prontofrancesca.it

ProntoFrancesca.it

domenica, 18 maggio 2008
MISCELLANEA ARGENTINA

argentina01.jpg

Un abbraccio forte forte a tutti e bentrovati. ¿Come state? Lo sapevate che qui in Argentina (e credo in tutto il sud America) quando si fa una domanda si mette un punto interrogativo capovolto all’inizio della frase…. io sinceramente l’ho scoperto poco fa, osservando un cartellone pubblicitario sulla strada che non dorme mai, Avenida Corrientes, una specie di Broadway di Baires piena di mega cartelloni colorati che promuovono spettacoli di ogni genere. Questo per anticiparvi il contenuto della nuova pagina del mio diario in rete, che non a caso, ho deciso di intitolare MISCELLANEA ARGENTINA. E di miscellanea in questi giorni ne ho letta molta nei vostri commenti, nei quali ho notato avete affrontato i temi più disparati, passando con grande dimestichezza da argomenti impegnativi ad altri piuttosto frivoli… mi sono molto divertita nel leggervi anche se vi confesso che non è facile seguire il filo del discorso soprattutto quando le “conversazioni” si limitano a scambi di messaggi tra singole persone. Ed a proposito di messaggi ad personam, non posso non fare, anche se in ritardo, gli auguri di buon compleanno a FRANCESCO da Toronto in Canada, anche se credo che considerato il numero elevato dei partecipanti al nostro “Salotto Mondiale”, sarebbe preferibile evitare di trasformare il blog in una bacheca di annunci, proprio per non annoiare chi ci legge e vi garantisco che sono moltissimi. In questi giorni continua il mio pellegrinaggio di associazione in associazione. State sereni, comunque riesco a ritagliarmi il tempo necessario per riposarmi, tanta è la voglia di essere in perfetta forma fisica e mentale durante i miei incontri, in cui centinaia di telespettatori entusiasti nel ritrovarmi, mi rivolgono moltissime domande. Senza entrare nel dettaglio dei miei appuntamenti, che come vi ho accennato, preferisco siano raccontati direttamente da qualcuno di voi, vorrei invece soffermarmi su alcune vostre considerazioni che ritengo particolarmente interessanti. MARIA ROSARIA MARTINELLI, da Staten Island, Stati Uniti, scrive “ti vorrei chiedere, ma come fai ad organizzarti con questi viaggi così lontani, chi ti suggerisce questi itinerari? Come fai a contattare le varie associazioni?” Grazie Maria Rosaria per la tua domanda, che mi da modo di raccontarvi qualcosa di più su come sono organizzati questi miei “tour” attraverso le comunità italiane per il mondo. Per prima cosa ci tengo a precisare che si tratta di viaggi completamente autofinanziati. Per quanto riguarda chi mi suggerisce gli itinerari la risposta è semplice: nessuno!! Da sola decido dove andare e poi con i consigli dei miei telespettatori inizio a tracciare un programma. Anche se non sembra, ci vogliono mesi e mesi per organizzare tutto al meglio e piano piano ogni viaggio inizia a prendere forma e per me questo è motivo di grandissima soddisfazione. Continuando a leggere i vostri commenti, sono rimasta molto colpita da quanto ha scritto giorni fa RENATO GAGLIARDI, da Campinas in Brasile “Se tu vieni dall’Italia e vai in Argentina senza fare uno “stop” in Brasile, sarà lo stesso di dare uno schiaffo in faccia a tutti i tuoi connazionali brasiliani. Scusa ma è questo il mio punto di vista.” Carissimo Renato, rispetto le tue idee anche se trovo il tuo giudizio piuttosto azzardato. I miei viaggi per incontrare le comunità italiane per il mondo richiedono grande energia e tempo. Soprattutto ora non mi è possibile allontanarmi per mesi e mesi dall’Italia, poiché sto lavorando a vari progetti e per farlo è necessaria una mia presenza sul posto. E’ mia volontà venire in futuro anche in Brasile, cosi magari potremmo anche conoscerci, per ora dovrai avere ancora pazienza. BRUNA MUSCARDO, da Sydney in Australia scrive invece ” Prosegui e divertiti…. soprattutto raccontaci tutte le tue esperienze positive e negative.” Grazie Bruna per il tuo incoraggiamento e la tua curiosità. Non è facile farsi un’idea di un paese in pochi giorni. Io per ora ho visto solo una minima parte di Buenos Aires… certo sto notando molte cose che mi colpiscono, nel bene e nel male. In questa grandissima città, che come ho detto è sempre in movimento, mi è subito saltato agli occhi una grandissima offerta culturale di spettacoli ed eventi. Scopro che qui si legge moltissimo e di questo mi compiaccio. Camminando per le strade bisogna fare molta attenzione a dove si mettono i piedi, nel vero senso della parola. Non so perché ma quasi tutti i marciapiedi sono rotti e se non si presta attenzione si rischia di cadere per terra… peccato perché Buenos Aires è veramente molto bella. In alcuni punti sembra un po’ Parigi e si nota un’influenza architettonica piuttosto varia. Non posso poi non soffermarmi sulle tante persone che in questi giorni in pieno centro, ho visto rovistare tra i rifiuti sotto gli sguardi indifferenti degli abitanti, un po’ meno dei turisti. Ho scoperto che si tratta di due tipologie di persone, i cartoneros, che raccolgono vetro e carta per rivenderla e chi invece va alla ricerca di cibo. Tra questi purtroppo anche molti bambini… vederli di notte con le mani nelle buste della spazzatura mi ha messo molta tristezza e mi ha fatto sentire veramente impotente. Tornando in hotel mi sono fermata a pensare prima di addormentarmi a quanto sia fortunata nell’avere avuto la possibilità di scegliere la mia vita, al contrario di chi vive giorno dopo giorno con l’unico scopo di sopravvivere. Prima di salutarvi desidero dedicarvi una fotografia scattata poche ore fa durante il mio incontro presso la sede della Dame Italo-Argentine dove sono riuscita a stento a nascondere la mia emozione nell’incontrare alcuni telespettatori con i quali ho un legame di corrispondenza cartacea da anni. Tra questi ONELIA MARCHIONE ed ELVIRA D’ARCHI; insieme abbiamo voluto ritrarci simbolicamente con il famoso mate. Scopro che si tratta di una bevanda molto diffusa a base di un’erba, il yerba mate, molto simile al thé verde. Qualcuno racconta che si narrava tra i nostri emigranti che chi la beveva non sarebbe tornato in Italia. Altri mi consigliano di non farne grande uso se non ne sono abituata, per gli spiacevoli “effetti collaterali” che può provocare…

argentina02.jpg

274 Commenti a “ MISCELLANEA ARGENTINA ”

  1. Ersilia De Grandis ( Los Teques , Venezuela )

    Ciao Francesca meravigliata oggi sono la prima a leggere la tua puntata ed a inviarti il mio buongiorno a te e a tutti gli amici del blog. Complimenti per la tua puntata di oggi e veramente una miscellanea e continua il tuo viaggio, divertiti, e poi come ti ho detto nel l’altro commento precedente ci fai conoscere anche a noi attraverso foto, video, le belle cose che ci stanno in argentina, purtroppo le persone che vanno ad urgare nei cassonetti del immondizia ci sono anche quá e anche a me fa molto tristezza e mi sento come te fortunata per tenere la vita che tengo, ma mi sento male e vorrei che per lo meno quelle cose di cercare del cibo in quale maniera non ci fosse pero e una realtá che non si puó nascondere…. speriamo che cambii… Ora ti saluto con un abbraccio a te e a tutti gli italo-argentini di buenos aires e a tutti quelli del blog, un bacio: Alla prossima….. Buona domenica a tutti!!!!


  2. A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia

    Francesca, per il commneto si vedi che hai una gran sensibilità sociale. Allora, per essere l’America Latina conformata di paesi in sviluppo non sempre gobernati bene, ognuno ha molti problemi sociale senza risolvere. Credo purtroppo che i cartoneros non solo esistano a Buenos Aires, ma dappertutto l’America L. Da noi, soprattutto a Bogotá e nelle cità più grandi si vedono abbastanza.

    Come dici tu, noi che siamo dei priviligiate per avere avuto nella vita, chi di più chi di meno, ma altre opportunità, dobbiamo essere contenti e non criticare le nostre condizioni anzi cercare de aiutare nelle nostre comunitá, per qualsiasi mezzo, perché questo sistema di vita sparisca.

    Un abbraccio “grandote”,

    Amparo Margarita


  3. LAURA ( San miguel deTucumàn , ARGENTINA )

    Ciao Francesca.Mi fa piacere sapere che ancora ti trovi a Buenos Aires.La prossima volta che vieni in Argentina o se ti resta un po’ di tempo, devi conoscere Tucuman, è la porta del nordovest argentino, è bellissimo con una agenda culturale molto ampia: teatro, musica,e diversi spettacoli , contattami per organizzare un giretto anche da noi.Parlando di un argomento che anche per noi è molto difficile e triste, molto triste i bambini (tantissimi) che chiedono l’elemosina e cercano il cibo nella spazzatura a qualsiasi ora e che purtroppo tante volte sono obbligati dai suoi genitori a farlo. Ci sono molte associazioni che si occupano di questi bambini e molti hanno avuto l’oppotunità di studiare e di laurearsi, però continua ad avere “chicos de la calle”. Qui a Tucuman come in altre città si lavora con questi bambini e ragazzi per poter inserirli nella società,una delle tante associazioni, lavora con loro pubblicando una rivista chiamata “barrilete”( acquilone)che costa 1 peso e che la vendono gli stessi ragazzi, è molto interessante parlano delle loro vicende e come poco a poco stanno andando avanti e uscendo dalla strada, fanno delle interviste a diversi personaggi, su diversi argomenti e attraverso questa attività hanno trovato altre possibilità di vita. Bene Francesca io ti faccio l’invito formale alla mia città se vuoi prendi l’aereo o l’autobus e ti aspetto. Baci Laura


  4. NADIA DICARLO ( SARASOTA,FL , USA )

    Ciao Francesca, grazie per le foto e grazie anche per trovare tempo per scrivrerci, tutti sappiamo come sei impegnata e che tutti vogliono conoscerti ed andare ai loro club. Comunque divertiti e cerca a riposarti tra sosta e sosta. Io non potro’ mai concepire vivere in BUONOS AIRES una citta’ cosi’ grande e piena di gente una citta’ anche piena di poverta’. Sai Francesca un’altra di quella citta’ dove esistono solo i ricchi e i poveri non esista nessun’altra classe .Come hai detto tu’ come siamo fortunati a vivere nella maniera in qui viviamo.
    saluti a tutti del salotto
    con affetto
    Nadia


  5. vito de frenza

    Cara Franceeeeee quello che stai vedendo a B.Aire si vede in tutta l`America Latina per te e nuovo per noi e normale . I motivi sono due la corruzione dei vari governi e làltro e il PASSIVISMO della gente che non vuole superarsi . L`ho detto in altre occasioni il NATIVO di qualsiasi regione sud americana dice A CHE SERVE LA MACCHINA A CHE SERVONO LE STRADE A CHE SERVE TUTTO QUESTO PROGRESSO. Perche per l`oro basta una frutta che cade dal `albero per mangiare . e la mangiano solo se cade non hanno voglia (GANA)di cercarla. Continua il tuo pellegrinaggio e ti accorgerai di tutto questo. Ti faccio tanti auguri per il soggiorno Argentino Tuo amico Vito.


  6. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Francesca cara, fra le bellissime cose che hai avuto modo dic onoscere in questo tuo viaggio . vi sono state pure le immagini negative della povertà specie la fame dei piccoli che per quanti aiuti si promuovano quasi quotidianamente da anni dappertutto, nessuno riuscirà mai a sconfiggere del tutto.
    visto poi che tutto sta rincarando per le molte cause che si conosconono e che rifiutiamo di accettare, purtroppo ,la situazione tende a dilagare specie dove la natalità è maggiore creando disagi alle famiglie numerose.
    basta guardarci attorno per essere toccati da tante situazioni.
    questo non sfugge certo anche al tuo animo sensibile e altruista.
    se ne potrebbe discutere ancora, ma in questo momento mi accingo a collegarmi con la Radio umbra dove Claudia sarà già in consolle per presentare la tua intervista nel suo programma : l’ombelico del mondo .
    vi anticipo i miei saluti e spero di poterlo ascoltare quì da Roma.
    vi saluto con tutto il mio affetto nonna Lea.


  7. Chiara, USA ( USA )

    Cara Francesca, grazie delle belle foto e delle tue descrizioni, sempre pieene di entusiasmo, ma anche di compassione.

    Una domanda: perche’ tu, cosi’ intelligente non approfondisci lo studio delle lingue? Infatti mi meraviglio della tua meraviglia sul punto interrogativo prima della frase. E mi viene in mente il tuo idolo , Raffaella Carra’, che parla uno spagnolo perfetto.

    Te lo dico scherzando perche’ anche io non parlo spagnolo, ma me ne dispiaccio. E’ una bella lingua e sempre piu’ utile anche qui negli Stati Uniti dove ormai parte della popolazione parla solo spagnolo.

    Ho abitato in Texas per due anni e ricordo che una volta non ho potuto parlare con la mamma di una mia studentessa perche’ parlava solo spagnolo…

    Una nota anche riguardo ai tuoi ” lettori” che ti invitano nei vari paesi per conoscerti: sei proprio popolare!!!

    E ti ricordo che anche io sono una tua affezionata lettrice ed anche io vorrei conoscerti. Ma non ti chiedo di venire fino a qui perche’ fra pochi giorni saro’ prorpio a Roma . Non c’e’ la speranza di vederti e di conoscere anche Lea? Fatemi sapere…


  8. vito de frenza

    Non avevo letto a Margarita Morales come vedi lei dice le stesse cose che ho detto io ma in una forma DIPLOMATICA. Brava Margarita recibe un cordial saludo da Punto Fijo Vito


  9. Lucia ( Buenos Aires , Argentina )

    Maria Rosa Vallone, ti ho cercata sull’elenco, ma ci sono due Maria R Vallone, una in calle Conde e l’altra in Pje. Trinidad. Tu dove sei? Fammi sapere.


  10. Santo ( Buenos Aires , Argentina )

    Cara Francesca, lo sapevo che ti saresti commossa di vedere queste cose in Buenos Aires, ma come dice Vito, colpa dei governi che sfruttano con la povertá di questa gente, doppo comprano i suoi voti con un pannino (un chori-pan), e pure molti di questi non vogliono uscire della sua situazione. Ma come hanno fatto gli emigranti che sono venuti senza niente e si hanno fatto strada in questi paesi. Tu stai visitando le associazioni che hanno costruito piu di 100 anni fa; molti di loro analfabeti, ma con la cultura del lavoro, del sacrificio. Sono riusciti ad andare avanti, fare studiare i suoi frigli, oggi magiormente profesionisti, politici, brava gente in qualsiasi mestiere.


  11. Anabella Spinazzola ( Buenos Aires , Argentina )

    Buongiorno a tutti, qua sono le 11:30 e non posso credere che sono la prima nel scrivere un commento.
    Ció che hai scritto Francesca mi ha colpito, perché anche a me succedde lo stesso quando vedo l cartoneros con le mani nelle buste dell spazzatture. Anch`io ho avuto molto fortuna nella mia vita, giacchè ho di tutto, ho avuto la possiblità di viaggiare molto. Mi piacerebbe poter ritornare in Italia a visatare agli amici, in speciale a te FRANCESCA!! Mi fai cosí felice che sono capace fi far qualsiasi cosa per vederti e stare con te.
    Quando ci siamo conosciute, sei rimasta colpita, perché mi sono messa a piangere… e beh….l´amore per una persona, cultura, lingua…non s´impara, nasce di cuore. Mio padre è italiano, però siccome lui e venuto quando aveva quattro anni, si sente più argentino. Mai mi hanno parlato in italiano, mi nonno ha sempre parlato il cocoliche, metà italiano, metá spagnolo. E quando avevo 18 anni, sono stata io da sola a decidere impare la lingua dei miei nonni e per forutuna è stata la scelta più importamte che ho presso nella mia vita. Mi ha dato personalità e tante belle sperienze!!
    Insomma mi fa felice!!!Perchè quando la vita ti toglie la persona più importante della vita, devi trovare un altro amore, com`e per me ITALIA.
    Ci vediamo oggi al CENTRO UMBRO!!


  12. vito de frenza

    AMICI VI VOGLIO DIRE CHE L INTER E COME SHUMAKER QUANDO PIOVE NON C E CHI LO FERMA VIVA L INTER ALLEGRIAAAAAAAAAAAAAAAA INTERRRRRRRRRRRRR BRAVIIIIIIIII IBRANOVICH E GRANDEEEEEEEEEEEE 16 SCUDETTIIIIII.


  13. marcelo ( mar del plata , argentina )

    carissima francesca ho visto la tu puntata e non ho potuto credere che sia qui in qrgentina vevendo il mate, ti e piasciuto? ajaja, e vero che si non sei abitutata non devi farne dil grande uso gia che gli effeti colaterali sono certi ajajaj. carisima veramente mi fa piaccere sappere che sei stata qui in argentina, hai visto che e un paese molto iguale a l’italia ne abbiamo le stesse abittidine, bares , pizzas, caffe in soma io sono satto in italia e ho visto un paese molto simile al nostro.francesaca veramente sono contento da vederla qui con noi, ti lascio un baccione grandissimo e sempre vedo le tue puntate, ma questa e una delle piu belle. buon soggiorno ed spero pui notizie come queste. ti salutta: marcelo , mar del plata , bs aires, argentina.


  14. Anabella Spinazzola ( Buenos Aires , Argentina )

    Beh si vede che non sono stata la prima…


  15. Lucia

    Ciao cara Francesca,
    ho finito con i messaggi personali, ti chiedo scusa se ho abusato. Spero di verderti questo pomeriggio al Centro Umbro. Mi ha telefonata proprio adesso Maria Rosa Colombo e mi dice che non potra venire con me a trovarti perche vicino all’Umbro c’è lo stadio della squadra Racing e proprio a quell’ora c’è una partita “cruciale” e sara molto complicato arrivarci. Io ci provo lo stesso.

    Molto interessante il tuo scritto di oggi sulla miscellanea argentina. Vorrei dire che a Buenos Aires, non so nel resto del paese, ci sono molti ricchi e molti poveri, ma anche una grande classe media che si è ripresa dopo la batosta del “corralito” del 2001/2002 quando sono stati spogliati dei loro risparmi. Il problema dei bambini, colpisce fortemente tutti, proprio perche i bambini sono la parte piu vulnerabile e molto spesso vengono usati dai genitori che li inducono a chiedere l’elemosina, mentre loro (alle volte) sono poco distanti a sorvegliarli…
    Come dice Vito, molti di loro non hanno desiderio di superarsi, ma non bisogna dimenticare che quando non si ha da mangiare non si puo pensare alla scuola, e se non si ha un minimo di educazione si rimane fuori dal sistema… e quindi è un circolo vizioso.

    In quanto all’ infusione delle yerba mate, anche io avevo sentito dire quando ero bambina, che era la bevanda dell’oblio, percio molti italiani non tornavano in Italia o non davano piu loro notizie… ma ben sappiamo che le ragioni non erano proprio dovute al mate, bensi alle condizioni di terribile disagio in cui molti di loro si erano venuti a trovare
    nella durissima avventura di emigrazione.

    Buenos Aires è una bellissima citta e come tutte le grandi metropoli è piena di contraddizioni, ma è pur sempre una città degna di essere visitata, come del resto tutto questo grande paese che noi italiani abbiamo imparato ad amare come amiamo l’Italia.
    Un saluti a tutti gli amici del salotto.
    Lucia


  16. vito de frenza ( punto fijo , venezuela )

    STIAMO ORGANIZZANDO UNA SFILATA DI MACCHINE PER PUNTO FIJO PER FESTEGGIARE LA VITTORIA DEL INTER. E CON TUTTI I TIRA PIEDI L`INTER E CAMPIONE PER LA TERZA VOLTA CONSECUTIVA PERCHE I MAFIOSI I MOGGI E COMPANY DEL CALCIO GIA IDENTIFICATI SONO STATI MESSI DA PARTE E DEVONO RISPONDERE DAVANTI ALLA GIUSTIZIA . E SPERO CHE GLI DIANO UN POCO DI ANNI AL FRESCO.


  17. VILMA WALLY FARINELLO SERAI ( SANTOS , BRASIL )

    CARA FRANCESCA,
    VERAMENTE FRANCESCA, CREDEVO PROPRIO CHE VENISSE ANCHE QUÁ IN BRASILE GIACCHÉ SIAMO VICINI DELL´ARGENTINA.PENSACI UN PO, RITORNI IN ITALIA DOPO PIU DI 13 O 15 ORE DI VOLO . E UN GIORNOM CHISSÁ FARE NUOVAMENTE QUESTO PERCORSO, PER VENIRE IN BRASILE? NON É MASSACRANTE TUTTI QUESTI VIAGGI>? IO PARTICOLARMENTE NON MI PIACE L´AEREO E FARE 2 VOLTE IL MEDESIMO ITINERARIO SAREBBE UN CASTIGO PER ME
    QUESTO É IL MIO PENSIERO. IN TUTTI CASI DIVERTITE E UN BACIONE


  18. silvia-São Paulo-Brasile ( São Paulo , Brasile )

    Carissima Francesca,finalmente ti sentiamo (e vediamo di persona)bellissima la foto e bellissimo il tuo Post oggi,pieno di sensibilitá per la situazione dei miserabili nel sud-america,realmente é penoso.Come sempre osservi tutto ed é questo che ti da questa ricchezza interiore che poi ci riporti a noi del salotto virtuale.Io non posso parlare per i tanti amici del blog,ma posso parlare per me.Vorrei tanto che tu ,quando ti lamenti di qualcosa,in relazione all andamento del blog,tu fossi un poco piu esplicita.Quando tu mandi gl auguri a Francesco e aggiungi”non vorrei il blog diventi una “bacheca di annunci),a cosati riferisci?ai vari amici del blog che si sono rivolti a Francesco per fare gl auguri,o ti riferivi ai vari siti,di vario tipo,che ci scambiamo tra di noi?perche a me non é chiaro…apparte che non so cosa sia “bacheca”,ma piuo meno il senso l hocapito credo.Siccome,veramente sono honesta al dirlo,tu sempre generalizzi le tue “ramanzine”(dico scherzoso eh?,ma a tal punto che uno non sá veramente cosa non deve fare .Chi si annoia?tutti quelli del blog,per ció che io seguo non mostrano di annoiarsi,te lo dicono in privato?ovvio hanno il diritto ,ma tu senza fare nomi,potresti dirci chiaramente?senó realmente uno si inibisce perche non sa cosa si puo e cosa non si puó.Indirizzi,telefoni no,lo sappiamo,mettere paese e cittá,l abbiamo capito….ma il resto io non riesco.Ho riletto alcuni si,ci parliamo tra di noi,ma succede spontaneo,uno domanda una cosa e 20 rispondono perche come fanno a sapere se altri risponderanno?I siti di musiche ,video ecc,sono considerati annunci?possiamo pensare a quelli?perche a noi che costerebbe seguire un poco la direzione del tuo ablog no?siamo i primi interessati,ma se non capisco(parlo di me) quale il problema ci ricasco é ovvio…cosi come penso altri.Per esempio,questa mia é una bacheca?non lo só.Ma buo giorno a te e tutti voi del blog,é che vorrei capire cosa fare (o no )per mantenermi nel ritmo giusto del blog che é tuo


  19. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Francesca grazie del pensiero, anche in Argentina la vita è dura per molta gente. devi stare attenta dove metti i piedi quando cammini, si dice che tutto il mondo è paese , ma poi paese che vai cose strane che trovi. Francesca nella vita ogni giorno fai delle nuove conoscenze, questo ti farà sentire molto giosa ed orgogliosa. sono sicuro che avrai viste tante cose belle, ed tante brutte che nessuno vorrebbe vedere.
    Buon pomeriggio Francesca, a presto Francesco.


  20. Adriana ( Bs.As. )

    Cara Francesca, hai fatto una cronaca esatta di Bs.As. e proprio nei tuoi commenti metti una contradizione che é reale. La cultura, che ha una grande offerta, i cartoneros e i marchapiedi cuasi tutti distrutti.
    La cultura viene da lontano, Argentina ha sempre avuto una importante offerta culturale in tutti i campi. Se non sbaglio avviamo 4 o 5 premi nobili e le Universitá , oggi maltrattate, sono state tra le prime.
    I cartoneros sono il risultato della crisis del 2000/2001 e anche é vero che i bambini molte volte sono usati dai loro padri. Il attuale Sindaco di Bs.As., Sig.Macri ha promesso un piano per sradicare i cartoneros, vedremo se ce la fá perché il governo nazionale ha una politica contraria.
    Riguardo ai marciapiedi, anche si stá rivolgendo un piano per ripararli tutti, oggi sono finiti apena tre quartieri, il Sindaco e assunto da apena cinque messi e si trovó la cittá in condizioni lamentevoli. Peró in Bs.As. ci sono anche tantissimi alberi che rovinano i marciapiedi con le loro grandi radici, cosa che nelle cittá europee non succede perché si tagliano e cosi le strade sono piú pulite e non si rovinano.
    La cittá di Bs,As. ha cambiatto l’asppetto dalla crisis del 2000. Anche abiamo avuto molta emigrazione dei paesi vicini, sopratutto boliviani, paraguaiani e peruviani che vengono e una gran parte, si é stabilita nei dintorni con case su terreni fiscali e anche palazzi disocupati ingrandendo le villas miserias. Propio ieri é uscito una notizia dove la polizia, per ordini del giudice li sgombrava e questa comunitá lottava con cittadini argentini vicini giacché non li volevano li perché portavano disordine, proprio come sta accadendo in alcune parti d’Italia. Pensa Francesca che l’Argentina nel 2000 era nei giornali dal mondo per la crisis e nonostante aveva un flusso inmigratorio dai paesi ancora piú poveri. Continua…..

    Cari saluti


  21. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Cari amici del blog:
    Mi piaccerebbe che leggano il commento che ho fatto sull’incontro con Francesca ( sabato 17 Maggio), nella puntata precedente. tante grazie.Marta


  22. teresa fantasia-Buenos Aires

    ciao francesca e amici del blog bellissima domenica oggi anche se prevista pioggia per la notte, stoascolktando l’ombelico del mondo mentre leggo il blog e aspeto la cara Maria Rosa Vallone che verrà a prenderci per andare insieme al Centro Umbro.
    cara silvia di -São Paulo,Francesca é una persona inteligente non credo proprio che quando parla di
    ” annunci” ,si referisca allo scambio di indirizzi dei siti di musica o dei nostri blog personali … anche perchè sa bene che il fatto che in altri siti o forum abbiamo linkato suo blog e questo lo ha fatto conoscere a tantissimi nostri amici dell italia e altri paesi che non la conoscevano. perche RAI international NON SI VEDDE IN EUROPA!
    CARI SALUTI A TUTTI
    TERESA


  23. MARIA ( MONTREAL , CANADA )

    Carissima Francesca,
    oggi e’ domenica,sono andata a messa e quando sono
    tornata a casa ho trovato il tuo messaggio e per di piu’ anche le tue foto,sono felice di vederti e di sentirti,
    grazie per il tempo che impieghi a rispondere alle nostre EMAIL.
    Sei una ragazza con grande talento,andare in paesi
    stranieri ,ti ammiro tantissimo.
    Francesca un saluto carissimo te lo manda mio marito
    Giorgio,
    ti abbraccio MARIA CIAO…


  24. Adriana

    A me fa molto peccatto i bambini, nessuno li aiuta ad cominciare dai genitori, dal proprio governo che giá avrebbe dovuto aggire per la urgenza del caso.
    Negli anni 90 erano ingressate famiglie rumene e, nelle tante strade di Bs.As. si vedevano le madri con i figli piccolissimi nelle sue bracce, sempre adormentati……..pare che gli davano goccie per far si che dormissero mentre loro chiedevono la elemosina. Poi sono spariti giaché si sono fatte denuncie.
    Coincido con Santo a volte anche mancano i sacrifici personali e si aspetta tutto dello stato.
    Per Lucia, non sono andata al circolo come ti avevo promesso perché ho fatto tardi col lavoro.


  25. anna-Brasile(São Paulo)

    Carissima Francesca,
    Bella questa tua miscellanea di oggi. Grazie a Dio alcuni bloghisti, pochi, ma ci stanno facendo il resoconto del tuo viaggio, aspettiamo con ansia il tuo.
    Sfortunatamente anche qui a São Paulo ci sono quelli che raccolgono cartoni ed i poveri che mettono le mani nella spazzatura, una cosa dolorosissima. Qui cercano di mandarli negli “abrigos”, alcuni vanno, c’è il bagno, un letto per dormire, da mangiare, ma la maggioranza vuole la libertà della strada, ma se avessero un lavoro no?
    Credo che l’interrogativo a testa in giù come dici tu sia dello spagnolo, in portoghese non c’è, e che io sappia in nessuna lingua che io conosca. Il fatto è che la maggior parte dei paesi sud-americani sono stati popolati da spagnoli, da lì la lingua ufficiale.


  26. silvia-São Paulo-Brasile ( são Paulo , Brasile )

    Carissima Francesca Fantasia-Bs Ayres,ti invidio molto perche stai andando a trovareFrancesca al Centro Umbro,buon pomeriggio.Quanto al tuo commento é giusto,io pure la penso cosí,ma giustamente mi domando”allora a cosa Francesca si riferisce?” é questo che vorrei sapere per avere un idea di cosa é che aFrancesca non va?Come vedi non l ho capito,come te non penso siano i siti ecc,ma allora cosa cé che non va?qualcosa c ´é perche lo dice nel Post di oggi,alla fine era questo schiarimento che io vorrei ,ovviamente se possibile,senó mi sforzeró di capirlo da me,ma non sará facile.Un abraccione pure a Maria RosaVallone,divertitevi.A tutti del blog un forte abraccio.


  27. anna-Brasile(São Paulo)

    Carissima Francesca, ho propositatamente separato la parte di sopra.
    Prima di tutto mi associo in tutto e per tutto a quanto dice Silvia, cioè, ho gli stessi dubbi, vorrei le stesse direttive per sapere cosa si può cosa no.
    Gli auguri sono stati per un caso speciale, tutti noi siamo nati un giorno e non ci facciamo gli auguri sempre.
    La ciliegia sul dolce, frivolo sì, fino a che non arriva il dolce, poi è poco frivolo è una questione di golosità…Scherzo eh? Tanto la torta già avrà più ciliege.Poi non sono golosa, scherzavo.
    Dunque, di cosa devo parlare? Quelli che solo leggono il blog e che evidentemente giustamente si scocciano, perchè non entrano dandoci argomenti nuovi? Vedo alcune persone che raramente dicono una parola, per lo più si rivolgono a te, per noi niente.
    Ma è serio Francesca, volta sì volta no arrivano tue tirate d’orecchio, e non ti credere, se le ignoriamo che stiamo mancando di rispetto al TUO salotto, il fatto è che è chiaro che non abbiamo(almeno io ed altri)capito in cosa sbagliamo e come ci dobbiamo comportare.
    Stiamo facendo una riunione virtuale, invitata logico anche te, si può? non si puÒ?, Credo di no, ma fai una lista grosso modo di cosa è permesso e cosa è strettamente proibito. Sei tu che dai le direttive.
    Un abbraccione ed a presto
    Anna


  28. anna-Brasile(São Paulo)

    Carissima Marta Galzerano(Argentina)
    Grazie del tuo commento, l’ho letto, pochi in Argentina ci fanno il resoconto, a te grazie.

    Gesualdo(venezuela), questo sarebbe proprio uscire fuori argomento e principalmente regole no?

    Un abbraccione
    Anna


  29. Chiara, USA ( Usa )

    Di solito non intervengo due volte, ma vorrei fare una riflessione sulla poverta’che esiste OVUNQUE nel mondo. Ci sono alcuni paesi in cui la poverta’ e’ piu’ povera che in altri paesi ( se mi permettete il gioco di parole), come nel Sud d’America o in alcuni paesi dell’Africa o dell’Asia. Ma anche qui nei ricchi Stati Uniti esistono sacche di poverta’ che si ignorano. La mattina, quando vado a lavorare in macchina, passo da una parte di Pittsburgh ( peraltro che io amo molto) e , davanti all’Esercito della Salvezza o altre organizzazioni umanitarie, ci sono gia’ file di senzatetto che aspettano un aiuto per la giornata. Inoltre si possono vedere coperte per terra dove sicuramente qualcuno ha trascorso la notte ( e ben si sa quanto sono fredde le notti del Nord America).

    Penso che sicuramente ci sono azioni politiche da fare a livello locale, ma anche a livello mondiale perche’ e’ scandaloso che questa disuguaglianza sociale esista.

    E non e’ vero che queste persone negli Usa vivono in queste condizioni solo perche’ non hanno voglia di lavorare.


  30. sara ( matera , italia )

    salve sono un italiana e vado alla ricerca dei miei parenti che vivono in argentina ma nonostante internet non sono riuscita a rintracciarli da considerare che i miei zii sono morti quindi io cerco i miei cugini la famiglia dileo o la famiglia priore abitavano a buenos aires spero che riuscite a trovarli nell attesa distinti saluti


  31. Rodolfo Cesarini ( Buenos Aires , Argentina )

    In Argentina essere romano sembra qualcosa di raro, quando ti domandano; di dove sei? e gli rispondo; sono romano, mi dicono meravigliati ma propio di Roma,si propio di Roma, e mi dicono; e cosa fai in argentina?. Sempre é stato cosi dal primo giorno che sono arrivato in questo benedetto Paese che Francesca Alderisi stá visitando in questi giorni, e mi fa moltissimo piacere che Lei stessa in questo suo articolo si meravigli del bellissimo stile europeo che offre Buenos Aires. Quando arrivai in Argentina con diciannove anni compiuti ebbi la stessa impresione, non solo per lo stile della bella Bs.As., ma dalla enorme cuantitá di connazzionali che mi circondava, e mi facevano le stesse domande che ancora mi fanno oggi giorno. Non esiste una sola “associazione Romana”, a differenza di qualsiasi piccolo paese della nostra Italia che come sapete a la sua “associazione”. In questo commento non faccio una critica a detta situazione che come in Italia si é strapiantata in Agentina, ma perché? se siamo tutti Italiani, non ha niente a che vedere se siamo del sud, centro o nord, oppure residenti in Argentina, USA, Canadá o Australia, tutti senza nessuna eccezzione siamo fuori dall’Italia per una sola ragione. Personalmente per ragioni di lavoro, ho avuto una permanenza in vari Paesi di sud America dove non esiste questa frammentazione fra di Noi. É da molto tempo che avevo l’idea di svolgere questo argomento che dal momento di avermi pensionato si é accentuato, e approfittando la presenza della nostra stimatissima Francesca, lo svolgo con la certezza che mi crederá.
    Lo svolgimento di questo commento non é un problema é
    solo la mia idea del sradicamento.
    A Te carissima Francesca sei il Personaggio piú rispettato e amato da tutti gli italiani che ti conoscono attraverso la tua brillante carriera alla quale devi aggiungere questi viaggi di visita alle collettivitá italiane all’estero, in Argentina ti manca ancora la citta di “Mar del Plata”, “la perla dell’Atlantico”.


  32. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Questi bambini che vivono e crescono in condizioni di vita difficili, emarginati, che siano cartoneros o non cartoneros, che si verifichi in Argentina o, come d’altronde succede, in altri luoghi del mondo, con l’andare del tempo, quando riusciranno a divenire adulti, ciò li porterà a reagire, a non subire in eterno la loro misera condizione vissuta ai margini della società civile e come logica conseguenza, non avendo istruzione, né arte né parte, la loro reazione sarà portata a delinquere a danno di coloro che vivono una condizione di vita migliore.

    Ma la tristezza più grande di tutto questo sono coloro che dovrebbero impedire che ciò avvenga, coloro che ricoprono cariche pubbliche di potere e di responsabilità.
    Costoro quando vengono colti di sorpresa non possono fare a meno di notare ed accorgersi di quanto non và nella società civile, ma poi, ben conoscendo dove si trovano i mali da curare, cambiano strada o chiudono gli occhi per non vedere!

    Che altro aggiungere, se il mondo deve andare avanti così, alla rovescia, almeno ditemi come si fa a scrivere questo punto interrogativo capovolto?


  33. roy ( sydney , AUSTRALIA )

    Carissima Francesca,
    siamo contenti a seguire il tuo grande tour di
    Buenos Aires, e ancora piu felici sentire le racconti.
    come quelli di Anabella e Lucia, che a noi, ci fa
    sognare di essere stati li con voi tutti!
    Francesca, ti sei fatto un giro di mondo in poche ore,
    subito, come a noi tutti(credo) l’occhio e andato
    sul dove il dente batte’, il carterneros,(se non mi sbaglio, come l’hai definiti qui per noi) immagino’
    che si trovano nel tutte le grande citta’ del mondo,
    !purtroppo’. pero, Francesca, la vita va avanti
    perche molti di questi, non vogliono altra vita! …
    purtroppo, mettono sempre in mezzo gli bambini,
    per approffitarsene delle situazione!!!
    vorrei sempre solo sbagliarmi, una volta ogni mille!!

    un bacione
    roy.


  34. Natalia ( Buenos Aires , Argentina )

    ¡Hola Francesca! Come vedi, la regola del punto interrogativo capovolto ad inizio frase è valida anche per il punto esclamativo. Sai che fatica dare l’intonazione diversa ad una frase lunga quando si inizia a leggere in italiano? Sapessi in anni di studio quanto tempo si perde nell’essere costretti a tornare indietro per impostare la lettura in maniera giusta, avendo iniziato convinti di leggere un affermazione e poi, perbacco, appare quello svergognato “?”!!!

    Vivere a Buenos Aires è come frequentare i boy-scout: si è sempre pronti ad ogni evenienza! Marciapiedi rotti e regalini dei cani, i ‘piqueteros’ che bloccano le strade, nelle ore di punta ci sono macchine a bizzeffe, mezzi di trasporto difettosi, il tutto condito con segnaletica (nonché educazione) stradale insufficiente.
    L’indice di povertà scende solo sulla carta, nei moduli del nostro Istat. Il granaio del mondo non riesce più a sfamare i suoi bambini, e qui ci si è abituati a quel panorama che hai ben descritto. A mio avviso, né gli spicci né l’impegno cittadino risolveranno questo problema, tutto è ormai troppo lontano dalla nostra portata. I poveri contano solo per i partiti di lotta, poi ci si dimentica facilmente, cosa vuoi che sia!.

    Anche questo è l’Argentina.

    Un bacione,
    Natalia.


  35. Maria Rosa Colombo ( Luján , Argentina )

    Carissimi come ha racontato Lucia sono a Luján per diversi ragioni non ho viaggiato.
    Cara Francesca hai fatto una descrizione perfetta della nostra Buenos Aires, sai che quello dei marciapiedi, lo ho pensato l´unico giorno che sono andata a Bs.As. veramente É UN DISASTRO e immaginavo che ti chiamasse l´attenzione.
    L´altro tema che per me e giorno a giorno, gia che da 23 anni lavoro nella CARITAS della mia parrocchia, e quello dei bambini, sai che gia da molto tempo nella mia CARITAS, per chiedere aiuto devono venire i genitori, sino succede che mandano i poveri bambini ed invece d´insegnare a lavorare, gli insegnano a chiedere aiuto, e tante volte non vanno a scuola, e veramente un lavoro grande, farle capire a questi genitori che devono lavorare, e tante volte succede che noi li offriamo un lavoro da fare e se ne vanno, come dice VITO.
    Non é facile, ma si deve andare avanti, con la aiuta de DIO si puo.
    Un bacio a tutti
    A un altra cosa, come dicono ANNA e SILVIA, tante volte anche io ho voglia di dire qualcosa, e non lo faccio, penso che ha molto che vedere il luogo anche dove uno abita, per ezempio in Brasile o qui in Argentina, siamo molto diciamo…..amichevoli e siamo abituati ai festeggiamenti, vi racconto che quando sono stata in Italia, mi ha colpito la differenza in questo senso, parlo del NORD credo non avevo bisogna di dirlo!!!!!
    MARIA MANDARINO Che bella poesía


  36. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Sono stata sicurissima che Francesca faresti un commento di questa visibile e triste realtà di Buenos Aires.
    Come in tutti i paesi è arrivata la globalizzazione, prima le cose , dopo la gente…
    Non vorrei generalizzare, ma
    le sucessive amministrazioni divenne sempre più protezioniste e si perde di conseguenza la “cultura del lavoro”, vero legame coi nostri antenati italiani.
    Negli ultimi decenni l’immigrazione dall’Europa è cessata e sostituida da quella procedente dai paesi limitrofi, è c’stata una corrente di emigrazione di cervelli ( tecnici e professionisti) verso l’Europa e gli Stati Uniti.
    Nonostante questo panorama già descritto ! abbiamo un bel paese! (Con le due punti esclamativi).
    Baci. Marta


  37. Aldo ( Curitiba , Brasile )

    Carissima Francesca,
    in questo ennesimo viaggio che stò trascorrendo in Italia (Roma) mi avevo prefisso di fare alcune cose,tra cui quello di venirti a salutare.Purtroppo il mio viaggio non ha coinciso con i tuoi impegni di lavoro fuori Roma.Nel farti tantissimi auguri per una proficua raccolta di importanti testimonianze per il tuo proficuo impegno di lavoro,ti comunico che in mancanza del caffè che ci dovevamo prendere assieme,ci siamo dati alla pazza gioia io e mia moglie di consumare tantissimi cappuccini e cornetti in tutti i Bar di Roma.Oggi abbiamo visitato il più grande Centro Commerciale d’Italia (PORTA DI ROMA),un gioiello di architettura ed una grande raffinatezza di negozi che vanno dall’alta moda alla prelibata cucina italiana.Oltre ai vari parcheggi liberi all’aperto un grande parcheggio coperto per 7 mila posti con il sistema di indirizzamento automatico ai posti liberi “unico al mondo”Dopo la brutta esperienza di ieri avuta a Napoli “purtroppo è sommersa nuovamente dall’immondizia”,ci risiamo fatti con una lunghissima passeggiata al centro storico di Roma,ove abbiamo potuto gustare un saporitissimo pranzo a p.za Navona.
    Invito tutti gli amici del salotto che si dovessero recare a Roma di visitare questo meraviglioso “gioello”
    che è il Centro Commerciale PORTA di ROMA ove i prezzi sono veramente vantaggiosissimi per un impressionante calo di prezzi.Cara Francesca,credo che in Brasile ce ne sono di più di “Raccoglitori di Carta”.
    Curitiba che è la città che ha il fiore all’occhiello
    per l’AMBIENTE,ha anche migliaia di adoloscenti e non che fanno la raccolta per strada di cartoni lattine ecc.ecc.che poi portano ad un centro di discarica.Il Municipio paga quste persone anche con libri ,quaderni e generi alimentari.La generosità di questa città è veramente grande,perchè fa molto per questa povera gente,solo che c’e molta gente che non vuole andare ai Centri di raccolta e preferisce dormire per terra fuori all’aperto.Dici bene,quando pensi alla fortuna
    che abbiamo noi di mangaire e dormire sotto un tetto,mentre milioni di bambini soffrono la fame ed il freddo.Ma noi siamo troppo piccoli per affrontare un grande problema come questo;una cosa però possiamo farla….essere caritatevoli ed aiutare il prossimo con amore ed affetto,dando il più possibile dello spreco che facciamo egoisticamente ogni giorno.Un caro saluto a tutti i blogghisti ed un grande affettuoso abraço a te con l’augurio che possi trascorrere serenamente una bella vacanza in Argentinacon la promessa che in seguito verrai anche da noi in Brasile.
    Ciao nonno….Aldo


  38. anna-Brasile(São Paulo)

    NATALIA(aRGENTINA), Entri poco nel blog no? Ma solo ti volevo dire che stò muorendo dal ridere con il problema dell’intonazione senza sapere cosa viene alla fine, se domanda o altro. Guarda che non ci avevo mai pensato. Scusami ma è proprio divertente vedere le cose dal punto di vista di altri.
    Adesso parlando serio, in inglese, francese,italiano, portoghese, non è come in spagnolo quindi credo che sia una questione di abitudine proprio, senò come faremmo noi, senza la doppia interrogazione?
    Ma è interessante pensare a questo problema no?
    Un abbraccione ed entra di più
    Anna


  39. anna-Brasile(São Paulo)

    Caro POSITANTO RECORDS, PER FARE L’ESCLAMATIVO E INTERROGATIVO A ROVESCIO, È SEMPLICE, LE PRIME VOLTE, COME FACEVO IO QUANDO HO COMINCIATO A IMPARARE(DI NASCOSTO DALLA PROFESSORESSA LOGICO)CAPOVOLGI LA PAGINA E SCRIVILO NORMALMENTE. COSì HAI UN IDEA DI COME DEVI FARLO. IDEM L’INTERROGATIVO.
    PUÓ SEMBRARE MA NON STÓ SCHERZANDO, É L’UNICO MODO. SOLO LE MACCHINE DA SCRIVERE SPAGNOLE CE LI HANNO PRONTI.
    UN ABBRACCIO
    ANNA


  40. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    X Aldo ( Curitiba , Brasile )

    Qual è stata la brutta esperienza di ieri avuta a Napoli ?

    Non vi siete mica imbattuti nella Jervolino?

    Ahi, ahi, ahi… Turista fai da te?


  41. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Anna… Anna… Annna…

    Tu mi stupisci!

    Io intendevo come posso scriverlo con la tastiera del mio PC?

    A Napoli gli abbracci sono circolari, quindi io ti faccio “un abbraccio circolare”.


  42. NinoFazio

    Carissima Francesca e tutti gli amici del Blog sono contentissimo a sentire che in questo momento vi trovate in Buenos Aires in Argentina e state per divertirvi e girando per le vie della citta di Buenos Aires olletto sul Web state aprendendo tante parole Spanghiole che si parlano in Argentina .
    Carissima Francesca ti dico che io sono Siciliano il mio Paese si chiama Longi e un piccolo paese della provicia di Messina e ti sto per dirti che in Buenos Aires si trovano parechie Longesi cioe Paesani adesso ti saluto a te e a tutti lo Staf. di pronto Francesca.
    Nino Fazio.da Cleveland Ohio Stati Uniti D’America.


  43. Alessandro

    Positano …. Positano …. Positano
    Tu mi stupisci!!
    Capovolgi il PC!!


  44. Natalia ( Buenos Aires , Argentina )

    Per SARA di Matera che cerca i parenti in Argentina: puoi provare con l’elenco telefonico in linea http://www.teleinfo.com.ar, però occorre qualche informazione in più (i nomi dei tuoi cugini oppure il quartiere di residenza), altrimenti dovrai telefonare un centinaio di persone per rintracciarli.
    Facci sapere, e in bocca al lupo! per non dire quella del cetaceo… :oD


  45. Natalia ( Buenos Aires , Argentina )

    Spero che non me ne vogliate, ma dopo l’indirizzo internet ho scritto una virgola che purtroppo blocca l’accesso diretto al sito.

    Clicca su http://www.teleinfo.com.ar
    Buona serata a tutti!


  46. anna-Brasile(São Paulo)

    Positano Records, Positano Records…e Alessandro, Alessandro… ma che fate ora, mi pigliate in giro sul serio?
    Io uso la tastiera per scrivere e qui trovo la Ç e la
    ~ che voi non avete nella vostra, d’accordo?
    Quindi solo se comprate una tastiera spagnola, una francese, una portoghese, io non ho una buona coordinazione motrice, allora non riuscivo a fare sulla carta la ? capovolta, per questo. Per me è un problema e l’ho risolto così. Nel PC non c’è modo a non essere che un tecnico faccia il miraclo di farlo apparire senza che ci sia nella tastiera.
    Ma vi siete divertiti n poco o molto no? Alla fine è stato un buon fine domenica.
    Un abbraccione a tutti e due, forte
    Anna la capovolta


  47. Norma Trovato-Ravioli ( Italia )

    Cara Francesca…il tuo commento sulle condizioni stradali di Buenos Aires mi hanno lasciata perplessa…Se non sbaglio tu vivi a Roma…forse sarebbe il caso di prestare attenzione alle condizioni nella quale si trova la nostra capitale…non c’e’ molta differenza da quello che tu dici hai trovato a Buenos Aires…come si trova a New York (intendo Manhattan) ed in molte grandi citta’ nel mondo.
    Ti devo dire che si trova nella piccola citta’ dove io abito…e la cosa strana che e’ considerata uno dei piu’ belli borghi dell’Italia. Ci dimentichiamo cosa sta’ succedendo a Napoli…considerata la piu’ bella citta’ italiana…Roma la sta’ seguendo e secondo il Parlamento Europeo e’ un problema che va avanti da piu’ di 10 anni…lo stesso e’ valido per le citta’ del Nord…il problema…tutti diamo la colpa ai vari governi…ma la colpa e’ solo nostra…non esiste educazione civile…non esiste rispetto altrui…non esiste rispetto per se stessi…io spero che il tutto cambiera’ al piu’ presto ed il pianeta terra ritornera’ ad essere rispettato da noi tutti…spesso e volentieri mi chiedo se tutte le calamita’ che stanno succedendo in questi tempi…non siano Dio e la Terra che ci stanno ripagando per tutto il male che abbiamo fatto noi a loro…
    Comunque…divertiti…sono dei posti incantevoli ed esperienze indimenticabili…il viaggiare e’ il massimo di qualsiasi tipo di educazione…

    Un cordiale saluto a te e tutti i nostri connazionali in Argentina….


  48. Mabel y Jose ( Lomas de Zamora , Argentina )

    Cara Francesca, oggi siamo stati con te nella associazione dell´Umbria e abbiamo comprovato con assoluta certeza che sei tale e quale ti vedevamo sulla RAI, e trasmetti a quegli che ti stanno intorno senso di familiarita , non fai distinzione con nessuno se bene sei capace con un sorriso di mantenere la tua posizione.
    Nelle fotografie sei venuta al normale MOLTO BELLA mah io sono diventato brutto accanto a te. O gia era?


  49. Romina

    Buona sera a tutti e tanti cari saluti a Francesca.
    Io volevo solo dare una mia opinione su alcuni fatti che stanno accadendo nel BLOG.Come appunto dice la parola BLOG,e non CHAT, io credo che Francesca voglia vivamente mantenere questo suo blog come tale e non farlo diventare una “chat popolare”.Per Silvia dal Brasile,non prendertela molto personalmente,un augurio non credo che sia un problema,pero’ io credo che Francesca ci tenga a mantenere il suo blog come un salotto mondiale dove ci scambiamo opinioni e consigli sugli argomenti da lei trattati e non un web-pages o informazioni non attinenti al suo lavoro.Questa non e’ assolutamente una critica,ribadisco e’ solo una mia opinione.
    Per quanto riguarda le codizioni sociali dell’Argentina e la poverta’,io credo che ogni Mondo e’ paese,ossia anche in Italia ci sono bambini che chiedono la carita’ o vivono in condizioni che noi nemmeno ci immaginiamo.Il problema e’ che la poverta’ e’ ovunque,basta aprire un po’ di piu’ gli occhi e si vede,e come se si vede…………
    L’idioma:lo spagnolo………..ho studiato per due anni lo spagnolo all’universita’ e ho tanti amici di origine spagnole e vi confesso che e’ una lingua stupend,a me piace tantissimo parlarla ed anch’io all’inizio scrivevo il punto interrogativo girando il foglio,perche’ non mi riuscuiva mai bene.
    Cmq le tastiere dei compiuter di diversi paesi hanno i loro simboli gia’ inseriti,non vi dico quella dei Giapponese ed i Cinesi.Una mia amcia Giapponese mi fece usare il suo compiuter,ma non ci capivo un tubo.
    Per Francesca,quando sara’ il rientro a casa?Ti manca un po’ l’Italia?Ti abbraccio forte,Romina


  50. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:

    SIETE TUTTI GENTILMENTE INVITATI AD INDICARE LA CITTA’ ED IL PAESE DOVE VIVETE.

    GRAZIE PER LA COLLABORAZIONE.


  51. teresa fantasia-Buenos Aires ( argentina )

    Ciao Francesca ciao a tutti amici bloghisti ,quoto quanto dice Norma ,non sucede soltanto in Buenos Aires il fenomeno di centinaia o migliaia di famiglie che vivono delle cose che trovano nella spazzatura , ci sono in molti paesi le discariche dove i poverissimi cercano qualsiasi cosa da mangiare o da vendere per comprare cibo.
    appunto ieri nell te delle damas ,nel nostro tavolo parlavamo della radio e dei cantanti , una delle amiche ricordava il sucesso di Andrea Parodi e dei Tazenda quando a San Remo hanno cantato con Pieragnelo Bertoli “Spunta la luna dal monte” ,questa canzone parla dei disamparados che cercano riscato nelle discariche della civiltà , son passati tantissimi anni da quella data e nulla si è risolto anzi si è agravato in tutto il mondo .Argentina popolata da meno di 40 millioni Produce cibo per 300 millioni di persone e non sfama i suoi bambini! olpa dei bambini? colpa dei genitori ? per carità !loro non vogliono migliorare o non conviene a quelli che usano il clientelismo e l’assistenzialismo per comprare voti?
    poco fa abbiamo visto in TV intervistare personale di un ospedale del Chaco,dicevano cinicamente che “i malati delle comunità Toba non volevano curarsi, che era la loro cultura”
    e poi la testimoninza di una anziana di quella comunita dire che “non la volevano curare che la avevevano rimandata a casa dicendo che era artriti” e invece era un caso gravissimo di denutrizione ! 99 % di queste comunita sono malati di denutrizione.
    “peggio che Africa” mi racontava una mia amica che faceva un ricerca nell Chaco.

    Macri cacerà i cartoneros? credete che questa sia la soluzione? credo che sarebe molto meglio capacitarli per racogliere e reciclare i rifiuti ,cartoni plastico vetro eccc,la cita sarebbe pulita e i cartoneros avrebero un lavoro meno pericoloso e dignità! cosa molto importante.
    http://www.youtube.com/watch?v=nU4BiUJYgks


  52. Giuseppe-del Connecticut ( Estados Unidos de América )

    x Natalia ( Buenos Aires , Argentina )
    19 Maggio 2008 alle 0:22

    Grazie per la “guaia telefonica”, credo che anche io ho rintracciato dei cugini argentini mai conosciuti perche` emigrarono prima della mia nascita.
    Ciao e Grazie di nuovo!!!


  53. Natalia ( Buenos Aires , Argentina )

    CARRÀMBA CHE SORPRESA!
    Sono molto contenta di essere stata utile.
    Mi raccomando, telefonate! Ci manca solo l’ È QUIIIIIIIII della Carrà :)


  54. silvia-São Paulo-Brasile ( são Paulo , Brasile )

    Carissima Romina,grazie per la tua opinione,penso hai ragione,solo che dai Post di Francesca la cosa poi si spande in mille argomenti,io penso,che pur se magari sbagliato é molto naturale,passare da una cosa all altra,perche il cervello si muove,se uno dice del matte(la bibita del sud Brasile,Uruguay e Argentina,magari alcuni partono a voler sapere se é dolce o amara,se si parla di viaggi,alcuni parlano dei loro,insomma…é come Positano Records che domanda come fare il ? sottosopra,la capovolta Anna -Brasile,gli dá un consiglio,Alessandro dice la sua…e vedi un poco,io volevo vedere se aiutavo un poco.Nel nostro blog tempo fa non ricordo chi ci dette un sito dove tu scrivi una parola ,o frasi intere,in qualunque lingua e ti dá la traduzione.Figurati che se chiedi in russo viene scritto in alfabeto cirillico,se in cinese in ideogrammi cinesi,lo sto usando da muorire,chi lo sá se Positano Records puo mettere una frase in italiano(é da qualunque lingua in qualunque lingua)con un punto di interrogazione,se chiede traduzione in spagnuolo verrá l interrogazione all inizio e fine?Intanto lo dó:io ho provato a tradurre dal portoghese al russo ed é venuto benissimo,provateci.Non dimenticate i tratti che alle volte non si vedono bene.Almeno é utilissimo pure se magari questa volta non ci azzeccate.Poi io lo trovo divertente,ho fattoin arabo pure che non ho idea di come si scrive,é bellopoi per piacere fatemi sapere…..spero di non essereuscita dal tema ,dell ortografia(interrogazione) ne ha parlato Francesca oggi.Io cercheró di azzeccarla,ma non vedo come da un argomento saltare a un altro,quando tu ti siedi e lasci il pensiero correre,rispondi agl amici,realmente,non é cattivavolontá,vedremo se Francescaci puo spiegare un poco meglio no?perche poi ala mia paura ´´e che non bloccandoci subito,ci sono tanti migliaia di e-mails,che uno come fa a trovare quali sono i sbagliati?o gl argomenti dispensabili?


  55. silvia-São Paulo-Brasile ( são paulo , brasile )

    Cara Francesca e tutti,scusate,ma é uscito ripetuto il mio,sprecando spazio.Romina non me la sono presa personalmente no,ho dato l esempio di Francesco perche é il piu recente,non so cosa sia un chat popolare,in che senso?Io ovviamente,come tutti ,sono disposta e trovo doveroso mantenere il blog come Francesca vuole,ma il problema é capire..tu dici attenersi ai temi,difatti,quando ci sono temi a cui non si deve partecipare(consultazione ecc,lasci lo spazio a chi ne ha bisogno,e pochi partecipano,quando Francesca invece ci parla del piu e del meno il salotto si riempie e i tema diventano piu numerosi perche cé pure piu gente,io trovo il nostro salotto cosí bello..vorrei Francesca pure fosse contenta e ti assicuro bisogna forse che ci schiarisce meglio.Pur lavorando e stando poco a casa io al blog ci faccio sempre una passatina,é bello starecon amici pure se virtuali,ma la padrona di casa deve essere quella piu contenta,piu di noi,come la mettiamo?U n abraccio forte forte a tutti e vedrete che ancora un poco di tempo e ci arriveremo,dico a capire cosa non va alla nostra cara Francesca,intanto buon matte e goditi l Argentina va bene?Ti seguiamo con affetto tutti puoi esserne sicura.


  56. Giorgio Turri ( Middletown, CT , USA )

    Cara Francesca,
    la tua fotografia mi ha fatto ricordare una canzone di montagna:
    “Dove sei stato mio bel Alpino?
    Che ti ga cambià colore?
    L’è stata l’aria del Trentino……”
    Nel tuo caso credo sia stato il mate che ti ha fatto cambiar colore. Devo dire pero’ che ti dona.
    Voltando pagina, devo dire che sono daccordo con chi afferma che ogni paese ha i suoi cartoneros specialmente nelle grosse citta’ dove ognuno e’ anonimo e si puo’ permettere il lusso di ignorare la poverta’ dietro l’angolo ed e’ anche vero che l’origine della poverta’ ha diverse matrici (politiche, economiche, sociali etc.) ed e’ per questo che non mi permetto di puntare il dito su niente e su nessuno. Non sarebbe giusto farlo. L’importante credo che sia non cadere nell’indifferenza o addirittura pensare che la poverta’ faccia parte della nostra societa’ e che per essa non ci sia rimedio. E’ un cancro che bisogna debellare. E come per tutti i cancri bisogna risalire alle origini e poi agire con l’antidoto appropriato. Una delle cause dell’aumento dei beni di primaria importanza come il granoturco e la segala per esempio e’ stata la decisione di devolgere quelle coltivazioni alla produzione dei cosiddetti bio-carburanti. A dire la verita’ anch’io all’inizio credevo sarebbe stata una buona idea. Ora so purtroppo che quest’idea e’ cosi’ funesta che molti nel mondo moriranno letteralmente di fame perche’ non si potranno permettere di comperare il pane ed altri generi di prima necessita’. Sarebbe bene se chi salta fuori con un’idea nuova ci pensasse non due ma dieci volte prima di metterla in attuazione.
    Un abbraccio a te Francesca e a tutti gli amici di questo salotto.
    Giorgio


  57. teresa fantasia-Buenos Aires ( argentina )

    eccomi di nuovo sono andata indietro a legere l’intervento della carissima Marta di Chivilcoy , molto bello,e ho trovato il commento del caro Positano records che passo a rispondere ,la porta che vedi comunica con la sala trasmisione e l’ area di produzione ecc. per te e per le amiche che mi chiedevano al centro umbro se si registra la trasmissione e se si puo ascoltare ,la registra Gianluca Cotza un caro amico sardo che abita a Torino , la potete scaricare dal suo sito http://www.quintomoro.it
    clicate sull baner di radio soberania sardegna nel cuore e doppo dove dice qui l’archivio delle trasmissioni ,buon ascolto buona settimana
    a tutti


  58. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Francesca,
    Guarda che ho trovato, un “puzzle” che non sara` mai fuori tema nel tuo blog.

    http://www.galleriadellacanzone.it/giochi/puzzle/primo/primo.htm

    Sylvia io credo che tu leggi piu` che sia necessario leggere nei messaggi di Francesca, ma non voglio parlare per lei, ma se si va veramente fuori fuori tema Francesca fara` una visita virtuale nel tuo PC e te lo dice faccia a faccia se sbagli.
    Buon divertimento con il “PUZZLE”

    FRANCESCA SEI MESI SON PASSATI, AUGURI PER IL BLOG.


  59. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Domani 19 maggio qui in Canada è festa, si festeggia il giorno della regina VICTORIA. Questa festa è conosciuta come (VICTORIA DAY) si festeggia sempre di lunedi,(per fare un long weekend) è solo per farvi sapere qualcosa del Canada. Francesca, sono sicuro che già sai che la povertà esiste in tutto il mondo, certo
    che vedere con i propri occhi, fa un brutto effetto, io
    non ho mai viste queste cose in persona, ma per i decumentari in tv. si vedono spessi, ed non è tanto bello vederli, vedendoli di persona capisco l`angoscia che provi, fatti coraggio Francesca. Ciao ed saluti ha
    tutti Francesco.


  60. silvia-São Paulo-Brasile ( são paulo , brasile )

    Carissimo Positano Records (Agerola-Napoli),evviva,ho fatto la prova,ho scritto una frase interrogativa e in spagnuolo mi é venuta la traduzione con la doppia ?…la prima capovolta…poi che ne só,dovresti incollarla nel testo no?Adesso basta da parte mia…senó ,ma volevo dire che é ottimo.Abraccione a te e tutti,incluso chi avesse lo stesso problema,ecco risolto…Buonanotte a tutti é quasi mezza notte qui da noi.


  61. Linda Napolitano ( Rosario Santa Fe , Argentina )

    Francesca ,ma sei davvero un caso unico ,vedendoti con il mate !!!!!!!!!!ti mancava il poncho ,per sembrare una paisanita.Non vuoi perderti ,di conoscere nessuna abitudine e tradizioni e sembra che le stai assimilando benissimo.In quanto alla parte scura della realtá ,non credevo che ti facesse ,tanto male.Cosa devo dire ,allora ,io ,immondizia da buon e gelosa napoletana,vedere ,su tutti i mezzi comunicativi le 24 ore su 24 ,maltrattare vergognosamente la mia cittá?Non per le immagini vergognose su alcune zone coperte dalla immondizia,possiamo giudicare Napoli ,anche lei ha dei posti meravigliosi ed incantevoli e che la povertá rende brutto e decadente l’altra parte della realtá.Ho avuto ,la fortuna di conoscere ,molte capitali e per curiosa che sono, ho visto delle zone impenetrabili e mortificanti ,i quali abitanti ,mi facevono sentire quasi in colpa.Sono passati secoli eppure ,l’uomo non ha ancora risolto questo tema tanto scottante della miseria umana.¿Ci arriveremo a risolverlo?É questione di coscienza umana e la sensibilitá dei governanti che hanno tutto il dovere di proteggere i piú bisognosi. La sensibilitá ti ha colpita ,ma bella ,é quando stiamo trascorrendo dei meravigliosi momenti che ci fá ancora piú male ,.affrontare delle situazioni pietose !!!!!!!!!!!!.Peró le belle esperienze,le gradevoli persone e le altre tante cose che ti manca conoscere ,mitigheranno questa tua disillusione che é anche la nostra.Continua il tuo itinerario ,con l’eterno sorriso e divertiti,mentre noi tutti aspetteremo il tuo ritorno con ansia .Ti voglio bene e spero che abbia capito il mio concetto (tutto il mondo é paese).Ti abbraccio e a domani.La tua amica Linda


  62. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    INTERROGATIVI

    Ho visto piangere i bambini!
    Negli occhi avevano il terrore
    nelle membra solo la fame.
    Chi avrà rimorso di questo male?

    Distrutto il loro corpo
    prima che vi fosse nato
    un sentimento d’amore.
    A chi addossare il crimine?

    Falciato il loro stelo
    come fiore reciso
    prima ancora di sbocciare.
    Perché dare loro la disperazione?

    Bambini dalla pelle diversa
    ma tutti uguali nei pensieri
    nel cuore e nelle necessità.
    Perché distruggere la loro vita?

    Basterebbe molto poco:
    tanta buona volontà
    e cordiale solidarietà.
    Perché non farlo?

    Questo umano passaggio
    andrebbe percorso con Amore,
    meno egoismo e tanta solidarietà.
    Sarebbe facile…molto più facile!

    Nonna Lea


  63. Mauro ( Avellaneda , Argentina )

    Ciao Francesca,

    Prima di tutto voglio ringraziare Francesca e tutti amici del blog che siamo stati al Centro Umbro, per avere passato qualche ore belle tutti insieme!!!

    Ti faccio complimenti Francesca per la foto del mate, bellisima come al solito!!
    riguardo a questa bevanda è cosi, come ti hanno detto se non sei abituata forse vengano “effetti collaterali”.. però questa bevanda (il mate = l’infusione preparata con le foglie di erba ) e molto frequente qui in Argentina possiamo dire è un rito quotidiano, si fa con l`acqua calda e si lo può bere amaro, dolce (con zucchero), ed anche si lo può fare di latte. Noi ne lo prendiamo a qualche ore del giorno; il recipiente può essere diverso, il comune è di legno, però ci sono di vetro, di ceramiche e per bere si utilizza una cannuccia di metallo che ha da un lato l’imboccatura e dal lato opposto un filtro per impedire alle foglie di erba di entrare nella cannuccia. Altri paesi,Uruguay, Paraguay… prendono il mate a volte di forma diversa a noi…per essempio con acqua fredda e lo chiamano “tereré”.

    Tra noi a volte si ascolta una frase che dice: “..il mate fa compagnia..”per essempio quel che studia e deve dare gli esami, quando di notte si rimane da solo.. a volte si fa un “mate”, allora a questo punto diventa una compagnia.

    In Argentina ci sono posti, che offrono il “mate” nel suo elenco di bevande come il caffè, il te, ecc…voglio dire che uno può prenderlo anche fuori da casa. Come hai visto è una bevanda molto diffusa tra noi.

    Riguardo a Buenos Aires, è una città sempre in movimento…alcuni la chiamano la città che mai dorme..perché sono tante offerte a tutte ore del giorno, però per altra parte c`è tante cose da cambiare…come tutto quello che tu hai visto. A volte possiamo aiutare uno, però rimangono tanti altri bambini, ragazzi…perciò speriamo che un giorno possano cambiare le cose, che abbia una legge per dare una soluzione a tutti quelli che oggi non hanno lo giusto per vivere, e per prima cosa che possano dare l`educazione.

    Bene adesso vi saluto, se Dio vuole domani ci vedremo.
    Un forte abbraccio
    Mauro


  64. Adriana ( BsAs )

    Per Teresa, Macri non ha detto che caccerá i cartoneros, ha detto precisamente quello che tu scrivi, li organizerá in piccole ditte dove loro stessi possano gestire la propria raccolta del carton. Anche ha detto che nella attualitá, questi lavoratori sono sfruttati da ignoti gestori che sono quelli che hanno il vero proffito. Al meno io ho questa informazione, certo il tempo dirá se manterrá la parola impegnata considerando che la questione dei cartoneros e un problema che viene assai prima della sua assunzione.
    Riguardo ai marciapiedi che bene ha descritto Francesca, oltre ai alberi che li rovinano, i governi che non la riparano, ci sono anche le ditte del acqua e del gas che quando riparano le tuberie sotterrane non ripongono le mattonele o lasciano il bucco aperto.


  65. liliana ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissima Francesca, è stato molto bello rivederti sabato alla Bellunese. Ho conosciuto delle persone molto gentili e veramente ho passato una bellissima serata. Quando ti sei seduta al nostro tavolo ho confermato ancora una volta quanto sei sensibile e naturale nel tuo atteggiamento.Ascoltavi tutti con attenzione senza stancarti.Tanti della televisione dovrebbero imitarti.Sei una bellissima persona! Non cambiare mai!!!
    Hai visto le foto che ti ho dato ? Ti sono piaciute?
    Ti ho raccontato che giovedì scorso ,mentre leggevo appassionatamente i commenti sul blog, ho rovinato un pentolino con delle mele che avevo messo a cuocere ?
    Naturalmente l’odore di bruciato mi ha fatto correre in cucina , figurati! Le mele erano già da buttare !
    Carissima , sei entrata nelle nostre case ,sei una parente ormai!
    Non so quando avrò un’altra occasione di vederti, ti auguro tanta felicità nella tua vita.
    Continuerò a scriverti !
    Bacioni e divertiti !!!
    Liliana


  66. liliana ( Buenos Aires , argentina )

    Vorrei salutare le persone che ho conosciuto alla Bellunese e ringraziare Teresa Fantasia per il video dei Tazenda e Bertoli al festival di Sanremo 1991.
    Grazie mille!!!
    Saluti a tutti gli amici del blog.
    Liliana


  67. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Nonna Lea bellissima poesia. sono d;accordo con Norma Trovato e Romina per tutto quello che dite,Cara Francesca, tutto il mondo e paese. Vai in qualche citta d;italia, dove vivono i poveri, vedrai le stesse scene.
    noi che viviamo in australia, paese grande, ma poca polazione, 25 volte piu grande dell;italia. Nelle citta grande succedono altre cose, solo che si mettono sotto il tappeto, per me la colpa principale e dei governi,promettono mari e monti, qando sono sulla sedia se ne fregano di tutto il mondo.Pensano solo ai loro bussines.la pancia e bella piena.Perche non vanno a fare un picnic a Napoli nella spazzatura, sai fa un bel profumo, fa aprire la fame.un saluto particolare a tutti in argentina.adios from gaetana


  68. Adriana ( Bs.As )

    Per Rodolfo Cesarini ore: 20:25
    Mi é piacciuto il tuo comento, hai ragione siamo tutti italiani e non centra se siamo del Sud, Centro e Nord, o al estero. La miglior amica che ho avuto era romana, qui in Argentina e nella attualitá ho una amica umbra.
    Per Maria Rosa Colombo, la mia famiglia, siamo del Veneto ha sempre festegiato i compleani e guarda caso che lo faccevamo assieme ai vicini che erano di Napoli. Noi eravamo tre ragazze e loro erano tre ragazzi, noi cantavamo “il mazzolin dai fiori che vien giu dalla montagna” e loro cantavano “torna sorrento”, la mia mamma facceva il panettone e i forestí e la mamma dei ragazzi portava la pizza. Tutti contenti, pensa che anche fra noi che eravamo piccoli giocavamo a sposarsi.Cari saluti


  69. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Sono d’accordo con Chiara (usa ) anche qui in questo paese d;oro l’arma della salvezza lavora sempre, sai ci sono i raccoglitori di roba che la gente butta via, e viene adoperata per vestire i poveri, i nostri stracci per loro sono capi di lusso.( La POVERTA ESISTE IN TUTTO IL MONDO.)Noi emigranti abbiamo fatto dei sacrifici per comprarci una casa. e viviamo bene perche non dobbiamo pagare l;affitto. !!!!!!!!!!!!!!!!


  70. Cecilia

    Cara francesca grazie per il tempo che prendi a scrivere,nei comenti che fai veramente é una vergogna in un paese come il nostro ci sono della gente che passa fame, or al meno solo mangiano, cara i colpabili sono i governi che non riescono o non vogliono fare o produrre fonti di lavoro e cosi tutti dobrebbero lavorare per guadagnarsi il pane dal giorno anche raggiungere una buona salute psichica, anche con la quantita di terra che abbiamo io penso.. un pezzeto di terra per la gente povera per lavorarla e cosi vivere degnamente e non dipendere della spazzatura, CHE BRUTTO!! ma ci si vede da per tutti i posti non solo a BsAs.
    No!! cara e meglio per LORO regalare cioé il cibo anche stipendi senza lavorare, che ti sembra? e da che tasca esce tutto? da noi pagando indefettibilimente gli imposti, io figlia di italiani ho imparato che si deve LA VO RA RE.
    Qua quando un governo comincia piu o meno bene, e noi stupidi lavoratori alziamo un po la testa subito ci mettono un piede sopra la testa, ed un´altra volta cominciamo il peregrinaggio dal sorfrimento.
    E questo negativo pero é la veritá
    Ti vedo bellissima nella foto, spero che ti puoi dimenticare di tutte queste brutte cose, é solo ti porti il bello della gente, l´affetto anche l´amore che ti sprimono, ma cara mia devi ancora girare un po della argentina, ci abbiamo bellissimi paessaggi diversi da quegli della italia, sia bariloche cordoba mendoza e da li continuare verso il nord, cioe da catamarca in su, devi andare!! pure atraversare la CORDILLERA de los ANDES! LAS CATARATAS!
    Per noi una sosta nel giorno con gli amici é il mate ma da voi é IL CAFE!!
    Un abraccio forte, continui cosi sempre, e non lasciare il blog


  71. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Alessandro, io invece ho provato a fare il giro della scrivania ma anche dall’altra parte non c’è stato verso di tirare fuori questo “?” capovolto ma da oggi sarà un rebus da risolvere assolutamente.
    Per Anna la capovolta di São Paulo del Brasile: sulla mia tastiera c’è il carattere “Ç” mentre non trovo “~”. Riguardo a quest’ultimo carattere, quando lo devi scrivere cosa digiti ? (Questo punto interrogativo è stato messo per porti la domanda mica per vedere se mi usciva capovolto?… E dai ancora con questo punto). Totò e Peppino De Filippo in una famosa scena di un film (Totò, Peppino e la malafemmina) detta una lettera a Peppino, divenuta famosa per “Punto! Due punti! Ma si fai vedere che abbondiamo.. abbondandis it abbondandum”.
    A Silvia (São Paulo-Brasile non quella del Pascoli… ma quale Pascoli, era Giacomo… non l’apostolo ma Leopardi.) – concordo con te, altrimenti che blog di amici è questo se non posso mettere la “lingua in qualunque lingua”, se non posso porre una domanda a Totò come a Peppino, pardon a Vito di Frenza come a Giuseppe del Connecticut, se sento odore di bruciato che vien dalla cucina di Liliana e non posso svegliarla per dirle “i tuoi sogni vanno in fumo”.
    Però tu Silvia dimmi qual è questo benedetto sito dove tutto si capovolge, così Anna ritorna normale mica possiamo lasciarla capovolta? Magari capovolgiamo anche Napoli, forse meglio di no, vero Linda Napolitano e Gaetana di Melbourne? Se viene alla luce ciò che c’è nella Napoli sotterranea, tutti noi rimpiangeremo la spazzatura di Jervolino perché Bassolino né farà un profumo da esportare in Australia e in ogni parte del mondo, pure sulla Luna dei Tazenda.
    Per tutti gli amici del salotto ogni tanto fa bene guardare al passato, quindi giriamo il foglio e guardiamo anche a ieri.
    Au revoir


  72. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Involontariamente ho capovolto pure la “Jervolino”, ho scritto “di” invece di “della”, vuoi vedere che così si risolvono pure i problemi di Napoli?????? (Abbondiamo!!!!)


  73. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    ..eccomi quq,in ritardo…
    Ieri abbiamo fatto piú tardi del solito perché abbiamo aiutato un amico nostro che ha avuto una panne alla macchina.
    Ma come succede qui in Brasile con le cose serie,con scandali di carte di credito corporative soldi che scompaiono ecc é tutto finito letteralmente
    La miseria é un in pizza al ristorante giardino di Napoli….

    La miseria é una epidemia che si spande a macchia d’olio.
    C’é gente appunto come hanno giá detto che si rifiuta di essere raccolta,preferiasce dormire al freddo perché vuole essere libera o addirittura non vuole fare il bagno e per dormire presso gli alberghi bisogna fare il bagno…
    nei miei tragitti trovo anche molti pedintes abitués nei soliti semafori…e siamo “amici” c’é uno zoppo vicino casa che appena prende dei soldi va direttamente alla padaria a prendere..una pinga..che dice serve per affrontare la “giornata di lavoro”…vende caramelle.
    Qui c’é un festival di gente che vende ai semafori e il mio bassotto che é la mia guardia del corpo ,prontamente salta sú quando mettono le cose da vendere allo specchietto retrovisore…é una triste realtá.
    Stanno facendo delle campagne per direzionare gli aiuti in centri comunitari e non per strada ma é una lotta ardua…e ne inventano sempre nuove…adesso ai semafori o in mezzo al traffico ci sono anche i giocolieri…con palline torce di fuoco ecc.

    BACHECA=pequena caqixinha de amostras
    consta ne vocabolario
    nel dizionario Melzi,
    bacheca= cassetta con vetri da metterci roba specialmente oggetti preziosi.vetrina di oreficeria,libreria

    nel Garzanti,piú moderno,c’é la definizione che fa al caso nostro.:
    spazio o pannello a muro per l’affissione di comunicati stampa o simili

    ma quello che mi ha dato nell’occhio é il vocabolo…badalone……….
    uomo alto grosso e semplicione.Uomo ozioso e vagabondo…
    che ve ne pare?

    Francesca cara,
    mi fa un piacere enorme che stai conoscendo nuovi posti e culture…anche qui in Brasile si beve il mate nel


  74. Flavia Mea Pola ( San Paolo , BRASILE )

    Nello stato del Rio Grande do Sul,hanno molte cose che si somigliano giá che sono quasi vicini i vestiti tipici dei gauchos ricordano quelli degli argentini …stivaloni,i cinturoni con monete correnti ecc.
    e fanno il churrasco che é la parilla brasiliana…ma modestia a parte se vieni a San Paolo mangi ottimi churrascos.
    Ci sono ristoranti che fanno grigliate e servono la carne a volontá “rodizio” tutti i tipi di carne che puoi immaginare di bufalo,di bue porco,javali=cinghiale…insomma Francesca vedi un pó come devi fare ,magari vincere alla Lotteria ma dovrai visitare tutti i paesi da cui noi ti scriviamo…….e al piú presto……vogliamo tutti farti conoscere le cose tipiche del paese che ci ha ospitato…
    Torniamo sempre al vecchio argomento,sei entrata nelle nostre case,nelle nostre famiglie nei nostri cuori e questo sentimento che hai creato ora scatena questo tsunami di affetto e corsa a chi puó ricambiarti di piú….

    Basta!
    Sennó poi ti monti la testa…
    scherzo!
    Saluti di buona giornata e settimana a tutti
    qui oggi non é Victoria day ma avremo un altro feriado giovedí Corpus Christi,motivo per cui dobbiamo correre e fare in 3 giorni quello che dovevamo fare in 5!
    Ed é l’ultimo ponte dell’anno le altre feste capiteranno tutte di sabato!

    Flavia


  75. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    A Teresa e Liliana da Buenos Aires.
    Mi compiaccio con voi per la bellisima serata que ci abbiamo passato insieme sabato scorso .
    Ciao. Marta


  76. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Ciao Francesca, il tema di oggi e molto ideressande,
    bella la foto, quardi sempre bella e condenda,
    ci credo, che ti a colpito, quello che ai visto,
    quando, io con la mia famiglia, abbiamo lasciato L’Italia, sto parlanto del,
    (1968)durande il viaggio, quando siamo arrivati al porto di DURBAN, cerano persone, banbini, che vivevono la naturalmente, loro si prendevano, i rifiuti della nave, per mangiare, ti faceva male il cuore, e sono cose, che non si dimendicano mai,pur troppo la poverta, e cosi, mi dispiace che siamo, (20008) e ancora, si sendono queste cose,coraggio bella,ti auguro, un buon proseguimento,
    ti abbbraccio.
    Francesca.


  77. anna-Brasile(São Paulo)

    Caro POSITANO RECORDS, ed anche ALESSANDRO, che bisogno c’è di chiamare Totó in causa se c’è Anna sul blog? Positano, hai visto come fà bene fare esercizi girando il tavolo? Io mi sono precipitata a svelare i miei trauma scolastici, e non ho pensato, ma poi ieri sera crepavo dal ridere, e stamattina ricordandomelo di nuovo…se stessimo veramente in un salotto sarebbe un bel momento.
    Per ora non rispondo alla domanda del ~, ora ci debbo pensare dieci ore. Ma certo che capovolta la mia testa funziona meglio, lo vedete?
    Un abbraccione ed alla prossima domanda, scusate, risposta.
    Anna


  78. silvia-São Paulo-Brasile

    Carissimo Positano-Records,ti avevo mandato il sito per tradurre le lingue senzacapovolgerle,ma non lo trovo,sará che ho sognato di averlo mandato?mihai fatto tanto ridere con ció che hai scritto,oltre che a metterci un poco per capire tutto…sic…cervello pigro credo stamattina(spero solo stamattina)Dunque il sito é : www2.worldlingo.com/it/products_services/worldlingo_translator.html
    Annotalo subito e usalo ,vedrai come ti servirá bene(la traduzione non é gran che,nella mia prova una parola era sbagliata,ma la ?capovolta in spagnuolo viene se tu scrivi una frase con interrogazione in italiano.Mi sono ricordata una barzelletta di portoghesi migrati che si lamentano che i fiammiferi mandati da Portogallo dalla famiglia non funzionavano.I parenti risposero:impossibile ,li abbiamo provati uno a uno ,erano perfetti.Bacioni a tutti,Silvia(non del Leopardi infelicemente.


  79. silvia-São Paulo-Brasile

    Carissima Francesca,ecco,ora so che ció che ho scritto non é una bacheca…grazie a Mea Pola che ha cercato nel dizionario.Io non ho un dizionario o enciclopedia italiana,andró correndo a comprarla,io uso sempre dizionari italiano-inglese,inglese-francese,italiano francese,ecc ecc,questo lo faccio apposta perche amo esercitarmi un po ..dico,non dimenticare quel poco che so,ma succede che poi vedo bacheca in inglese e non capisco in inglese cosa vuole dire,né in francese,adesso mi avete fatto capire che devo avere un enciclopedia forzosamente,andró alla libreria Cultura o FNAC ,OGGI a comprarne una buona.Abbraccio e grazie per avermi fatto rendere conto di questa grave lacuna a casa mia.


  80. silvia-São Paulo-Brasile

    Ecco ,voglio aggiungere una cosa alle informazioni sul mate che manda Flavia Mea Pola poco su.Nel RioGrande do Sul é pure abitudine che il mate (un solo recipiente) passi da persona a persona e tutti bevono nella stessa cannuccia.Lo fanno pure gli studenti che sono a São Paulo.Certo penso non sia ideale per l higiene,ma il mate é realmente una forma di legame tra le persone e questo berlo tutti dalla stessa fonte rappresenta in concreto questa simbologia..questo lo só di sicuro perche ho amici gauchos e ho giá partecipato di una bevuta di mate comunitario,.Un abraccio a tutti e per oggi mi fermo….opa…..


  81. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Cara Francesca, che bello ritrovarti dopo questo fine settimana, come vanno le cose li’ in Argentina? Se hai bevuto l’infuso di te’,avrai assaggiato anche la calvaria che io ho assaggiato tanto tempo fa,quando uno zio della mia mamma che viveva a Buenos Aires,la portava come regalo e anche il te’ argentino che se ne avessi un po’ me lo berrei volentieri.E la carne l’hai mangiata? Chi e’ andato in Argentina dicono tutti la stessa cosa, mangiate la carne che e’ molto piu’ buona di quella di altri paesi,sara’ vero?Grazie per avermi risposto alla mia domanda su i tuoi spostamenti, ma non ho mai dubitato su quello che ti stai prefissando nei tuoi progetti,qualcosa di veramente grande stai facendo per noi, che siamo lontani ma anche molto vicini con il cuore ai nostri familiari.Per mio avviso averti conosciuta in televisione, mi hai dato un modo in piu’ di far conoscere a tante altre persone il vero valore di ogni tuo incorraggiamento a non demordere mai nella vita,e per questo ti dico GRAZIE!!!!


  82. Franco Petrocco ( Valinhos SP , Brasile )

    Cara Francesca, leggo le tue notizie e alcuni commenti dei bloghisti, non riesco a leggerli tutti mi manca il tempo, sempre con grande soddisfazione e allegria. Ma quando vedo che Francesca, vá all’Australia, Stati Uniti, Argentina e non si ferma qualche giorno in Brasile, mi dispiace ma non credo che sia colpa di Francesca. Faccio un invito a Renato Gagliardi di Campinas, Silvia e Anna di São Paulo, Aldo di Curitiba, per preparare insieme un programma per Francesca e poi fare l’invito.È una idea, solo per incominciare!
    Un grande abbraccio a tutti i compagni.
    Francesca, sei sempre brava, un grande abbraccio.
    Franco Petrocco


  83. Flavia Mea Pola ( SÃO Paulo , Brasil )

    Silvia grazie dei piú ragguagli…noi lavoriamo in gruppo!
    Se non trovi il dizionario alla fnac c’é la libreria italiana che ne ha sempre!
    Ma non sarebbe una bella scusa dire:devo andare in Italia per comperarmi un dizionario?

    Ciao a te e a tutti,

    Flavia


  84. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    Ciao a Francesca e tutti i partecipanti al blog, perdonatemi se sono retorica ma penso che Francesca ci ha dato una direttiva di come partecipare al blog, cioe` attenerci a cio` che lei ci presenta perche` penso abbia una ben precisa direzione che noi possiamo immaginare ma non ne siamo sicuri. E allora ogni tanto che noi usciamo fuori tema e usiamo questo blog per sollecitare o dare informazioni di tipo personale, lei giustamente ci riprende. Quindi penso che siamo tutti adultini e dobbiamo controllarci a fare certi scambi. Questo non e` “Un lonely Heart Club” ma un modo per dare i nostri spunti, le nostre idee, consigli di come migliorare o risolvere il tema da lei presentatoci, il che e` una bellissima idea, perche` alla fine di tutto lei e` la regista e noi siamo i protagonisti. Un saluto caro a tutti, luciana


  85. Giovanni Paolo Lauricella ( Buenos Aires , Argentina )

    Commento per Francesca

    guarda questo link

    http://www.scuolaedeamicis.com.ar/nota.asp?IdNota=27&IdSeccion=1

    Bacione Juampi (Acuola E. De Amicis)


  86. Anthony ( Montreal , Canada )

    Goditi questi bei momenti certamente molto emozionanti.Oltre al punto interrogativo c’e’ pure l’esclamativo che va messo due volte e alla rovescia, cose che avresti certamente notato nella mia Antologia Multilingua
    Anthony


  87. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Quando la mia amica (americana) torno’ da un viaggio a Roma, la invitai a casa per un caffe’ e per farmi raccontare tutte le belle cose che aveva visto, mi aspettavo un lungo racconto sulle bellezze di Roma invece la prima cosa che mi disse e anche con molta tristezza e sconcerto fu di come Roma e l’Italia in genere fosse sporca e tutti quei bei palazzi imbrattati dai graffiti e di come nessuno faceva niente per evitare tanto degrado, poi tutti quegli zingari a elemosinare…questo per dirti Francesca, che se a Buenos Aires i marciapiedi sono rotti e un po’ sporchi chi vive li’ non lo nota piu’ cosi’ come chi vive in Italia si abitua a vedere cose che solo chi la visita le nota.Ad esempio, quando torno a Torino, solo ora mi accorgo di come le strade di questa citta’ sono mal tenute, per non parlare dei marciapiedi, bagno pubblico dei cani!Lungo i caratteristici viali alberati di Torino dove oltre al traffico delle auto scorrono anche le rotaie del TRAM, le erbacce crescono selvagge, nascondendo insidie pericolose quali siringhe dei tossici e altra immondizia buttata dalle auto, ma il comune non provvede ne’ a pulire ne’ a tagliare le erbacce che spariscono in inverno rivelandoci tutto lo sporco. Si impara fin da bambini a non camminare nell’erba (erba si fa per dire)dei viali e che e’ bene avere scarpe chiuse. Ecco, non che io non le avessi mai notate queste cose nella mia citta’, semplicemente mi ci ero abiutata…ma ora quando ci torno mi rendo conto della brutta impressione che fa. La cosa che mi colpisce di piu’ e’ che se lo faccio notare ai miei amici, mi guardano come fossi un marziano, mi dicono “la citta’ e’ cosi'” con quell’aria di apatica indolenza, di rinuncia alla speranza del miglioramento. Molto meglio rassegnarsi e imparare a non vedere.
    A proposito sapete tutti cos’e’ un TRAM? Sono poche le citta’ italiane con questo mezzo di trasporto, elettrico e su rotaie che non inquina, ma fa un rumore, se abiti ai piani bassi quando passa pensi al terremoto.


  88. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    Brava Claudia Roman, io torno spesso in Italia e si faccio un po` la turista, ma espressamente torno al mio paesello per godermi tante cose e persone che non ho qui in America. Anch’io rimango all’apatia sulle cose che loro vivono giornalmente e ci fanno il callo e non le vedono piu` e a noi che guardiamo con l’occhio fresco ci saltano subito davanti specialmente quando vado nelle grandi citta` e in particolare Napoli dove ho parenti. Forse e` un modo di sopravvivenzaper loro. Il tram lo conosco bene e qui a Detroit avevamo un tram
    “trolley” solo al centro e mi divertivo all’ora del pranzo a farmi una scarrozzata durante gli anni 60 70 quando lavoravo in Consolato ma ahime` l’hanno tolto verso il principio dell’80. Anche qui specialmente nella citta` di Detroit c’e` molto sporco, edifici e case delapitate forse fa male di piu` vedere una cosa del genere in Italia perche` per primo e` un patrimonio inestimabile che sfortunatamente si apprezza solo quando non si ha piu` e poi e` come dire e` casa nostra e dovrebbe essere tutto perfetto. Forse domani sara` un giorno migliore, meglio non pensarci oggi.


  89. Claudia ( Buenos Aires , Argentina )

    Buon girno a tutti!
    Vi saluto e ringrazio prima di tutto a Francesca che ieri e stata con noi presso il Centro Umbro di Buenos Aires dove la colletivita l’ha accolta con molto piacere.
    Il pubblico era numeroso, c’erano i giovani del centro umbro che avevano lavorato per questa festa assieme alla commissione direttiva, il pubblico del nostro programma radiofonico e il pubblico in genere che frequenta questa sede.
    Dopo intonare l’inno argentino e quello italiano, e dopo il filmino che abbiamo fatto conoscere sulla regione del centro d’Italia, cioe la terra di San Francesco, si e presentata Francesca che con grande naturalita, intelligenzia si e diretta verso il pubblico presente raccontando il motivo di questo viaggio e il percorso che ha fatto nelle tante associazione che ha visitato.
    Ha parlato della importanza della lingua italiana e di tramandare questa conoscenza ai figli e ai nipote perche non si perda.
    Pure ha parlato del suo blog e di questa possibilita di continuare vicinissima con l’italiani che vivono fuori dell’Italia e la domanda che sempre la gente si porge e quando tornera alla tv?, piu che una domanda e stato l’augurio di un pronto ritorno. Lei con tanta gentilezza si e avvicinata a chiunque volesse salutarla.
    C’erano gli amici del blog presenti: Teresa, Mauro,Lucia, Luigia, Anabella, Maria Rosa Vallone, Patrizia ed Ernestina e che poi abbiamo avuto occasione di parlare in “privato” tutti insieme con lei.
    C’e stata una degustazione di piatti tipici umbri che il pubblico presente ha accolto con entusiasmo.
    Una altra giornata con la “calidez” di Francesca a chi ringrazio veramente.
    Oggi sara l’ultimo incontro in questa capital presso l’Associazione Calabrese prima che parta per la bella citta di mare Mar del Plata distante da Buenos Aires 400km.
    un caro saluto da buenos aires,
    Claudia.


  90. Claudia ( Buenos Aires , Argentina )

    Mi ha mancato anche ringraziare nel giorno di ieri presso il Centro Umbro i mariti e compagni/ragazzi dei blogghisti/salottosti che accompagnano le loro donne e questo mi sembra molto importante da sottolineare perche tante volte il ruolo dell’uomo viene un po come dire “squalificato” e non e stato il caso di queste persone che nomino,il marito di Teresa, il marito di Luigia, il ragazzo di Anabella, il marito di Patrizia e papa di Ernestina, a tutti grazie,
    Claudia.


  91. Mauro ( Avellaneda , Argentina )

    Ciao a tutti,

    Prima di tutto non voglio fare una Chat del blog, peró voglio poter dirle a Sara ( matera , italia )
    18 Maggio 2008 alle 20:12, che io conosco una persona con cognome Dileo, un compagno di lavoro. Ho raccontato lui questo, e mi ha detto che aveva famiglia, in Sicilia, quello che lui riccorda…non so se questo ti puó aiutare.
    Un´altra volta chiedo scusa a tutti per andarmi fuori del obbietivo del blog.
    saluti


  92. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Hola Francesca, molti emigranti italani, dei vecchi tempi non sono mai più tornati in Italia da L`ARG.NA. Nom è mica perchè hanno bevuto la YERBA MATE? Ho forse ne hanno bevuta troppo? Che poi si sono ammalati?
    Francesca stai attenta, perchè tutti ti vogliamo conoscere, perciò non approfittare troppo di quel`erba.
    È solo un consiglio, poi sono sicuro che sai benissimo
    cosa fare, Francesca da parte mia un saluto ha quelle belle signore. Ed un abbraccio per te, Francesco.
    PS MI FA PIACERE CHE SAI, QUANDO RIPOSARE CIAO.


  93. Juliana Ontario Canada

    Ciao Cara Francesca, ho letto con attenzione il tuo diario ho notato, che ti ai sentita male di vedere che i bambini cercano il cibo fra la spazatura, questo e’ normale da per tutto il mondo sai perche,’ e’ una profazia da circa 2 mila Anni fa citata da Christo Jesu’se leggi il libro dell’apostolo Giovanni capitolo 12:1-11 li’ troverai che Gesu’ ando acena da Lazaro che aveva apena destato dai morti, percio’ gli inbandirono la un pasto serale,mentre giacevono a tavola Maria sorella di Lazaro prese una libbra di olio Profumato nardo genuino molto costoso,una libbra e’ unpo meno di mazzo litro,e spalmo’ i piedi di Gesu’e gli asciugo’ i piedi con i propri capelli. La casa fu’piena dell’odore dell’olio profumato……Giuda Iscariota cercava di inpedirlo……….Gesu’ disse Laswciatela stare affenche’…osservanza in vista del giorno della mia sepoltura, perche’ i POVERI li avete sempre con voi,,,,questo si e’ averato, non importa quando e ricca la nazione non c’e un posto nel mondo che non c’e’ la poverta,’ per esempio prendiamo il Canada, e una nazione molto ricca e grande distesa di terreni, con solo 32.852.849 abitanti e che solo la provingia dell’Ontario ci stanno bene circa 10 Italie,e’ pure ci sono quelli che dormono sul marciapiedi li vedi li’ sotto la neve che fa’30 sotto ‘0’a chi vogliamo dare la colpa? anessuno, ma solo a Satana il Diavolo che si impatronisce delle facolta mendale delle persone che vogliano vivere cosi’ i governi mettono a disposizione alloggi come scuole e altri logali ma non vanno li’ nessuno possa far cambiare la mendalita,’ solo Dio puo fare questo e Gesu lo disse che Dio il padre suo fa di questa terra un paradiso e solo allora, vivremo come una grande famiflia,e con dignita’ e amore fraterno,ancora un pochino e il malvagio Satana sarra’ spazato via per sempre (Romani 16:20), un cordiale saluto prima alla cara Francesca che ci da questa portunita di esprimerci, e poi a tutti i miei amici del glob che tando amo un abraccio a tutti Julia


  94. anna-Brasile(São Paulo)

    CLAUDIA(bAIRES) grazie del bel relatorio, che invidia. Hai fatto bene a nominare gli uomini, sebbene ogni tanto sarebbe divertente se stessero in secondo piano…

    FRANCO PETROCCO- certo che al dovuto tempo prepareremo, ma io sò che non è facile fare tante settimane in un posto e poi altrettante in un altro, non ce la farebbe, il Brasile è grande anche. Un pò di pazienza

    CLAUDIA ROMAN(USA) Anche io da poco amici romani che erano assenti da alcuni anni e ci sono stati mi hanno riferito anche loro quanto dici tu, non l’avevo detto perchè non voglio ferire l’italianità forte del blog.
    A São Paulo c’erano il tram aperto e chiuso, logico che l’aperto era più divertente, quanto l’ho usato…ora non c’è più, peccato.

    LUCIANA CIANFARANI(USA)- Ho capito quanto dici, è molto chiaro, ma ora per esempio, cosa possiamo dire o fare per le strade di Buenos Aires e i poveri di quella città? Certo possiamo paragonarle con dove viviamo(qui è uguale), ma il tema si esaurisce lì. Oppure tutti dovremmo fare come Flavia Mea Pola che ci dà un resoconto tanto interessante di tutto.
    Ma è il tema? Io ripeto che non mi è chiaro anche con tutte le spiegazioni, sarò scema, ma spero di non essere l’unica, ed anche noi meritiamo partecipare del blog, oggi c’è dappertutto la lotta per l’uguaglianza con le differenze…
    Un abbraccione
    Anna


  95. Juliana Ontario Canada

    XPositano Record,
    Ciao mi ai chiesto dove mi trovo e se Ontario e’ Provingia Si’ io sono nella grandissima provingia dell’Ontario se prendi Gloog e scrivi map Ontario ti da’ tutta la estenzione se percaso li’ in Italia c’e’la map Altas ti spiega tutti i territori che ci sono il Canada prende dal mare Atlantic al mare Pacifico e ci sono in tutto il Canada 10 provinge e 32.852.849 Abidanti le cita’ che ai mensionate, mi sempra che sei molto conoscente del Canada,perche’ ai mensionate il nome delle Cita’ queste Cita’ sono tutte parte dell’Ontario
    la mia Cita’ si chiama Guelph puoi proningiarla? si pronungia Guelf sono in mezzo Toronto 45minuti Naiger folls90 m, Montreal Q.B 6 ore di macchina, Vancouver 4 ore di aereo California come L’Italia 8 ore di aereo, grazie Positano e spero che sono stata precisa se forse non ho spiegato bene be ti devi accodentare, non sono una persona ben istruita non credo che posso fare di piu’ considerando la mia eta’se indovini! saluto a te e gli altri del salotto, un grande abracio a Francesca J.


  96. Ezio - Manuel Antonio - Costa Rica

    per POSITANO se vuoi inserire il punto esclamativo o interrogativo rovesciati e’ semplice se sei in Word clicca su “Inserisci” e poi “simbolo” li trovi tutti i caratteri che vuoi e ti servono. Dopo di che lo evidenzi, “enter” e ti compare sul documento che stai scrivendo. Se lo vuoi inserire qui nei commenti devi fare “copia” “incolla”


  97. GIANNI [TORONTO]CANADA

    Ciao Francesca;
    Eccomi di ritorno delle mie vacanze a Cosenza e Torino.
    Mi sono divertito molto nel legere tutti i commenti
    alcuni condivisibili alcuni no.
    Divertiti in Argentina terra bellissima ma con tanti problemi.
    Francesca se vieni a toronto conta sulla mia ospitalita Gianni


  98. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    Pace e Bene!! per il “salone” mondiale, e da domani, Buon Proseguimento di TOUR in Mar del Plata, per la nostra “Santa Francesca”.
    Mi sono fatta una scappata relax…in campagna, perche’ spiaggia a Guanare non ne abbiamo, pero si vari fiumi con del pesce speciale per preparare un buon “hervido” in famiglia.
    Francesca spero che i temi trattati nel tuo pellegrinaggio associazionistico non siano stati maggiormente, cittadinanza, pensioni, assegno di solidarieta, assistenza sanitaria,lingua italiana, cultura regionale,progetti per i giovani, joint venture, ecct….perche se e’ cosi l’On. Ricardo Merlo,che credo sia stato il parlamentare piu votato all’estero (voi mi corregerete),si deve incominciare a preoccupare per la prossima Legislatura con la Onorevole Francesca Alderisi!!!FRAAAN si sente bene, quindi 5 anni di TV e poi la unica e veramente rappresentante della comunita italiana all’estero…comunque gia vaaaari compagni bloghisti hanno lanciato la proposta e Francesca dice NO NO NO….POR AHORA !! Cari saluti alle dame italo argentine ONELIA ed ELVIRA , perche’ come me, sono poche telematiche e molte cartacee.
    Ugualmente debbo salutare per la precedente attenzione a Don Vito di Punto Fijo, ed augurargli EXITOS nelle sue attivita’ commerciali e saluti paesani all’eximprenditore del pesce ( grazie, CHAVEZ per i favori ricevuti )…y en Guanare, tierra de la virgen de Coromoto – Patrona del Venezuela, estamos a la orden de los compañeros italovenezolanos de nuestro salon virtual.
    Permesso per gridare anch’io W INTEEER TRICAMPIONE!!! per terza volta consecutiva Campione d’Italia, e felice anche per la mia cara e polemica CATANIAAAA!!!
    Ciao e dopo leggere i tanti(100) commenti dei compagni ,presto ci risentiremo . Gesualdo


  99. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Lasciamo perdere questo dilemma del punto interrogativo capovolto perchè anche dopo i suggerimenti di Ezio non riesco a scovarlo.
    Finalmente Juliana sappiamo dove venirti a cercare!
    Quindi d’ora innanzi quando scrivi i tuoi commenti devi aggiungere anche Guelph.
    Sono stato su google, ho scritto la parola Guelph e mi sono apparse tante foto: Guelph Gardens dove si vede una palaghiaccio, Guelph City Hall, University of Guelph-New, Guelph Research Park e tante ancora.
    Poi ho aggiunto la parola Juliana e quindi ho effettuato la ricerca di immagini con la scritta Guelph Juliana e con mia grande sorpresa, sapete cosa mi è apparso?
    No, no, non mi è apparso Anna capovolta, ma provate e poi mi fate sapere!


  100. Mabel y Jose ( Lomas de Zamora , Argentina )

    Caro Francesco di Toronto, Il mate é tanto cativo quanto il bacio di una MAMMA, siamo tutti amalati in Argentina, Un abracio


  101. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Silvia,
    ho seguito il tuo consiglio e sono stato al sito che mi hai indicato ovvero

    http://www2.worldlingo.com/it/products_services/worldlingo_translator.html

    Gli ho posto la seguente domanda:

    Come posso scrivere il punto interrogativo capovolto?

    E lui sai cosa mi ha risposto?

    Ningún problema Ana piensa a nosotros!

    E mi è arrivata la soluzione seguente:

    ¿Cómo puedo escribir el punto interrogativo turned over?

    Ana ha dicho por lo tanto.


  102. Daniel ( Buenos Aires , Argentina )

    Ciao Francesca,

    scrivo ora dopo aver presso coraggio per farlo, perché io non parlo l´italiano, peró mio amico Mauro mi ha aiutato a scrivere. Sono contento che ti sia piaciuta la cittá, anche il mate. Oggi saremmo alla Associazione Calabrese. Ti faccio complimenti per tutto quello che fai per gli italiani al estero. Ti auguro un buon viaggio a Mar del Plata, speriamo ritorni presto in Argentina!!
    un abbraccio
    Daniel


  103. Matias Marini ( Buenos Aires , Argentina )

    Grazie, Francè, per i tuoi commenti anche negativi. Sono utili per capire come veniamo percepiti dagli stranieri.
    Riguardo ai “cartoneros” (coloro che raccolgono i cartoni per strada), sono una vera industria. Purtroppo, è da mesi che Buenos Aires, come Napoli, è in “emergenza rifiuti”. Anche se qui non è la mafia a bloccare la soluzione del problema, ma i politici che non hanno il coraggio di fare fronte alle conseguenze sociali e politiche di spazzare via quel problema. Per quello l’anno scorso i “porteños” hanno, come a Roma, hanno votato per una svolta verso la destra.
    Come tu dici, l’architettura di Buenos Aires assomiglia molto a Parigi. Infatti, fino agli anni 30 del 900, l’elite politica ed economica argentina (soprattutto i conservatori) hanno pensato questa città secondo il modello della capitale francese. Loro erano innamorati dell’Europa e mandavano i loro figli a studiare a Parigi, per poi tornare a governare l’Argentina.
    Abbraccio.


  104. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    No Mabel y Jose, era solo un modo di dire, conosco molti argentini, ed altri sud americani, qui ha Toronto
    m


  105. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Non so cos`è successo Mabel quel che stavo dicendo,con Argentini ed altri sud americani, siamo tutti amici ed nessuno è malato. Chiedo scusa. MABEL Francesco.


  106. silvia-São Paulo-Brasile

    Dio mio,che “ammuina”,Anna-São Paulo,Brasile,é riuscita a veramente capovolgere la testa di Positano -Records?ti ho detto che ci sono errori di traduzione ,ma tu volevi l interrogativo a testa sotto e quello ti é venuto…sic.Poi Ezio di Costa Rica,ti ha dato istruzioni migliori delle mie,meno male che posteriori alle mie.Luciana Cianfrani(Troy-USA) tu hai ragione,Francesca é la regista e noi l orchestra,(non direi protagonisti)giustamente vorremmo affinarci gli strumenti senó la nostra povera regista come fá?.Flavia Pola(São Paulo-Brasile)che bella idea,ma io giá alla Livraria Cultura ho comprato il dizionario “i Garzantini,mi é sembrato sufficiente per ora,ma ci penseró ha?io adoro andare in libbrerie a comprare sai?e avendo una buona scusa figurati se ci rinunziavo,ma il viaggio in Italia…poi c era poca scelta a dire il vero,non ho pensato alla Libbreria italiana che é vicino alla casa di mia sorella ,e dire che prima sono passata da lei….lo dicevo stamane che il mio cervello lo sentivo un po lento…sic.Bacioni a tutti,Silvia


  107. silvia-São Paulo-Brasile

    Carissimo Positano -Records-Algerola-Italia,ho riletto la tua esperienza sul mio consiglio,il problema é che mi hai fatto ridere fino alle lagrime,e ho avuto paura mi venisse un accidenti…tu sei proprio un napoletano sai?lo dico perche só che una delle caratteristiche é l “humor”(per stare al sito”)inteligente.Io posso dirlo perche oramai sono piu brasiliana che italiana,quindi queste qualitá che dovrei avere le ho perse .Ti giuro é vero,ho dovuto smettere di leggerlo….Un forte abbraccio a tutti del blog e buon viaggio a Francesca a Mar del Plata,bellissima cittá di Mare,,Silvia


  108. Flavia Mea Pola ( São Paulo , Brasil )

    .Tutto il mondo é paese.

    LEGGEVO su un settimanale,Veja,( vedi)che all’inizio del novecento quando hanno inaugurato il Teatro Municipale di San Paolo c’é stato un traffico bestiale perché tutti i 300 proprietari delle macchine registrate allora hanno deciso di andare all’inaugurazione del teatro con la macchina….
    ma poi la cosa é finita lí…oggi giorno 300 macchine non é niente…solo ogni giorno qui a San Paolo ne immatricolano a migliaia;
    troppa gente che crea anche un inimicizia che prima non c’era.i vicini di casa si conoscevano tutti era come una famiglia ora chi abita in palazzi sale e scende con l’ascensore e non sá neanche se é il vicino del 5ºo del 26ºpiano tanto per dire.Le persone rimanevano per strada,i bambini giocavano tranquillamente per strada andavano in bicicletta…mia zia addirittura 50 anni fa andava a passeggio col suo cavallo per le colline dei dintorni
    …oggi tutti chiusi a casa col lucchetto la porta sprangata
    C’é gente ce abbandona tutto e va a dormire per strada.
    C’é una signora proprietaria di un negozio di lampadari qui vicino casa ,che raccoglie vestiti per distribuirli ai mendicanti che gironzolano vicino alla stazione del Metrô.Ebbene uno di questi signori,hanno scoperto,aveva un cellulare lo hanno caricato,aveva la batteria scarica:la famiglia benestante,lo cercava disperatamente da mesi,lui ha voluto lasciare casa ditta,macchine famiglia e si é messo sulla strada deluso della vita…
    poi ci sono quelli che hanno perso tutto o ‘l’amore e sono delusi…ognuno ha la sua storia ma mi rivoltano i genitori che mandabno i bambini a mendicare per la strada e loro se ne stanno magari,tranquilli a casa senza lavorare.
    Sono tanti i problemi e difficili da risolvere specialmentenelle grandi cittá con tanta gente che ci si perde
    Cosafare?
    Forse hanno ragione queli che hanno fatto qui a San Paolo una campagna dicendo che la miglior elemosina e non fare mendicare se si incomincia a non intenerirsi e


  109. Flavia Mea Pola

    ..e non dare l’elemosina e convogliare i necessitati in centri specializzati…a cui dare il proprio appoggio,creare impieghi attivitá oneste.
    La prefeitura della cittá il comune ,tanto per intenderci, poteva assoldarli per far pulire i giardini abbandonati lungo le avenidas…migliorava la cittá e si dava una chance per rigenerarsi a chi lo vuole…ma capisco benissimo che le cose sulla carta sono diverse dalla realtá..staremmo per ore ed ore qui a parlare e non so se riusciremo a trovare una soluzione.
    Fammi smettere sto diventando troppo pesante…buonanotte,
    Flavia


  110. Antonio Cozzarelli ( Centro America )

    Purtroppo, cara Francesca, quella di frugare nell’immondizia per sfamarsi ecc.ecc. é una triste realtá che esiste in tutti -dico tutti – i Paesi dell’America Latina e oltre, le cui autoritá e/o Istituzioni di beneficenza, per molti versi, nn hanno mai mosso un dito per ovviare questa disumana, delicata e vergognosa situazione…..
    Ma perché, bisognerebbe invece domandarsi, i cosiddetti Paesi ricchi spendono miliardi e miliardi di dollari (o euro) in guerre, in politicherie d’ogni genere, ma non hanno mai avuta la piú minima considerazione o solidarietá per tutti questi milioni e milioni di derelitti umani?…
    Divertiti, Francesca cara, continua col tuo lavoro e non meravigliarti di certi quadri ingiusti e pietosi che i tuoi viaggi ti fanno e ti faranno conoscere…. anzi che ti siano di insegnamento, come lo sono sempre stati per noi italiani……sparsi per il mondo!
    Un abbraccio affettuoso dal tuo, Antonio Cozzarelli


  111. Juliana Ontario Canada

    Positano Record, Sai che ho messo come tu ai detto,ma non pesare che quello apartiene a me.
    io non ho idea, comungue io sono libera da quello, non e’ il mio nome la’ e quindi non sono io stai tranguillo, a me non mi devi trovare sull’Internet ti posso dare il mio intirizo se vuoi venere a visitaci. la Cita’ e’ grande lunivirsita’ di Gueph e’ il piu’ grande Universita del north America e quendi sai quanti studenti ci sono? da per tutto il mondo che vengano a studiare qui,posso dire che Guelph e’ una bella Cita’ di oltre 100mila abidanti,in oltre ti dico che questo blog di Francesca e il primo che ho non ho mai andata su internet, e poi tio chiest se indovinavi la mia eta’ sono sposata,cio tre figli maschi e due nipotini, il mio primo figlio 45 anni secondo43,e terzo40 fatti il condo, ciao e stammi bene figlio mio,


  112. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    Silvia,
    hai ragione quando dici che non ti senti piú italiana…io dico scherzando che sono tropicalizzata…senza volere,si prende il modus vivendi di dove vivi e lo assorbi…a bene intenderci non siamo né zuppa né pan bagnato siamo…italiani all’estero …che Francecsa ci ha riunito…e torniamo al punto d’inizio

    Ora basta vado a dormire domani mi aspetta una giornata campale……..

    Ciao a tutti scusate la mia filofia oggi….

    Flavia

    quindi io qui mi sento straniera ma mi trovo bene per caritá ma ho assobito senza volere,delle usanze di qui,poi quest’anno a gennaio in Italia per esempio, mio marito voleva comperare un cappello di paglia tipo panama.siamo andati in un negozio a Torino…”ma signora adesso é inverno non é stagione….venga in primavera verso maggio…” mi ha detto il commesso come se gli avessi chiesto una cosa assurda
    qui in Brasile non abbiamo di questi problemi trovi tutto sempre in tutte le stagioni


  113. Linda Napolitano ( Rosario Santa Fe , Argentina )

    Senti bella vorrei sciverti oggi,qualcosa che non ha nulla a che vedere con le opinioni sul tuo viaggio in Argentina .Ho una sorella che vive a Barcellona ,chateamo diariamente ed io le ho fatto il commentario che tu ,non avendo piú il programma Sportello Italia ,per la T.V,il quale lei mai avbebbe potuto vedere perché la Rai International ,non andava in onda in Europa :adesso potrebbe connettarsi dal momento che il programma nuovo da te ideato ,per mantenere un continuo contatto con i tuoi televidenti ,adesso :ci sará,ma ,posso io ,darti il suo correo elettronico in questa pagina?Come non só che fare aspetto una tua risposta ,non voglio disobbedire ai tuoi codici…………OK?.un bacio da Linda


  114. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    FRancesca buon proseguimento
    Flavia

    Alderisi…come havevo inventato l’altro giorno?

    Flavia affetta da Aderisiretinopatia acuta…..


  115. Linda Napolitano ( Rosario Santa Fe , Argentina )

    Desidero immensamemte che si possa realizzare il contatto con mia sorella Adriana a Barcellona.Spero che il tuo viaggio stá seguendo a gonfie veleeeeeeeeeeeeeee .Devi stare chissá ,per Mar del Plata (bellissima e grandissima baia.Ecco sono ,arrivati i miei nipotini e smetto che vogliono essere tenuti sempre in conto e ben ricevuti .Ciaooooooo un bacione anche da loro che mi sono vicini ahhhhhhhhhhdevo mettere i loro nomi (che cosa!!!!!!!!!!)Guido ,Pilar ,Lucas.La tua amica linda


  116. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buona notte ha Francesca, ed tutti i bloghisti, domani è un altro giorno, ed speriamo che sia un buon giorno.
    ciao ha tutti Francesco.


  117. ROBERTO ( BUENOS AIRES , ARTGENTINA )

    Carissima Francesca: oggi ho letto ne blog le tue impressioni sulla nostra cittá. Condivido assolutamente i tuoi commenti sui marciapiedi di Buenos Aires. Oggi porto nella mia faccia i segni d´una brutta caduta che ho sofferto propio ieri.
    Con riferimento ai tuoi sentimenti quando hai visto l´indifferenza della gente davanti al brutto spettacolo dei bambini che mettono le mani nelle buste della spazzatura merita un discorso piú profondo in omaggio a tutte le persone che sono impeganati nel volontariato ed anche per chiarire diverse modi di sfruttamento. Un bacione.


  118. anna-Brasile(São Paulo)

    Caro POSITANO RECORDS, prima di tutto sono entrata nel site da te nominato ho messo anche Juliana e ci sono più di 70 pagine, per non impazzire per piacere sii più preciso, a che pagina`debbo andare?

    Mi stai facendo ridere tanto di me stessa che avrò bisogno di un psichiatra del quale ti manderó il conto.
    Poi, per piacere, già ho la testa capovolta, restituiscimi la doppia n, fra poco divento AA, quindi quasi anonima.

    Se Francesca si arrabbia deve prendersela con te questa volta, io non posso non divertirmi no?
    Un abbraccio
    Anna


  119. anna-Brasile(São Paulo)

    FLAVIA MEA POLA. Profitto che Francesca stà in pieno viaggio e rimango in tema.
    In questi giorni sono stata troppo presa e vittima di Positano Records, il quale mi ha capovolto la testa ed ora mi distruge il nome, ma mi sono divertita come mai.

    Dunque, sono d’accordo con tutte le tue osservazioni, solo ti voglio dire chela Prefettura di São Paulo stà già realizzando la tua idea, prendendo dei poveri della strada e mettendoli a lavori nei giardini ecc.
    Questo sò che è poco, ma stà essendo fatto poco a poco.
    Poi anche quelli che raccolgono cartoni,lattine ecc. stanno cercando di fare delle piccole coperative, facendoli lavorare con i guanti, in posti coperti e con uno stipendio garentito. Non credo sia una soluzione totale ancora, c’è molto da fare, ma sò che stanno tentando.
    Credo ne sei al corrente, e se fosse in grandi proporzioni…quanto alle madri, lo sai che molti bambini li prendono in prestito, non sono neanche loro.

    Un abbraccione
    Anna


  120. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Carissima Francesca,cari amici del salotto:per la mia salute,trato di cercare nel umorismo un po di sollievo per la mia anima,colpita e “capovolta” davanti al dolore umano,per quanto mi sento impotente e piccolissima e voglio regalare a tutti voi :”il linguagio del mate”(secondo si prende ,ha un significato)E va:
    mate amaro-mate col te:indifferenza
    mate dolce:amicizia
    mate troppo dolce:…”parla con i miei genitori..”
    mate con la cannella:…” mi sembri interesante..”
    mate col caffè :”sono stata arrabbiata….ma ..ti perdono ”
    mate col latte:amicizia rispettosa-stima.
    mate con la miele:…NOZZE!!!!!
    mate col limone: “preferisco non guardarti..”
    mate col zucchero bruciato:simpatia…; “sto pensando a te ”
    mate con la buccia del´arancia:…”vieni a cercarmi…” “voglio che tu ritorni a me ”
    mate freddo:…”disprezzo”
    mate schiumoso: “ti voglio bene assai ”
    mate corto (molta yerba,poc´acqua):…”voglio vederti piu spesso “…
    mate “lavato”(quando la yerba cade in fondo e solo si vede l´acqua):…”vai via….”
    mate “chiuso”(a volte la “bombilla” o cannuccia se chiude se la yerba è troppo fina):…”cerca un´altra ”
    mate col “ombu”(hierba caratteristica della nostra pampa ma grande come un albero):la tua visita non mi piace”.E quest´ultima e molto famosa per gli effetti collateralli,ja ja.
    Se non è vero….al meno ho voluto dare una nota di colore.
    Vi voglio molto bene !!!!!!


  121. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Spero che si capisca bene,si tratta del rapporto tra uomo e donna,ho fato la traduzione a modo mio,scusatemi per gli errori.


  122. Maria Rosa Colombo ( lujan , Argentina )

    Ciao amici, non sapete che bello é stato l´incontro di oggi con Francesca!!!!! Oggi ho avuto una giornata con due riunione della Caritas in diversi luoghi, ma il mio marito mi ha portato in machina per arrivare in tempo a salutarla nell´ultimo giorno a Buenos Aires.
    Come sempre era splendida!!!!! Le hanno dedicato un tango, veramente mai se la vede stanca, con un sorriso SEMPRE FRANCESCA SEI UNICA!!!!!!!
    Abbiamo fato le fotografie e con tanta emozione le ho chiesto di dare un bacio a L´ITALIA ed anche ho fatto emozionare alla cara ANABELLA che é una ragazza molto simpatica, e me sono andata sensa salutare agli amici del blog, vi chiedo perdono avevo tanta emozione, cari amici vi porto nel cuore, MAURO, LUCIA, LUIGIA, CLAUDIA, TERESA, NATALIA e a voi tutti!!!!!!!


  123. Lucia ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissimi amici, abbiamo salutato Francesca stasera all’Associazione Calabrese. E’ stato il posto forse piu caloroso in quanto al ricevimento riservato a Francesa. E parlando di calore,
    anche la giornata è stata calda, ha toccato i 31 gradi centigradi, finendo poi quasi quando la riunione volgeva al termine in una scrosciante pioggia. Pero dopo un po’ ha smesso di piovere proprio come una
    pioggia d’estate, solo che noi qui stiamo avviandoci verso l’inverno. (sara che Buenos Aires ha versato le sue lacrime perche Francesca se ne va?) Bene, la sala era piena zeppa di persone che, come
    ogni luogo dove lei si presenta, le vogliono parlare, la vogliono abbracciare, le vogliono raccontare le proprie esperienze e non manca mai un cavaliere di quelli con i capelli bianchi e con lo sguardo tenero che le recitano una poesia oppure le cantano una canzone e chiedendole di posare per una fotografia mentre il cavaliere le sta offrendo un mazzolino di rose. Oltre a questo nutrimento dello spirito c’e’stato anche un nutrimento abbondante e variato per lo stomaco, c’erano empanadas, ripiene con carne, o con choclo (grani di maiz tenero), tramezzini con prosciutto ed altro, dolcetti di molti tipi, e alla fine una favolosa torta sulla quale c’era un cartellino che diceva : Per Francesca. La bonta di questa torta l’abbiamo accertata quando l’abbiamo mangiata! Hmmm!!! Buonissima, piena di tanta frutta secca e canditi ecc, e con quel profumino tipico di agua de azhar (fiori di arancio). Non è mancato il cantante di tango che poi ha cantato anche una canzone classica italiana (non mi ricordo il nome, ma abbiamo partecipato nello stornello un po tutti quanti).
    Non vi dico le infinità di fotografie che ognuno vuol conservare per ricordo….
    Fra le personalità c’era il diputato Merlo, un giornalista molto noto ( ma che in questo momento mi sfugge il nome…. hmm… sara che i neuroni mi stanno abbandonando? o sara che è troppo tardi e sono un po’ stanca e mi bruciano gli occhi, Claudia, mi aiuti tu? lo metti in un tuo post quello che io non mi ricordo? Grazie).C’era la signora Rizzuto, presidente dell’Associazione, che ha cantato Don’t cry for me Argentina, non piangere per me Argentina ed è stata molto applaudita. L’assedio a Francesca è stato permanente per farsi le foto con lei, per trasmetterle il proprio affetto e poterne conservare un ricordo di quello che Francesca dona a ognuno di loro con una inesauribile generosità. Tutti l’hanno abbracciata e baciata facendole tanti auguri, fino a che la sala ha cominciato a svuotarsi. Noi bloggers, che eravamo molto di piu dei soliti
    “magnifici sette” siamo rimasti ancora un po’ e poi ci siamo salutate con abbracci e baci, cercando di rendere il congedo leggero e nascondendo le emozioni, cosa che a Anabella sempre riesce difficile. :-)
    Voglio aggiungere un commento su come era vestita Francesca: era piu elegante che mai e che oltre alla collezione di scarpe e orecchini, ho notato una serie di calze bellissime e originalissime che sfoggiava a ogni riunione. A un certo punto della sua chiacchierata con tutti noi, ha detto che non era riuscita comprarsi nemmeno un paio di scarpe perche non ne ha trovate con il tacco alto, perche a Buenos Aires, dice, portano i tacchi bassi…. NOOOOOOOOOOOO, abbiamo risposto tutti in coro, non hai cercato bene, o meglio, ti sara rimasto un po di tempo per andare per negozi??? Certo che ci sono infiniti negozi con scarpe coi tacchi alti, altissimi… Finisco questa cronaca perche ho gli occhi piccolini e mi bruciano pure. Sicuramente qualcuna delle nostre amiche fara un racconto piu completo di questo. Lo potra fare Maria Rosa Colombo, o Claudia Rossi, o Teresa Fantasia, o Luigia, oppure Mauro, oppure Antonella, la stilista di abiti da sera e spose, oppure Anabella… vedremo. Intanto vi lascio con la buonanotte, qui manca poco per la mezzanotte, e ci leggiamo domani.
    Buon Viaggio Francesca a Mar del Plata!!! Sono sicura che riceverai tanto affetto e attenzioni quanto quelle che hai ricevuto a Buenos Aires. Ti vogliamo beeeeeeneeeeeeeeeeeeee!!!!!
    Torna presto, torna ancora da noi, la prossima volta saremo piu organizzati e se potremo ti daremo anche…. la LUNA.!!!
    Bacioni, Lucia


  124. COMUNICAZIONE STRAORDINARIA:

    UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A TUTTI I BLOGGER DEL “SALOTTO MONDIALE” CHE DURANTE LA MIA VISITA A BUENOS AIRES SONO VENUTI AD INCONTARMI E MI HANNO SOSTENUTO CON IL LORO ENTUSIASMO ED AFFETTO SINCERO.

    VI VOGLIO BENE!!!

    FRANCESCA ;-))


  125. Alessandro

    Accattonaggio, Miseria, Degrado Ambientale………..
    Che argomenti!!!!!!!
    Prima di tutto pero aiutiamo
    Linda Napolitano ( Rosario Santa Fe , Argentina )
    carissima, semplice, dille che si metta su
    http://www.prontofrancesca.it…….e che scriva e basta.
    Allora diecvamo che la colpa e dei paesi ricchi!
    Non credo proprio, anzi il benestante fa l’elemosina e secondo le differenti opinioni espresse non sa se fa bene o male.
    Ci sono delle sostanziali differenze fra i marciapiedi rotti di Roma, NY e di BA, cosi come fra cartoneros, recojelatas, mendicanti e homeless.
    Da noi i mendicanti vengono da fuori, sono orchestrati da Rumeni, Rom e Albanesi.Abbiamo una minima presenza di persone che cercano cibo nella spazzatura.
    A NY sono Yankis di razza pura, vittime della globalizzazione, del progresso, dei divorzi, sono principalmente disadattati che il progresso troppo veloce perde per strada, non molti in verita ma molto visibili nelle downtown, a Miami sono addirittura i padroni dopo le 5 pm, che la fanno sembrare spettrale e minacciosa.
    Anche Soho, ha avuto il suo momento orribile prima di essere riproposta come zona schic. NY come Roma ha i marciapiedi rotti, basta uscire di qualche block dalle principali verso il west o east side in direzione Hudson.Tutto il mondo e paese.
    Discorso a parte merita l’America Latina.
    E un problema di grandi dimensioni, e il problema della miseria, quella piu vera.
    Dal Messico all’Argentina si vede lo stesso scenario.
    Sia al nord che al sud, si usa il sistema del sussidio, lo stato regala dei soldi come palliativo, incrementando cosi l’indigenza, diminuendo la naturale reazione alle avversita dell’uomo.
    Va detto pero che Kichner e Calderon e alcuni altri, danno il denaro a condizione che i figli frequentino le scuole, il che non e poco, rispetto al passato.
    Lo strano e che quasi tutti sono paesi ricchi, cioe hanno grandi risorse naturali oppure produzioni in quantita, di beni esportabili.


  126. Alessandro

    Vedi l’Argentina con la carne, non si puo dimenticare che sfamarono il mondo nella seconda guerra mondiale e fu la fortuna politica di Peron.
    E come riplay efects, inizia dalla ricchezza continua con la corruzione, finisce con la miseria.
    E vero come ha scritto una salottiera amica, che ci sono persone oneste in Argentina, ma e anche vero che senza gli onesti non esisterebbe la corruzione, fra corrotti non ci sarebbe niente da rubare.
    Adesso abbiamo Macri, che ha promesso eliminar i cartoneros, chissa se intendeva dire che gli lancera al Mar del Plata, come i tristi ricordi di dittatura ci fanno tornare a mente.
    Macri come ex presidente del Boca Junior, ha certe somiglianze con il nostro presidente del consiglio, speriamo bene, ma non ci credo.
    La filosofia del politico latinoamericano va dalla dittatura alla corruzione senza vie di mezzo.
    Onesti, piqueteros e politici disonesti, sono di una difficile convivenza.
    Mentre gli onesti non si organizzino e smettano di credere alle favole elettorali, si impongano per farsi rappresentare e eleggere gente come loro, onesti.
    Solo cosi si potra pensare in positivo.


  127. Mauro ( Avellaneda , Argentina )

    Ciao tutti…!!

    senza parole dopo questa serata alla Associazione Calabrese! Voglio fare sapere di quello che hanno scritto Maria Rosa Colombo ( lujan , Argentina )e Lucia ( Buenos Aires , Argentina ) che è stato un racconto completo, anzi leggendo si lo può rivivere come se fossimo un`altra volta alla Associazione…!
    A te Francesca! GRAZIE di cuore!!
    Saluti a tutti!!


  128. Patricia ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissima Francesca,

    vorrei per prima cosa ringraziarti per questa magnifica opportunità di conoscerti personalmente e dare così testimonio di tutto quello che già sapevamo: sei bella, intelligente, simpatica e generosa e addirittura personalmente di più
    Sei stata, come al solito, meravigliosamente carina e sorridente con tutti.Io ho assistito al incontro nella Trevisana e dopo nel centro Umbro e devo dirti che sei instancabile. Eravamo davvero molte persone e con tantisima pazienza hai parlato con tutti e “sopportato” la nostra “mania” senza sosta per scatare fotografie.
    Ti ho visto rispondere più di una volta e senza mai perdere il sorriso alla “domanda del milione”: quando ritorni,Francesca?!!
    Come avrai visto si sente la tua mancanza e la richiesta è unanime!
    Complimenti!!!Hai dimostrato una volta in più di essere oltre a una stupenda persona una grande professionista.
    Francesca, è stata una grandisima emozione abbracciarti e parlare con te,non puoi immaginare quanto significa per noi questa visita e tutto quello di splendido che ci hai donato e che porteremo sempre nel cuore.
    Finisco queste poche righe scritte in fretta perche devo ritornare allo studio(sono in mezzo alle “prove scritte”…help!…) approfitto per salutare gli amici del blog che ho conosciuto personalmente e tutti gli altri.
    Ti lascio un bacione enorme e di nuovo grazie per le incantevole serate che ci hai regalato e augoroni!!

    Patricia


  129. Rosa Anastacia Romano ( Recife-PE , Brasile )

    Carissima Francesca,

    finalmente eccomi qui;purtroppo quello che hai visto a Buenos Aires è un’immagine triste che imbruttisce l’America del Sud.
    Noi cittadini che non stiamo da quella parte, e non siamo d’accordo con tutto ciò e, paghiamo altissime tasse,siamo obbligati a vedere queste cose disumane.
    Ti auguro tante belle cose, approfitta tutto quello che puoi, anche le cose brutte,sfortunatamente in questo mondo c’è di tutto.
    Buona permanenza ” a mi Buenos Aires querido…”
    Un saluto a te, a tutti gli Argentini e a tutti del tuo “salotto mondiale”.
    con affetto
    Rosa Romano
    Recife-PE-Brasile


  130. A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia

    Pure da parte mia un caro saluto Vito de Frenza. Come viviamo in paesi molto simile le nostre realtà sono le stesse.

    Amparo Margarita


  131. Miriam ( Argentina )

    Francesca!!I can`t speak Italian only Spanish and English; I beg your pardon about it!!
    I love this picture, not only the MATE just YOU, the PEOPLE on it and everything, because you are very natural, YOU just looks very happy and of course Onelia and the periodist enjoyed a LOT that moment with you !!!!!!
    And I have to thank you for making my mum VERY HAPPY!!!! I know that you know that she loves you
    !!!!!She is ALWAYS talking about YOU!!!! (not when you’re in the air) JUST ALWAYS !!!!

    THANK YOU !!!!! FOR ANSWER HER always because, I really mean that SHE loves YOU !!!!!!

    Please take care,and thanks

    Miriam


  132. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Cara Francesca, e^ un piacere sentire come le persone ti accolgono dovunque tu vai, pensiamo che sei l’unica dopo Modugno ad essere cosi famosa.Finalmente hai ballato il tango argentino?, spero che hai fatto il casche`, brava sei bella. Non ti fare affliggere di quello che esiste in Argentina, perche tutto il mondo e paese.Solo che ho gia` detto prima scopano tutto sotto il tappeto,( SI NASCONDE SEMPRE LA VERITA.)
    Caro positano sei molto simpatico, dimmi qquale e` la tua eta?curiosa Gaetana un saluto a tutti


  133. Carla ( Bali , Indonesia( ASIA) )

    Vedo con piacere che la nostra AMBASCIATRICE FRANCESCA riscuote ampi consensi in tutto il mondo ed ora anche in Argentina. Sono veramente felice e fiera che la tua personalita’ accompagnata dalla tua bellezza telegenica riesca a sfondare in ogni comunita’.Ti vogliamo tutti bene,Francesca,anche nella piu’ sperduta isoletta,perche’ sei sempre te stessa ovunque tu vada.
    Anche se tu non vuoi sentirne parlare,io penso che tu abbia tutte le potenzialita’
    per far parte della nuova politica facendo aumentare le “quote rosa” di cui si ha bisogno in questo momento di formazione.
    Passando ad altro argomento che riguarda il degrado del sud America purtroppo
    ti do ragione,per chi non e’ abituato vedere quanto tu ci racconti e’ uno schok
    ma penso che con buoni amministratori aiutati da gente di buona volonta’
    si potrebbe migliorare la situazione.Ma non e’ facile,certo.La corruzione purtroppo intralcia tutto,non solo li’ ma anche in Asia ci sarebbe molto fa fare.
    Mi fermo qui,non sono abituata a scrivere a lungo,ho sempre paura di annoiare.
    Bravo Alessandro,mi piace come scrivi e a tutti gli amici del blog che seguo sempre con attenzione un abbraccio


  134. Martino ( Adelaide - Sydney , Australien )

    Ciao Francesca e amici del blog. Grazie per gli aggiornamenti dalla lontana (per noi) Argentina. Senza di te non avremmo mai letto con tanto interesse di posti cosi lontani. Leggendo gli articoli scritti da una giornalista che i fortunati tra di noi hanno toccato con mano ci fa davvero vivere le tue emozioni.
    Ma a che ti serviva avere un gruppo di autori a te che una fai e cento ne prepari? Un forte abbraccio, martino


  135. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Stamme a’ppost…! Dinde a sta’ puntata se stanne piglianne fischi pe’ fiasche!
    A proposito di fischi, avete sentito se Danila mi ha fischiato? No è…!
    Un momento, state calmi, non fraintendetemi “No è” non si riferisce a Noè quello della barca! “No è” per dire “No Danila non ha fischiato”.
    E che tene ‘e cchiù ‘mpurtante a fà?
    Forse è passata per Torino e sta’ accattanne ‘o cappiello e paglia a Flavia!
    Ma il commesso gli sta spiegando che sono finiti e se proprio vuole comprarne uno, deve andare a Panama!
    Ma lasciamme sta’ e fischi e turnamme ai fiaschi, e me raccumande a te…Silvia fai attenzione!
    Juliana, chella là, chella là, che stace a Guelph dinde all’Ontario… primme se senteve trascurata e si disperava: “Nisciune me penz” diceva inde ‘e cummente! Mò me mette in guardia e va dicenno ca mme vò’ lassá… Se crede ca mme faccio ‘o sango amaro, se crede ca ‘mpazzisco e po’ mme sparo! Chella llá, chella llá…Nun sape che piacere ca mme fa…
    Mme ne piglio n’ata cchiù bella, pure si tene a cape sotte e ‘ncoppe e nun sape “dove andare”, mme piglie a Anna, chella là, chella là che stace a São Pauolo!
    Mò faccio un fischio a Maria Rosa (mate cannella): chi intende fare uso del tuo linguaggio del “mate” dovrà corrisponderti i diritti d’autore?
    Già che ci sono mò faccio un fischio pure all’altra Maria Rosa (“chella là” che ha le caravelle): non è che ti sei sbagliata quando hai detto a Francesca di dare un bacio all’Italia?
    Forse volevi dire dai un bacio a Positano?
    Noto nel suo commento che anche Lucia da un po’ di tempo a questa parte ha la testa capovolta, non vuole ammetterlo lo sò, però si è tradita da sola descrivendoci le belle calze di Francesca.
    Gaetana, voglio dirti che ho l’età per uscire solo la sera, non ho l’età della Gigliola ma del primo figlio della Juliana.
    St’ammore mme teneva ‘ncatenato,
    ma ho detto: “Basta!” e mme só’ liberato…
    Mme pare cchiù turchino ‘o cielo,
    mme pare cchiù lucente ‘o mare…

    Chella llá, chella llá..


  136. Enzo Amara ( Winthrop, MA , USA )

    Cara Francesca ed amici del BLOG, scusatemi se i sono allontanato da una settimana. Sono stato impegnato a riaprire il mio ristorante, Bella Italia, come altro potevo chiamarlo? Sono giorni che mi trovo lontano dal computer, e mi sono mancato degli argomenti importantssimi.
    Prima di tutto, guardando la maestrina Alderisi,io per 33 anni,penso di aver influenzato molti ragazzi, qui a Boston, per essere stato fortunato abbastanza ad insegnare matematica e scienze, a ragazzi della prima media alla scuola Joseph Barnes, dal 73 all’86, bambini di famiglie italiane che si traferivano dall’Italia e poi alla Mario Umana Middle School,fino al 2006, ho avuto dei ragazzi, che grazie a Dio, sempre, per le qualita’ del”professore” studiavano e non erano assolutamente i soliti biricchini, di cui oggi giorno tutti si lamentano, e che la societa’ li sta cambiando.
    Io sono del parere che quando un buon maestro ci tiene a fare il suo lavoro, rispetta i suoi alunni, ed e’ molto comprensivo di certe situazioi familiari che affliggono i giovani di oggi, avra’ sempre il rispetto dei suoi alunni, che cercheranno di non deluderlo.
    Scrivo anche per indicare l’articolo scritto dall’amico Ricky Filosa su Francesca. Andate a http://www.italiachiamaitalia.net
    e leggete l’articolo, molto interessante.
    In ultimo, se qualcuno a Mar del Plata, si ricorda di un Sebastiano Amara, che faceva il pescatore, mio zio passato a miglior compagnia, per favore fatemelo sapere. Ho scritto precedentemente che la famiglia si trasferi’ in Argentina nel lontano 1948, dove nacque mia sorella Rosa Maria,ma mio padre, riporto’ la famiglia ad Augusta(SR), per poi aspettare al 61 per venire in America.


  137. teresa fantasia-Buenos Aires

    ciao Francesca buon viaggio e buona permanenza in Mar del Plata saluti a Maritè e tanti amici di mar del Plat che incontrerai ,Anabella non piangere e scrivi il diario del viaggio perche Francesca non avrà un minuto libero!
    ciao amici e amiche del blog
    bellisimo l’incontro di ieri alla Calabrese ,la presidente Irma Rizzutti mi chiedeva la mia opinione ,era preocupata perche lei era in Italia e le donne della comissione hanno avuto da sole tutta la responsabilità dei preparativi ,veramente hanno lavorato molto e bene per preparare il ricevimento come Francesca merita.
    fatta gia una bella relazione da Lucia ,Patrizia e,Maria Rosa di Luján del incondizionale gruppo di bloghisti ,soltanto vorrei rispondere a Lucia che
    Il giornalista del quale non ricordi il nome é Ferreti ex segretario di Tremaglia e direttore del giornale l’italiano.
    Brava Francesca che a Ricardo Merlo ha sottolineato la grandissima responsabilità che ha essendo il più votato dei parlamentari ,quindi adesso é l’ora di lavorare sull serio per gli italiani al estero ai quali ha fatto tante promesse per farsi votare!
    ahh Francesca sarà la nostra ambasciatrice per tirale le orechie se si dimentica!!!

    Cara Nonna Lea bellissima la poesia per i bambini poveri ,la soluzione come scrivi é semplicissima :”Basterebbe molto poco:
    Amore,meno egoismo e tanta solidarietà.”
    Solidarietà che manca ai politici e governanti ,ricordo ad esempio un governatore della provincia di Tucuman che aveva fatto caricare i poveri in un camión e li avevano buttato nella provincia acanto !

    la Provincia del Chaco dove la denutrizione fa stragi ,fu visitata dal presidente Kirchner e Cristina ,il governatore avisato che davanti al palazzo di governo aspetavano un gruppo di persone gravemente denutrite ,fece cambiare strada e luogo di ricevimento per ocultare la verità
    cruda dell suo malgoverno!

    paesi richi e governi corroti= popoli sommersi nella povertà e la miseria .
    questo
    dovrebe cambiare


  138. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Ho letto l`articolo di ITALIA CHIAMA ITALIA DI Enzo Amara. Mi è piaciuto molto, accoglienza travolgente per
    Francesca Alderisi a BUENOS AIRES. Questo mi fa molto piacere ed mi auguro che la RAI, si muovesse a fare il loro dovere di portare Francesca al suo posto, cioè
    SORTELLO ITALIA. Alessandro non voglio andare su troppi dettagli, voglio solo dire che nella zona di Boston, ho relativi dalla fine del`1800, ne conocsco alcuni, ed alcuni non li ho mai visti, forse è anche colpa mia. Francesca, come sai qui tutti ti vogliono
    molto bene, ed quello che fai è una gran bella cosa,
    andare per il mondo a conoscere tanti connazionali.
    mi congratulo con te. Saluti a tutti ed un abb. per Francesca, da TOR. Francesco


  139. Enzo Amara ( Winthrop,vicino Boston , USA )

    Caro Francesco,
    il mio e’ stato un suggerimento di leggere l’articolo, non l’ho scritto io.
    Per persone che cercano parenti a Boston, dopo venti cinque anni di Radio e Televisione, coinvolto con decine d associazioni, presidente anche del COMITES e direttore del complesso Volare da trenta anni, di persone ne conosco un bel po’.
    Se avete bisogno di aiuto, potrete sempre rintracciarmi
    Whitepages.com
    in Winthrop, MA
    Vincent Amara, scusatemi se ho americanizato il mio nome.
    Un saluto ed abbraccio a tutti.
    Enzo


  140. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    A tutti i blogghisti argentini e non, sapete dirmi perche’ quando ci si sposa in Argentina la fede nuziale si mette all’anulare della mano destra? E’ una curiosita’ che mi martella da tanti anni,se ne avete idea fatemela sapere.Ciao a tutti e alla cara Francesca un buon viaggio verso Mar de Plata. Distinti saluti Maria Rosaria


  141. Enzo Amara ( Winthrop , USA )

    Alessandro,
    ti aspetto ancora a Boston.
    I tuoi inserimenti son ottimi.
    Ma li scrivi anche per qualche giornale.
    Se mi ricordo avevi affermato che hai ftto il pompiere.
    Molto degna e coraggiosa la tua attivita’.


  142. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Scuatemi sono di nuovo io, mi sapete dire perche’ il Signor ENRICO MONTELLI non e’ piu’ nel blog?


  143. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Se qualcuno di voi vuole seguire in diretta le vicende politiche italiane attraverso i suoi rappresentanti alla Camera dei Deputati, questo è l’indirizzo:

    http://video.camera.it/default.aspx?VideoType=wm&banda=2


  144. Maria Rosa Vallone ( Cap Fed - Bs As , Argentina )

    Amici bloogisti: sono tre giorni che soltanto posso legere li comenti perche sono tantti, e dopo non o il tempo di scrivere.
    Tanti argomenti lette sono dacordo, a tutte le parte sucede lo steso a reguardo de le persone che dormeno in le strade, le strade sporche etc etc…
    FRANCESCA: Me o meso a pensare come ai fatto che TANTA, TANTA gente, senteno tanto amore per te, e poi o detto e facile, tu sei intrata a loro case tutti li giorni. Per loro sei come di sua famiglia. Tutto questo e perche, cuando in speciale li ansiani ti vedono in persona, pensano che tu potrai dare soluzione a sue problemi, e pensano che tu li conoci come loro a te.
    Ne a sucesso a noi, bloogisti che cuando siamo incontrati in qualche incontro, siamo salutati come si ni conocevamo di tanto tempo. Lo steso sucede cuando scriviamo in il bloog, se bene non e un chat, cuando ne sucede qualche cosa, buona o mala se scrive perche in un punto siamo amici “virtuale” ma amici al fine.
    E poi ci sono li giorni che non siamo tanti inspirati per scrivere tanti argomenti filisofiche. Spero che ai capito, quello che o voluto dire, sai che sono malisima scrivendo in italiano.
    X Maria Rosria Martinelli: mai o visto la defe in mano dirita, cuando sei fidanzata la meti in distra poi cuando ti sposi la meti in sinistra, in la ceremonia in chiesa li sposi si tomano la mano destra per fare il juramento, credo aver risposto la tua domanda.


  145. Franco Petrocco ( Valinhos , Brasile )

    Cara Anna, prima di tutto un grande abbraccio a te a Francesca, dopo, riguardo alla venuta di Francesca qui in Brasile e di preparare un programma pensavo per il prosimo anno. Per adesso, sono di pieno accordo con te, non è possibile. Prepariamoci per il prossimo anno!
    Ancora un forte ed affettuoso abbraccio.
    Franco Petrocco


  146. Alessandro

    Ciao Enzo, no non scrivo, solo qui e in qualche altro blog, insomma un po come te quando insegnavi, faccio pubblici i miei pensieri sperando che servano a qualcuno.
    Carla da Bali, grazie, forse volevi dire cosa scrivo, visto che la mia tastiera fa i capricci a scapito della grammatica e la fretta non mi aiuta nella sintassi.

    Francesco, scusami non ho capito
    Teresa, il governatore ha senz’altro voluto accreditarsi della riconoscenza, visto che qui non usiamo volgarita, altrimenti avrei detto Halab..a.
    Mi e difficile credere che Kirchner e signora, non conoscano la situazione del Chaco, pensa che ne so qualcosa pure io che non vivo li, se cosi fosse dovrebbero cambiare sport, invece, come dite voi, si tratta di “tapar el sol con un dedo”.
    Non credo alle fedi politiche o nei politici in quanto tali, i valori che ammiro sono nelle persone, per quello che sono, non per ideologie partitiste, non mi importa criticare o approvare un comportamento o un idea, sia venga da destra o sinistra.
    Il tifare lo accetto solo nel calcio, e nello sport in generale.
    Anche la mia posizione sull’immigrazione era diversa dai molti che scrivevano che bisogna esserecaritatevoli e umani.
    Solo cerco de vedere le cose dai diversi punti di vista.
    Approfitto per raccontarvi un fatto successomi in USA:
    vado a un telefono pubblico metto le monete e marco l’area code e il numero, risponde l’operatora e mi dice di introdurre un numero di monete per la chiamata che sto facendo, la chiamata va per le lunghe e si inserisce l’operatora nuovamente e mi chiede altre monete, gli dico che non ho monete ma solo biglietti, ci accordiamo che finita la telefonata faro il cambio e paghero quello che devo, finita la chiamata mi informa di quanto manca per saldare lo speso, cosi dopo poco ritorno e pago il mio debito.
    Dimostrazione di alta qualita di vita, servizi e civilta.
    Adesso una domanda a tutti: quali e quanti immigranti hanno questa visione, quanti sarebbero tornati a pagare?
    Oggi questo e solo un ricordo


  147. Maria Rosa Vallone ( Cap Fed - Bs As , Argentina )

    X Positano Records: Stimatisimo NICOLA. Tu me voi fare esere pazza. Sto tratando di scrivere “bene” italiano legendo li comenti, e TU scrivi propio in dialecto, mi ai fatto ridere non sai cuanto. Pero cuando svaglio a scrivere tu serai il risponsabile, in la mia testa si “misca” (En español mezcla) tutto e poi scrivo come mi pare.


  148. Alessandro

    Non esiste piu.
    Per colpa di persone che oltre se stessi portano anche le brutte abitudini, la mancanza di cultura e civilta dei loro paesi, oggi gli americani tutti, pagano che non sia piu possibile.
    Tanti troppi si sono approfittati della buona fede e chi paga alla fine e il nativo che vede diminuire il suo standard di vita.
    L’immigrazione va vista anche cosi.
    Pertanto non c’e mai una sola verita, ma tutti hanno delle ragioni, cosi come non tutti hanno sempre torto


  149. Alessandro

    Enzo Amara ( Winthrop , USA )
    Il pompiere virtuale era per spengere il diverbio di fuoco fara Vito e Anna del Brasile.
    Avevano gli animi accesi e……m sono improvvisato pompiere.
    Onere pero ai pompieri, quelli veri.


  150. Alessandro

    Teresa, ci racconti anche che Francesca ha ricordato a Ricardo Merlo, e ha sottolineato, la grandissima responsabilità che ha con gli emigrati italiani.
    Su questo vorrei solo dire, senza possibilita di smentite, che fin o ad oggi le uniche persone che hanno dimostrato un interesse reale verso di noi sono stati Tremaglia e Francesca.
    Per me sono i soli ad avere merito per rappresentarci.


  151. Maria Rosa Vallone ( Cap Fed - Bs As , Argentina )

    X Alessandro: non mi stanco mai de legere li tue commenti. Ce sono volte che non sono dacordo con te, pero me fai pensare che forsi nemeno e come penso io. In cuanto a lo che raconti de la telefonata, non e solo educazione, sino onestidad qualita che si e dimenticata per milloni di persone al mondo.
    Devesi esere normale sere onesto, pero oggi chi e onesto laltri penseno che e stupido.


  152. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Cara Francesca:
    Ho letto il tuo resoconto sul sito “Italia chiama Italia”. Anche io tuttavia riesco a stento trattenere la mia emozione e sentimenti che ha suscitato il nostro incontro, pieno di cordialità e gesti affettuosi.
    Baci. Marta


  153. roy ( sydney , AUSTRALIA )

    Cara Francesca,
    ormai da quel che vediamo e leggiamo qui, sei ormai in
    viaggio per Mar del Plat. speriamo , credo tutti,
    che il resto del tuo viaggio sia cosi un successo
    come sono state le prime giornate trascorse da te
    in Buenos Aires. che siamo stati capace seguire
    grazie a le post di Anabella, Lucia, Maria Rosa x tutte
    tre, Mauro , Teresa, e poi altri che non posso elencare tutti, pero ci avete portato anche a noi in quelle serate e ci avete fatto sentire come se ci siamo stati anche noi …per questo vi ringrazio
    sapendo che in compagnia di Francesca avete passate delle bellissime momenti indimenticabile!
    poi per l’intrattenimento, ringrazio tantissimo
    Anna, Silvia , Nicola, Alessandro e troppi altri per nominare, pero , per parte mia che ho sempre solo poco tempo per scrivere, fa sempre tanto piacere leggere le vostre notizie(chat, chiacchierate,)tanto avete capito, che e’ questo che mi fa sentire sempre nel salotto con amici, grazie, (purtroppo qui sono le
    3.15 di notte, e sempre in queste ore piccole posso seguire, percio il cervello non ce sempre per scrivere), pero vi seguo sempre, sempre con piacere!! vi saluto, per ora e buonanotte .(per me se non!!)
    Il piacere piu grande, ovvio, (non offendetitivi)
    e sempre seguire IL TOUR DI FORZA di Francesca,
    che saluto sempre
    sempre con un bacione
    roy


  154. anna-Brasile(São Paulo)

    oggi sono stata occupatisssima e solo ora ho letto i molti messaggi. LUCIA(Baires), grazie del tuo dettagliato racconto sull’arrivo di Francesca e la riunione con voi tutti. Anche con un pizzico di romantismo, insomma, un relatorio come si deve. Grazie.

    ALESSANDRO, essere pompiere spirituale è più difficile che esserlo materialmente, almeno la penso così. Con la mente non si sà cosa combatti, col fuoco almeno…
    POSITANO, grazie per la scorpacciata di napoletano, che bellezza, mi sono commossa, io ho un dizionario italiano/napoletano, ma non conosco bene la lingua.

    Oggi la testa non mi stà proprio aiutando, sarà perchè capovolta? Ma veramente mi fermo qui.

    UN abbraccione e buon viaggio a Francesca, stà finendo il bel viaggio no? Certo devi essere triste. Meno male che torni in Italia, almeno consola
    Anna


  155. anna-Brasile(São Paulo)

    ROY (aUSTRALIA), Sappiamo che sei occupato, ma ogni tanto compari e ci fai molto piacere, peccato che con il cervello già sciupato dall’uso durante la giornata…l’unica cosa che mi preoccupa è che le tue gentilissime parole siano dovute al cervello dimezzato, bè, non sò, comunque frazionato, ma spero di no. Stò scherzando eh?
    Comunque adesso parlando serio, la penso come te, anche per me il salotto è una distrazione allegra, piacevole, e questo anche per via delle chiaccherate, così chè io credo che cambierei la parola chat sul dizionario, è lei che ci stà rovinando.

    Comunque grazie ed un grande affettuoso abbraccio. Partecipa sempre che puoi
    Anna


  156. teresa fantasia-Buenos Aires ( Argentina )

    Ciao amici bloghisti
    oggi mi ho preso una giornata di riposo )si fa per dire! ho tante cose da fare a casa )
    Alessandro passo a ripondere te ,concordo assolutamente in questo :Non credo alle fedi politiche o nei politici in quanto tali, i valori che ammiro sono nelle persone, per quello che sono, non per ideologie partitiste,non credo nei partiti ,credo alle persone e di queste a loro operato non ai bei discorsiche dall altro fanno loro assessori e i politici soltanto leggono.
    2ºanche a me risulta difficile credere che Kirchner e signora, non conoscano la situazione del Chaco,che è scopiata quando quella povera signora si è rifuggiata nella cattedrale per far vedere che stava morendo di denutrizione e lo hanno fatto vedere in TV!appunto ,parlando di discorsi , la signora Carriò sentatrice candidata ecccc. che tanto critica e denuncia , mai la ho sentita parlare della gravissima situazione della sua provincia:IL CHACO!

    Negli USA ci sono stata 2 volte ,5 dei fratelli di mamma sono emigrati li, dalle loro sperienze so quanto hanno sofferto per farsi una vita (a Brooklin hanno passato anche la fame)so che dovevano dimostrare essere imigliori in tutto per essere apprezzati!e ce l’hanno fatta!uno dei miei zii ha fatto fortuna 2 volte negli USA e la ha persa colpa 1º per la crisi del 30 e poi a mano dei soci furbi ,ha lavorato fino a 85 anni.Miei cugini nati li hanno studiato e tutti lavorano in aziende di prestiggio tutto questo fa onore alla Sardegna e all Italia.

    2º tu domandi:
    “quali e quanti immigranti hanno questa visione, quanti sarebbero tornati a pagare?”
    io dalla mia esperienza di emigrata cresciuta in terra straniera in un famiglia onesta di cittadini esemplari rispetosi delle leggi rispondo con un altra domanda ” quanti nativi rispetano le leggi dell loro paese come facciamo gli immigrati?

    Gli americani rispetano regole del transito Zio Antonimaria diceva “non é che gli americani sono migliori sucede che le leggi sono durissime”


  157. Claudia ( Buenos Aires , Argentina )

    I “marplatenses” si preparano per accogliere Francesca che penso sara gia arrivata alla “citta felice”, cosi viene chiamata pure Mar del Plata, bella citta balneare e con tanti bel posti da visitare!!
    Francesca: mangia alfajores Havanna e vai a prendere “las medialunas” (croissant) alla confiteria (pasticceria) Boston, che sono molto buone e pure “los churros con chocolate” (qualcuno mi aiuti a tradurre churros!), guarda il mare che e molto bello e che porta tanta tranquilita e poi mangia i frutti di mare. Insomma buon proseguimento del tuo percorso!!
    Ieri e stato l’ultimo giorno che ti abbiamo vista presso l’Associazione Calabrese, con tutti i blogghisti che ti sono stati vicini, poi ci farai vedere le foto!
    Lucia: hai fatto un bel ressoconto della giornata di ieri.
    saluti da baires,
    Claudia.


  158. Alessandro

    Ciao Teresa
    mi sembra che siamo daccordo su tutto.
    Permettimi dirti che i bagagli di esperienza della vita sono sempre sopra peso, per tutti.
    Tuo Zio Antonimaria diceva prima di noi, che senza regole non ci puo essere ordine, e questo a dimostrazione che le nostre parole non sono demagogia.
    Alla tua domanda solo dico che in casa tua hai diritto di andare scalza pero non posso venire da te senza scarpe.
    Piccole differenze ma ci sono, noi abbiamo imparato la lingua dei paesi dove viviamo, accettiamo le loro leggi, le loro regole e diamo un riflesso positivo e allo stesso tempo onoriamo il nostro paese.
    Non ci sognamo nemmeno di imporre i nostri costumi, voler a tutti costi parlare la nostra lingua e che venga insegnata nelle scuole, esigere che rispettino la nostra religione a scapito della loro, esportare le nostre regole.
    Tutto questo e sinonimo di liberta interpretata in maniera unilaterale, ossia prepotenza.
    Per ultimo soffermati sul fatto che nelle americhe, per fare un esempio circoscritto, non ci sono politici in carcere. Sembrerebbe la stessa cosa, invece cambia tutto se vedi che al sud non li carcerano e al nord evitano di andarci.
    Un caro abbraccio


  159. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Alla signora Vallone, ringrazio di cuore per la sua efficentissima risposta a una mia domanda sulla fede nuziale. Se ho chiesto e’ perche’ una cugina della mia mamma che vive a Buenos Aires, quando si sposo’ ricordo che sulla foto di matrimonio la fede nuziale era sul dito destro e non su quello sinistro,comunque grazie ne terro’ presente. Oggi e martedi,tre giorni di pioggia, non se ne puo’ piu’, quando arriva la primavera?!!!!Cara Francesca,dove sei ora? Batti un colpo se ci sei!!!!ci sentiamo un’altro giorno, Maria Rosaria.


  160. Elvira D’ Archi in Di Palma ( Hurlingham , Argentina )

    Francesca: se la maggioranza degli italiani residenti nella nostra cara madre Patria, fossero quasi come te; Italia sarebbe un’ altra!
    Sei cosi trasparente, autentica, sincera e appassionata che hai suscitato in tutti gli Italiani all’ estero tanto interesse per la Rai, a tal punto che anni fa´quando incominciasti con sportello italia
    era il commento generale fra tutti noi; che molti si misero la televisione privata per seguirti nella tua eccellente trasmissione! GRazie per tutto l’impegno dimostratoci, GRazie per i problemi risolti per le spiegazioni che ci trasmettevi con tanta chiarezza. Grazie per il sincero affetto! E ancor di piu’ Grazie per questi incontri personali che hai deciso avere con noi qui in Argentina. Ci hai davvero valorizzato tanto !!!.
    Hai acceso nel cuore di tutti, ricordi persi nel passato! Sei giunta qui con tanta italianita’ e tanta Umanita’ che a me personalmente mi commuove e non ho parole adeguate per ringraziarti.
    Hai saputo, con la tua travolgente personalita’ coinvolgere a tanti giovani che darranno nuovo impulso ” Anche” alle associazioni. GRAZIE!!!.
    Non solo, sei bella esternamente, ancora de piu’ E’ Bella La Tua Anima!… E hai tanta grinta che (sono sicura) ti fara’ arrivare molto alto! Anche perche’ Hai DEI VALoRI e PRINCIPI che non si trovano facilmente in questi tempi e che purtroppo, spesse volte non sono neanche tenuti in conto!
    FRancesca: L’ Argentina e casa tua!!
    SEI NEL CUORE DI TUTTI NOI.
    Io, Adesso mi sento ancor di piu’ Orgogliosa d’ essere Italiana e ti Abbaccio.

    Elvira D’ Archi in Di PAlma


  161. Juliana Ontario Canada

    Grazie Positano per la bella canzona che hai Candato cosi’ ho scoperto che ciai 45 anni e bene, sei sposato? o voui che ti trovo una bella ragaza qui’ la vuoi bionda bruna, io sgherzo questi guai seli devono trovare da soli, ciao Nicola e continua sei molto allegro, questo fa bene alla salute,
    Proverbi 16: 24 sai cosa dice? I detti piacevoli sono un favo di miele dolce all’anima e saluta alle ossa. bravo positano saluto a tutti J


  162. Luigia Grisanti ( (Carapachay)Buenos Aires , Argentina )

    Grazie Lucia,Maria Rosa avete raccontato propio benissimo il giorno di ieri l´stó vivendo un´altra volta, Francesca sempre splendida facendosi le fotografie con tutta la gente,peccato che é finito con la pioggia certamente Buenos Aires piangeva perché c´lasciava la nostra “Regina”.Oggi giá sei in Mar del Plata passalo bene divertiti che una bella citta,come dice Claudia prova gli alfajores che sono buonissimi.Grazie di cuore per tutto il tempo che c´ai regalato a noi.Ritorna All´argentina.Claudia churros es una palabra española no tiene traduccion (creo). Gli mando un forte abbraccio.
    Luigia


  163. Luis Romagni ( Miami,Fl. , Usa )

    Saluti a tutti,noto con rammarico che molti del Sito non ricordano che ancora i Nostri CONNAZIONALI DEL VOLO LOS ROQUES SONO DISPERSI A CHI PUO’ INTERESSARE E SENZA COMMENTI POLITICI DI NESSUN GENERE,PER RISPETTARE I REGOLAMENTI DEL SALOTTO VSITATE

    http//www.voce.com.ve/

    e poi andate dove dice ‘VAI” con le scuse e auguri per Francesca e saluti a tutti Luis!(leggete e riflettete no Comment}


  164. Francesco da toronto ( TORONTO ON . , CANADA )

    Enzo so che l`articolo non lo ai sritto tu , quel che volevo dire era l`articolo che ai mandato.
    Riguardo Boston avevo detto ad Alessandro, che ho molti
    parenti a Boston ed vicinanza,ne ho conosciuti parecchi ma non tutti, la colpa è più la mia che la loro. Francesca buon viaggio a Mar Del Plata, dicono chè molto bello, sono sicuro che goderai la bellezza di questo posto. saluti ad tutti Francesco.


  165. Luis Romagni ( Miami,Fl. , Usa. )

    ci riprovo http://www.voce.com.ve saluti!


  166. Luis Romagni ( Miami,Fl. , Usa )

    Come l’articolo e’ interessante ci riprovo visitate

    http://www.voce.com.ve

    poi andate su “vai” a tutti i saluti e speriamo presto di poterVi informare delle novita! Grazie e Auguri a Francesca e saluti a tutti ! Luis.


  167. anna-Brasile(São Paulo)

    LUIS ROMAGNI, sono entrata in Voce ed ho letto l’articlo, certo è triste che si ritirino solo i resti dell’aereo, che dolore per i parenti se dovessero essere presenti…Io trovo che a questo punto, basta ricevere i resti ed interrarli è meno traumatico non trovi?
    Un abbraccione
    Anna


  168. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Che giornata!
    la macchina mi ha mollata, ho dovuto portarla quasi a spintoni alla concessionaria che grazie al cielo mentre ripara la mia, me ne ha data un’altra provvisoriamente (beneddetta sia l’organizzazione americana)arrivo finalmente a casa per scoprire che ho lasciato i vari telecomandi che aprono cancello e garage sull’auto e non mi resta che aspettare che arrivi mio figlio da scuola sotto il sole impietoso, sono le 2pm e 32 gradi e lui non arrivera’ fino alle 4. Ok mi dico, non si piagniuocola per cosi’ poco, decido di bagnare le piante che stanno languendo al sole e si rompe il tubo di gomma (cotto anche lui dal sole) annaffiandomi completamente. Fantastico! Ora sono le 2:30 e devo aspettare fino alle quattro fradicia!! Per fortuna che poi c’e’ il BLOG dove rifugiarmi e farmi due risate con POSITANO RECORDS e il suo napoletano. Ci metto un po’ a leggere ma capisco tutto e ne vale sempre la pena!
    Quasi quasi mi farei un MATE!
    Voi amici argentini che dite, mi tirerebbe un po’ su? MA DI COSA SA? Ha un sapore tipo il te’/te verde oppure una camomilla?
    Gli effetti collaterali…non sono sicura di aver capito
    quali sono. Belle le tazze/contenitori di legno. Mi ricorda tanto il CAFFE’ ALLA VALDOSTANA detto dell’amicizia, bevuto anche lui nella grolla di legno sempre in compagnia. Si beve in inverno, ma in valle e’ quasi sempre inverno…da settembre a marzo piu o meno.
    L’avete mai provato? E’ un caffe’ molto forte con aggiunta di 3 liquori (cognac-genepin-grappa) chiodi di garofano e zucchero, poi si da fuoco al tutto, si dice che bruci l’alcool, quello che so e che dopo averlo bevuto non hai piu’ freddo, mandi giu’ i pasti pantagruelici valdostani e… sei amico di TUTTI, no problem!!
    Ecco perche’ si chiama coppa dell’amicizia!
    Ditemi fa cosi’ anche il mate?
    Le grolle sono bellissime tutte intagliate a mano, e’ una cosa da comprare se si visita la valle e mi sembra a giudicare dalla foto che anche quelle coppe sono di legno intagliato. Bellissime!!


  169. Claudia ( Buenos Aires , Argentina )

    Per Claudia Roman: il mate e un energizzante e ha un effetto come un diuretico. Ha il sapore di un erba forte come un te verde, ma lo si puo prendere con un po di zucchero, alcuni gli mettono una piccola guscia di arancia per asaporirlo diversamente.
    Nelle scuole pubbliche durante la pausa ai bambini viene offerto il mate come inffussione con un po di zucchero
    Io lavoro come insegnante e dopo la pausa e quando entrano a fare lezione passati i quindici minuti mi chiedono di fare la pipi…molti se ne vanno un po in fretta…
    spero di essere stata chiara,
    a presto,
    Claudia da baires


  170. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Attenzione, attenzione! State a sentire tutti!
    Vuoi vedere che se chiediamo a Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. ) di “capovolgere” la foto della cugina di sua mamma, la fede nuziale si trova sul dito anulare della mano sinistra?
    Accidenti ma quante “Maria Rosa” ci sono su questo blog-salotto, mò devo fare un fischio pure a Maria Rosa Vallone: “azz… tu nun a si ‘ngarrate a scrivere ‘bbuone manche nà parole… è mò? Me vuò rà a colpe a ‘mme?” Vire che chiamm’e pumpiere pur’io!
    Alessandro sono d’accordo con te, chi viene in Italia dovrebbe adeguarsi alle leggi ed alla religione italiana, ma un dubbio mi assale: tu che numero calzi di scarpe?
    Sai perché te lo chiedo? Perché se trovandomi a passare in prossimità della tua abitazione, dovessi incontrare un ladro con le scarpe rotte che si ruba le mie scarpe nuove, allora alla tua porta è meglio che non vengo proprio a bussare?
    Juliana (Ontario – Canada ancora senza anteporre Guelph) riguardo alla tua ultima domanda voglio lanciare un sondaggio: secondo voi, sono o non sono sposato? Vediamo quanti di voi indovinano la risposta esatta, ma tu Maria Rosa Vallone, non ti dilungare più di tanto con il tuo italiano, basta solo un SI oppure un NO, va bene pure in spagnolo! Intanto io vado a giocarmi al lotto 16 – 24 e 45, terno secco sulla ruota dei Guelfi e Ghibellini.
    Elvira D’Archi in Di Palma è la signora a destra oppure a sinistra della foto?
    Io penso che sia la signora di destra ma “capovolta” può essere la signora di sinistra.
    Infine un pensiero a Claudia Roman Jacksonville Fl,USA che ci domandava se sapessimo tutti cos’è un TRAM e che sono poche le città italiane con questo mezzo di trasporto, elettrico e su rotaie che non inquina, ma fa un rumore, se abiti ai piani bassi quando passa pensi al terremoto, ma nonostante ciò c’è chi non lo vede e non lo sente arrivare! Oggi a Milano, un’auto si è scontrata con un TRAM.


  171. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Positano records, mi fai morire dal ridere, che e’ sempre meglio che morire d’invidia…davvero a Milano si son scontrati con un tram?! Pensa che quando ancora andavo a scuola, prendendo il fatidico tram, un’auto si scontro’ col medesimo e PATAPUM!! ‘Na botta! Sembravamo tutti sardine ammassate nel tram e io ho visto tutto il fatto avvenire come al rallentatore, la macchina frenava,il tram pure ma niente da fare, se disgraziatamente guidando, finisci sulle rotaie del tram si…slitta e vai fuori strada, quindi si, gli incidenti con il rumoroso tram avvengono ed e’ facile perche’ le rotaie stanno proprio li’ nel mezzo della strada. L’auto slitta come sulla neve o sul ghiaccio MA mi sa che li’ a Napoli non avete questo tipo di esperienza, io che arrivo dai monti invece…ti diro’ che quando eravamo ragazzini freschi di patente e un po’ stupidi lo facevamo apposta a mettere l’auto sulle rotaie che andaaaavaaaa…


  172. Lucia ( Buenos Aires , Argentina )

    Cara Francesca, ben arrivata a Mar del Plata! Sicuramente gli incontri a MDP saranno uguali a quelli di Buenos Aires: allegria, affetto, partecipazione e tanta gratitudine da parte di tutti quelli si avvicinano a te. Hai visto la lettera di Elvira D’ARchi in Di Palma? A me le sue parole mi hanno toccata molto e mi hanno commossa perche esprime perfettamente quello che TUTTI NOI abbiamo sentito e pensato vedendoti e ammirandoti. Ti auguro una bellissima permanenza a MDP. Qui, tu te ne sei andata ed è arrivato l’INVERNO: oggi è giornata grigissima, freddissima e con tanto vento… il sole se ne è andato… Un abbraccio forte, Lucia


  173. zia Ivana ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissima Francesca
    Tu eri troppo piccola per capire ma io ho trascorso il mio periodo universitario a Napoli circondata dall’affetto della tua famiglia: i tuoi genitori, i tuoi zii, i tuoi nonni e soprattutto quei meravigliosi bambini che eravate tu, tuo fratello e i tuoi cuginetti. Tu eri magrolina, capelli appena ondulati, di un castano chiaro, con degli occhioni cangianti, talvolta verdi, talvolta grigi, talvolta dorati. Avevi già la personalità che hai adesso: dolce, sicura di te stessa, candida, educata, allegra, affettuosa, sensibile; non giocavi ai soliti giochi dei bambini malgrado le richieste di tuo fratello piú piccolo e dei tuoi cuginetti; sembravi piú grande della tua età sia nel modo di esprimerti, molto ben articolato, sia negli atteggiamenti: amavi cantare e ballare, ti vestivi in maniera originale, con gusto, ti riempivi di gioiellini costruiti da te e affrontavi con serietá gli impegni scolastici. Il tempo e le distanze han fatto allontanare poi le nostre vite ma non gli affetti. Dopo la mia laurea, sono andata ad insegnare prima in Francia, poi a Como, dove abitava anche zia Flora e infine sono tornata nella mia cittá natale, Chieti, dove sono rimasta fino a tre anni fa. E ora, quasi per miracolo ci siamo ritrovate in questa bellissima ed ospitale Buenos Aires. Spero peró che tu possa ritornare presto, come turista per poter trascorrere piú tempo insieme a te.Ti voglio bene
    zia Ivana


  174. zia Ivana ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissima Francesca
    Ho iniziato a leggere i commenti dei connazionali nel tuo blog e mi sento felice di sapere che tantissime persone ti vogliono bene e ti dedicano ogni giorno parte del loro tempo. Per quanto riguarda il tuo lavoro, vorrei esprimerti le mie congratulazioni; hai tutte le doti essenziali: carisma, simpatia, bellezza. La tua trasmissione è stata ingiustamente soppressa per le aberranti logiche politiche dei vertici RAI; se può consolarti, pensa al caso Biagi, molto simile al tuo: dopo 7 anni di trasmissione de “Il Fatto”, seguita da circa 10 milioni di telespettatori ogni sera, gli viene detto, a torto o a ragione, che non è più gradito e gli propongono uno spazio di alcuni minuti, in una fascia oraria che avrebbe svilito la sua professionalità. Altri giornalisti, meno brillanti, rimangono invece in eterno a condurre pessimi programmi. Tu sai fare il tuo lavoro e continuerai a farlo indipendentemente dai governi di turno; un bravo giornalista o conduttore potrá essere oscurato dalla televisione ma non dal pubblico. A proposito, se mi permetti, vorrei darti un consiglio: di chiedere agli amici del blog di non macchiare di colori politici gli interventi; potrebbero originare polemiche gratuite che non gioverebbero a nessuno e nuocerebbero solamente te; la politica, come il calcio, ci rende miopi: vediamo solo gli errori dei nostri avversari. Quello che proviamo per te è un affetto incondizionato; ti ammiriamo per le tue capacitá, per la tua competenza, per il servizio che ci rendi e per l’affetto che sai ricambiare e non per il tuo credo politico; Indro Montanelli, riconosciuto a livello mondiale come “Maestro” del giornalismo era apprezzato da tutti, dall’estrema destra fino all’estrema sinistra.
    Un forte abbraccio
    Zia Ivana


  175. vito de frenza ( punto fijo , venezuela )

    Hola Franceee . sei arrivata a Mar del Plata? immagino come sarai stanca . Pero tu sei giovane ed anche bella questo corri corri per te serve a tenerti in allenamento penso che stai risparmiando la quota mensile del ginnasio (palestra) o mi sbaglio? Vorrei domandare se qualcuno ha notizie della signora con il bambino che si trova a Fort laudale . Qualche settimana fa lessi non ricordo chi scrisse che il bambino pronuncio la prima volta MAMMA. Mi piacerebbe sentire della signora. saluti a tutti Vito


  176. Mabel y Jose ( Lomas de Zamora , Argentina )

    Caro Francesco, ti capisco bene mah per noi el mate é cosa seria.
    Un grande abracio Jose


  177. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Ricordate la canzone che Francesca ci fece ascoltare
    BENG BENG. Conoscete Yolanda Christina Gigliotti. Di
    origine calabrese, nata in Egitto ed vissuta in Francia. Bene potrei raccontarvi una storia molto commovente, la storia della bellissima ed bravissima DALIDA. Ma è meglio se andate voi stessi su google, ed
    scrivete DALIDA ed gotetevi lo spettacolo. Ed tutta la sua storia, molto commovente, in Francia hanno fatto una statua come la madonna ed tutti vanno ad portare dei fiori. Se vi piace guardate il video. Ciao a voi tutti, un saluto per Francesca, da Francesco.


  178. silvia-São Paulo-Brasile

    Carissima Francesca,come va Mar del Plata?Io oggi leggendo nel nostro salotto il resoconto della giornata di Claudia Roman-Jack-USA,un vero disastro,non sono riuscita a essere solidaria nella sua sventura,perche ha fatto un resoconto che mi riportava a un film di TATI ,che é cosi divertente(credo MIO ZIO)e siccome nel blog cerchiamo di essere onestissimi,io confesso che mi sono fatta le piu matte risate,tu mi scuserai Claudia?(il tuo del 20/05,23.09 hs per essere precisa.perche senó ci possono essere confusioni,ma io non ne ho colpa che tu racconti con quell umore quel disastro di giornata…..Ah,nessuno ha commentato la mia barzelletta dei fiammiferi (non mia,raccontata da me)che pensavo facesse ridere…o la conoscevate giá?che delusione.Positano-Records che bello il napoletano,io sapevo una pooesia “U specchio antico”,ma non la ricordo,vedró di sforzarmi.Un abraccio a tutti …..Anna -Brasile,che disastro hai fatto,stai capovolgendo la testa a tutti a poco a poco,effetto dominó…..non potevi fare di peggio,e mó come la mettiamo?


  179. teresa fantasia-Buenos Aires ( Argentina )

    Caro Alessandro è vero pensiamo uguale su tante cose ,ma la mia domanda era più che altro un desiderio ,mi piacerebe ad esempio che gli abitanti di questa citta,anche i nativi la rispetasero como lo faccio io che sono straniera ,non butto al marciapiede ne il biglieto del autobus a cosi ho insegnato a mio figlio , vedo con tristeza le strade piene di “basura” (rifiuti) botiglie di plastica lattine scatole di cartone delle pizze ecc.,ne io nei miei vicini hanno un cane ,ma devo stare atenta quando esco perché altri portano il loro cane a sporcare la “vereda” del nostro edificio , non credo che perché il paese é casa loro abbiano dirito a sporcarla,perche le conseguenze le sofriamo tutti ,nativi e immigrati ,ad esempio quando piove le case si allagano perche l’acqua non scorre a causa del cumuli dei rifiuti sulla strada , Flores é un bell quartiere ,acusano alla nuova emigrazione che é sporca, ma io vedo signore e signori buttare di tutto dalle loro belle macchine e non sono certo dei poveri immigrati!
    mi chiedo se noi accettiamo e rispetiamo le loro leggi, le loro regole ,paguiamo le tasse per la raccolta dell inmondezza ,siamo buoni cittadini ,abbiamo dirito a vivere in una città pulita no?
    Con riguardo alla lingua italiana abbiamo chiesto che venga insegnata a scuola ,se si insegna l’inglese il francese e il pòrtoghese perché no l’italiano in una nazione con una popolazione di maggioranza di provenienza italiana?

    ci sono troppi pregiudizi con gli immigrati delle diverse etnie perche non si conosce, dei coreani dicono che sono sporchi ,mio figlio pratica Kumdo e quando va a cena a casa del suo istrutore coreano dice che tutti lasciano le scarpe fuori per non sporcare la casa ,quando sono venuti ad allenarsi per un torneo al campo della nostra associazione un fine settimana ,hanno pulito tutto e hanno raccolto anche pezzetini di carta che altri ragazzi avevano lasciato dipersi sull erba siamo rimasti meravigliati del loro rispeto
    b.notte


  180. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Mia cara Claudia Roman nessuna notizia di Danila?
    Mi domandi se pure a Napoli abbiamo questo tipo di esperienza e da questo trapela che non conosci i napoletani: a Napoli, la città dove tutto si muove a rilento, vuoi che “nun tenimme ‘o tram”?
    Ci stanno pure TRAM che camminano da soli, senza conducente, “pecchè cà nisciune paga ‘o bigliett” e quando i tram passano per la piazza Garibaldi, scende per protesta, il conducente, mica Garibaldi da cavallo? Dicevo, i conducenti scendono e si fanno un “tresette” al bar tra di loro, poi quando al ritorno ripassa il loro tram che cammina “senza conducente”, risalgono e si rimettono a cavallo, scusa, alla guida.
    Come fanno i TRAM senza conducente ad arrestarsi alle fermate, questo non lo so, ma in giro si vocifera che quando occorre interviene la “POLIZIA!”
    Quanto al vostro hobby di montagna di mettere le ruote sulle rotaie per slittare come sulla neve o sul il ghiaccio qui a Napoli non possiamo farlo, in primo luogo perché in giro ci sono anche auto senza gomme e quando metti i cerchi sulle rotaie, fanno attrito, e si rischia di rimetterci pure il cerchio, e quando si perde pure il cerchio, si dice a Napule “stamme proprio a cavallo”!
    In secondo luogo perché ci stanno pure rotaie su cui non passa nessun tram ma ci passa la corrente, l’energia elettrica, e “cà niscune è fesse”: conosci tu qualcuno disposto a prendere la scossa?
    Ciao Silvia, non ti preoccupare io sono testimone, se scoppierà un incendio sul blog, quando arriveranno i pompieri e chiederanno spiegazioni circa la scintilla che ha propagato il fuoco, io dirò la verità: sono stati i fiammiferi di Silvia!


  181. Alessandro

    Alla signora Zia Ivana
    Mi sembra del tutto evidente che il consiglio sulle macchie politiche……..si riferisce ai miei scritti, visto che sono l’unico che lo ha fatto nella pagina di Miscelanea Argentina.
    Le confesso che mi ha messo in difficolta trattandosi Lei di una stretta familiare di Francesca.
    Vede cara signora, ho sempre difeso Francesca, per lealta, fatti oggettivi, riscontri e prove che non ammettono dubbi.
    Francesca e una creatura straordinaria, guai a chi me la tocca, anche se in questo caso si tratta della zia, fortunatamente ritrovata.
    Come Lei dice, non ha mai pubblicamente espresso il suo credo politico, meno che mai in trasmissione, ma che lo abbia e un fatto incontestabile, altrimenti non sarebbe stata allontanata dalla RAi da una fazione politica.
    Fare una similitudine con il caso Biagi, un bravo giornalista che faceva del suo programma, seguito come dice Lei da 10 Milioni, una tribuna politica di accuse contro una diversa idea dalla sua, non rende merito a Francesca.
    Direi tutto il contrario, comunque anche dopo le due uscite di Rai che Lei accomuna, uno si e svilito da solo, l’altra invece si e ingigantita, come dimostrano le accoglienze che le vengono tributate in Argentina e aneriormente in Australia.
    Se non le piacciono i miei post, sempre puo sorvolarli, come facciamo tutti, nessuno e obbligato a leggere quello che non vuole.
    Invece se il consiglio e familiare, prendero atto che in famiglia non sono gradite le mie idee, e mi faro da parte.
    Se avro occasione e tempo per cambiare il mio modo di pensare libero, sottostare ai cliche di moda, cambiare la mia miopia per una accettabile miopia che segua la tendenziosita e faziosita di coloro che, approfittando del successo professionale, professano dalla Rai odi personali nei confronti di una sola parte politica, dimostrando mancanza totale di buonsenso e equilibrio, allora chiedero permesso a Lei per tornare a scrivere.
    Paradossalmente e stata originata quella polemica gratuita che menziona.


  182. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Ohicanne, o’ sapeve, è scoppiato l’incendio sul blog di Francesca!

    Facite a’mbresse… chiammate e pumpiere!

    Io sò testimone oculare e tutt’a storia, arrestateli, “song state e micciarielle” di Silvia, Alessandro è innocente!!!


  183. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    A Teresa, ti capisco perfettamente, tanto e` vero che io e mio marito facciamo le passeggiate con un proposito, sia via marciapiedi o anche nei parchi, raccogliamo i rifiuti degli altri. Io penso che quantunque i cittadini del mondo buttano qualsiasi cosa che a loro non serve piu` pensano che e` solo una piccola cosa il che non comporta niente di male o brutto ma quante piccole cose buttiamo giornalmente e la gran maggior parte della gente lo fa, alla fine ci sono tonnellate. Un bel proverbio: “Cento niente creparono l’asino.” Se ognuno di noi pensasse che non e` l’unico a buttare forse questo mondo sarebbe piu` pulito. Poi a riguardo della lingua e parlo degli Stati Uniti la cui lingua e` inglese adesso da per tutto e` in bilingue, inglese e spagnolo e non per pregiudizio ma in questa nazione ci vive tutto il mondo e non sono d’accordo che con fondi pubblici il governo e enti privati offrono tutto in spagnolo e inglese. Sono molto spiacente che questo e` permesso perche` per essere equi dovrebbero farlo in tutte le lingue italiano incluso. Noi tutti emigranti abbiamo dovuto imparare l’inglese per vivere in questa nazione, non abbiamo avuto nessuna agevolazione e in un certo senso e` stato un bene perche` a male e bene anche la gente analfabeta ha imparato a parlare l’inglese. Gli emigranti oriundi dalle nazioni ove si parla lo spagnolo che vivono a Miami o altre citta` dove c’e` una grande concentrazione di questi residenti,non sanno parlare l’inglese e quindi devono vivere sempre in quelle zone perche` altrimenti non possono comunicare e non e` bello non poter essere indipendenti. Come vedi ci sono problemi in tutte le nazioni di questo mondo perche` non ci rispettiamo a vicenda e siamo egoisti. Penso che gli animali per intuito si rispettano molto di piu` fra di loro che noi umani e causano molto meno inquinamento.


  184. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Tram deraglia a Milano, alcuni feriti.

    Un incidente ha coinvolto un’auto e un tram in via Soffredini a Milano: la macchina è finita contro il mezzo facendolo deragliare dai binari.

    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/05/tram.shtml?uuid=28095f5e-2657-11dd-ad92-00000e25108c&type=Libero

    http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsID=81844


  185. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Positano Records,
    secondo me sei separato!Hai chiesto tu la nostra opinione….
    Danila ha un tragitto che purtroppo per lei non passa da Napoli,si trova al Nord tra bagna caoda, moccetta e piadina (beata lei!) cosi’ nonostante abbia attraversato l’oceano e si trovi non troppo distante da Napoli in realta’, causa impegni e tempo, e’ lontanissima dalla sua citta’, stesso dicasi per Francesca che pur avendo fatto molte ore di volo per raggiungere l’Argentina e apparentemente e’ a pochi passi dal Brasile, in realta’ per lei e’ distante anni luce. Non per questo lontano dal cuore…immagino quanto sara’ difficile per Danila essere cosi’ vicina alla sua citta’ eppure cosi’ lontana.
    Non sapevo che c’era il tram a Napoli…a To sono gialli (come i taxi a NY) e i piu’ nuovi bianchi con mega pubblicita’ sulla carrozzeria, ma dico io, con tutta la nebbia che affligge la citta’ che a volte si taglia con il coltello, non era meglio lasciarli gialli i tram che almeno si vedevano bene? Mah, si vede che avevano soldi da spendere.
    Nelle citta’ argentine come sono i mezzi di trasporto pubblico? I taxi hanno un colore predominante? Funzionano o e’ meglio usare la macchina?


  186. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Claudia Roman – Non ti posso rispondere sulla tua opinione altrimenti finisce la sorpresa.


  187. Patricia ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissima Francesca e amici,

    aggiungo qualcosa sul mate che mi sembra interessante e mi scuso se già è stato detto.
    Il mate è una infusione fatta con un erba che si chiama “yerba mate”(Ilex Paraguariensis).
    Era già ben conosciuta dagli indigeni, chiamati Guaraníes, per le sue proprietà alimentarie e curative,per aumentare la resistenza alla stanchezza e per ridurre la sensazione di fame e di sete.
    Questa bibita è uno stimolante del sistema nervoso per ché contiene un pricipio attivo chiamato “mateína”che attua come tonico favorendo la attività fisica e intelletuale ma senza provocare insonnia e irritabilità come la “caffeina” del caffé.
    Gli studi dimostrano che oltre ad essere un diuretico e un lassativo naturale possiede vitamina C,vitamine del grupo B,minerali come il calcio,il potassio e il magnesio e dei tannini che sono antiossidanti.
    Addirittura esistono degli “spà” che includono la “yerba mate” come ingrediente nei suoi trattamenti di bellezza.Che ne dite? Meraviglioso no?.
    Forse qualcunaltro conosce di più su la storia o su le varie leggende che si raccontano riguardanti il mate e la “yerba mate”e le può condividere.
    Io adesso vado a farmi “un rico mate” perché devo continuare con lo studio fino a tardi e il mate sarà il mio “buon compagno”, come ci piace dire a noi.
    Un bacione e a presto,
    Patricia


  188. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Carissima Francesca ed amici del salotto:sono felicissima.Domani matina partiro verso Mar del Plata con mio marito !!!!Sicuramente non leggero per due giorni il blog (credo,fino il sabato) e per tanto voglio fare i complimenti per gli bellissimi commenti di Alessandro e dire al caro Positano che il linguagio va gratuito,ja ja;non ho la famosa furbizia argentina ja,ja !!!!Bacioni!!!!!!


  189. Anabella Spinazzola ( Buenos Aires , Argentina )

    Buona sera a tutti gli amici FRANCESCA´S FAN I AM THE NUMBER ONE, SONO LA TIFOSA NUMERO UNO. Sono cosí felice e non mi resta piú che ringraziare a tutti per questi giorni che sono passati da quando ho comiciato ad scrivere nel blog, dopo aver conosciuto a te FRANCESCA.
    Ho conosciuto, e sicuro continuerò a conoscere persone della colletività, le qualle sono meravilgiose.
    Voi gia aveto raccontato benissimo tutto cío che abbiamo vissuto ieri. Ma una cosa, la quale è stata detta da MARIA ROSA COLOMOBO è che mi sono emozionata nel momento in cui lei gli ha detto a Francesaca: le dai un bacio a l`ITALIA??, ho sentito la stessa mancanza che sentite voi perchè anchè se io sono nata in Argentina, a mi manca l´Italia, come li manca a mio nonno, a voi e a tutti che sono stati costretti a lasciare la loro terra. Anch`ìo vorrei dirti dagli un bacio e abbrracio grande come tutta l`ARGRNTINA a l`Italia, e agli italiani che vivono lá. VI AMO!!!
    Anabella


  190. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Caro positano di napoli.sto guardando porta a porta, non ci posso credere che voi volete santo subito il (papa silvio burlasconi) ma siete infedeli, come potete tradire san Gennaro! ma dimmi l’aureola come la fate? con la spazzatura?rispondimi, magari mi mandi al quel paese, tanto ci sono gia`. ciao gaetana.Poi gardano il programma di fabrizio frizzi hanno detto che i manicomi sono stati chiusi. allora dove sono tutti i pazzi, a!! ecco lo so .tutti al governo.scusa cara Francesca ma e piu forte di me, devo essere contestataria, con tutto sono cosi. un abbraccio.


  191. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Cara Zia Ivana, permette che la chiamo cosi. Apprezziamo quello che ha scritto riquardo Francesca.
    merita tutta la nostra stima e siamo orgogliosi di lei,come ambasciatrice dell’Italia non potevamo avere di meglio.( SPERO CHE CONTINUI SEMPRE PER QUESTA STRADA.)Ai tutta la nostra ammirazione.Bravaaaaaaaaa


  192. Marta Martìnez Ambrosini

    Scusate, io non bevo “il mate” ma aggiungo solo che qui in Uruguay la gente va in giro con il mate ed il “termus” “termo” dell`acqua calda sottobraccio.Ed è questa una delle caratteristiche che distinguono gli uruguaiani dagli argentini che lo bevono più che altro in casa mantenendo l` acqua calda dentro ” la pava”.Per il resto è una bevanda che prendono quasi tutti perchè disseta,sostituisce il “thè”, unisce le persone perchè generalmente si beve in compagnia e a volte sostituisce qualche pasto della giornata. Con un Saluto a Francesca che purtroppo ha dimenticato che esiste anche l`Uruguay – saluto tutti gli amici del blog.Marta.


  193. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Ma scusate, amici argentini e dintorni, non vorrete mica tenervi il mate solo tutto per voi? Adesso che ci avete rivelate le doti fantastiche di questa bevanda dovete mandarcene un po’.
    Cosa vogliamo di piu’: E’ diuretico e lassativo cioe’ DEPURA, ti rende contento perche’ lo bevi in compagnia, ti tira su’ e da’ energia, a quanto pare studenti d’ogni eta’ ne fanno uso, uno perche’ ti da’ la carica e quindi studi meglio e senza fatica, due perche’ ti da’ una buona scusa ….per uscire dalla classe e’ buono da bere e DULCIS IN FUNDO sostituisce il pasto e TI TOGLIE LA FAME!!! Ma speditemene subito 3kg!!! Ne ho assolutamente bisogno per tutte le cose dette sopra nessuna esclusa. Sono certa che allunga pure la vita, perche’ se ti depura e ti fa contento…
    Cominciate a organizzare la spedizione.


  194. zia Ivana ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissimo Signor Alessandro,
    Mi dispiace enormemente che lei abbia pensato che mi riferissi a Lei; anzi, le confesso, ma non dovrei farlo proprio in virtú del mio consiglio a Francesca, che condivido a pieno quanto Lei ha affermato, in particolar modo la sua analisi sulla miseria negli Stati Uniti e le differenze con L’America Latina. La sua é stata una seria critica sociale che porta giustamente a denigrare la classe politica corrotta. La prego quindi di rileggere con serenitá il mio intervento, vedrá che si troverá d’accordo con me. Il confronto con Biagi l’ho fatto per certe analogie: i 7 anni di successo della trasmissione, l’indice altissimo degli ascolti, la decisione da un giorno all’altro di chiudere la trasmissione, la proposta di un altro programma di serie “B”.
    Sinceri e affettuosi saluti
    Ivana


  195. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Vorrei chidere a Patricia di Buenos Aires se questa bevanda portensosa la posso comprare in australia.
    Penso che mi farebbe molto bene, mi risponda mi dica come si chiama in inglese. Grazie Gaetana


  196. Alessandro

    Prima di rispondere alla civile precisazione della signora Zia Ivana
    Un grazie a Maria Rosa Caporossi per l’appoggio ricevuto
    A luciana cianfarani, un pezzettino di carta é poco ma……..siamo tanti.Comunque non credo che sia un problema da collegare in alcun modo all’immigrazione, questo vale anche per Teresa, la mancanza di cultura non é un esclusiva dell’immigrato.
    Come pensiero filosofico mi trovo piu in sintonia con un politico che non fu mai una figura di primo piano, solo un semplice sindaco, una volta sottosegretario, diceva: « Non si dica quella solita frase poco seria: la politica è una cosa ‘brutta’! No: l’impegno politico -cioè l’impegno diretto alla costruzione cristianamente ispirata della società in tutti i suoi ordinamenti a cominciare dall’economico è un impegno di umanità e di santità: è un impegno che deve potere convogliare verso di sé gli sforzi di una vita tutta tessuta di preghiera, di meditazione, di prudenza, di fortezza, di giustizia e di carità. »
    Come si puo vedere molto distante dai politici attuali che contrariamente a quello che dice la Signora Ivana, non denigro assolutamente, non ne hanno bisogno, e nel loro DNA.
    L’altra cosa che apprezzo, é il significato implicito del post e quando dice che non si riferiva a me, solo dispiace che non chiarisca a chi si riferiva.
    Le mie analisi sono sintetizzate per ragioni di spazio, ma ce ne sarebbe per abbondare.
    Ribadisco che accostare Biagi a Francesca, non la favorisce in assoluto, con tutto il rispetto per Biagi, la professionalita di Francesca e altra cosa, non si possono cercare analogie dove non ci sono.
    Comunque per quanto mi riguarda, incidente chiuso e superato.
    Ricambio i sinceri e affettuosi saluti.


  197. joe ( Melbourne )

    Ciaoo Francesca.come va’ bellissima la foto,si vede che ti maantieni in bellissima forma.Prosegui il tuo viaggio ,e goditi tutto quello che dio ti dona.Continua sempre cosi’ un bacione Joe…


  198. PADRE JUAN CARLOS ( CHIVILCOY , ARGENTINO )

    QUERIDA FRANCESCA. EN PRIMER LUGAR LE PIDO A MARIA ROSA COLOMBO, QUE TRADUZCA ESTAS LINEAS, PARA QUE VOS ME PUEDAS ENTENDER. TE AGRADEZCO LA VISITA A NUESTRO PAIS, MARIA ROSA ME CONTÓ LO CONTENTA QUE ESTABAS VOS EN LOS ENCUENTROS QUE ELLA PUDO IR. ENCANTADA CON TU CALIDES Y TODO TU DESPLIEGUE AMICAL. LA VERDAD ME HUBIERA ENCANTADO CONOCERTE, YA TENDREMOS ALGUNA OTRA OPORTUNIDAD SEGURO. DESDE MI LUGAR TE ENVIO UNA BENDICION, TE DESEO LO MEJOR Y GRACIAS POR TODO EL BIEN QUE LE HACES A LOS ITALIANOS EN EL MUNDO. UN BESO, VOLVE PRONTO, ASI DISFRUTA DEL MATE, EL ASADO Y DE NUESTRA CÁLIDA COMPANIA…


  199. augusta prina ( milltown nj , usa )

    Carissimi,sono al mio secondo post in quanto il successivo quasi arrivata ai saluti ….mi e’ sparito e allora innervosita ho chiuso tutto per calmare il mio disappunto. Anche se vi ho letti con piacere sono stata messa KO da una brutta influenza che per fortuna ha fatto il famoso giro di boa.
    Sull’argomento del degrado delle capitali del mondo,dei disagi che creano i Rom,i clandestini i rumeni i
    bosniaci che hanno invaso le nostre citta’
    direi che tutto il mondo e’un paese .
    La trasmissione di Vespa di ieri sera era inerente su quest’argomento con filmati sconcertanti e penosi da vedere.Sara’ un problema difficele da risolvere perche’ gli abusivi rendono la vita difficile a chi ha le carte in regola.Non parliamo della spazzatura di Napoli e vedere che la la gente rovescia i cassettoni sulla strada eppoi dice …..vediamo cosa sa fare il Berlusconi fa solo rabbia.
    I miracoli non li fa nessuno ma ci vorrebbe piu’ senso civico da parte di tutti.

    Allora, informo CLAUDIA ROMAN che il famoso MATE io lo trovo nei negozi indiani e anche dai cinesi e libanesi.

    Non mi ricordo chi di voi si e’ fatto meraviglia che in Italia sono stati chiusi i manicomi e informo con certezza che sono chiusi da tantissimi anni.

    A SARA MATERA ITALIA voglio dire che ha omesso di far conoscere il cognome dei pareti che sta cercando in terra Argentina.

    POSITANO RECORD,non mi coinvolgo nel cercare di sapere se sei sposato o no,ma voglio dirti che sei simpatico anche se fatico non poco a capire quando scrivi in Napoletano.

    ALESSANDRO,la tua risposta alla zia IVANA non fa una piega e scusami se mi ripeto nel dirti che ti leggo sempre con piacere.

    Francesca da quanto ho letto dovrebbe essere sotto un altro cielo,quindi nuove emozioni,nuove amicizie ,nuove esperienze e noi siamo felice per lei.

    Andro’ domani sul sito proposto dall’amico LUIS ROMAGNI , adesso si e ‘ fatto tardi ed auguro buona notte per tutti. augusta

    paese.La


  200. Giuseppe-del Connecticut

    Mamma mia la testa mi sta girando comme a nu “strummulu” (trottola in dialetto italiano).

    A padre Juan Carlos, non ho capito nulla di quello che hai detto.

    A tutti voi che parlate anche l’inglese ho trovato su wikpedia cos’e` il “yerba-mate”. Molto interessante, si puo` tradiurre i molte altre lingue. La versione italiane non e tanto chiara, ma la traduzione spagnola, inglese e portoghese e la piu dettagliata anche con foto della pianta, foglie , iori e bacchi.

    Un consiglio dopo tutta st’ammuina di tram, appicciaregli, sotto e ‘ncoppa punti interrogativi, pompieri e altro miscellenei e` ora di farci un “yerba-mates” o un “caffe alla valdostana”, pure a commomilla ci sta` bene.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Yerba_mate

    xAnnabella siamo tutti “Numero Uno” fan, percio` noi italiani non ci mettiamo in fila uno dietro l’altro ma in linea uno affianco all’altro.

    Un brindisi a tutti!!!


  201. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    CARI SALUTI AGLI AMICI DEL BLOG.
    In questa puntata non vi accompagno con qualche commento per avere molti impegni di lavoro, e partecipo anche in altri blog tecnici e della collettivita italovenezolana.
    Per l’amico LUIS ROMAGNI, speciali saluti ma permettimi ricordarti che il rammarico e’ di noi bloghisti, perche ti abbiamo incaricato di mantenerci aggiornati nel triste caso del volo a Los Roques, ed in quanto alla rassegna della Voce, segnalata, e’ molto generale. Pero un giornale di Caracas non digitalizato possiamo conoscere informazione complementaria, che considero interessante per il blog:
    ….Dopo vari giorni di ricerca la nave “punta brava” della marina venezolana fornita da una apparecchiatura speciale, ha rilevato il relitto di un aereo in un fondale marino…nel bimotore Let 410 della compagnia Transaven con otto italiani delle 14 persone a bordo di quel tragico volo…..Non ci sono indizzi ne ipotesi come quella di un “ditottamento” , se non quella di un incidente .Dalle ricerche si e’ sicuri che l’oggetto rilevato tra i 300 e 400 metri di profondita sia un aereo. La lunghezza e’ di cica 14 metri, che porta al 70% la probabilita che si tratti dell’aereo dell’estero di Transaven , pero c’e il problema in zona che segnala della presenza di circa 30 aerei affondati…quindi verranno nei prossimi giorni interpellati, per il ricupero, le autorita vene zolane e italiane ed i fabbricanti dell’aereo, un’azienda dela repubblica Ceca .
    Per tutti un buon proseguimemto nel blog e…in Mar del Plata . Gesualdo


  202. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Eccolo l’ho trovato. Buon divertimento!!!

    http://www.youtube.com/watch?v=eGtKQOlydxw


  203. Adriana ( Bs.As )

    Prima di tutto cara Francesca spero un buon proseguimento del tuo viaggio a Mar del Plata e che l’aria del mare ti faccia sentire come nel tuo luogo dove vai in vacanza che credo sia Ponza.
    Avevo promesso di non parlare di problemi politici, peró Alessandro mi fa tentare a io che non posso trattenermi, allora.
    per Alessandro: cordiale Alessandro hai detto che la filosofia del politico Latinoamericano va dalla dittatura alla corruzione senza via di messo. Non so se hai sentito parlare della Dottsa.Elisa Carrió, rimasta seconda nelle ultime ellezioni presidenziali con 4.000.000 di voti. Questa donna ha fatto un lungo percorso contra la corruzione della politica del governo Menen, e una nota avvocata costituzionalista, diverse volte deputata, eletta dal Congreso Nazionale per ampia maggioranza miglior deputata durante la sua legislatura. Fu intervistata da Amnestia International da un rappresentate di questa organizzazione perché, assecondo é apparso nel quotidiano La Nación la consideravano in peligro di vita.(minacciata a morte) E stata sotto processo per le sue denuncie (queste si possono vedere nei suoi lavori nel parlamento e libri), e dichiaratta dal giudice non colpelvele per le sue acusse.
    Nella sua campagna elletorale, nonostante essere “tentata” da potenti imprenditori che volevano appogiarla nella sua campagna, mai lo accettó. Quelli cittadini argentini che la votarono hanno fatto la campagna elettorale dando ognuno piccoli contributti e credono firmemente nei suoi valori morali e anche cristiani.
    In un altro tuo commento hai fatto riferimento hai cittadini onesti dalla Argentina che devono esigere e votare bene. Hai raggione, peró guarda caso che questo accade in tutto il mondo. Senó basta chiergli ai cittadini onesti di Napoli che votarono i politici se pensavano che questi portassero alla cittá nelle e condizioni attuali, onestamente credo che non lo volevano. Cari saluti


  204. Alessandro

    Carissima Adriana, vorrei condividere e sperare che il tuo ottimismo si trasformi in realta il giorno che la tua candidata riuscisse a raggiungere il suo obbiettivo.
    A volte pecchiamo di ingenuita o forse si tratta di non voler perdere la speranza e dobbiamo credere in qualcosa di positivo. Pero il re degli asini é sempre un asino.
    Un fatto é certo, che la sua provenienza é il Chaco, come ho scritto faccio riferimento a un politico, che senza arrivare in alto fece tanto per la citta, a volte piu dei bei discorsi valgono i fatti. Nel Chaco sarebbero molto piu felici se avesse migliorato la loro condizione sociale, magari abbassando la mira delle aspirazioni presidenziali. Il tuo paragone con l’Italia é ottimo, basta leggere cosa scrivo sull’argomento, ma non é con mal comun medio gaudio che ci si puo accontentare.
    Avere il coraggio di fare denuncie non puo essere da me criticato, lo faccio continuamente qui, certo si tratta di denuncie virtuali, ma credimi la fame e la miseria si combattono facendo azioni positive, dove i risultati devono essere visibili.
    America Latina tutta, vive ancora con la figura del caudillo, io che adoro i latini, quelli perbene intendo, ne ammiro il carattere, la forma semplice e spontanea di essere, un mestizzaggio con tante razze che ha prodotto persone eccezionali, con infinite qualita, spesso mi domando come possono continuare con dei sistemi arcaici di governo.
    L’oligarchia é imperante in tutti i paesi del continente, le eccezioni sono passeggere e sempre vanno all’altro estremo, quando tutti sanno che l’equilibrio si ottiene nel mezzo. Chi diceva che BA e stata costruita copiando Parigi, si e dimenticato di dire che hanno copiato anche l’aristocrazia e non avendo nobili li hanno sostituiti promuovendo le dinastie familiari dei piu facoltosi a posizioni di predominio anche politico.
    Insomma presidenti che sono piu simili a dittatori o populisti impreparati sull’onda delle proteste popolari, economie dirette da Chicago Boys o marxisti.


  205. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    Salve ragazzi,Buongiorno!
    Cerco di recuperare il tempo perso lontano dal salotto…´´e una battaglia ardua …
    ho dato una sbirciatina e devo ritornare sui miei passi se non voglio mischiare nomi fatti ecc…
    siete in tanti ormai che se voglio proprio fare le cose per bene devo mettermi degli appunti di lato…
    Ieri sono stata tutta la giornata fuori .Stiamo rifacendo il pavimento della Churrasqueira (chissá che venite qui devo adeguarmi……)
    churrasqueira qui é il posto in giardino dove si fa il churrasco ,parrilla,barbecue, grigliata o come lo volete chiamare voi; per mandare via le masserizie abbiamo contrattato una ditta che porta dei piccoli conteiner e poi quando riempita si incaricano loro di scaricarlo in un posto adatto.(almeno lo spero)
    Siccome il nostro portone é basso,non c’entra un camion il container é rimasto sul marciapiedi nel piccolo piazzale prima del portone.quindi abbiamo messo fuori le macchine alle sei del mattino e tornati solo alla sera.Abbiamo lasciato una macchina in un posteggio qui vicino per passare la notte (Mentre l’altra é nel garage dell’ufficio dove sono posteggiati i nostri gioiellini) perché un canteiner é stato insufficiente e siccome abitiamo in una strada di grande movimento per cambiare container solo a sera tardi a al mattino presto per fare queste manovre.

    Comunque niente paragonabile alle avventure di Claudia….ti sei rimessa?
    Mi hai fatto venire le lacrime agli occhi!
    Per ricompensa,ti diró che i tassí qui a San Paolo sono prevalentemente bianchi in Argentina non mi ricordo di che colore sono chiediamo aiuto.
    A Rio sono di vari colori dipendendo dalle compagnie proprietarie delle macchine
    Le traghe dei pullman tassí e camion sono rosse,le targhe dei veicoli privati ,grigie e tutti ma proprio tutti i paesini piú minuscoli avendoi un certo num,ero di macchine matricolate,hanno la propria targa sulla targa allora viene su la sigla dello stato nel caso qui,SP poi il nome della cittá per esteso


  206. Flavia Mea Pola ( San paolo , Brasile )

    e tre lettere e quattro cifre sotto ben grandi per aiutare i vigili a darci le multe…

    SP São Paulo
    FRP 0080

    questa é la targa della nostra 164 per esempio
    Siccome sono tante cittá riescono a dividere le lettere Sappiamo per esempio che targhe che iniziano per A sono state immatricolate la prima volta a Curitiba se cambiano cittá cambierá solo sopra il nome della cittá mentre il numero di sotto con le lettere rimarrá per sempre con la macchina
    Rio ha molte macchine che iniziano per L
    San Paolo ha lettera D,E,F, un vero pasticcio ma alla fine poi si capisce!
    trovavo cosí semplice e facile le targhe in Italia con le iniziali delle province…mah!
    Quando ero piccola e andavamo a Cortina a sciare o in qualsiasi altro posto,il mio divertimento era indovinare le sigle delle macchine eppoi che tipo di macchine erano e facevo il campionato..quante lance Flavia c’erano,quante 124 e cosí via…
    i mabini moderni invece adesso vedono i filmini o giocano al computer e non guardano niente fuori!
    Ora vi lascio a fare calcoli sulle targhe cosí vi capovolgo in un altro modo e lancio la domanda come sono le targhe da voi?
    Mentre noi ci dilettiamo Francesca che te ne pare di Mar del Plata? aspettiamo tue notizie!
    Berlusca é a Napoli..spero che non ne abbia a male…mio figlio milanista é arrabiato col mio Napoli ma che c’entra il Napoli..il Milan quest’anno non ha fatto una buona campagna ed é rimasta fuori dai primi 4…

    Recuperare l’aereo con le salme dentro…ma cosa sará rimasto di quelle salme?
    Meglio non pensarci….

    Agerolese che fa girare la testa alla povera Anna (meno male che il nome suo come lo volti e lo giri sempre Anna rimane)stai pur certo che la prossima volta che passo per NApoli vado ad Agerola…solo per conoscere un degno rappresentante campano!
    Ora devo andare a fare fisio (la vecchiaia é na brutta cosa diceva mio padre) al ritorno se nessuno mi disturba devo decifrare quello che vi siete scritti ieri…
    o


  207. Flavia Mea Pola ( San Paolo , Brasile )

    Un ringraziamento speciale ai nostri inviati argentini.
    Grazie nalla loro cortese collaborazione sappiamo di ogni spostamento della nostra FRancesca e il furore della sua strepitosa tournée

    Lembranças Saluti,
    Flavia


  208. teresa fantasia-Buenos Aires

    Ciao Francesca ho sentito che piove in Mar del Plata , spero che il sole non si faccia il furbo e ti riservi belle giornate ,ciao amici e amiche bloghisti , altro sarebbe il mondo come dice Alessandro , l’impegno dei politici di tutte le nazioni fosse “diretto alla costruzione cristianamente ispirata della società in tutti i suoi ordinamenti a cominciare dall’economico è un impegno di umanità e di santità: è un impegno che deve potere convogliare verso di sé gli sforzi di una vita tutta tessuta di preghiera, di meditazione, di prudenza, di fortezza, di giustizia e di carità. »

    X Augusta Prina l’argomento del degrado delle capitali del mondo,come ho detto nell post precedente non è giusto dare tutta la colpa a gli immigrati.
    sull argomento dei ” Rom,i clandestini i rumeni i bosniaci che hanno invaso le nostre citta” non ho guardato Porta a Porta ,ho acceso la TV tardissimo quindi ho guardato Ballarò , e credimi sentire da alcuni italiane gridare a una signora straniera “che siete venuti a fare a Italia?andate via!”mi ha riportato alla mia infanzia qui quando alcuni argentini (anche nostri compagni di scuola)gridavano a noi italiani :”tano muerto de hambre volvete a tu tierra”,”ustedes nos quitan el pan y el trabajo”,”estos tanos vienen con una mano atras y otra adelante y en 5 años tienen casa propia”,
    pecato che queste cose ,per pudore non si raccontavano alle famiglie rimaste in patria ,di averlo fatto forse oggi altro sarebbe in Italia il trato per gli estracomunitari.
    X luciana cianfarani ,anche nostro figlio a scuola
    raccoglieva i rifiuti che altri ragazzi buttavo per terra perche cosi lo abbiamo insegnato e ridevano di lui !sottolineo che era una scuola privata il Lassalle di Flores!facevamo tanti sacrifici per pagarla quindi i compagni non erano “emigrati poveri”
    Ho trovato piu rispeto e educazione e cortesia in una famiglia povera di mendoza e loro figli , ci hanno invitato a pranzo al loro “rancho” ,caseta di adobe e paglia .


  209. Luis Romagni ( Miami,Fl. , Usa )

    Buon Giorno a tutti!X GESUALDO,GUANARE!cARO AMICO tu ti riferisci e trascrivi notizie del 24 Aprile 08,io invece essendo della Defensa Civil ho notizie fresche..
    la probabilita’ che sia il TRISTE AEREO e solo del 10% da vari sondaggi fatti,anche se il Generale nostro Capo e’ stato passato in altri Offici io sto’ costantemente informato!Prima si deve vedere se e’ l’Aereo e poi ci sono 5 Imprese che dicono che possono fare il riscatto! Per me non e’ l’aereo..e mi dispiace!Grazie del tuao intervento!scusandomi con Francesca e augurandogli un apoteosico estadia en Mar Del Plata saluti a tutti LUIS!


  210. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buon giorno, a tutti, JOSE il mate è una bevanda come
    un te, ed capisco che è una cosa seria. Ricordo i vecchi tempi quando i nostri nonni ci mandavano a raccogliere cert`erbe, che poi le bollivono ed ce lo facevono bere, ed erano molte buone, anche per alcuni disturbi intestinali. Buon giorno Francesca, ti auguro un buon soggiorno a MAR DEL PLATA, ed un saluto ai nostri amici del plata. Ciao a tittu Francesco.


  211. Claudia ( Buenos Aires , Argentina )

    per Gaetana di Melbourne:
    la yerba mate (erba mate) si esporta, io l’ho trovata in Spagna,Italia e negli Stati Uniti.
    Ci sono i pacchi di “La Hoja” o “Taragui” o “Cruz de Malta”, e pure a sacchetti di questo stesso nome.
    Chieda Yerba Mate tea e sicuramente che trovera qualcuna,
    poi ci faccia sapere.
    un saluto,
    Claudia da baires


  212. MARIA ( montreal , canada )

    con te per quello che fai

    CARISSIMA FRANCESCA,
    sei una ragazza inteliggente
    e come si suol dire,
    9si chiude una porta e si apre un portone)
    e per te sara’ cosi’
    sei molto in gamba e amata da tutti
    un bacione Maria…voglio complimentarmi


  213. silvia-São Paulo-Brasile

    Cara Francesca,dicono che piove a Mar del Plata,preghiamo che spunti il sole,sarebbe un peccato,pure se tu sai superare quasi tutto penso,anzi,si nota,non ti lasci prendere.Alessandro carissimo,io pure leggo con interesse i tuoi scritti,e di politicapoliticanon me ne intendo molto ma sono un essere”politico” perche esisto,se intendiamo politica come il partecipare alla vita pubblica,io vedo la vita come un constante esercizio politico,nel pensiero e(nel caso dei politici professionali) negl atti.Positano-Records,Agerola-Napoli oggi mi obbliga a fare un mea culpa ,mea culpa perche accusai fiammiferi da me citati giorni fá come colpevoli dell incendio quasi scoppiato,dico tra te e zia Ivana (argentina.Figurati io,giusto causa di incendio tra un caro amico del Blog e un altra,oltre tutto zia veradella padrona del salotto…Ma io aggio capito che Positano ce l ha con me.Per fortuna Zia Ivana ha messo un poco d acqua sul fuoco,o meglio,ha detto come la vede lei..del resto in questo blog con tutto il rispetto ognuno dice liberamente ció che pensa ,ma se tutti la pensassimo uguale sarebbe pure triste,perche le divergenze pure servono a far pensare o a ripensare ció che pensiamo(sic…) solo a sentire un altro punto di vista,perlomeno a me succede questo.Quindi per piacere beviamoci un ottimo mate dell amicizia tutti insieme,Alessandro,zia Ivana,,i miei fiammiferi li ho inutilizzati tutti stamattina,accesi uno a uno per essere sicura e mó vaco a lavora,senza di voi nun pozzo chiú campá…giusto Positano?pure se ti fará male alle orecchie.Un abraccio a tutti,Silvia


  214. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Cara Gaetana la contestataria, devi sapere che QUASI ogni famiglia napoletana (non tutte le famiglie, quindi fai attenzione a non generalizzare) possiede e conserva con cura più di un’AUREOLA. Una per “uso familiare” da utilizzare per le grandi occasioni, una per “uso beneficenza” per quando si devono santificare le feste Pasquali, Natalizie e pure il Ferragosto, una per “uso medico di famiglia” per quando un malato “stà più di là che di qua”, perché fin quando “stà più di qua che di là” neanche li puoi disturbare, nemmeno per telefono. Poi ci sono le tre AUREOLE più preziose, quella per “uso politico locale” per il piacere PORTA A PORTA in segno di rispetto e devozione, quella per “uso politico in poltrona” per sedersi vicino a San Gennaro e quella per “uso pazzeria” (preciso pazzeria, non pizzeria) per dire agli altri: vedi l’aureola, è quella per uso pazzeria, quindi fai attenzione, “pecché io so pazzo”!!! T’aggje ritte quas tutte cose, mò fa tu (ti ho detto quasi tutto, adesso fai tu). L’ultima cosa che voglio dirti è che il sottoscritto non è mai stato in possesso di una sola di queste AUREOLE e che l’unico manicomio ancora in vigore in Italia e quello militare, dove vengono rinchiusi anche coloro che commettono il reato di “OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE”.


  215. anna-Brasile(São Paulo)

    aCCIPICCHIA, AVEVO SCRITTO UN SACCO ED È ANDATO TUTTO VIA, MA PECCHÈ…
    Sono rimasta un poco interdetta con CLAUDIA ROMAN, non ho capito, stava senza chiavi, nel giardino, bagnata e ppure ha detto, nel presente dell’indicativo, che si metteva a leggere il blog e farsi il mate. Ma cosa hai, una cucina esterna? Comunque mi hai fatto pena.

    POSITANO RECORDS ma pecchè chiamare u pompiere se abbiamo Alessandro nel blog?Non trovi che è bravo?
    Dunque, secondo me, circa l’inchiesta, tu sei separato o non sposato, credo, hai il buonumore tipico di queste due situazioni. Vedreo la sorpresa, io ne ho dato due di possibilità, sarà che l’ho azzeccata?
    Quando mi rimetti la testa a posto?

    GAETANA9sustralia), prima di tutto mi fà piacere sempre sentirti, ho l’impressione che l’Australia stà meno presente sul blog.
    Ma circa la tua osservazione, da che mondo e mondo si sà che i veri pazzi stanno fuori dai manicomi, quindi siccome sono maggioranza, tanto vale mischiarli.

    GIUSEPPE(Connecticut). Beato te che sei trottola, almeno non ti gira la testa quanto a me che giro al contrario e non mi vogliono aggiustare.
    Quanto a Padre JuAN Carlos, credo amico di M.Rosa Colombo, mi permetto di dirti che, in poche parole lamentava con Francesca non averla potuto incontrare sperando in una prossima possibilità. Credo sia questo.

    FLAVIA MEA POLA- Non sapevo niente di quanto hai spiegato sulle targhe delle automobili, peggio, non ho mai avuto la curiosità di interessarmene. Ma più pratico in Italia di sicuro. Beata te che hai questa passione dall’infanzia ed hai potuto mantenerla, stai sicura che non è da tutti.
    Quanto alla mia testa capovolta, sembra che la gradiscano di più, non me la aggiustano. Se vai a Napoli ti prego di cercare di aiutarmi presso l’agerolese, grazie, chi sà si commuova.

    Credo stiamo uscendo troppo dal tema, almeno io faccio mea culpa.

    Un abbraccio a tutti
    Anna


  216. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Costosissima (O carissima fa lo stesso!) Augusta Prina: d’ora in poi quando scriverò in napoletano metterò tra parentesi anche la traduzione in italiano, altrimenti si disperde il gusto di un commento saporito.
    Quando devi scrivere un commento, e questo vale pure per Maria Rosa (mò vall’a capì quale e chelle tre… vabbuò, facimme pe’ tutte a tre!), scrivilo (prima avevo utilizzato il termine “fallo”, poi mi sono detto forse qualcuno può fraintendere “fallo” con “punizione” oppure “rigore”, quindi meglio sostituirlo e ho usato SCRIVILO) con il tuo programma di scrittura poi a commento ultimato, lo selezioni tutto e fai copia e poi incolla nel commento di Francesca, così facendo non rischi mai di perdere la testa, nemmeno se stai a testa in giù.
    I miracoli non è vero che non li fa nessuno perché noi napoletani senza AUREOLA li facciamo ogni giorno.
    E te pareve che i cinesi nù cupiavene pure o’ MATE (E ti pareva che i cinesi non copiavano anche il MATE).


  217. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Mò vall’a capì quale e chelle tre… vabbuò, facimme pe’ tutte a tre!

    Adesso vai a caipre quale di quelle tre… va bene, facciamo per tutte le tre!


  218. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    C’è stata un’inversione, adesso sicuramente qualcuno penserà male, chi interpreterà “Adesso vai a Capri” come pure qualcun’altro “Adesso vai a capre” ma il termine giusto è “Adesso vai a capire”

    Mò vall’a capì quale e chelle tre… vabbuò, facimme pe’ tutte a tre!

    Adesso vai a capire quale di quelle tre… va bene, facciamo per tutte le tre!

    Quanta fatica!


  219. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Flavia Mea Pola ( San paolo , Brasile )
    Se tuo figlio cambia squadra è diventa Napoletano potrà dire anche lui:

    Vide ‘o mare quant’è bello!
    Spira tantu sentimento.
    Comme tu a chi tiene mente
    Ca scetato ‘o faje sunnà.

    Guarda, gua’ chistu ciardino;
    Siente, sie’ sti sciure arance.
    Nu prufumo accussì fino
    Dinto ‘o core se ne va…

    E tu dice “I’ parto, addio!”
    T’alluntane da stu core…
    Da la terra da l’ammore…
    Tiene ‘o core ‘e nun turnà

    Ma nun me lassà
    Nun darme stu turmiento!
    Torna a Surriento,
    Famme campà!

    Vide ‘o mare de Surriento,
    Che tesoro tene ‘nfunno:
    Chi ha girato tutto ‘o munno
    Nun l’ha visto comm’a ccà.

    Guarda attuorno sti ssirene,
    Ca te guardano ‘ncantate
    E te vonno tantu bene…
    Te vulessero vasà.

    E tu dice “I’ parto, addio!”
    T’alluntane da stu core…
    Da la terra da l’ammore…
    Tiene ‘o core ‘e nun turnà

    Ma nun me lassà
    Nun darme stu turmiento!
    Torna a Surriento,
    Famme campà!

    D’accordo, Anna come la volti o la giri sempre Anna rimane, ma comunque sarà Anna sott ‘e ‘ncoppe (sotto sopra – capovolta)

    Una promessa è un debito quindi quando sarai dalle parti di Napoli dovrai venire sino ad Agerola per saldare il tuo debito!


  220. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Vedi il mare come è bello!
    Ispira tanto sentimento.
    Come tu a chi guardi
    Che da sveglio lo fai sognare.

    Guarda, guarda questo giardino;
    Sente, senti questi fiori d’arancio.
    Un profumo così fine
    dentro al cuore se ne va…

    E tu dici: “Io parto, addio!”
    Ti allontani da questo cuore…
    Dalla terra dall’amore…
    Tieni il cuore di non tornare

    Ma non mi lasciare,
    Non darmi questo tormento!
    Torna a Sorrento,
    Fammi campare!

    Vedi il mare di Sorrento,
    Che tesoro tiene nel fondo:
    Chi ha girato tutto il mondo
    Non l’ha visto come qua.

    Guarda intorno queste Sirene,
    Che ti guardano incantate
    E ti vogliono tanto bene…
    Ti vorrebbero baciare.

    E tu dici: “Io parto, addio!”
    Ti allontani da questo cuore…
    Dalla terra dall’amore…
    Tieni il cuore di non tornare

    Ma non mi lasciare,
    Non darmi questo tormento!
    Torna a Sorrento,
    Fammi campare!


  221. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Anna dal Brasile,
    la tua osservazione mi da’ l’opportunita’ di spiegare alcune sottigliezze della lingua italiana e toglierti un po’ di confusione circa la mia avventura.
    Se rileggi il mio commento noterai che dico ” per fortuna che POI c’e’ il blog”. Quel piccolo poi, ti fa capire che il fatto raccontato (auto-chiavi-giardino) e’ appena finito ed e’ iniziato un nuovo momento (io che scrivo nel blog) con desiderio di bere un mate “quasi quasi mi FAREI (condizionale) un mate”. Se avessi potuto berlo, avrei detto, adesso mi FACCIO un mate.
    Se osservi meglio noterai che ho scritto verso le 11 (5 pm USA)e che raccontando dico che sono le 2 e fino alle 4 non potro’ entrare. Quindi e’ chiaro che a questo punto sono in casa.
    In effetti avrei potuto usare il tempo passato nel raccontare il fatto ma usando il presente indicativo si ottiene un racconto piu’ diretto e umoristico nel quale e’ facile immedesimarsi, sdrammatizzando cosi’ la situazione. Noterai che molti di noi usano questo sistema.
    Meraviglie e sottigliezze della LINGUA ITALIANA che non si finisce mai di imparare!
    Io invece con Positano Records, sto imparando un sacco di napoletano, mia nonna napoletana sara’ orgogliosa di me. Io non parlo nessun dialetto.

    A PROPOSITO…ci sono i dialetti in argentina? Tipo quelli italiani? Le persone a secondo della citta’ di provenienza hanno una cadenza diversa?
    Qui in USA si sente se sei di NY o della Luisiana o altri stati. Ci sono alcune espressioni caratteristiche che indicano da dove si viene ma niente dialetti a parte un po’ di “slang”.


  222. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    silvia-São Paulo-Brasile
    Quasi perfetto!

    Mó vaco a faticà!
    (adesso vado a faticare – lavorare)

    Senz’e vuje nun pozz cchiù campà!
    (senza di voi non posso più campare – vivere!)


  223. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Mò bast! Duje juorne passate cà a scrivere pe’ vuje!

    Menu male che fore cchiove!

    Adesso basta! Due giorni passati qua a scrivere per voi!

    Meno male che fuori piove!

    Saluti per tutti. E’ stato un piacere.


  224. anna-Brasile(São Paulo)

    Per CLAUDIA ROMAN(Jacksonville)Carissima, grazie mille della spiegazione, difatti, leggendolo attentamente lo sbaglio l’ho fatto io. Unica scusa che trovo, se necesario, è che sono tanti i commenti da leggere che mi è impossibile leggerli molto bene, ma lo dovrei fare
    ed oltretutto ancora stò capovolta, quindi…

    Per POSITANO RECORDS, veramente avevo chiesto a Flavia Mea Pola di raggiungerti e…ma comunque se verrò in Italia certo arriverò a Napoli che è vicina alla mia città di origine e mi sdebiterò, con piacere e con un caffè, meglio, cappuccino.Lo dovrò portare io no?
    Ma mica hai intenzione di ritirarti dal blog no? Oggi sembra che non sono capace di leggere bene.
    Un abbraccione ed a presto. Nun te scurdà…grazie della canzone, me la ricordo, la sò a memoria.
    Anna


  225. augusta prina ( milltown nj , usa )

    Salve!!!!!!!!!!!!

    Grazie POSITANO RECORD non chiedevo tanto e grazie anche a CLADIA ROMAN per la tua lezione di grammatica italiana di cui tutti forse ne avremmo di bisogno sempre.

    Ci stanno mancando notizie della Francesca che attendiamo con impazienza e anche con un pizzico di curiosita’.

    Buona giornata a tutti con gli auguri piu’ belli.augusta


  226. Maria Rosa Vallone ( Cap Fed - Bs As , Argentina )

    Non si sa nulla di Francesca? In Mar del Plata non credo che non fose andato nullo dil bloog.
    Tutti aspetiamo le noticie!!!!!!
    POSITANO RECORDS: Ehhhhh Nicola, scrivi come vuoi, con il napoletano ritardo un po di pui, ma pero per me e l´stesso. Che sucede, mi pare a me o in il bloog sieti tropo sensibile ultimamente. Poi, come non sai che Maria Rosa e. Io sono unica, come me non ce nesuna….come dice la canzone.


  227. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Francesca immagino che sei occupata, ci sono persone che aspettano tue notizie, ma sono sicuro che quando avrai tempo le notizie non mancheranno.
    Nel frattempo gotiti questi giorni Argentini, perchè una volta passato questo soggiorno, diventerà come un sogno, che nella vita più ho meno, il passato diventa
    sogno. Ciao Francesca ti saluto. Fr.


  228. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    in attesa di notizie dal Mar della Plata invio un caro saluto alla nostra amata Glob trotter che sarà indaffarata a conoscere altri amici e a scattare nuove foto e, a proposito di fotografie ne ho ricevuta una oggi
    da Carla Ciaffi che ringrazio infinitamente unitamente a Sergio che l’ha scattata. speriamo di poter ripeterwe il bellissimo incontro.
    x Positano Record che ci sta offrendo un corso accelerato di dialetto napoletano, grazie per i testi di canzoni che tutti abbiamo nel cuore.
    X Luis Romagni, saluti e grazie per l’ assiduità e le precisazioni che ci fornisce nello svolgersi del suo lavoro umanitario.
    x Giuseppe Connecticut, vero topo d’Internet, come una volta lo sarà stato nell’ambito delle biblioteche. un meritato grazie.
    x Alessandro, un ringraziamento particolare poiché analizzando i meandri nascosti delle varie politiche, ci svela quanta ipocrisia vi regna e che non c’è mai nulla di nuovo sotto il sole.
    x tutti gli amici che, satireggiando, dicono tante verità, complimenti per tener viva l’arguzia in questo
    salotto.
    x la nostra Francesca , giunta quasi alla conclusione della sua improba fatica auguriamo ancora successi e un felicissimo ritorno a Roma.
    e a tutti quelli che hanno disertato dico tornate .

    siete tutti nel mio cuore nonna Lea


  229. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    Cara Francesca, spero che ti trovi bene a Mar del Plata, da quel che ho letto dovrebbe essere un posto fantastico, divertiti.
    xCLAUDIA ROMAN, la yerba mate` si trova anche nei negozi generi alimentari tipo infuso io compro il lemon Mate` il marchio e` AZO. Certo non e` forse cosi autentico come quelli in sud america, pero` non e` male. ciao, luciana


  230. Maria Rosa COLOMBO ( Luján , Argentina )

    Cari AMICI cara FRANCESCA da due ore che leggo il blog, in tanto ho fatto il pranzo, dopo leggo, dopo mangio, dopo leggo, dopo lavo i piatti, finalmente ho finito!!!! ieri non ho potuto usare il compiuter, prima di tutti cercheró di fare la traduzione del commento di Padre Juan Carlos:
    Cara Francesca, grazie per tua visita alla Argentina, Maria Rosa mi ha raccontato che ti aveva visto molto felice i giorni che ti ha trovato a Bs.As., e che era rimasta commosa per la tua cordialitá e amicizia.
    Avrei voluto conoscerti, sara un altra volta. Dal mio luogo ti mando una benedizione e il desiderio del meglio per te. Grazie per tutto il bene che fai agli italiani nel mondo. Un bacio, torna presto, cosí prendi MATE ASADO e la NOSTRA CARA COMPAGNIA.
    Scusatemi gli errori!!! Adesso vi racconto che il giorno che con mio marito siamo andati alla CALABRESA, Padre Juan Carlos é venuto a casa nostra, ma ha trovato solo a mio figlio Andrés, e ci ha aspettato, dopo le abbiamo raccontato tutto.
    Caro NICOLA se la mia memoria non sbaglia, sei sposato, perche ricordo che hai raccontato che era il giorno del compleanno della tua moglie, ma tanto tempo fa, mi hai fatto ridere tanto!!!!
    Un caro saluto a tutti MARIA ROSA delle Carabele


  231. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Caro Positano, non lo metto in dubbio che voi napoletani siete tutti santi, pero ho molto simpatia per voi, mi piacete assai, per il vostro umorismo e la vostra allegria


  232. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    x Maria Rosa Grazie per la traduzione, e dai un saluto da parte mia a Padre Juan Carlos e una richiesta per una speciale preghiera per la nostra cara Francesca che ritorni dove noi tutti la possiamo vederla e sentirla quotidianamente.

    x Annabella, spero che non sei inquietata con me per aver condiviso con tutti noi il tuo “Numero Uno” posizione ma se vedi il video che ho mandato il 21 Maggio 2008 alle 7:16 capirai cosa intendevo.

    Ciao mo vi e davvero venuto “lu vuliu” il desiderio di un yerba mates…

    …Joe va a fa` lu shopping (la spesa)

    Ciao!

    Francesca aspettiamo notizie dal Mar del Plata con ansia!!!

    “Italia Chiama Francesca” :

    ¿Dove sei?


  233. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Io capisco molto bene il napoletano, non dimenticare che sono palermitana di nascita e genovese di adozione.il mio papa` parlava il napoletano, sei molto simpatico.Avete ragione non tante persone scrivono dall’australia, chissa perche`,non tutti hanno rai international, grazie per il nome della erba,.
    scusa dal principio il messaggio e` sempre per il caro Positano, STO FACENDO UNA CONFUSIONE, MA SAPETE SONO LE ORE 5/30 DI MATTINA e penso di essere ancora assonnata. buon giorno e buonanotte a tutti.


  234. Flavia Mea Pola ( SAn Paolo , Brasile )

    Eccomi qui.Rai accesa per vedere un pOSTO al sole cosí vedo Napoli…
    mi sono seduta davanti al computer e ho fatto i miei compiti diligentemente…mi sono segnata tutti i nomi e i commenti spero di farcela!

    ANNA,
    cosa vuoi farci,quando uno é fanatico per una cosa,se le cerca tutte!Quello che riguarda le macchine noi siamo sempre “accorti”.
    Senz’altro che saluterei a nome tuo l”Agerolese” come pure Nonna Lea e Francesca passando per Roma…giá che si sogna,si fa il sogno completo…io riesco ad andare solo a Dicembre in Italia durante le vacanze di |Riccardino.A luglio “abbiamo” vela.

    Positano,
    Mio figlio giá canta musiche napooletane e sia lui che io…lo confesso,l’abbiamo imparate da mio marito…..piemontese….!!!!
    Siccome sonoio che lo sponsorizzo,giá nutre simpatia per il Napoli…sente il richiamo del sangue…il Milan gli piace penso perché ha un sacco di giocatori brasiliani…risolvo la questione contrattando Kaka,Pato e Ronaldinho dal Barça per il Napoli…che dici…per la prossima stagione andrebbe bene?

    Promessa é divida come si dice qui
    Faccio questione di pagare i miei “debiti”…
    di passare per Agerola..
    devo non temo e pagheró quando potró!!!!

    Claudia Roman,
    non só com’é in Argentina qui non abbiamo dialetti veri e propri come in Italia…c’é piú una cadenza un inflessione.Ci sono peró a volte delle parole che significano sose differenti,mi viene in mente il frullato di frutta che a San Paolo si chiama vitamina e nel sud,batida….batida qui a San Paolo é oinga con un succo di frutta…bella confusione………

    Maria Rosa Colombo
    a quanto pare non sono solo io che leggo e rileggo i commenti….e si fa a scatti dipendendo dalla disponibilitá!

    Maria Rosa Vallone
    Voi “inviati” di Buenos Ayres siete stati ineccepibbili…speriamo adesso nella solerzia dei collaboratori di Mar del Plata per avere notizie della nostra Globe trotter come giustamente l’ha soprannominata la nostra beniamina Nonna Lea!

    Aspettando le novitá


  235. Flavia Mea Pola ( SÃO PAULO , Brasil )

    saluto a tutti e auguro il buongiorno o la buonanotte dipendendo dal fuso orario!

    tchau,
    Flavia


  236. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Carissima Francesca,cari amici:in questo momento sono la Maria Rosa triste..¿perche?.Era tutto a posto nel viaggio per Mar del Plata ,avevamo fato 170 Km,vicino al peaje Tres Arroyos ,dove abbiamo sofferto un¨¨accidente ,per fortuna senza consequenze.La macchina è rimasta abbastanza colpita ma,noi ,per miracolo di Dio nessuna ferita ,nessun colpo.Come noi diciamo cuando si cade “compramos el campo”,siamo usciti della strada,passando sopra un “alambrado” che mai aveva immaginato fosse cosi duro.Due ragazzi hanno fermato per aiutare ,cosa che ho ringrazziato molto,como lo faccio pure con DIO,perhe è stato veramente un fatto miracoloso.I ferri e i vetri ,ferri e vetri sono,benvenuto “aguinaldo” per riparare.
    Per me è una grande tristezza non potere conoscere alla nostra amata Francesca di persona .Mio marito me diceva di andare in corriera,ma avendo sorteggiato varie difficolta`e pur essendo questa molto seria,rimango a casa e in qualche modo godo a traversso i commenti della visita di Francesca.So che mia amica Susana verra di trovarla e darle l´abbraccione che avvesse voluto dare io,ma quando Dio comanda ….Un´altra volta sara e….”stammi bene peccerelle”.Vi voglio molto bene a tutti !!!!!!!


  237. Francesco da toronto ( TOROMYO ON. , CANADA )

    Con il fuso orario è difficile dire che ora è, in


  238. Mabel y Jose ( Lomas de Zamora , Argentina )

    Ciao Francesco mi fa piacere che ci abbiamo messo d´ accordo. É un bel ricordo quello dei nostri nonni anche se solo ho conosciuto una mia nonna.


  239. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Maria Rosa mi dispiace molto dell’ incidente, ma mi fa piacere che nessuno si ha fatto male. Mi hai fatto tornare ai tempidella gioventu` non ho sentito chiamare l’autobus “corriera” sin da quando ero bambino.
    Grazie per i ricordi d’infanzia.

    ¿che e l’alambrado?

    ¿un animale oqualcosa che si beve?

    Ciao a tutti!!!


  240. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Qui oggi sembra più inverno che primavera, sono quasi le ore sette p.m. ed sta anche piovendo cosi accompagna il freddo,qui si può dire buona notte, poi dipende dove si è, a qualche parte è già domani, saluti a tutti, ed buona notte a Francesca.


  241. GIANNI [TORONTO]CANADA

    Per Claudia Roman 16;32

    Carissima Claudia ho una domanda per te
    quando sei stata l’ultima volta a Torino ?
    Non di recente credo, Torino adesso e’ una delle citta piu’ pulite d’italia ,
    escludi porta palazzo quando c,e’il mercato
    sai Claudia 5 anni fa ero stato l’ultima volta a
    Torino quando sono tornato adesso sono rimasto stupito per pulizia e ordine merito sicuramente della giunta comunale in carica tanti saluti
    Gianni


  242. Mabel y Jose ( Lomas de Zamora , Argentina )

    Cara Francesca quando sei stata alla associazione Umbra, alla quale facciamo le congratulazioni per l´ospitalita e la buona predisposizione. Ti hanno chiesto piu di cento firme, e tu hai domandato “che facete con queste firme?”. E che tu sei la nostra campiona della RAI, e come la canzone TORNERAI!!
    Buon soggiorno a Mar del Plata, forse vedrai il mare mosso, anche con un colore diverso a quello del Mediterraneo.
    Un Bacio Mabel y Jose


  243. Roberto Giordano ( Concord,Ontario , Canada )

    Allora il Manchester ha vinto la coppa ai rigori,auguri a tutti i tifosi del manchester.A te Francesca e a tutti gli amici del blog un caro saluto,Roberto.


  244. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Anna (São Paulo) – sicuramente il caffè lo devi portare tu che vieni dal Brasile e non ti preoccupare della mia memoria: Nu’mme scorde e te! (Non mi dimentico di te!)
    “Stabbene” (Brava) alla signora Lea Mina Ralli: un commento con i fiocchi!
    Solo che penso di aver fatto un guaio nel dire a Giuseppe del Connecticut di andare a trovare Ralph, il mio compaesano del Cheshire: ma come potevo immaginare che dicevo ad un “topo di biblioteche”, per giunta che parla pure il napoletano ( u’vulie – il desiderio), di andare a nome mio al ristorante di Ralph?

    Alle tre Maria Rosa: no comment!

    Gaetana assaje (assai) concisa ma persino tu con la testa… Sai che c’è una barzelletta napoletana sul nome Gaetano?
    La maestra rivolta a tutta classe chiede agli alunni: Chi mi sa dire un nome di persona che inizia con la lettera “A”? Dai banchi si alza la mano di un ragazzo che risponde: Aitano!

    Flavia Ronaldinho lasciamolo volentieri dove sta, se poi lo vuole il Milan, io direi che se lo può prendere.

    Claudia sto vedendo su RAI2 un servizio su un imprenditore umbro davvero unico e speciale, si tratta di BRUNELLO CUCINELLI, http://www.brunellocucinelli.it/
    imprenditore nel campo dell’abbigliamento in cashmere ma non solo, uomo docile e affabile, di cultura sopraffina, sono rimasto ammaliato ed esterrefatto.


  245. Maria Rosa Colombo ( Lujan , Argentina )

    Cari amici, sono commosa, MARIA ROSA ringrazio DIO che non si hanno fatto male!!! Hai ragione LUI comanda!!!
    GIUSEPPE USA Gia da tempo che il padre Juan Carlos prega per quella intenzione che io le avevo chiesto, adesso le diró che la chiedi anche tu e tanti connazionali!!!!!
    FLAVIA sono apena tornata dal lavoro, adesso la cucina mi aspetta!!!!!!!!
    NONNA LEAcarissima, Fran ti porta una stampa della Madonna di Luján per te anche per il grupo di lavoro o chi vuole FRANCESCA, Fran puoi darle una ai tuio cari genitori?
    Sai Caro NICOLA che ho pensato a te ma sei lontano di Roma che é dove abita Francesca.
    Un bacio a tutti


  246. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Accidenti Maria Rosa Caporossi solo ora mi accorgo del tuo incidente, che ci vuoi fare, dopo tutto l’importante è la vita che può continuare come prima, magari con una buona scusa per cambiare anche l’auto.

    Bella l’espressione “peccerelle”, ma cos’è un alambrado?


  247. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    Oggi è Santa Rita.


  248. Positano Records ( Agerola - Napoli , Italia )

    CANTICO D’AMORE

    Il canto ch’era nato in una sera
    si trasformò, sbocciando a primavera
    e diventò quel Cantico d’Amore
    che per la vita unisce il nostro cuore.

    E tante e tante son già le primavere
    che han fuso insieme il Cantico d’Amore
    e ancora cento e cento primavere
    rifioriranno attorno al nostro Amore.

    (nonna Lea)


  249. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Ciao Maria Rosa Caporossi:
    Stai bene?
    Peccato que non sei potuta arrivare a Mar del Plata, magari un altro giorno!
    A presto.
    Marta


  250. Maria Rosa Colombo

    Alambrado: rete di filo metallico


  251. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    SALVE compagni del salotto, sto arrivando dal lavoro ma e’ un piacere dare uno sguardo al blog della nostra FRANCESCA .
    Complimenti a tutti per i vostri commenti…scusatemi me lo immagino perche siete bravi,sto impegnato in questi giorni, ma li leggero tutti con calma.
    SCUSE ME, per il mio breve intervento ma mi hanno inviato questo video, che credo sia interessante per i compagni degli USA , sicuramente gia state in conoscenza, ma comunque lo rivedete e vi saluto con affetto. SPECIALMENTE a Nicola– Positano per il suo Napolitano, Braaavo.

    http://www.quisicilia.com/

    E’ un video del console d’italia a new york.

    BUONA GIORNATA A TUTTI E W FRANCESCA!!!…Gesualdo


  252. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Gianni da Toronto, io a Torino ci sono andata 3 anni fa, si e’ migliorata un po’ specialmente dopo le grandi pulizie fatte in occasione delle olimpiadi invernali, eppure ancora non riescono a capire che le erbacce che crescono tra la primavera e l’estate lungo le strade o i marciapiedi vanno tagliate perche’ danno un’aria trasandata alla citta’ e non basta una volta sola, bisogna farlo periodicamente. Io sono nata e vissuta in ZONA S.RITA, e’ una bella zona nata negli anni ’60 a pochi passi dalla zona Mirafiori (FIAT) con bei negozi e palazzi, le erbacce e i “regalini dei cani”….ma e’ uguale anche nella lussuosa zona Crocetta. Se vai nel centro, nelle zone pedonali o piu’ in vista e’ tutto relativamente ben tenuto. Il concetto di pulizia svizzera e’ pero’ ben lontano.
    SI domani e’ S.RITA e nel mio quartiere torinese (S. Rita) c’e una bellissima basilica dedicata alla santa, chiesa di S.Rita, che si trova in Piazza S. Rita…..intorno alla quale si e’ svolta buona parte della mia vita: battesimo,comunione,matrimonio,funerali vari e oratorio per giocare.
    Domani distribuiranno le rose benedette, fiore dedicato alla santa, che crescono nel giardino davanti alla chiesa, io ne conservo ancora alcune tra i libri.
    Un tempo si faceva anche la processione, spostando la bellissima statua che si trova nella basilica, oggi non si fa piu’ perche’ dicono intralcia il traffico. Che peccato. Vorrei andarci quest’anno, comincio a sentirne la nostalgia, chissa’.


  253. anna-Brasile(São Paulo)

    Cara FLavia mea pola


  254. anna-Brasile(São Paulo)

    Cara FLAVIA MEA POLA- Dici che solo a Dicembre potrete andare? Beata te, sono contenta. Però nella visita ll’algerano hai visto che devi portare tu il caffè? Solo perchè siamo del Brasile, però portane un poco di più anche per me per quando vengo perchè così trovo il cappuccino. Non trovo qui chi lo faccia come lo prendevo a Rimini, anzi, a proposito, sai di qualcuno che lo sappia fare a dovere?

    POSITANO RECORDS- ormai il segreto è di pulcinella…
    come vedi abbiamo chi abbia buona memoria nel blog, poi non sò perchè con questo ha riso tanto. Dovrò cercare nei blog passati.Ma auguri a tua moglie, dev’essere come te se ti ha permesso di essere così poco amarrado come dicono i brasiliani. Scherzo. Ma perchè non partecipa anche lei?
    Per il caffè la Flavia verrà prima, come vedi gli ho detto che deve portare il caffè…

    Maria Rosa Caporossi – Non sai la tristezza di sapere del disastro che avete avuto, proprio quando il Signore decide…è lui che decide. Io meno di due anni fà, stando ferma in un accostamento, aspettando di entrare nella strada principale, ripeto, ferma, un microonibus ci ha colti e mio marito mi ha lasciata sul colpo, era al mio fianco, ed io ho avuto due mesi di immobilità ma viva, senza di lui. Per questo sono contenta che voi abbiate avuto solo danni materiali, e veramente quando è destino non c’è niente da fare.
    Comunque auguri, anche questo è una bella paura.

    Bellissima la poesia di nonna Lea, come vai venuta da POSITANO RECORDS? mA molto bella veramente.

    Mamma mia qui sono le 23,09, non me ne ero accorta, ma domani è vacanza.

    E Francesca? Non abbiamo nessuno da Mar del Plata per dirci qualcosa? Dovremo aspettare il ritorno?

    Un abbraccione a tutti
    Anna


  255. Claudia ( Buenos Aires , Argentina )

    Nessuna novita di Francesca. I marplatensi non ci fanno sapere niente…ancora…
    di Stefano Mollo si sa qualcosa?
    Maria Rosa Caporossi, cio che conta e che sei tornata bene a casa.
    in attesa di notizie…potete vedere un bel video della citta che ospita Francesca e poi ditemi cosa vi pare?
    http://www.mardelplata.com/fotos/index.asp
    cliccare dove dice ver video
    saluti da baires,
    Claudia.


  256. anna-Brasile(São Paulo)

    Un osservazione stramba che ora mi è occorsa. Mi sono sempre cruciata che i miei mi abbiano dato un nome così facile e comune, mi è sempre sembrato che il primo che è arrivato…senza pensarci troppo. E mò, se non erro, vedo che nel blog, o sono l’unica o quasi, no? Bè meglio tardi che mai per una buona sensazione.
    abracci
    Anna(anche capovolta non ne vedo nessuna)


  257. augusta prina ( milltown nj , usa )

    Buona sera a tutti e mi rivolgo a ANNAROSA CAPOROSSI,mi dispiace aver letto che siete stati coinvolti in un brutto incidente che per fortuna ha solo causato danni alla macchina.
    Adesso ho saputo cosa e’ un “alambrado” che avevo definito nella mia immaginazione un animale al quale non avrei saputo dare caratteristiche specifiche. Purtoppo un filo metellico lo vedi solo quando ci sei sopra e i pericoli quando si e’ alla guida sono sempre in agguato.

    A Giuseppe del Connecticut voglio dire GRAZIE,mi hai fatto divertire andando sotto tuo suggerimeto sul sito di YOUTUBE.COM e ho trovato EUROPE and ITALY. Realta’ vere messe in chiave ironica. Un ciao per tutti.augusta


  258. Alessandro

    Grazie a Claudia Roman Jacksonville Fl,USA,
    Mi stavo scordando di Santa Rita e delle rose Miracolose.
    I petali delle rose di Santa Rita………e i pazzi che in questi giorni sono stati argomento da un commento sulla chiusura dei manicomi.
    Bene, allora iniziamo dai pazzi, sono coloro che sempre sono stati al di fuori dei cancelli de manicomi.
    Come esempio vivente prendete a me.
    I petali della rosa benedetta hanno guarito un amico da una bruttissima malattia allo stomaco, i medici lo davano per spacciato, pesava meno di 40 chili,quando gli ho dato il petalo da ingoiare, non ci credeva molto, ma si sa che quando non ci sono piu speranze ci si attacca a tutto.
    Dopo quasi 20 anni vive felice, ha recuperato il suo peso, ma forse piu importante, è una persona migliore.
    Io stesso sono un miracolato, ma forse questo e meglio se lo lasciamo per un’altra volta.
    Altrimenti se a questo ci aggiungete, che ho visto i dischi volanti o UFO, come meglio volete chiamarli, e le mie analisi politiche, l’aggettivo di pazzo, non me lo leva nessuno.
    Ho anche un canale di trasmissione del tutto particolare con LUI, non si tratta di internet ma di qualcosa di molto funzionale.
    Difficile da credere tutto questo?
    Bene, pero gli UFO gli abbiamo visti a Firenze in circa 400 mila, con foto e articoli sui giornali, come prova a mio discarico. Ricordo mia madre che prendeva per mano questo bambino e mi diceva : andiamo a vedere i dischi volanti.
    Pazzo senz’altro ma…………siamo in tanti e adesso fra di noi ci sono anche i normali, quelli che erano dentro il cancello.


  259. augusta prina ( milltown nj , usa )

    dal CORRIERE DELLA SERA
    ho letto ora che LUCA BARBARESCI dice;
    Abbiamo vinto ,occupiamo la Rai.


  260. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    X Alessandro mo capisco perche` al cancello del manicomio di Ceccano c’era una tabbella che diceva: “NON SIAMO TUTTI QUI`”

    X Nicola il mio dialetto e` “gliu spignese” il napoletano e` simile al nostro.
    Non ti preoccupare, quando vado a trovare gl’amicu tiu Ralph te facciu fa` ‘nu ficurone da signore!!!
    U suricillu gliu lasciu alla casa.

    X Maria Rosa, ¿¿¿¿¿¿ Alambrado: rete di filo metallico o filo spinato??????
    Ho fatto una ricerca ed e` anche il nome di un famoso film italoargentino.
    e come avrebbe detto Nicola: ‘ngrazia a Diu ca stai bona!!

    Stateve boni a tutti quanti!!


  261. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Caro Positano non se mi devo offendere Oppure ridere. Sai ti paragono al don Raffaele di un Posto al Sole. E
    allora ti dico. I LOVE YOU CIAO FROM AITANA.
    PERO SE FOSSI A PALERMO MI AVREBBERO CHIAMATA DONNA TANA, MEGLIO COSI.


  262. Lea Mina Ralli

    x Alessandro ,anch’io sono devota di Santa Rita

    LA SANTA ELLE ROSE

    Dorme la Santa dentro l’urna antica
    ed un cancello protegge quella teca
    a sinistra della Chiesa nel suo Altare
    al lume di candele viva appare.

    Quale emozione nell’ammirar la fede
    che l’avviluppa come in una rete
    dei genuflessi suoi fedeli oranti
    d’un generoso aiuto assai anelanti!

    Santa Rita la Santa delle rose
    pare che voglia dire tante cose
    con le falangi unite lunghe e bianche
    prega per quelle genti così stanche.

    Anch’ella nella vita soffrì tanto
    ed il suo cuore ne fu sempre affranto.
    I patimenti più atroci sopportò.
    e con gran dignità sempre pregò.

    Fiorirono le rose al suo trapasso
    e pur ne fu attorniata ad ogni passo
    quel grato profumo sparse con bontà
    alle genti di buona volontà.

    Nel venerar le spoglie torna il pianto
    perché chi soffre in Lei ritrova il volto
    della sua propria madre venerata
    che pure ebbe una vita sventurata.

    Ora che sono insieme in Paradiso
    la luce celestiale avranno in viso
    per intercedere e poter gratificare
    con impossibili Grazie tutti

    e tutti consolare.

    nonna lea


  263. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    X Maria Rosa Caporossi , Santa Rita avrà interceduto anche per te e siamo tutti contenti che ce lo hai potuto raccontare pur se reta il dispaicere per la macchina distrutta.

    x Maria Rosa Colombo, ti ringrazio in anticipo per il santo dono che hai dato per me a Francesca.

    x tutti, unianoci nel chiedere a Santa Rita il recupero totale del piccolo Riccardo Pio.
    saluti cari a lui e ai genitori

    X Positano, grazie per aver riesumato questa poesia che scrissi per un anniversario di nozze dei miei genitori


  264. Alessandro

    X Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )
    grazie per la bella poesia, sono un po piu che devoto.
    Un giorno di questi ti racconto dei miracoli ricevuti, non lo faccio volentieri, visto che quando l’ho fatto, mi sono sentito dire che ero autosuggestionato.
    A Maria Rosa Caporossi , ha senz’altro voluto evitare qualcosa di brutto e non c’e stato altro modo per fermarla, solo deve ringraziare.
    X augusta prina ( milltown nj , usa ), anch’io avevo letto l’articolo, vediamo se e solo provocazione per cambiare questo sistema e ritornare alla normalita, dove la politica non sia conquistare sempre piu potere nella societa.


  265. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    ALESSANDRO,
    capisco benissimo di cosa parli, come ho gia’ detto buona parte della mia vita ha ruotato intorno alla chiesa di S.Rita, vuoi per motivi pratici (abitavo nella P.zza S.Rita dove c’e’ anche la chiesa)vuoi per motivi religiosi. Li’ e’ cominciata la mia vita spirituale-religiosa (battesimo-comunione ecc.)Se non ci sei mai stato ti consiglio di andare a vedere questa bellissima chiesa, che e’ composta della cappella (chiesa originaria) e della basilica. In una zona laterale della chiesa, un po nascosta ci sono moltissimi quadretti raffiguranti i miracoli, sono tutti disegnati da non so chi…e mostrano il fatto e la data in cui avvenne. In un’altra zona c’e’ la statua, con molti simboli dei vari voti (cuoricini di vario tipo, rosari, ecc.) niente di esagerato pero’, e’ tutto molto discreto, sai com’e’ con i torinesi…
    Ti mando il link della chiesa, se sei nella home page, vai su GALLERIA ti si apriranno una serie di foto della chiesa e se clicchi su “nascita del santuario” vedrai foto storiche durante la costruzione.
    Io sono devota a Padre Pio e come te non racconto volentieri…anche perche’ non si sa mai che riaprono i manicomi e ci ritroviamo insieme!
    Ciao
    http://www.srita.it/modules.php?name=Galleria


  266. Flavia Mea Pola ( são Paulo , Brasile )

    cara ANNA ,
    deve essere proprio stato un brutto colpo l’incidente che hai avuto specialmente perché sei rimasta senza tuo marito da un momento all’altro e tu a letto…spero che all’epoca hai potuto contare con l’appoggio di qualcuno oltre che di DIO !
    Come si dice qui in Brasile,Deus escreve por linhas tortas,Dio scrive a righe stoprte…cioé alle volte ci puó sembrare ingiusto gli ostacoli che Dio ci propone ma chissá che questa prova che ti ha affidato non sia stato meglio per te?

    un ABBRACCIO,FLAVIA


  267. anna-Brasile(São Paulo)

    Cara FLAVIA MEA POLA Ti rispondo qui perchè non voglio rovinare l’ambiente di euforia che provocano i nuovi testi di Francesca.Grazie mille per le tue parole, certamente devi avere ragione, il Signore deve sapere cosa fà. Io ho avuto mia sorella vicina(avevamo perso da pochi giorni l’altro fratello maggiore), grazie a Dio. Comunque il mio unico consolo è che lui non stà passando per quello che stò passando io, deve stare bene. Diceva sempre che per non soffrire e per non diventare vecchi bisognava muorire giovani.
    Comunque la vita è così, ma dopo 36 anni di vita insieme è ben difficile la realtà.
    Bè, ti saluto, ti ringrazio e spero che tu abbia ragione.
    Un abbraccio
    Anna


  268. silvia-São Paulo-Brasile

    Carissima Maria Rosa Caporossi,Punta-Alta,Argentina,sia pure in ritardo perche solo oggi ho letto gl ultimi della precedente,ti voglio mandare un fortissimo abbraccio.Certo é terribile ció che hai passato,perche un incidente di questa fatta lascia un trauma che ci vuole a superare,dipendendo dalla forza di ognuno(spirituale dico),ma tu e tuo marito siete sani e salvi e stai sicura che tutti noi ne siamo felici nel blog.Una storia a lieto fine…perche ce ne sono tante molto tristi,.Penso che con il nostro appoggio virtuale a te e tuo marito,presto avrete una nuova macchina e andrete a Roma a vedere Francesca no?perche il signore scrive dritto con righe storte e magari questo avverrá.Bacioni e al blog intero…siamo in tanti ora….ma tutti hanno il loro posto,che ben vengano altri se lo vorranno dico io.Silvia


  269. Adriana ( Bs.As. )

    Caro Alessandro, prima di tutto ti ringrazio la risposta.
    La Dottssa.Carrio non é la mia candidata. Non voto perché mai ho richiesto la cittadinanza argentina. Molti fatti sono accaduti in questo paese, conosciuti internazionalmente ma per chi li ha visutti personalmente, se non li é rimasto almeno una piccola quota di ingenuitá non potrebbe rendere utile la propria vita, questo io la chiamo speranza.
    Certo che hai raggione che l’equilibrio si ottiene nel mezzo ed e per questo che nella mia modesta conosceza della politica tratto di riscuotere il buono che ha qualsiasi posizione politica. A me non importa se é la sinistra, la destra, o i partiti autonomi ecc. perché credo che ognuno di essi abbiano qualcosa di riscatare ma molto di rimproverare. Tratto di riscatare quelli che creano lavoro e pensano alla buona distribuzione della riquezza e alla giustizia. Certo poi e difficile definire per chi votare.
    Parlare della traiettoria delle aspirazioni presidenziali della Carrió e del perché si e stacata del Chaco e lungo da raccontare e come tu sai, molti bloguisti gli spiace che si parli di politica.
    Un altro commento sul amico argentino che ha parlato della aristrocazia in Argentina. Sai come e cominciata? Il potere, i soldi dei grandi terratenenti argentini che vendevano la carne in Europa, fecce che questi acquistarono grandi mansioni nel vecchio continente. La loro vita era visutta tra il campo, la citta di Bs.As. e le vacanze in Europa.Cominciarono gli inciucci tra i tanti soldi di questi argentini e la nobiltá che voleva fare affari e anche quella venuta a meno.
    Peraltro mi domando anche come cominció la nobiltá europea, nel principio, nei piú lontani dei secoli, quando questa non esisteva neanche in Europa, si sono “autoclamati” nobili e per distacarsi dei plebeyos cominciarono a raffinare i costumi e anche a sometterli per avere piú dennaro sfruttandoli con i loro lavoro.
    Un caro saluto


  270. Alessandro

    Cara Adriana,
    vedo con piacere che sei dei nostri.
    La speranza é quello che dobbiamo trasmettere, non é vero che a molti non piace che si parli di politica, visto che per scriverlo hanno letto.
    Scuotere le coscienze non e molto ma qualcosa rimane dopo.
    Fare delle osservazioni, come le tue, aiuta a chi subisce il lavaggi del cervello dai media, che sono usati come pubblicita di parte. Vendono il loro prodotto.
    Far sentire un’altra opinione, crea automaticamnte dubbi sulle “verita” che vengono dispensate.
    Le nostre verita, valgono tanto come le altre ma creano inquietudini.
    Non dimenticare he una bugia ripetuta 10 volte si trasforma in verita.
    Continua per favore, podemos!
    Un caro abbraccio


  271. Elvira D’ Archi in Di Palma ( Hurlingham , Argentina )

    Cara Francesca: E’ vero che Mar Del Plata sembra Italia?.
    E’ una bella citta’ in tutte le stagioni !
    E’ anche piena di Italiani pescatori.
    Cara amica Francesca presto sarai in Italia ! !Beata te!
    Salutami la mia terra, di cui ho tanta nostalgia, manco da 11 anni.
    Certamente ti porterai un caudale di esperienze che ti faranno capire ancor di piu’ quello che sentiamo noi Italiani al estero e il perche’ ti vogliamo tanto bene; Sei la persona che ha saputo creare fra tutti noi. Qual’cosa di speciale. Ricevi i migliori auguri per i tuoi prossimi progetti.
    E adesso vorrei condividere con te e con quelli che ti scrivono nel blog (specialmente con Lucia de Buenos Aires che si e’ Commossa con ciò che ti ho scritto dopo aver visto la foto del mate!). A proposito mi e’ piaciuta molto !Ritornando alla Poesia : Non sono l’ autrice però mi piace molto, parla degli Emigrati, e in certe occasioni la dedico all’ audienza di “ AQUI ITALIA ” suscitanto tanta emozione e ricordi……

    Sogno de un emigrante

    Dolore di partanza Abbracci senza fine.
    La moglie, i figli, la mamma, i cugini….
    Addio al mio paese, addio ai miei fratelli.
    Vi scriverò presto … tante cose belle …

    Un sacco sulle spalle ; piangendo cammina
    In cerca di un futuro partirà per l’Argentina
    E arrivato al Porto ma nessuno l’aspetta.
    E guarda l’indirizzo del figlio di Marietta.

    La buona commare l’aveva consigliato
    “procura di trovarlo e sarai accompagnato”

    Lavorano insieme , ocupando una stanza
    Mangiando pane amaro … Sapore di lontananza.

    Ma niente è stato in vano : dolore e sacrificio
    E un giorno in un terreno , sorgeva un edificio ;
    Con le sue propie mani mattone su mattone ,
    fabbrica la sua casa compiendo un’llisuine.

    E dopo poco tempo riesce a chiamare
    la sua adorata famiglia traversando cieli e mare.

    Sogno di un emigrante che si e fatto realtà
    Riunirsi in questa terra fino all’aternità !!.

    Teresa M. De Ambrosino


  272. Jose cocco ( Lomas De Zamora , Argentina )

    Cara francesca, hai raggione nel paragone con il caffe italiano, soprattutto il ristretto, mah veramente al gusto nostro l´americano é acqua, invece il ristretto a quegli che non sono abituati, sembra veleno, poi anche a me é stato veramente saporito ed ogni tanto lo facciamo pure noi.
    Appena arrivato mio zio dall´Italia, dal quale porto il nome diceva “acqua nto é buono stú caffe”.
    Un bacione e buonissima la musica, anche i compagni di radio che che ti hai trovato. saluti tutta l´italitanieta.


  273. salvatore ( catania , italia )

    cara francesca sto cercando da parte dei miei suoceri ottantenni dei loro parenti trasferitosi in argentina negli anni 30.Il capo famiglia si chiamava MARRAFFINO FRANCESCO nato aLEONFORTE ENNA SICILIA (non penso sia ancora in vita)Ma penso di rintracciare la figlia MARRAFFINO ALICIA NATA IL 22 11 1955 in ARGENTINA (forse MAR DE PLATA )non si riesce a decifrare dalla vecchia foto.Se nel tuo giro di contatti ti e possibile sapere qualche notizia me lo faresti sapere al contatto email SPILLOOOO@HOTMAIL.IT TI RINGRAZIO E CMPLIMENTI PER IL TUO BLOG.


  274. Teixeira ( Timbó , Brasile )

    ¿Come state? Lo sapevate che qui in Argentina (e credo in tutto il sud America) quando si fa una domanda si mette un punto interrogativo capovolto all’inizio della frase…. io sinceramente l’ho scoperto poco fa, osservando un cartellone pubblicitario sulla strada.
    Carissima,
    Questa forma de scritta è restrita al spagnolo,anche a la Spagna. Il Brasile,anche localizato in SUD ‘ America non utiliza questa forma e si come in lingua italiano ,un segno interrogativo od exclamativo solo, al finale !
    “==>“Se tu vieni dall’Italia e vai in Argentina senza fare uno “stop” in Brasile, sarà lo stesso di dare uno schiaffo in faccia a tutti i tuoi connazionali brasiliani.”<== Questo non è la propia verità,a me pare che è propio il rovescio:Prima de venire al Brasile,ide prima a Argentina e potrai doppo vedere bene la diferenza fra Dio e il Diavolo !
    Bisogna dire che il Brasile benedeto da Dio,logo.

    Santa Catarina c’é molte paese pieno de oriundi che parla ancora il dialeto della regioni de orige.Nova Trento,Rodeio,Rio dos Cedros,ecc,ecc..Forse un giorno virai in Brasile ,Santa Caterina e comproverai lo che escrivo !
    à presto !


Lascia un commento per Francesca





(non verrà pubblicata)

Caratteri disponibili