senso mangiare ma nel senso prova la vita newyorkina un pó…lo sfarai sicuro…che noi stiamo tutti pendendo dalle tue parole,labbra e foto!
    Un abbraccio da noi…che sembra ieri che dovevamo incontrarci,ed é giá passato quasi un mese!M come sei ritornata a New York,son sicura che ritornerai anche da noi….
    Un caloroso abbraccio,
    Flavia


  18. Danila-JAX-FLORIDA

    Ciao Francesca,
    come te la passi a NYC? dalla foto sembra molto bene.

    Allora, prima di tutto una cosa: hai ragione riguardo ai festeggiamenti, ultimamente ci siamo dati alla pazza gioia, ma sotto sotto eravamo consapevoli che poi tu ci aspettavi puntuale al varco.

    Cercheremo di stare piu` attenti in futuro…almeno fino al prossimo santo famoso :-)

    Francesca il detto dice:”Italiani, popolo di navigatori, poeti e santi”

    Per i poeti: c’e` l’eccellente rappresentanza di NONNA LEA.

    Per i santi: i piu` famosi ce li ricordiamo e ogni tanto ci scappa il festeggiamento virtuale sul blog.

    Per i navigatori: cara Capitan Francesca e piu` navigatori di noi chi ci sta`?
    Non credi che tutto sommato siamo una buona ciurma, il ponte lo manteniamo lucidissimo, tu decidi la rotta e noi ti seguiamo con fiducia in ogni impresa. Certo ogni tanto qualcuno cade in acqua, altri invece spontaneamente si tuffano e nuotano verso l’isola deserta, poi sull’isola si annoiano, girano e voltano e sempre sul veliero Alderisi tornano o no??

    Giustamente scrivi che il numero dei naviganti si allarga( alla faccia di chi scriveva il contrario) e non possiamo festeggiare tutti..io mi impegno a non svelare mai il giorno del mio onomastico, anniversari vari, (per il compl. non c’e` piu` speranza) e altre ricorrenze personali, pero` mi sa che ogni tanto gli auguri a qualcuno mi scapperanno, in tal caso accettero` la COM. DI SERV. di buon grado.
    Divertiti alla parata, se possibile sfila con un cartello “IO SONO QUI” cosi in televisione ti vedo subito :-)

    P.S. Ma tieni una fortuna di pazzi con Alitalia oppure siccome tu sei una dei V.I.P.SSS con te a bordo non fanno mai tardi, il personale e`super simpatico, mettono le poltrone in pelle anche in economy??


  19. Carla Ciaffi

    Cara Francesca non sapevo che eri gia’ arrivata,
    ben venuta ,non posso pensare che stai cosi’
    vicina e non possiamo vederci .
    Mi auguro troveremo almeno la maniera
    di parlarci.
    Tanti auguri per tutto ciao Carla Ciaffi.


  20. Maria Carfora Hart ( Newport News , Virginia )

    Ciao Francesca
    Quando vai a tutti questi inviti, vedi se c’e’ qualcuno che si chiama ” CARFORA” di cognome. Questi sono tutti parentati con il mio nonno Pasquale, vennero a New York nel 1892. Dicci che c’e’ una parente che e’ di Napoli. Vorrei tanto conoscerli. Ciao grazie molto, diverti. Bacioni Maria


  21. Tony ( Chicago , USA )

    Benvenuta in America,

    Siamo un po tutti stressati qui in America, per via del disastro economico e le vicinissime elezioni. Come si sente spesso dire L’America e’ il locomotore che porta avanti l’economia mondiale e penso che le ripercusioni si sentano dapertutto. Comunque noi americani non ci arrendiamo facilmente e siamo gia’ al lavoro per migliorare le cose.

    Ti accogliamo con molti abbracci e simpatia.


  22. giuseppe chiappini ( molise , italia )

    Cara Francesca e Caro Tony,
    penso proprio che quest’anno il Columbus Day non sarà quello di sempre… la crisi finanziaria che ha travolto molti istituti di credito statunitensi coinvolgendo in una spirale perversa tutte le altre piazze finanziarie (europee, asiatiche, russe, ecc. ecc.) lascerà strascichi dolorosi… occorre un’azione concertata a livello mondiale… sarebbe interessante se ne l nostro salotto si potessero raccolgiere le sensazioni di ognuno e da più parti del mondo in modo che ci si possa fare un idea globale dal basso (non mediato dai giornali e dalle televisioni che spesso raccontano quello che devono raccontare ma non precisamente la realtà…. per quanto riguarda l’Italia la situazione non sembra disastrosa… ebbene si la grande difficoltà che un cittadino italiano a sempre incontrato con le banche quando richiedeva mutui o prestiti (e per i quali le banche chiedevano garanzie patrimoiali almeno pari al doppio se non al triplo dei denari prestati) pare abbia messo le banche stesse e quindi i risparmi al sicuro… almeno sembra… io sono abbastanza ottimista… sarebbe bello se ognuno di voi potesse affrontare quest’argomento a beneficio di tutti…


  23. Juliana Ontario Canada

    Ciao Francesca, ansi tutto mi scuso che non ho avuto tempo per vedere i tuoi diairi, e’ ti prometto che non apena avro il tempo li leggero’, solo che non posso farci un commento perche’ e’ passato.
    Mia piaciuto di vederti con il tuo cervellone abracciato a te,e specie il laftop, che lo puoi portare dovungue sei diretta, anche io volevo portarmelo quanto sono stata in Florida, ma mio figlio mi disse che dovevo sapere come metterlo in condatto con il sito che usano li’ e quinti non lo portai, ma e’ veramente una bellissima esperienza di lavorare con il computer, e di essere informata li’ per li’. Cara Francesca fatti portare a piazza Napoli troverai tutto all’Italiano. sono stata tre volte nella Cita’ di New York, ed e’ afascinande per i Grattacieli, per i Parki prendi una carrozella e fatti portare a Sant Daniel park e bellissimo, in questo momendo c’e mio fogli con la famiglia per una settimana, Cara Francesca mi vorrei trovare con te’ e conoscerti e darti un grante abraccio e dierti Grazzie per tutto quello che fai per gli Italiani al’estero, Saluto a tutti i nostri conazionale che sono a New York e specialmente quelli che tu conoscerai da vicino in questi giorni, Ciao a te e tutti i Newyorksi da Juliana……………………


  24. Lucia

    Benarrivata cara Francesca a New York!

    Nella foto ti si vede felice abbracciando il tuo compagno portatile (note book). La foto è molto bella, grazie per avercela mandato in formato a tutto schermo cosi la apprezziamo molto meglio.
    Ora i commenti, dovuto a questa foto wide-screen, si vedono sulla sinistra, ma comunque li leggiamo con tutta comodita anche nella nuova posizione.

    Il tuo suggerimento sugli auguri fra i bloggers mi è sembrato opportuno perche quando c’è tutta una trafila diventa noioso leggerli.

    Aspettiamo i tuoi commenti e le foto con una maggiore frequenza, anzi credo che uno giornaliero sarebbe l’ideale e New York te ne dara di spunti !
    Lo so che ti chiedo un po’ troppo, visto che di impegni ne avrai tanti, ma facci partecipare il piu possibile perche lo sai che ti seguiamo con il pensiero, ma le immagini dicono tanto di piu.

    Ti auguro tante bellissime cose. So che il tuo sforzo per unirti agli italiani all’estero è grande, ma penso che tutti loro (tutti noi) ti ripagano con il loro grande amore.

    Un abbraccio e… mordi la Grande Mela!!! ;-)
    Lucia


  25. Lucia ( Buenos Aires , Argentina )

    l’avevo dimenticato !!!


  26. SUELI FRANCO ( São Paulo , Brasil )

    Brava Francesca!
    Sei già a New York!!!Spero che ti diverta molto e te ringrazio delle novità che hai raccontato. Ho avuto la sensazione di essere lì con te. Mi racconte un po’ della festa “Columbus day” e dei nostri connazionali a New York.
    Che Dio ti benedica e te ringrazio per avere “un grande cuore” che sempre pensa in noi, italiani all’estero.
    Sueli Franco


  27. MIRELLA ( Buenos Aires , Argentina )

    Bene arrivata alla Grande Mela Fracesca!! Ho l´impressione che forse da lá potrai trovare la maniera e l´appoggio di qualche solido sponsor italo americano che ti aiuti a realizzare il tuo sogno, alla faccia del Signor Badaloni!! Forse é solo una mia percezione, ma molte volte nella vita ho sentito questo , é come una premonizione, magari!!
    Di nuovo sono stata assente dallo scrivere sempre per problemi di salute del mio amatissimo Gianni, ma felicemente superati. Ha compiuto il 27 dello scorso mese 80 anni, e anche se non li dimostra, ci sono e si sentono!!Peró, anche contro la sua volontá, le ho organizzata una festa con 45 persone, memorabile credimi, ho affittato anche un bravissimo mago e il piatto forte apparsa ad ultima ora é stata un´odalisca che ha fatto furore ballando la danza del ventre!! Tutto é andato per il meglio, ed é stato molto felice , anche gli invitati, almeno sono rimasta soddisfatta .!!Passo a Nuva York, ci sono stata e……..sinceramente a me non é piaciuta credimi!! Forse ho dei gusti totalmente opposti per i viaggi, mi piace scoprire posti incantevoli con paesaggi stupendi naturali, culture diverse, archittettura storica, non amo conscere tanti grattacieli e ne conosco anche molto attraverso film , peró.mio marito voleva andarci , e logicamente l´ho accompagnato!! E fu come pensavo, non mi sembrava di arrivare ad un posto nuovo e sconosciuto, tutto era come nei film visti e stravisti, anche la gente non mi é sembrata molto simpatica, corrono tutti come scemi, insomma, chiedo scusa a chi la ama ma a me personalmente la Grande Mela…mi é sembrata un piccolo fico appassito!!
    Tu goditela il meglio che puoi, e se riesci a fare anche dei busniss….. perché no?
    Va avanti sempre Francesca, non ti fermare mai, e che Dio ti aiuti dopo tanto impegno e passione che ci metti il cuore, a poter realizzare tutti i tuoi sogni!!
    Ci sentiamo a presto………e spero vederti nel Columbus Day!!!


  28. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    E brava a Francesca, dimmi un po’ che fai adesso? Pensa come sarebbe bello poter sentire la tua voce al telefono in questo istante,siamo quasi vicino,chissa’ se prendo il binocolo e non ti veda sulla cima di qualche grattacielo, che fai ciao a tutti noi sparsi per New York! Perdono se ci siamo lasciati andare alle nostre affettuose chiacchierate, ma ogni tanto fa bene al cuore e all’anima,e poi come facciamo ad ammazzare il tempo se non ci divertiamo un po’ con il computer? Spero di incontrarti a Manhattan lunedi’, sempre se Dio vuole,con quella confusione! A proposito, mia figlia Antonella partecipera’ alla sfilata del Columbus Day a Brooklyn con la scuola, chissa’ che non vi incontrate. Ti auguro un in bocca al lupo per questi giorni, a proposito se vuoi mangiare una pizza davvero buona fatta brick oven c’e’ un posto che tutti conoscono e si trova sotto il Brooklyn Bridge, si chiama Grinaldi e ti assicuro che e’ speciale.Buon Appetito! Maria Rosaria


  29. Angelo/American Country Music in Italiano ( Wayne NJ , usa )

    Ciao Francesca
    mi chiamo Angelo e sono il cantante di American Country Music.Noi non ci conosciamo, ma tramide Filomena della Radio ICN,mi ha fatto sapere che verrai agli studi venerdi pomeriggio nel suo programma.Beh!Io sono stato invitato da Filomena anche venerdi nel suo programma,cosi saro piu che felice di conoscerti
    Ok! Ci vediamo venerdi
    Ciao
    Angelo


  30. sandro ( cascate di niagara , Canada )

    ” Good Afternoon Ms. Alderisi and welcome to America,
    Home of the Brave and land of the Free”,… per tutti i curiosissimi, sono sicuro che siamo contenti per il tuo buon arrivo sana e salva;Per un momento pensavo che ti sei sbarcata non so dove. Aha, vedo il tuo amico, Signore Mela Mangiata, mi fa soridere come lo schiaci molto forte; fa freddo?
    Quanta tradizione d’Italia che ce in New York, quanta gente passata fra i suoi porti. Come Toronto,costruita dalle mani di moltissimi d’Italiani, i ponti, le strutture, etc, etc. ho visto in Italia i bellissimi ponti che entrano nei monti di Liguria, incredibile come tutto fatto con grande precisione. Per i artisti, a New York, adesso ci sono grandiosi Capi Cuochi come Mario Batali di Ristorante “Babbo” ma questa volta, non Giovanni, Lydia Bastianich, Chef Donna e sono sicuro un saco di altri meno conosciuti. Il mondo e piccolo e grande tutto al stesso momento. Viva Italia a New York !!! . Miss Francesca, con tante cose sul tuo piatto, ti lascio con un grandioso saluto, mi dispiace moltissimo di non essere capace di essere a New York a festeggiare questa favolosa celebrazione di Columbus Day( que non ho mai fatto) con te ed altri amici di prontofrancesca e tutte queste altra giorni di gioia. Saro sicuramente ascoltando su il computor la trasmissione ” al vivo” Venerdi alle 13:30.

    Cristofolo Colombo, esploratore di Genova ( ero diffronte la sua casa) una persona di Grandioso Corraggio e Fede.
    saluti sandro, p.s. parole di giorno: ” cervellone” e ” cartacea” !!!


  31. Roberto Giordano ( Concord,Ontario , Canada )

    Francesca,ben venuta nel Nord America e in particolare a New York.E’ una citta’ che io amo moltissimo.New York e’ la citta’ che non dorme mai.Ebbene un paio di anni fa ho speso un lungo settimana a New York.Alle tre di mattino abbiamo deciso di andare a mangiarci una pizza(molto buona fra l’altro),mi devi credere a Times Square si camminava gomito a gomito,incredibile.Comunque goditi il tuo soggiorno e specialmente la parata del Columbus Day.Ciao a te e a tutti gli amici del blog,Roberto.


  32. augusta prina ( milltown , nj )

    X Mirella Argentina……
    come si fa a dire che NYC e’ come un” fico appassito”,questo non lo arrivo a capire proprio.
    NYC affascina sempre appunto per come e’ piena di vita e di cose interessanti da vedere.
    Certo non trovi le dune del deserto,ma musei interessanti, teatri ,e per chi ama l’arte c’e’ solo la difficolta’ della scelta.
    La gente che hai visto correre e ….che non e’ scema ma,e’ quella che non vuole perdere il treno o il bus per ritornare a casa.
    Sono certa che Francesca rientrera’ a Roma carica di nuove esperienze e soddisfatta di tutto quello che e’ riuscita a vedere.
    Non volermene ma non condivido quanto hai scritto.
    Auguri per tuo marito che so ristabilito da una indisposizione e che ha festeggiato alla grande il suo bellissimo compleanno.
    Ciao e saluti che sono anche per la Francesca.
    augusta


  33. Tiziana ( Syosset NY , United States )

    Ciao Francesca
    e’ molto che non scrivo perche’ tante volte nella vita succedono cose non previste.
    Benvnuta a New York (my home away from home). Peccato che questo weekend io saro’ a Providence, Rhode Island a trovare mia figlia(io sono propio una girandolona)
    Mi sarebbe piaciuto molto conoscerti in persona.Comunque sono sicura che ti divertirai molto perche’ NY ha tutto per tutti. Se dovresti non sapere dove andare a mangiare, per un buon piatto ti consiglio “Morandi” c’e’ Roberto il quale e’ molto simpatico ( e’ Romano). e..puoi anche menzionare il mio nome e quello di Cristina(mia figlia la quale abita a Manhattan)
    L’indirizzo di Morandi e’211 Waverly Place 212 627 10014) ce’ anche Boccaro a 136 Division St. NY NY 10002.
    Ciao Francesca (speriamo di vederci la prossima volta)Bacioni…
    PS pero’ se voi veramente magna’bene nantra vorta venghi a CASA MIA!!!!


  34. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Come vorrei essere li con te e pensare che sei cosi’ vicina eppur cosi’ lontano mi fa una rabbia. Ho provato sai? Mi son detta, prendo l’aereo tal giorno, ritorno quell’altro e…no non ce la faccio proprio.Peccato. Ora pero’ consentimi di dirti che, io con Alitalia proprio non volo. Ho chiuso da tempo con questa compagnia, saro’ anche italiana ma non masochista. Guarda io ho volato con tutte le compagnie possibili, francesi,tedesche, svizzere,spagnole, be’ mai e dico mai ho avuto tanti problemi come con quella italiana.
    Mi dispiace dirlo ma pure il personale e’ piuttosto maleducato e le hostess, come se la tirano…ma lo sanno che fanno le cameriere sull’aereo e non le modelle? Con tutto rispetto per le cameriere. Scusa il mio piccolo sfogo ma a me alitalia mi ha delusa cosi’ tanto. Una cosa che mi ha meravigliato tanto e fatto sorridere e’ l’ingenuita’ e ma si, anche l’ignoranza di molti italiani che credevano che se Alitalia chiudeva non avrebbero potuto piu’ volare. Mi chiedo, ma sono mai entrati in un aereoporto questi signori? Mica ci sono solo aerei italiani per volare fuori dall’Italia o in Italia no? Che si credevano, se chiudeva Alitalia gli italiani erano forse prigionieri su suolo italiano e mai avrebbero potuto volare? Mah! I voli con Alitalia sono pure costosi, pensa che i miei suoceri una volta erano gia’ sull’aereo (alitalia) a Miami per Milano (questo volo diretto non c’e’ piu’ cancellato cosi’ di botto)li hanno fatti scendere perche’ l’aereo non aveva benzina e non la mettevano perche’ non era stata pagata…..questo due anni fa. Sono partiti il giorno dopo.
    Tu pero’, non pensarci e divertiti a NY, io quando vado consumo scarpe, calze e piedi tanto cammino…dormire poi e’ impossibile, la citta’ non si ferma mai!
    Gli odori o profumi di NY poi sono incredibili, prevale quella della cipolla, delle salsiccie e del gas di scarico delle macchine. Il colore dominante? Il giallo dei taxi!! Ce ne sono tantissimi ma prenderne uno e’ difficilissimo!


  35. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Claudia quanto hai ragione con volare Alitalia, anch’io ho avuto brutte esperienze, l’ultima risale al 2004, quando ero in aereo per Roma,mi chiesero la cortesia di cedere il posto ad un politico di fama,la piccolina aveva appena 3 anni e per rispetto per chi di dovere,glielo diedi,non lo avessi mai fatto, per non portarla per le lungue, sai quanto ho dovuto aspettare per il rimborso? Un anno di file al telefono, ho chiamato Roma, New York, di nuovo Roma, perche’ non mi sembrava giusto che se ne fossero aproffittati di gente che guardo caso aveva una bambina piccola in braccio per tutto il tragitto da Bari-Roma,quando sanno che i posti sono limitati perche’ continuano a far salire persone anche senza biglietto,per di piu’ politici.Da allora non ho piu’ viaggiato Alitalia, preferisco Eurofly,anche se il servizio non e dei massimi. Ti abbraccio e abbraccero’ per te Francesca quando e se la vedro’.ciao MariaRosaria
    Speriamo che ci tratteranno meglio le prossime volte che viaggiamo,perche’ per me rimangono sempre dei privilegiati in tutti sensi,l’arroganza e il loro forte.


  36. Rodolfo Cesarini ( Buenos Aires , Argentina )

    É molto tempo che no scrivo nel gran salotto,sempre esiste una ragione che ci spinge a cambiare momentaneamente di attitudine, oggi credo che é il momento giusto forse sará perché ti accompagna un nuovo amico, che stringi forte e riceve tutte le notizie e i commenti da noi prodotti. Vedo nel video l’entusiasmo che ti produce parlare di lui e stringerlo nelle tue mani. Non so cuando leggerai questo commento sicuro sará letto prima da molti connazionali, ma cuando lo farai, senzaltro capirai che voglio espressare il tuo entusiasmo che appare dal tuo radiante romanticismo.
    Tutto fa apparire come un lampo davanti i miei occhi
    scene della mia vita a ottenere il prodotto di un sacrificio. Sono un romano romantico e non potevo fare a meno di scrivere questo commento che sicuro compartirán i connazionali. Auguri Francesca, da Rodolfo Cesarini, Buenos Aires , Argentina


  37. Carla Ciaffi

    per Tiziana,hai visto che bello? Francesca e’ di
    nuovo a New York mi dispiace che non hai ancora,
    avuto la fortuna di conoscerla, ti posso garantire
    che e’ molto simpatica e spiritosa proprio come
    te .
    Certo sarebbe proprio bello potersi incontrare.
    Parliamoci dopo per telefono e vediamo cosa si
    puo’ fare.Francesca sai Tiziana e’giovane come te
    pensa mi chiama zia ci siamo conosciute in America
    ma veniamo tutte e due da Roma e ci vogliamo un ,
    sacco di bene.
    CiaoFrancesca e Tiziana vi mando un bacione zia Carla.


  38. Susie ( New Jersey , USA )

    Ciao Francesca,ben tornata in America.Ci siamo viste l’anno scorso al club IERI_OGGI E DOMANI nel New Jersey,spero che anche quest’anno sarai ospite in qualche posto del New Jersey cosi verro’ a farti visita con altre persone, da buona napoletana e’ sempre piacevole ascoltarti.Auguroni,sono certa che questa tua geniale idea sara’un successo. Susie


  39. Martino ( Adelaide , Australia )

    Bene arrivata a New York Francesca. Con Alitalia come con le altre compagnie ne succedono di belle e di brutte e tutti abbiamo qualcosa da raccontare. Ma lasciamo perdere. Secondo me manca l’organizzazione e il problema dell’overbooking fa esasperare chi ha prenotato da mesi e arriva all’aeroporto per scoprire che l’aereo e’ pieno! Tempo fa avevo scritto che a Sydney quando la fila diventa lunga viene un addetto a chiamare i passeggeri il cui aereo sta per partire e cosi sveltiscono la procedura e nessuno perde il volo per colpa della compagnia.Non mi sembra difficile applicarlo in Italia.Sul crack delle banche riprendo il discorso di Chiappini dicendo che la mazzata si e’ sentita sui nostri fondi d’investimento pensionistici e tutti i contributi versati l’anno scorso si sono volatilizzati.Naturalmente non ci sono stati interessi ma anche una piccola perdita dei fondi esistenti. Ho cercato di porre rimedio spostandoli su investimenti a minor rischio ma ormai i buoi sono scappati. Purtroppo chi ancora lavora non puo’ ritirarli.

    Saluti – Martino


  40. Martino ( Adelaide , Australia )

    Francesca la tua visita a New York come diceva Chiambretti a Sanremo “male che vada sara’ un successo!”

    Aspettiamo il racconto le immagini e le novita’.

    Ciao – Martino


  41. fernando m. ( san paolo , brasile )

    Francesca, in questi tempi di crisi economica, attenzione se fai una passeggiata per Wall Street

    non è difficile essere schiacciata per qualche esecutivo suicida (qualche nuovo fallito)

    grande saluto

    ps: molto bella la ‘superfoto Apple’


  42. Vito Gugliotta ( Norwood mass. , U.s.a. )

    Cara Francesca,come sto osservando stai andando in paesi molto lontani quando ci vieni a trovare qui a boston? io penso che questa e’ la migliore opportunita; dato che ti trovi nei paraggi non ti pare logico? me lo auguro tanto che ci pensi un attimo ed fai la decisione
    Ciao ciao Vito norwood ma. boston


  43. MARIA ( montreal , canada )

    Carissima Francesca,
    come sempre sei luminosa di gioia e ne sono molto contenta per te.
    Hai ragione che il questo mezzo cioe’ il computer e meraviglioso,io e da un anno che ho iniziato e non lo lascerei per niente al mondo.
    Ti auguro tutte le cose belle per il 14 ottobre.
    Un a bbraccio.
    Maria.


  44. Yara Pacchioni ( SanPaolo , Brasile )

    francesca Una buona stadia in New York molto sucesso in Columbus Day ,seguiremo tutti tuoi scritti e le belle immagine bacci Yara


  45. Maria Sciortino ( Red Bank , U S A )

    Francesca benvenuta in America . ti aspettavo davvero colle braccia aperte ,non vedo l,ora di conoscerti e abbracciarci di presenza. Speriamo conoscere anche tanti amici del salotto Complimenti di come sei elegantissima Arrivederci a presto. Maria


  46. Giorgio Turri ( Middletown, CT , USA )

    Cara Francesca,
    benvenuta negli Stati Uniti. Sono felice che abbia fatto del tuo computer un caro compagno, Anch’io come tutti ho creduto dapprima che si trattasse di una macchina fredda come tante altre, ma mi sono dovuto ricredere. Se usato con saggezza ti apre orizzonti di cui potevi soltanto sognare. Pare che, purtroppo, anche questa volta, non avro’ il piacere di conoscerti di persona. Meno male che ho anch’io un “amico” che mi racconta per filo e per segno di te e dei nostri amici.
    Un abbraccio,
    Giorgio


  47. Giuseppe(dal Canada)

    Francesca ,che bello vederti con quel tuo bel “Mac” che stringi come se fosse il tuo “primo” amore.(in un certo senso lo e’per te’ che eri sempre cartacea)Oggi i compiuters dominano la nostra vita sono diventai quasi indispensabili!Finche’ funzionano bene sono meravigliosi ma quando incominciano a fare i capricci ti viene la voglia di prendere un martello e dagielo in testa.
    Quando io venni in Canada arrivai con un D.C.10. della nostra compagnia di bandiera, e ongi volta che sono tornato in Italia sono sempre tornato con ALITALIA e sono sempre atterrato a ROMA, e non posso lamentarmi sono sempre stato trattato bene!(forse perche’ io non sono tanto esigente)
    Son sicuro che il tuo soggiorno in America sara’ un’altro successo e Lunedi’ saro’ anch’io davanti al televisore e spero di vederti “in the parade”
    Qualche anno prima del 9-11 fui a N.Y.city con la macchina e volli vedere “Time square”che’Caos!Mai piu’ andro’ a New York con la macchina. Pero’New York E’ QUEL CHE E’!!
    Ti vorrei suggerire di assagiare le patatine alla newyorkese e un bel pezzo di “apple pie”caldo con un bel “scoop” di gelato alla vaniglia(uuummm…. quanto e’ buono!)accompagniato da un bel caffe’ all’americana. Certo non e ‘ buono come un’espresso ma quando sei a Nova York fai come fanno i newyorkesy.Ciaoooo! Buon divertimento!Giuseppe
    Saluto tutti i “blogghery”!! (Nonna Lea in particolare)


  48. Giuseppe-dal Connecticut ( "La Grande Mela / Big Apple" , Stati Uniti d' America )

    Ciao Amici del blog,
    finalmente il mio computer mi ha fatto entrare…
    Bella foto di Francesca in NYC (A Basciu Citta’). Francesca devo dire pero’ che sei originale, non so se altri lo hanno notato, nella foto vedo una Mela “deliziosa” con in mano un’ Apple, davanti al distributore di Apple, nel centro della “Grande Mela”. Mi sembra la Fiera Internazionale della Mela!!!

    Ciao Francesca, ci vediamo, a Lunedi’


  49. Carmela Celentano ( Sao Paulo , Brasil )

    Carissima Francesca
    stai proprio benissimo sullo sfondo di New York col tuo amico. Avevo pensato leggendo il titolo “chi sarà questo´amico? Forse Francesca ha trovato il fidanzato…”
    Anche a me piacque tantissimo codesta città, tanto che ci rimasi un mese.
    Divertiti fra gli italiani che incontrerai lì e certamente saranno in moltissimi. Sono ansiosa di leggere poi la tua esperienza al Columbus Day che certamente ci racconterai con tanti dettagli ed emozioni come tu sai fare.
    Un abbraccio affettuoso!
    Salutissimi a tutti gli amici del salotto.
    Carmela


  50. Giuseppe-dal Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Un saluto a tutti gli amici del Blog…

    x Francesco dal Canada, Michele ti manda tanti saluti. Sabato incomincia la “Marcia della Pace”. 800 kilometri a piedi da Roma a Trieste. Se vai sul sito di UNICO trovi il mio indirizzo… Scrivi…


  51. liliana ( Buenos Aires , Argentina )

    Ciao Francesca!!!
    Viaggiatori si nasce!!!
    I miei migliori auguri di buon divertimento!!!
    Bacioni,
    Liliana


  52. joe ( Melbourne , Australia )

    Carissima Francesca
    Sei piu’ bella che mai ,da buoni Italiani si sceglie sempre il meglio bene arrivata nella grande mela.Anche io ho un compagno ,il mio prezioso computer(o laptop)per essere sempre informato di tutto specialmente di te’.ho una notizia da comunicarti?divertiti un bacione Joe


  53. joe

    ah dimenticavo bellissima la foto.sei una principessa..


  54. MIRELLA ( Buenos Aires , Argentina )

    Mia cara Augusta Prina, l´aggettivo usato da me come per dire che New York mi sembra un fico secco, era referente a come la si descrive LA GRANDE MELA!! E per questo ho fatto la comparazione con la frutta, non ho voluto offendere nessuno, semplicemente a me non é piaciuta, non ho trovato nulla che non avessi giá visto nei migliaia di film, non é dentro dei miei gusti personali quando devo fare un viaggio e sciegliere un paese, tutto lí!! Sono maledettamente sincera, e non posso dire che é meravigliosa una cittá che a me non piace. Scusa se ti sei sentita offesa, ma ho solo espresso quello che sento.
    Chiarita la questione spero, non me ne volere, ma neanche gli americani genuini mi sono piaciuti, che devo dirti, propio non mi va !
    Questo non vuol dire che tutti debbano pensare lo stesso, anzi credo che sono una delle poche persone a cui non piaccia New York, é tanto piaciuta anche alla mia famiglia, per me invece é stato un viaggio sprecato.
    Augurissimi a Francesca, un abbraccio a te cara Augusta, ci sentiamo amici nel blog,
    Mirella.


  55. Giuseppe-dal Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Dopo una lunga giornata di stress c’e’ bisogno di una barzelletta, e ne ho trovata una che va in tema con New York, Italiani e Ferrari, e anche un po’ ndi economia…

    Un italiano entra in una banca di New York e chiede di parlare con un
    impiegato addetto ai prestiti. Dice all’impiegato che deve recarsi in Italia
    per due settimane e che ha bisogno di un prestito di 5000 dollari.

    Il funzionario gli dice che la banca richiede alcune forme di garanzia per
    concedere un prestito. Così l’italiano tira fuori le chiavi di una nuova
    Ferrari. La macchina parcheggiata in strada di fronte alla banca.

    L’italiano consegna anche il libretto di circolazione e i documenti
    dell’assicurazione.

    Il funzionario accetta di ricevere l’auto come garanzia collaterale
    del prestito.

    Il presidente della banca e i suoi funzionari si fanno quattro
    risate alle spalle di un italiano che utilizza una Ferrari da 250 mila
    dollari come garanzia di un prestito di 5mila dollari.

    Un impiegato della banca si mette alla guida della Ferrari e la parcheggia
    nel garage sotterraneo della banca.

    Due settimane piu tardi l’italiano ritorna,restituisce i 5000 dollari e paga
    gli interessi pari a 15 dollari e 41 centesimi.

    Il solito funzionario gli chiede:
    “Gentile Signore, siamo veramente lieti per averla avuta come cliente
    e questa operazione andata molto bene.
    Però, ci deve scusare: siamo un po’ confusi. Abbiamo assunto
    qualche informazione sul suo conto e ci siamo resi conto che lei un
    multimilionario in dollari.
    Quello che ci chiediamo è perchè lei si sia dato la pena di chiedere
    un prestito per 5000 dollari.”

    L’italiano risponde:
    “Secondo lei dove posso trovare a New York un posto dove parcheggiare per
    due settimane la mia Ferrari per 15 dollari e 41 centesimi e sperare di
    ritrovarla al mio ritorno?”


  56. Matias Marini ( Buenos Aires , Argentina )

    Tres cose, Francesca:
    – T’invidio. Manhattan è un’isola AFFASCINANTE, come dici. T’incute energia. Ti rinvigorisce. Si sente dire per strada qualche cosa sulla crisi delle finanze?
    – Ad una persona sempre in viaggio, così indipendente come te, non poteva mancare un computer portatile. Mai. Almeno io, da quando ce l’ho, mi trasferisco da un posto all’altro con assoluta libertà e sicurezza. Mi porto tutto adosso ma facendo sempre prima un “backup” dei files. Te lo consiglio.
    – Adesso che sei a New York, devi senz’altro prendere il traghetto che ti porta verso Staten Island (vicina alla Statua della Libertà), dove si trova la dimora di Giuseppe Garibaldi, dove ha speso i suoi giorni d’esilio. Lì dentro si conservano ancora i suoi vestiti, tutto come lui l’ha lasciato prima di rientrare in Italia. Potresti andarci al posto nostro e scattare delle foto?
    Bacione.


  57. augusta prina ( milltown , nj )

    Per Mirella,una risposta immediata e’ doverosa e voglio dirti che non mi sono offesa ma sincerta’ per sincerta’ ho voluto dire anch’io quello che penso.
    Nessun rancore da parte mia e……amiche come prima e piu’ di prima.
    Amo anch’io la sincerta’ di cui ne vado fiera.
    Sto seguendo le previsioni del tempo e spero proprio che per Francasca il tempo si mantanga come lo e’ in questi giorni,un vero autunno gradevolissimo.
    Ti saluto Mirella con un abbraccio da una genovese in terra straniera .Ancora tanti auguri augusta


  58. Piero Lucente ( Windsor Ont. , Canada )

    Ciao Francesca!!!!!!!!!!!

    Debbo dire che sei velocissima, a pensare che ieri
    eri in Brasile, e oggi ti trovi gia’ a New York.
    Che’ dici? in Canada ci’ vieni?
    Comunque, ti auguro di passare ancora giorni favolosi,
    nella grande MELA.
    Spero che al Columbus day Parade, ti vedremo su qualche
    bel macchinone scappottabile, simboleggiando il nostro
    TRICOLORE. Fammi dire che la tua semplicita’amicizia,
    e l’amore che ai dimostrato e’ che dimostri verso
    i nostri connazionali nel mondo, a farci sentire
    vicini e conoscerci l’uno con l’altro attraverso
    il tuo blog,e far rivivere nei tuoi viaggi l’Italia
    a quegl’Italiani che un po si erano dimenticati,
    possano a te questi viaggi portarti fortuna,
    ritornando presto in Televisione.

    Auguri………….

    Piero


  59. Adriana ( Bs.As. , Argentina )

    Cara Francesca,
    ti auguro un buon viaggio a New York, buon divertimento e incontro con la colletivitá che sicuramente andrano a trovarti. La fotografía molto bella.
    Per Giuseppe, buonissima la barzeletta, vero che gli italiani hanno molta inventiva per prevenire situazioni e ahorrare il dennaro.
    Un caro saluto a tutti i connazionali del mondo


  60. Stefano Mollo ( Perth , western australia )

    Cara Francesca,

    il notebook me lo sono portato anche io; non so per te, ma per me rappresenta il mio mondo, il centro di gravita’.

    Ero di fronte alla scelta se portarmi il mio notebook, che uso tutti i giorni e che quindi e’ una parte del mio mondo quotidiano, oppure arrivare qui e comprarmi un PC; ho scelto portarmi appresso un pezzo del mio mondo.

    Un abbraccio, Stefano.


  61. Nicola Biscardi ( Malindi , Kenya )

    Ciao Francesca,

    questo post e’ bellissimo. Non sono mai stato a New York, ma leggendolo mi e’ venuta una voglia matta di vederla, di farmi infondere tutta l’energia che sembra sprizzare gia’ dalle tue righe. Deve essere fantastico camminare tra i grattacieli, vedere questa moltitudine di gente, facce.. di vita che corre e che scorre. Mi piacerebbe tanto essere li con te con la mia macchina fotografica e il mio computer per registrare queste emozioni fantastiche.

    Un abbraccio
    Nicola


  62. Bruno Tozzi ( PHETCHABURI , THAILANDIA )

    NON SO COME FAI, CARA fRANCESCA, AD ASSOLVERE TUTTI I TUOI IMPEGNI AMERICANI ED A LEGGERE TUTTE LA MAIL CHE TI ARRIVANO DA TUTTO IL MONDO. COME VEDI AVEVO RAGIONE DI PENSARE CHE LA MAGGIOR PARTE DEL TUO TEMPO, LO DEDICHI AGLI ITALIANI D’AMERICA, MA AL PRESENTE NON POSSO, ANCHE SE ‘OBTORTO COLLO’, CHE DARTI RAGIONE. HO LETTO QUALCUNA DELLE MAIL INVIATE A TE IN RISCONTRO AL TUO SCRITTO ODIERNO E, COME TI AVEVO ACCENNATO, DALLA THAILANDIA …….NIENTE! SPERO CHE NEL FUTURO CI SIA UNA OCCASIONE DI VEDERCI IN THAILANDIA, MA DATE LE CIRCOSTANZE OVVIAMENTE NON POSSO SPERARE PIU’ DI TANTO. COMPLIMENTI E CARISSIMI AUGURI PER QUESTA NUOVA AVVENTURA. UN AFFETTUOSO SALUTO DA BRUNO. P.S. LA FOTO ALLEGATA AL TUO BLOG E’ SENZ’ALTRO BELLA MA A TE TI SI VEDE A MALAPENA, MA CHI TI FA LE FOTO NON PUO’ USARE IL FHASH SPECIALMENTE NELLE FOTO CONTROLUCE?


  63. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    .é arrivato finalmente il grande giorno……….
    Oggi comincia il debut ufficiale di Francesca a NYC…
    Aspettiamo ansiosi belle sorprese francescane………

    Flavia


  64. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    Ebbene ,Claudia anch’io qualche anno fa non ebbi una buona esperienza con l’Alitalia…andavamo con la gloriosa Varig assassinata brutalmente dal governo brasiliano che invece di aiutarla ha preferito aiutare un’altra compagnia emergente…che a quanto dicono le male lingue,annovera fra i suoi soci,nientepopodimeno che il figlio del presidente….
    Mio marito ha una fifa matta dell’aereo e solo puó fare pur di andare in Italia.San Paolo Milano diretto….quindi non ci resta molta scelta.
    Quest’anno andremo Alitalia…speriamo…in bene!
    Ciao a tutti

    Flavia


  65. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Ciao Francesca, bentornata in America!!!
    Aspetto ansiosa lunedì prossimo per vederti nella Parata del Columbus Day ( sulla TV ovviamente).
    Buon proseguimento!!
    Saluti a tutti gli amici italoamericani del nostro salotto.
    A presto. Marta


  66. Danila-JAX-FLORIDA

    Ciao Francesca,
    in attesa di ricevere news sulla tua visita a NYC, volevo raccogliere l’invito di Giuseppe Chiappini a manifestare la propria opinione in merito alla difficile situazione economica che sembra prospettarsi all’orizzonte.
    Caro Giuseppe,
    lungi da me poterti dare una risposta che sia quella giusta e risolutiva della situazione, posso solo esprimere un parere condiviso o meno da altri.
    Credo che tutti noi leggendo i giornali, guardando TV e ascoltando la radio, ogni giorno sentiamo tutto e il contrario di tutto, se poi metti che qui siamo in piena campagna elettorale e ogni partito tira acqua al proprio mulino, trovare fonti di informazioni non filtrate e` praticamente impossibile, forse qualcosa di piu` sincero sulle cause che hanno generato questa situazione e su come si sia aggravato il tutto , lo si trova solo in rete , dove cmq bisogna andare con i piedi di piombo.
    Come si evolvera` la situazione? e chi lo sa..tutti possiamo fare previsioni, ma nessuno sa di certo quello che puo’ succedere. Tutti possiamo dire questo non si doveva fare quando il danno e` gia` stato fatto.
    La maggior parte di noi continua ad alzarsi tutti i gg facendo cose normali senza prendere decisioni drastiche, forse aspettiamo solo che la sera al tg qualcuno ci dica:” abbiamo risolto tutto!! La crisi non c’e` piu`!!”

    La realta` ,temo, sara` diversa, non solo per gli USA ma per molti altri paesi nel mondo che in qualche modo sono ancorati all’economia americana e al dollaro…Italia inclusa.

    Non credo che la soluzione di tutti i mali possa essere trovata nella maggiore o minore propensione al risparmio o al consumo. Sicuramente, in Italia, la concessione del credito e` gestita molto diversamente rispetto agli USA e forse in tempi di crisi il popolo supera meglio lo shock perche` e` piu` abituato a risparmiare, pero` allo stesso tempo non si sfruttano le opportunita` di generare nuove ricchezze quando invece l’economia va bene.
    Forse come sempre la via di mezzo in tutte le cose sarebbe la giusta soluzione, ma sembra essere la piu` difficile da applicare e mantenere.
    Saluti
    Danila


  67. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Buongiorno, Principessa! Diceva un Roberto Benigni nel film “la vita e bella”,come stai oggi? Sei pronta per il primo appuntamento della giornata? Hai visto che fuori pioviggina,pero’ con il tuo dolce viso sono sicura che presto uscira’ un bel sole e la giornata si riscaldera’.P.S.Cara Mirella e Augusta,anche io non vado matta per New York,quando mio marito mi dice di andare a farci una camminata in citta’, mi faccio venire l’emicrania,non sopporto il traffico, la gente che quando cammini osa spingere e poi quelle che ti attraversano la strada con il semaforo verde e poi devi pagarli per nuovo,e una cosa che mi fa andare il sangue alla testa,altro che rispetto per il prossimo,mi piace solo nel periodo di Natale,quando vado a vedere la gente che pattina sul ghiaccio a Rockfeller Center,l’unica cosa che mi piace di New York! A presto Francesca,speriamo solo di non deluderti se ci dovessimo incontrare! ciao e buona giornata,Maria Rosaria


  68. Francesca verde ( Mlbourne , Australia )

    Carissima Francesca, che bello vederti, cosi contenda, dovungue tu vai, riempi sepre a tutti, e tutto, pieno di gioia, quella foto e perfetta, con te, e il tuo (Mac Apple),e propio cosi, con qesto mezzo telematico, ci possiamo tenere incontatto, grazzie a te, con un po, di ritardo, voglio fare gli auguri, a tutti quelli, che si chiamono, Rosaria, e Rosario, un augurio speciale, alla gentilissima, Singnora Alderisi, e un grazzie di cuore, per aver messo al mondo, un gioiello di figlia,benedetto il latte che la dato, cara gotiti NEW.YORK, e i nostri connazzionali, alla prossima,
    un bacio.
    Francesca


  69. romuald fezeu ( yaoundé , cameron )

    ciao francesca son contento per te vedo che sei molto impegnato con le tue viaggi attraverso il mundo pero’ mi piacerrebbe conoscere quando sarrai in africa son alla scuola par fare un corso di organizazione economico dei impresi ciao.


  70. Francesco da Toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buon giorno Francesca, spero che l’aria di NEW YORK ti fa bene, so che non è la prima volta che ci sei andata, ed come altre volte sei sempre la bene arrivata
    ed sono sicuro che tutti, aspettavano la tua venuta.
    Francesca se per caso incontri Badaloni, da parte mia se non ti dispiace di dirgli, di chiedere scusa a tutti noi italiani sparsi nel mondo, perche ci à tolto il programma più che bello che la RAI INT. abbia mai avuto, con la più onesta ed sincera presentatrice di nome FRANCESCA ALDERISI, che à fatto moltissimo, per l’aiuto che a dato veramnte a tutti coloro che ne avevano bisogno, qualunque erano i loro problemi, per tutta la comunità italiana, ed a risolti i problemi. ma purtroppo il SIG.BADALONI, a dato a tutti noi uno schiffo morale ed se ne fregato di tutti. Francesca se puoi, fagli leggere questa lettera. Io ti auguro sempre
    una buona permanenza a NEW YORK, BUON DIVERTIMENTO CON TUTTI i INOSTRI CONNAZIONALI, ED NATURALMENTE MI SALUTA GIUSEPPE, ED FACCI VEDERE LA BELLA PARADA. CIAO FRANCESCA SALUTI ED BUON DIVERTIMENTO, FRANCESCO.


  71. Umberto Giampaolo ( Philadelphia , USA )

    Ciao Francesca
    Divertiti a new York,spero che anche questanno
    sara’ un successo la COLUMBUS DAY di New York
    anche se ce un po di problemi con leconomia.
    Un abbraccio Umberto.


  72. Anthony ( Montreal , Canada )

    Ciao! Dato che sei a new York per la “Columbus Day Parade” perche’ non scrivere alcuni paragrafi su questo nostro grande esploratore italiano?
    Ho letto tanti libri su di lui e mi piacerebbe che le sue vicende verrebbero conosciute da tutti i tuoi fedeli
    connazionali.
    Anthony


  73. Natalia ( Buenos Aires , Argentina )

    In occasione di questa festività internazionale, esprimo un desiderio piuttosto stilistico nei confronti dei mass media italiani: quello di modificare il termine “americano” quando ci si riferisce ai cittadini nati negli U.S.A., e chiamarli, semplicemente “statunitensi” :oD

    Vai Francesca, facci vivere N.Y.!


  74. sandro ( cascate di niagara , Canada )

    Buon giornissimmo !!! per quelli che abbiamo la fortuna di essere su questa parte del mondo, con una finestra che tocca il cielo, oggi, le previsioni, sole (“il cielo dipinto di blu”), domani sole, il giorno doppo, sole !!! lunedi sole …con le temperatura che vanno a battere i 22 gradi C. !!! Francesca, anche se non ai che fare con queste previsioni meteriologiche ( ai visto che parola ? !!) sono sicuro che farai aumentare le temperature di molti a New York ! Questa tema di numeri continua e le nuove notizie ( che non sapevo) di Alitalia, mi interessa perche non solo ho avuto il piacere di volare su questa instituzione aereonautica, ma perche mi piace moltissimo il disegno su la coda e che si riconosce subito da terra. L’assistente di bordo, mi diceva che il suo preferito posto in tutto Italia e Rapallo, propio dove vivevano i miei Nonni !!!mmmmmmm…pesto!!! Il mio volo a cominciato da Nice con il piccolo e da Milano a Newark, New Jersey…ah vicinissimo a la Grande Mela !! Tutto andato benissimo, il servizio pure, grazie !!!
    Questa puntata mi ha dato un belissimo risveglio, e difficile mettere il ditto su il perche; mi ha preso un giorno da ben digerirlo.
    Qua in Canada non si celebra ” Columbus Day” pero Lunedi sara ” Thanksgiving Day” giorno per dare grazie, nei i Stati Uniti sara Novembre 27.
    San Francesco di Assisi, San Silverio di Ponza, ST. Patrick, Santa Anna, Santa Rosaria e per i grandioso incorragiamenta da tutti altri Santi
    2 Corinzi 16-22
    “Percio noi non ci perdiamo d’animo; ma,anche se il nostro uomo esteriore va in rovina, pure quello interiore si rinnova di giorno in giorno. Infatti la nostra leggera afflizione, che e solo per un momento, produce per noi uno smisurato, eccelente peso eterno di gloria; mentre abbiamo lo sguardo fisso non alle cose che si vedono, ma a quelle che non si vedono, poiche le cose che si vedono sono solo per un tempo, ma quelle che non si vedono sono eterne.”
    cari saluti, sandro


  75. Fatima ( São Paulo , Brasil )

    Cara Francesca ed amici,

    Già in Brasile il 12 ottobre viene celebrato “Nossa Senhora Aparecida”, la patrona del Brasile e, anche, i nostri bambini con la festa dei bambini.

    Buona giornata a tutti.
    Salutone da una São Paulo freddina.
    Fatima


  76. José Roberto Cersosimo ( San Paolo , Brasile )

    Ciao:

    Come di solito, la suggestione di Francesca è abbastanza saggia , quindi non si può sprecare l`occasione di rilasciare un commento perquanto riguarda alla nostra Alitalia, cui tema è diventanto rilevante, sia per gl`italiani all`estero, che per quelli che abitano nel Bel Paese.
    Ovvio che problemi accadono con tutte le compagnie aeree, sebbene che, devo dire, io non ho mai provato nessuna difficoltà con la nostra compagnia di bandiera..
    Tra l`altro condivido e capisco l`orgoglio della nostra ambasciatrice, nel senso che l`Italia non potrebbe rimanere senza un azienda talmente tradizionale e rappresentativa quanto l`Alitalia,che il Governo ha fatto benissimo di salvare con molto merito, consapevolezza e competenza.
    Comunque se tutti i grandi paesi d`Europa hanno compagnie aeree pubblici oppure private, perchè doveva essere diverso nei nostri confronti?
    Evviva l`Alitalia!!!

    Francesca un`ottima parata in “Columbus Day”, dove sarà, senz`altro, protagonista.
    Forte abbraccio.
    José Roberto


  77. MENA ( FORT LEE , USA )

    Bellissima Francesca ho avuto qualche minuto per leggere tutto il tuo progetto in guesti giorni che sarai a New York per prima voglio dirti che sei bellissima in compagnia del tuo amico cioe` il computer, New York ti fa piu` grandiosa a luminosa poi vorrei ringraziarti per aver accettato il mio invito e cioe` di verire a salutare gli ascoltatori del mio programma su radio icn venerdi 10 ottobre dalle 1 e mezza fino alle 2 e un quarto su http://www.icnradio.com telefono 201-358-0700 chiamando dall’estero digitate 001-201-358-0700 faremo quattro chiacchiere fra amici del salotto mondiale di pronto Francesca non vedo l’ora di abbracciarti ed a voi amici del salotto un forte abbraccio sperando che vi farete sentire in tanti venerdi di nuovo numero dall’estero 001-201-358-0700 mentre dagli stati uniti digitate 1-201-358-0700
    un abbraccio ciaooooooooooooo


  78. Norma Trovato-Ravioli ( abruzzo , italia )

    Cara Francesca,
    tu scrivi,

    “Ci tengo a farvi sapere che ho volato con Alitalia (come sempre!) e di questo, inutile dirvi, sono particolarmente orgogliosa soprattutto dopo le “movimentate” vicende di queste ultime settimane. Per fortuna il pericolo è scampato e la nostra Compagnia di Bandiera continuerà a sfrecciare per i cieli del mondo mostrando fiera la sua coda tricolore.”

    Alitalia e’ stato il mio primo lavoro dopo aver finito il college…e l’ufficio si trovava a Manhattan al 50mo piano di un bellissimo edificio tra la 6sta e 7ma Ave.
    Ho girato il mondo con Alitalia e ne sono fiera ed orgogliosa….il peccato ora e’ che Alitalia non esistera’ piu’ con il suo nome da oltre 50 anni ma verra’ cambiato e si chiamera’ CAI (Compagnia Aerea Italiana o meglio ancora Cordata Aerea Imprenditori).

    Ti auguro una bellissima e memorevole giornata per Columbus Day.

    Enjoy the marvels of the Big Apple.

    Un abbraccio…


  79. anna maranca ( São Paulo , Brasile )

    Carissimi,
    solo una curiosità, ma per i napoletani, per gli superstiziosi brasiliani, la parola CAI in portoghese significa CADE in italiano, quindi non credo che se viene in Brasile con questo nome qualcuno ci voli.
    È la terza persona del singolare del verbo CAIR (CADERE).
    mI DISPIACE MA SPERO CAMBINO IL NOME O LO DICANO INTERO SE VERRÀ A PRENDERCI QUI.
    mA VALE SOLO PER I NAPOLETANTI…
    uN ABBRACCIO
    aNNA


  80. Francesco da Toronto ( TORONTO ON , CANADA )

    X Giuseppe tanti saluti a Michele, ed spero che non si stanca del lungo cammino, la già fatto unaltra volta, ed ho visto il video di quando consegnò la bandiera del 50mo anniversario di Trieste.
    Francesca tutto bene? Spero che tutto sia di tuo gratimendo ed buon lavoro come al solido, saluti a tutti Francesco.


  81. Vittorio Cassone ( San Paolo , Brasile )

    FRANCESCA, qui in San Paolo l’Ingengneria del Traffico cià molte telecamere nelle vie più movimentate, per controllare meglio il traffico, specialmente quando c’è qualqur disastro, che sono più o meno frequenti, perchè, como adesso lo sai bene, San Paolo é grandissima e bellissima.
    Approfitti l’occasione, sia a New York (EUA), Canadà, Australia, Argentina, Brasile, ecc. ecc. perchè lo meriti.
    Forte abbraccio.


  82. gaetana ( MELBOURNE , AUSTRALIA. )

    FINALMENTE ECCOMI QUI, LA MIA COMPUTER E` STATA MALATA, ADESSO STA BENE. BRAVA FRANCESCA CHE VAI A SCOPRIRE LA BIG APPLE, DOPO DOVE ANDRAI????
    SEI SEMPRE PIU BELLA CHE MAI,PENSO CHE NOI DONNE TI INVIDIAMO UN POCHINO, NON IMPORTA DOVE VAI L’IMPORTANTE CHE TU SIA FELICE, GLI ITALIANI TI ACCOLGONO SEMPRE CON LE BRACCIA APERTE,SEI SOLARE.
    UN SALUTO A TUTTI I BLOGGHISTI DOVUNQUE VOI SIATE, DA GAETANA


  83. SANDRO ( Toronto , caNADA )

    Bella la foto e si vede propiio che sei felice di avere il tuo computer. Ho letto il programma ed è pieno di appuntamenti.Non ti preoccupare per il blog perche capisco i tuoi sforzi e non ti chiedo di scrivere ogni giorno. Fai quello che devi fare basta che torni in televisione al più presto.


  84. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    SALVE amici frequentatori del nostro salotto mondiale.
    Io di nuovo in ritardo, nell’obbligato commento della puntata di FRANCESCA…Sei BENVENUTA di nuovo in America, dici che e’ il tuo terzo viaggio alla metropoli accellerata.Prima di tutto mi allegro che abbia viaggiato con la nostra Alitalia( e rispetto le critiche alla linea bandiera ), ma io sempre mi sono sentito orgoglioso della gran coda Tricolore: verde-bianca -rossa.
    La foto di Fraan!! a Manhattan mi ha colpito, perche’ mi porta i tristi ricordi dell’attentato terrorista contra le torri gemelle del World Trade Center.In famiglia non dimenticheremo mai quella data,11 settembre del 2001, giacche’ alle 12:30 GMT eravamo appena arrivati all’aeroporto di Miami per disfruttare una settimana di vacanza in Florida, ma alle 12:50 GMT e’ successo il finemondo con il primo aereo Boeing 767 dirottato sulla Torre.Quindi abbiamo passato 7 giorni chiusi in un albergo preoccupati, e con tutti i voli sospesi dalla FAA e l’ordine di sparare a qualunche apparato in aria fino al 18 di Settembre.Immaginatevi!!
    Comunque ancora oggi elevo preghiere a nome dei mila di morti,che credo furono 7000, e circa 3000 feriti, ma anche 30.000 milioni Dls in perdite materiali diretti ed ancora senza identificare le perdite indirette.Veramente una grande tragedia, che obbligo’ ai giornali nominare quel 11-09-01 come ” il giorno cuando il mondo ha perso la pace “.
    Cara Francesca, sicuramente visiterai la tragica Zona Zero dove si elevara’ a futuro la nuova torre di circa 600 mts d’altura, per vedere delle immagini attuali.
    Ti auguro una buona permanenza in NY e un grato incontro con la collettivita’….CIIAAOOO a tutti.
    Gesualdo


  85. Ersilia De Grandis ( Los Teques , Venezuela )

    Tantissimi saluti per te cara Francesca e buon viaggio a new york poi come sempre metti le foto e i video del tuo viaggio cosi ci sentiamo anche noi a new york, spero che stia tutto bene, e sicuro rimani per la festa del columbus day ormai tu ci sei stata altre volte mandaci qualche fotografia di quella gran festa. Qui in venezuela noi ora non si festeggia il 12 ottobre come la scoperta dell’america, ma come il giorno della resistenza indigena(secondo decreto del nostro presidente) pero alla fine dei conti viene a finire allo stesso (scoperta di un nuovo continente, incontro di due culture, insomma la storia non si dimentica… Ti saluto con un abbraccio a te e un’altro per gli amici del blog, a presto a vedere le tue foto e video. Ciao.


  86. Martino ( Sydney , Australia )

    Anna Maranca ma CAI Caiii non e’anche il grido che fanno i cani quando gli pestano la coda o la zampa? Spero che dopo tutto questo casino’ il nome rimanga Alitalia, ah com’eravamo fieri nel vederla! Ricordo che quando sorvolava Sydney si riconosceva gia’ dal rombo del motore che era diverso dagli altri aerei. Forse aveva la marmitta Abarth!

    A presto, martino


  87. anna maranca ( São Paulo , Brasile )

    Caro Martino (Australia)
    Io parlo della grammatica portoghese ed è proprio cade, ma mò quella dei cani…forse fanno proprio così quando pestati, ma è tanto rapido fra l’urlo e la morsa che uno quasi non se ne accorge…Poi essendo brasiliani…
    Tra l’altro, siccome ho da dirti che mi piace andare all’aeroporto(anzi è tempo che non ci vado), non ho mai sentito motori diversi fra un aereo ed un altro, ma questo è dovuto a mancata sensibilità del mio udito,ma sono sicura che aveva la marmitta, questo sì.
    Comunque oltre non sò andare, ma io credo che un buon pittore, bravo, metterebbe il tricolore in qualunque motore, i colori non hanno rumore. Sempre che almeno di questo io ne capisca qualcosa.
    Un abbraccio e un saluto alla bella Australia.
    Anna


  88. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    É VERO CHECCHÉ SE NE DICA FA UN CERTO EFFETTO VEDERE IL TRICOLORE PASSARE SU DI NOI….
    Noi sappiamo gli orari,mattina ben presto e verso le 3 del pomeriggio e magari se siamo in giardino alziamo la testa….non si sa mai…fa sempre un certo effetto…e la nostra pista di prova delle macchine antiche é fuggire Da San Paolo e andare all’aeroporto lí facciamo a gara a chi lo vede per prima…il bel tricolore……
    Prima era facile identificare anche le altre compagnie ora ce ne sono tantissime…

    Oggi sono in partenza per Aguas de San Pedro…
    vediamo come si comporterá il lap top per accompagnare la nostra Francesca alle prese con la grande mela!
    Saluti a tutti!
    Flavia


  89. anna maranca ( São Paulo , Brasile )

    Carissima amica Flavia,
    Adesso capisco perchè ti sei rotta il braccio, che cascata dalla bicicletta. Dì la verità, stavi guidando uno di quei tesori che avete e hai guardato un attimo in cielo per vincere gli altri, ed hai sbatacchiato…
    È più facile da ingoiare che cadere dalla bicicletta.
    Un bacione e buon viaggio
    Anna


  90. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Ciao Francesca come stai ?posso immmaginare come sei felice, dopo aver partecipato ai primi incontri, e al concerto, non possiamo aspettare i tuoi racconti, come e il tempo a NEW YORK, spero che faranno delle belle giornate, noi in Australia ci stiamo avvicinando all’estate, mia cara sono molto contenta, per la notizzia dell’Alitalia, lo sai una cosa, la prima volta che sono salita sull’aerio, in vita mia, e stata l’Alitalia, si propia le,i il nostro tricolore, menomale che lanno salvata, viva L’ Italia ,bisognia sapere mantenere stretto cio che tuo mai mollare,
    Giuseppe (America), sei incredibbile, le tue barzellette sono fantastiche.
    Gaetana, ben tornata tra noi, sono contenta, che hai risolto il problema del computer,
    un caro saluto a tuti voi di questo salotto virtuale,
    un forte abbraccio a te Francesca.
    Francesca


  91. Francesco da Toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buon giorno a Francesca ed tutti, oggi è una bella giornata qui a Toronto, ed spero che sia altrettando a NEW YORK. Ciao a tutti Francesco.


  92. Danila-JAX-FLORIDA

    Ciao Francesca e ciao a tutti,

    Su wikipedia ho trovato una versione simpatica sull’origine della frase “l’uovo di Colombo” , purtroppo a detta della stessa enciclopedia online e` probabilmente completamente falsa, ma simpatica da leggere.

    Ve la copio/incollo

    Dopo il suo ritorno dall’America nel 1493, Colombo fu invitato ad una cena in suo onore dal Cardinale Mendoza. Qui alcuni gentiluomini spagnoli cercarono di sminuire la sua impresa dicendo che la scoperta del Nuovo Mondo non fosse stata poi così difficile, e che chiunque sarebbe potuto riuscirci. Udito questo, Colombo sfidò i commensali ad un’impresa altrettanto facile: far stare un uovo dritto sul tavolo. Vennero fatti numerosi tentativi, ma nessuno riuscì a realizzare quanto richiesto. Convinti finalmente che si trattasse di un problema insolubile, i presenti pregarono Colombo stesso di cimentarsi nell’impresa. Questi si limitò a praticare una lieve ammaccatura all’estremità dell’uovo, picchiandolo leggermente contro il tavolo dalla parte più larga, e l’uovo rimase dritto. Quando gli astanti protestarono dicendo che lo stesso avrebbero potuto fare anche loro, Colombo rispose: «La differenza, signori miei, è che voi avreste potuto farlo, io invece l’ho fatto!».


  93. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    ma lo sai che a me questa storia dell’uovo me la dicevano anche a scuola? Sara’ vera o no?
    Ho una curiosita, il Columbus day viene celebrato anche in Italia? Perche’ io non ricordo tale festa, e se si, sono stati gli USA ad iniziare questa festa? Pensa Francesca che a parte il momento in cui si discusse sul fatto se Cristoforo Colombo fosse italiano o no, penso tu ricorderai, da queste parti non sanno mica bene tutta la storia, la scuola non la enfatizza come in Italia e spesso ignorano la sua nazionalita’, ovviamente vanno per deduzione, se e’ partito dalla Spagna sara’ spagnolo!
    Che ci vuoi fare, qui si convincono di tutto, secondo molti anche la pizza e’ una specialita’ americana di NY esattamente, infatti c’e’ la pizza NY style.
    Stendiamo un velo pietoso.
    NY ti sta offrendo giornate autunnali bellissime, goditi la citta’ e la sua energia e sfila per tutti noi alla parata.
    Claudia


  94. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Carissima Francesca:prima di tutto voglio dire che questa fotografia è meravigliosa.Io non conosco New York (soltanto a traverso il cinema),forse mai la conoscerò…ma non posso dire che sento invidia (non c´e` questo nel mio spirito)si posso dire che sento molta ammirazione per te,per la tua indipendenza,la tua forza,la tua voglia di andare qua e là….tutto quello che io non ho e percio mi piace viaggiare per mezzo le tue parolle e fotografie.
    Per quanto riguarda al computer ,ancora non posso dire che sia per me un amico;lo guardo con certa distanza;soltanto lo prendo come il mezzo piu facile,rapido ed economico di attraversare questo ponte ed arrivare a te,agli amici e cugini che sono lontani in presenza fisica;a volte dare,a volte ricevere parolle di sollievo davanti a qualche difficoltà,notizie familiari ecc ,ecc.Mio marito (lui si conosce NY grazie alla Marina Militare)veramente approfitta con passione questo mezzo telematico in tutto quello che Internet puo offrire e piano piano mi insegna.Per me `soltanto uno spasso tra le molti compiti di casa e la “cucitura”.
    Mi ha piaciuto molto la barzelletta di Giuseppe….mi sembra riconoscermi in quel italiano trane per i milioni di dollari ¿eh?.Sono scendente di marcchiggiani e loro hanno la fama di risparmiatori …è vero questo???.
    Finalmente ti lascio godere della magica città e mi congedo fino al prossimo articolo.BACIONI per tutti i bloghisti e uno grande,grande per te!!!!


  95. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Buongiorno a tutti, oggi e una splendida giornata di sole,magari fosse cosi’ fino a novembre,sarebbe il massimo,comunque bando alle ciance vorrei fare un’osservazione, leggendo vari commenti noto che molti bloghisti mancano all’appello,faccio alcuni nomi: Carla degli squaletti,Luciana Cianfarani,Lino, ma sopratutto il critico e mitico ALESSANDRO,che gli sara’ successo? Su ritorna!
    Per Claudia:io non ricordo che anche in Italia venga commemorata questa ricorrenza del columbus day,pero’ secondo il mio giudizio molti ragazzi di oggi, non sanno nemmeno chi sia Cristoforo Colombo, chi era,cosa si era predisposto di fare, i suoi lunghi viaggi in terre sconosciute,le mitiche caravelle,non sanno niente di niente,ormai le nuove generazioni pensano soltanto ai computer, ai nuovi telefonini computerizzati e via dicendo. Nella nostra generazione ricordo che a scuola studiavamo tanto sopratutto la storia della nostra Italia,il rinascimento,la guerra mondiale insomma tutto quello che riguardava i nostri avi,pero’ secondo il mio parere, in America i ragazzi non studiano e non sanno molto della storia,ne’ della giografia,fanno solo matematica e materie che forse per noi non sono significative.
    Cara Francesca,buona giornata, e che giornata!!! Meglio la desideravi? ciao MariaRosaria


  96. Maria Carfora Hart ( Newport News , Virginia )

    Carissima Francesca
    Hai visto sono stata la prima a parlare con te al telefono, veramente sei rimasta propresa. Grazie alla Sign. Mena, la ringrazio molto. Aspettero’ lunedi per vederti alla T.V. come vorrei parteciapre anche io al quel onore, quando che ti daranno la medaglia, faccio finta che sto li’ con te, per un garnde sostegno. Tanti cari saluti anche da mio marito George, non ha voluto parlare al telefono si vergognava. Spero tanto che un giorno vieni qui in Virginia a trovarci personalmente. Con affetto Maria


  97. sandro ( cascate di niagara , Canada )

    …sono al volo propio venuto dalla la trasmissione del programma, “pomeriggio con te” di Mena Pascarella: con il cowboy italiano, Angelo con la canzone molto divertente ” tic tic tac” ( non ti ho detto che la temperatura andrebbe su !!!) mi subito e venuto i “spaghetti western” che vedevo in Italia con il grande grasso cowboy, barbone e quello piu piccolo, snello. Insoma sono qui, capisco adesso come “la curiosita amazza il gato” perche con tutta questa notizia di grandioso sorpressa con tuo annuncio che vera, saro aspettando ” cosa puo essere? !!!!!!” con tantissima curiosita, ma sicurismo che ci tenete tutti al piu corrente. Ti raccomando !!!
    Punti d’interesso molto personale, di cosa dicevi di vergogna; con quelli con il passaporto, specialmente quando al consolato di Toronto non anche sapevanno di una legge pubblicata dal Uffico della Giustizia Italiana. Capisco che tuto camina piu piano in Italia, e per una buaona ragione, ma non e una scusa di non sapere di cose che sono, uno pensa, collegati come questi due uffici d’importanza.
    Questa osservasione che dici che tutti fano 3 cose in una volta, e molto interessante. Ho visto nella industria della costruzione in Italia, a mezzo giorno si andava a mangiare in una bella trattoria con vino , primo, secondo, con un sacco di pane, e doppo un bel espresso ( 2 ore in tutto). Velocemente, in Canada si porta il propio panino e si mangia praticamente dove capita.
    Era un bellissimo incontro su ICN e vi auguro un bellissimo “week-end” “ok”? “fate una bona jobba” ” “non eseere una mangia cake” ” stami bene” ” crepi il lupo’!!! devo scapare…ironico che sono in premura…vorei regalarti della nuove ruote per la tua Ferrari…sei in marcia?..ciaoooooooooooooo !!!!! alla prossima.
    saluti sandro


  98. Giuseppe-dal Connecticut ( USA )

    Ciao Francesca,
    Ti ho sentito sull’ ICN, bel programma, ma grazie al mio computer perdevo il segnale ogni 2 o 3 minuti. Ma mi ha fatto piacere che hai avuto l’occasione di parlare con i blogghisti Statunitensi.
    Ciao a lunedi’!!!all’east 44th Street fra Madison e 5th Avenues.


  99. Fatima ( São Paulo , Brasil )

    Francesca, un scherzino per te…il lunedì

    Mi raccomando: senza quelli bellissimi tacchi alti.

    Bacione carissima.

    Buon fine settimana a tutti.

    Fatima


  100. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    ! HOLA A TODOS ! Sicuro interessante l’intervista di ICN-italian radio, con un profilo di 24 su 24 per favorire la comunita’ italiana della Tristate.Proprio una Radio similare abbiamo bisogno in Venezuela. Brava MENA e Buona serata con la Grande FRANCESCA, che come sempre sara’ impegnatissima e preparandosi per le Parate di Apertura…Spero che uno dei compagni di N Y mi possa spiegare il motivo delle varie Parate e da cuando si realizza il Columbus day.
    MARIA ROSARIA tifo con te : “..al critico, mitico e prima penna ALESSANDRO, che gli sara’ successo ?? Su. Ritorna al nostro Blog!!
    JOSE FERREIRA stiamo con te nel messaggio di che il Columbus Day mai sara’ lo stesso con o senza FRANCESCA, e segui a insistere Oooh Romeo !!, comunque pensaci e fatti un viaggetto a Roma per Natale, chissa’ ti potranno presentare nel nuovo Sportello Francesca.
    Un saluto particolare ai compagni degli USA per la continua patecipazione con i Post …tanto FRANCESCA e’ tutta vostra !por ahora! e sara’ grata di essere coccolata nella Grande Mela…Sai Fraaan ! ogni tanto ricordo la tua espressione sul video:…Basta avere la salute e un paio di scarpe nuove….CIIAAOO di Gesualdo


  101. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Mi auguro di non essere l’ultima a lasciare un post,volevo dire grazie a Gesualdo per avermi dato corda sul nostro mitico Alessandro,diciamocela tutta, ognuno di noi puo’ dire la propria,pero’ non abbiate la coda di paglia,meglio essere sinceri e non fare la doppia faccia( come si usa dire da noi in Italia),e da umani sbagliare ma non tutti i mali vengono per nuocere, quindi caro Alessandro, te lo chiedo per favore non abbandonare il blog,a volte le tue critiche fanno davvero molto piacere,anche a chi non sa accettarle e capirle. A questo punto auguro una serena e felice notte a tutti,sopratutto alla nostra Giovanna D’Arco,una vera guerriera, su spada alla mano,si parte? Buonanotte, un abbraccio a …domani ciao Maria Rosaria


  102. Claudia Rossi ( Buenos Aires , Argentina )

    Che meraviglia essere a New York e partecipare di tutta la festa che si sta preparando ed il premio che ti sara consegnato e che ti portera a stare nuovamente davanti alle telecamere. New York e una citta che non dorme, sempre movimentata come dici tu! Ricordati di andare a teatro almeno una sera, perche c’e tanto da vedere! Andrai alla bellissima ed elegante Boston?
    Ad agosto quando andai a Genova, sono andata a conoscere la casa di Cristoforo Colombo, mi aspettavo che se lo ricordasse di piu, la casamuseo la trovai poco curata.
    buon proseguimento negli states,
    oggi mi sono trovata per caso con Romina Birra che anche ti saluta,
    a presto,
    Claudia.


  103. gaetana ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    CARO GESUALDO, PURTOPPO ANDANDO AVANTI COSI NON CREDO CHE CI POSSAMO PERMETTERE UN PAIO DI SCARPE NUOVE.
    SAPETE IO NON HO SOLDI IN (VESTITI) MENO MALE CHE HO FATTO UNA PROVVISTA DI SCARPE VECCHIE !!!!!!!
    CERTO CHE CON IL CRASH IN TUTTO IL MONDO PER IL MOMENTO
    NON POSSIAMO STARE ALLEGRI. NON SO A CHI DARE LA COLPA
    L’AMERICA? NON MI INTENDO DI POLITICA, SOLO DI PASTASCIUTTA, UN ABBRACCIO A FRANCESCA, SIA DI MELBOURNE CHE ALDERISI .PER FAVORE NON COMINCIATE DI NUOVO CON LE SCARAMUCCIE, VOGLIAMOCI BENE TUTTI GAETANA


  104. gaetana ( MELBOURNE , AUSTRALIA. )

    ALLA SIGNORA CLAUDIA ROSSI ( ARGENTINA ) MI DISIACE LO SPETTACOLO DELLA CASA DI CRISTOFORO COLOMBO, POCO CURATA, SAI VENGO DA GENOVA E QUELLA CASA ALMENO E` CENTO ANNI CHE NESSUNO FA LAVORI DI RESTAURO PECCATO, IN FIN DEI CONTI SUCCEDE IN TUTTA ITALIA LA NONCURIA DEI MONUMENTI QUESTA E` LA MIA OPINIONE GAETANA


  105. Giuseppe-dal Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    x Gesualdo ( Guanare , Venezuela ) 11 Ottobre 2008 alle 2:45
    Gli Americani di origine Italiana sentono il Giorno di Colombo come una celebrazione che ricorda le loro doppie radici Italo-Americana. Questa festa è stata proposta come festa nazionale negli Stati uniti da quando Il Giorno di Colombo è stato celebrato per la prima volta da italiani a San Francisco nel 1869, seguendo le celebrazioni italiane di New York.Il primo stato a riconoscere ufficialmente la ricorrenza fu il Colorado nel 1905 e nel 1937, su impulso dei Knights of Columbus (un’associazione cattolica che aveva adottato il nome del grande viaggiatore), il presidente Franklin Delano Roosevelt stabilì che il Giorno di Colombo diventasse festa nazionale in tutti gli Stati Uniti. A partire dal 1971 il giorno in cui cade questa ricorrenza è fissato per il secondo lunedì del mese di ottobre, lo stesso giorno in cui nel vicino Canada si celebra invece il Giorno del Ringraziamento. Gli Italoamericani sentono molto questa festività e sono particolarmente orgogliosi del fatto che sia stato Cristoforo Colombo, un navigatore italiano a scoprire il continente americano. Negli Stati Uniti il Giorno di Colombo le banche, uffici postali e uffici federali sono chiusi, così come gli uffici dell’ambasciata italiana a Washington D.C. e tutti i vari consolati italiani che si trovano nel paese. L’Empire State Building di New York City da vari anni usa accendere le sue luci, riproducendo così il tricolore italiano.La Columbus Citizens Foundation è un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a New York, impegnata nel favorire l’apprezzamento del retaggio e dei successi italo-americani. La fondazione, grazie ad un’ampia gamma di attività filantropiche e culturali, offre occasioni di miglioramento sociale a studenti italo-americani meritevoli, attraverso borse di studio e finanziamenti per la ricerca. La fondazione inoltre organizza pure le Celebrazioni Colombiane e la Parata del Columbus Day… Continua


  106. Giuseppe-dal Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    x Gesualdo ( Guanare , Venezuela )11 Ottobre 2008 alle 2:45
    Continuata…

    La Parata ha reso omaggio al retaggio italo-americano su Fifth Avenue a New York fin dal 1929.Altre italo americane organizzazioni tipo Figli d’Italia, UNICO, FIERI etc. sponsarizzano parate e altri tipi di manifestazioni per onorare la scoperta delle Americhe e divolgare la cultura e ed il patrimonio Italiano. Milioni di dollari sono distribuiti a studenti italo americani da fondi ricavati da eventi gala organizzati nel mese di ottobre che e’ stato dichiarato come il “Mese della Cultura Italiana”. E’ uno dei modi di celebrare e diffondere la nostra italianita’ in un paese multiculturale.


  107. Giuseppe-dal Connecticut ( Grande MELA , Stati Uniti d' America )

    Cari amici, voglio condividere con voi questo sito che mostra le varie statue e monumenti in onore di Cristoforo Colombo nel mondo. Io l’ho trovato molto interessante. Spero che sara’ gradito anche da voi. Buon Viaggio Virtuale
    Desidero dedicare questo sito alla nostra viaggiatrice(Voyager) Francesca.
    Ciao a Tutti e quardate RAI International lunedi dalle 11:00 alle 15:00 ore nuovayorkesi.

    http://columbus.vanderkrogt.net/


  108. Martino ( Adelaide , Australia )

    Amici,Connazionali, Signore, Signori, Giovanotti e Signorine lo vogliamo mandare un messaggio FORTE a Badaloni all’indirizzo italiaworld@rai.it dicendo che rivogliamo Francesca Alderisi in TV o volete continuare a chiacchierare cosi e vederla solo sul sito web? Mi raccomando deve essere una marea di e-mail, dobbiamo scrivere tutti e dirlo anche ai nostri amici, dai facciamo un grande sforzo tutti insieme! Io il mio l’ho mandato oggi invito tutti quelli che lo faranno a segnalarlo sul blog cosi sappiamo tutti chi si e’ impegnato con i fatti e non solo a pensieri e parole.

    Mi raccomando! Martino


  109. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Caro Martino ho provveduto immediatamente e non è la prima volta, sperimo che tuitti ci seguano col medesimo entusiasmo e con eguale forza di convincimento .
    auguri a Francesca e saluti a tutti i nostri cari Amici .

    Nonna Lea


  110. Fatima ( São Paulo , Brasil )

    Caro Martino, infatti lo avevo fatto, come tanti, sicuramente, nell’epoca che hanno cambiato il programma…in quell momento ero per terra!!
    Voglio il programma con lei!!vado subito all’indirizzo.
    Grazie.
    Fatima


  111. ENZO TORTORA ( Mansfield , Stati Uniti )

    per Mirella da Buenos Aires, definire NEW YORK.grosso fico secco e’ un vero sproloquio cio ‘ dimostri di essere poco
    evoluta ed abituata a vivere in qualche piccolo sobborgo dove si cavalca il mulo e niente altro . Lo dico per dissuadere, le credenze di chi non e’mai stato nella citta della BIG APPLE, e, dopo di cio’ mi sembra di aver detto tutto anzi molto , ti abbraccio con la speranza che ti sei resa conto dello sproloquio che hai detto
    ENZO


  112. Fatima ( São Paulo , Brasil )

    Mamma mia!
    Caro Enzo , tu hai il mio cognome!!
    Lo so che quasi tutta la città di Casamarciano era Tortora.
    Ma , davvero interessanti.
    Ti saluto.
    Fatima


  113. Fabio Ragona

    Carissima Francesca: sono stato fuori Buenos Aires, per cui solamente oggi ho letto riguardo la ricorrenza del tuo Onomastico e, riconfortato nel leggere che anche tu hai fatto con ritardo gli auguri alla tua Mamma, spero gradirai lo stesso quelli che ti formulo adesso, con sincero e profondo affetto, facendo anche voti affinché il tuo lavoro che stai svolgendo in questi giorni negli U.S.A- ti compensi con molta soddisfazione come quella provata quando ci hai onorato con la tua visita all’Argentina, il cui grato ricordo é sempre vivo. Un affettuoso abbraccio Fabio


Lascia un commento per Francesca





(non verrà pubblicata)

Caratteri disponibili