prontofrancesca.it

ProntoFrancesca.it

sabato, 3 maggio 2008
PUNTATA 7 DI PRONTOFRANCESCA

In questa meravigliosa giornata di sole torno ad abbracciarvi forte attraverso la tastiera del mio computer certa che l’intensità del nostro contatto sia ormai diventata un qualcosa di estremamente tangibile. Spesso mi volto indietro come un timoniere che mantiene la rotta durante la traversata non solo prefissando la meta, ma anche orgoglioso del “pezzo di mare” lasciatosi alle spalle…. il 17 dicembre del 2007 con grande emozione ho deciso di continuare ad avere, anche se attraverso uno strumento diverso, un contatto con parte dei telespettatori di SPORTELLO ITALIA creando un progetto telematico in cui personalmente ho creduto molto fin dal primo giorno. Ieri su consiglio di un mio amico ho provato ad inserire sul motore di ricerca di Google il mio nome e cognome e con grande felicità ho scoperto che il nostro “salotto mondiale” è tra le prime pagine a comparire; questo significa che in questi quattro mesi di vita il blog è stato letto a tal punto da essere automaticamente indicizzato da uno dei motori di ricerca più attendibili e consultati nel mondo telematico… EVVIVA!! Certo a dirla tutta non avrei mai pensato che la vita di una blogger (ovvero la mia!) potesse essere così impegnativa, ma come dice un proverbio “dove c’è gusto non c’è perdenza” e nel mio caso vi garantisco che per quanto l’impegno sia molto grande, le gratificazioni lo sono ancora di più. Nell’augurarvi una buona visione della nuova puntata di ProntoFrancesca vi invito come sempre per motivi di riservatezza a non scrivere nei vostri commenti numeri di telefono ed indirizzi e-mail.

Buon fine settimana a tutti e… finché la barca va, lasciala andare!

(Either JavaScript is not active or you are using an old version of Adobe Flash Player. Please install the newest Flash Player.)

187 Commenti a “ PUNTATA 7 DI PRONTOFRANCESCA ”

  1. Nicola Biscardi ( Malindi , Kenya )

    Non cancellare mai il blog in futuro…. io sto aspettando la banda larga in Kenya nel 2009 per potermi vedere tutte le puntate video in arretrato!

    Un saluto a tutti dal Kenya!


  2. Lea ( Roma , Italia )

    Carissime Amiche Francesca e Carla
    eh! si , tutt’e due giacche’ io ho avuto l’immenso piacere di conoscere Carla dalle mani d’oro.
    oltre tutto è anche una vera romana, spigliata e piena di humor. lei è rimasta affezionata alla nostra amata Francesca e come tutti non tralascia di seguirla attraverso questo Salotto .
    saluti affettuosi da parte mia e spero di vederti di persona al tuo prossimo ritorno a Roma . un abbraccio a te e un ringraziamento grande alla nostra cara Francesca

    nonna lea


  3. Enzo Amara ( Winthrop, MA , USA )

    Brava Francesca,
    ho rivisto e respirato aria romana. Speriamo che con Alemanno, la citta’ eterna riprendera’ il suo splendore degli anni passati.
    A proposito di campagna elettorale vorrei farvi leggere un passaggio di “Gente d’Italia” un giornale diretto da Mimmo Porpiglia di Miami, sulla nostra Gigliola

    La sconfitta del Pd
    ha scalfito l’immagine, non solo
    di alcuni direttori in quota politica,
    ma di diversi personaggi che
    lavorano o collaborano in trasmissioni
    tv trasmesse dalla Rai.
    Tiberio Timperi ha presentato la
    convention-kermesse di chiusura
    della campagna elettorale di
    Walter Veltroni, con la presenza
    di cantanti, attori e, tra gli altri,
    perfino di Pippo Baudo. Un’altra
    pesante sconfitta per Serena
    Dandini e Gigliola Cinquetti, animatrici
    delle maratone allestite
    dagli artisti per il supporto alla
    lista civica per Rutelli sindaco di
    Roma.

    Per quelli che avevano dei dubbi sul ruolo della Gigliola, di Baudo, che la politica ha un’importanza incredibile per le programmazioni della RAI.
    Certamente, saltera’ Santoro e compagnia bella, che non fanno altro che litigare ed usare parolacce in TV.
    Vergogna!
    Speriamo di rivedere presto la nostra Francesa con tutta la sua dolcezza.


  4. Luis Romagni ( Miami,Fl. , Usa )

    Commento della Puntada!La Sra Carla stupenda e ci ha riportati nei tempi che fu!Francesca come al solito con una parlantina spigliata,intelligente,sincera e non preparata se no dal Vivo! Brava!Pero’ un osservazione non mi e’ piaciuta la tua Giacca colore VERDE! Ma che sei del…North?a parte e vestiti di Primavera anche se il vento ti faceva vedere piu’ interessante!!!!La intervista e’ stupenda e come al solito la Francesca luce tutta la sua Professionalita’!
    Con un Buon Viaggio a Carla..e con un saluto Primaverile a Francesca..che presto cantera’ Giovinezza
    e con tanti Auguri per lei e Suerte a voi tutti Buon fin di settimana! Luis.(ciao nonna Lea)


  5. Enzo Amara ( Winthrop, MA , USA )

    Caro Luis,
    verde e’ speranza.
    Non criticare mai le donne per come si vestono. Anzi, in molti casi, sono loro a vestire i mariti.
    Meno male che abbiamo le donne.
    Behind every great man, there’s a greater woman.
    E stai attento alle tue parole. Francesca ha gia’ detto tante volte che non ha tendenza politiche.
    L’unica canzone che Francesca canta e’
    FELICITA’ A’ A’ A’ A’ A’


  6. Romina ( Virginia )

    Ma che bellaaaaaaaaaaaaa questa puntata, mi e’ piaciuta tantissimo.Che bella Signora e’ la Carla.Cmq e’ vero anche io ritornando in Italia ho notatao sopratutto come e’ cambiata la gente.Speriamo che la nuova generazione vada a migliorare.
    Io se posso ritorno in Italia il 4 di Giungo,incrociate le dita per me che riesca a partire.Vado prima nella mia bella Napoli che non la visito da circa sei anni or piu’,ho in programma di visitare Ischia e Capri e forse la Costa Amalfitana.Poi andro’ su a Vicenza a trovare i miei genitori.Francescaaaaaaaaa se posso mi faro’ un giro anche a Roma……..sai che bello poterti conoscere di persona?Cmq poi ti faro’ sapere!!!!
    Cmq l’intervista e’ stata stupenda,voglio ringraziare la Sig.ra Carla che ci ha resi partecipi di annedditi della sua vita privata eD a Francesca che ci ha regalato ancora una volta questa opportunita’ di conoscere pian piano tutti i bloghisti del salotto mondiale piu’ bello al mondo.Tanti baci a tutti,Romina


  7. maria mandarino ( TORONTO , CANADA )

    Fancesca,bella questa indervista mi ha dato la senzazione per qualche minuto di essere in italia, con molto piacere conoscere CARLA, una signora molto fine per cui condivido tutto quello che ha detto.Essendo stata un mese fa in italia e vivere piu o meno le stesse senzazioni, e`essendo pure io una compratrice delle scarpe Italiane per comodita e`eleganza,solo che se prima ne compravo di piu adesso con l`euro mi limito.Del resto L`italia anche se e` piena di difetti fa rumore in tutto il mondo ,per i suoi preggi e suoi difetti,dove penso che tutti noi italiani la portiamo nel cuore.Un saluto a tutti Maria


  8. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Mamma mia che sorpresa Francesca,
    e proprio bellissima, questa intervista di Carla è una donna stupenda, grazie per farci vedere Roma,sei grante, senza di te non si puo campare, buonanotte un abraccio.
    Francesca.


  9. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:

    INFORMIAMO I GENTILI LETTORI CHE A CAUSA DI UN INTERVENTO AL SERVER, PER QUALCHE ORA NON E’ STATO POSSIBILE VISUALIZZARE IL SITO.


  10. Francesco da toronto ( TORONTO ON . , CANADA )

    Francesca, saluto la signora Carla Ciaffi, molto simpatica, Romana de Roma, ed ci a raccontato una bella storia del suo passato a Roma. Francesca che vento che c`era a Roma. Questa è stata una bella
    intervista un bel incontro, mi è piaciuto molto, non
    dimenticarti Francesca, che quando vai nel NEW JERSEY sono sicuro che tutti ti vorranno vedere con il nuovo bichini della signora Carla, ed come al solito sei sempre una artista, simpatica ed bella.
    Da un po di giorni c`è sempre un problema con il server
    anche questa mattina ho avuto un problema, per entrare
    nel sito, dopo un paio di ore finalmente si è aperto.
    Francesca, di nuovo saluto la sra. Carla ed le auguro un buon viaggio, come al solito un abbraccio per te,ed
    un saluto a tutti, Francesco.


  11. Maria Carfora Hart ( Newport News Virginia )

    Ciao Francesca
    Propio adesso ho potuto aprire il tuo blog, questa mattina ho visto solo la puntata con la Sign. Carla che bella donna ed molto affabile, finalmente abbiamo conosciuto la Signora dei bikini famosi. Anche Io ho avuto l’occasione di conoscere famosi cantanti ed attrice. La prima fu’ Maria Teresa Vianello, la ricordi? Che fece il film Ricchi & Poveri, nel 1962, fu’ invitata anche al mio matrimonio, a causa di lavoro alla Televisione, non venne. Nel 1971 fu’ Gianni Morandi a Boston, era il principio che faceva le Tourne’ all’ estero, ho una foto con lui’ ed scrisse il suo nome su di una cravattina che aveva sul vestito, ed infine il Little Tony anche a Boston, ma che bei ricordi veramente. Io so che e’ cambiato tutto in Italia, specialmente con questi parlamenti, troppo polemiche che fanno, non ci basta mai di aiutare a tutti. Veramente il governo doveva mantere i propri soldi la bella lira. Il dollaro ha un valore in meno. Ho cambiato abbastanza soldi prima che parto. Be spero tanto di vederci a Napoli, o a Capri. Saluti a tutti.


  12. silvia-São Paulo-Brasile ( são paulo , brasile )

    Carissime Francesca e Carla,bellissima la puntata….simpaticissima Carla,.Poi,il piu bello,a poco a poco dare faccia ai nostri amici del blog,il che solo arricchisce.Io non capisco cosa c é da dire del completo verde di Francesca,bellissimo,piacerá alla maggioranza,sono sicura,ma Luis,tu l’hai guardato bene?perche hai la libertá ovviamente di dire che non ti piace,ma potresti spiegarmi?bellissimo colore,gli stá bene addosso…sic…se mi spieghi …perche certo non stava con i vestiti primaverili della antecedenti,ma hai visto il vento?faceva freschetto no?tu come ti vestiresti con quelle condizioni climatiche?scherzo eh?necessrio dirlo?perche a Miami pure cé questo tipo di clima vero?Bellissima l’ intervista,e Carla é uno charme di persona,Sophia Loren poi,che chance di conoscerla,tra le piu signore del cinema italiano,lo dicono tutti,bella ,intelligente,un poco di invidietta l’ho sentita.Bacioni a tutti del blog e a voi due in particolare.Silvia


  13. Ana María Argnani ( Chivilcoy , Argentina )

    Cara Francesca;certo che ci hai regalato un momento emozionante! Che dolcezza la signora Carla! Appunto,non rammaricarsi per l’educazione a Roma,è un problema mondiale, anche nei piccoli paesi non è come prima.Per quanto riguarda l’euro,almeno noi argentini,dobbiamo guardare le vetrine e godere tutto ciò che non costa troppo.
    Un regalo a tutti gli emigrati:L’EMIGRANTE
    L’emigrante è come l’albero…
    …affonda le sue radici
    nel cuore della terra,
    spinge i suoi rami nello spazio lontano
    e come foglie,
    ritorna al suolo natio.

    Buon fine settimana a tutti gli amici del blog,Anna.


  14. SANDRO ( Toronto , CAnada )

    A parte il vestito di Francesca che trovo elegantissimo, vorrei sapere da Enzo Amara dove posso leggere qualcosa di più della notizia che hai dato della Cinquetti che ha sostenuto Rutelli alle elezioni. Altro che Francesca che non si è mai schierata, ora abbiamo la prova del perchè Badaloni l’ha messa al suo posto.


  15. Alessandro

    Mi e piaciuta Carla, normalissima, semplice, genuina, come credo la maggior parte di coloro che frequentano il blog, ma estenderei a tutti gli italiani che vivono fuori, in effetti credo giusto dire italiani e non italiani all’estero.
    Questa differenza, discriminazione dico io, ci viene dopo che ci hanno dato il voto, prima eravamo praticamente ignorati .
    A parte il suo bel ricordo, che invidio per aver voluto esserci io a prendere le misure della Sofia nazionale, dice che trova gli italiani maleducati.
    Purtroppo vero, qui ritorno battere sulla politica, che come diceva un blogghista dal Brasile, che da tempo non vedo patecipare, la politica e anche colpevole di questo.
    Il politico dovebbe promuovere la cultura, l’educazione, la sanita e tutti gli aspetti sociali di un popolo, a mio avviso questo non e stato fatto negli anni che conosciamo per averli vissuti.
    Sono di ieri le notizie della sconfitta della sinistra in Inghilterra e anche la trasmissione Rai, scandalosa e incivile di Santoro.
    Si quello che la Maria dal Texas, tanto difende, una trasmissione penosa, una gazzarra da accampamento rom, questa e l’educazione e la civilta che c’e attualmente.
    La mia spiegazione e complessa, pero diamo un esempio,c’e da una parte l’america, intesa come USA, invidiata e odiata un po da tutti.
    Tutti vorrebbero vivere a casa loro come vivono gli americani, ma senza rispettare le regole che lo permettono, cioe innestare il buono nel caos.
    Non si puo copiare il sistema in contesti non idonei, la gente che non e stupida, lo capisce e reagisce, qui c’e la spiegazione degli ultimi risultati elettorali europei e anche quello che succede in Venezuela, Argentina e Brasile.
    Paradossalmente hanno dei punti in comune, la semplice parola detta da Carla, da un primo esempio che la gente normale vuole educazione, il ritorno dei valori morali, reagisce alle dottrine utopiche dei partiti di un tempo con una svolta verso i conservatori, persone che sono cambiate con il cambiare del tempo.


  16. Alessandro

    A differenza dei “bella ciao” che rifiutano accettare nuove musiche.
    In latinoamerica la protesta porta a cercare e individuare l’uomo forte, che sconfigga la classe economica dominante che da secoli impone le regole, le stesse degli spagnuoli conquistatori.
    Tutti hanno una festa di indipendenza, ma indipendenza da chi?
    Questa classe economicamente potente e cieca, manda I figli a studiare negli States po li mette in politica e visto che non e una esclusiva del denaro l’intelligenza, l’itergrita e l’onesta fanno dei disastri enormi, applicando teorie che solo funzionano dove hanno studiato.
    Questo il punto che gli accomuna.
    Per il futuro auguro a tutti una democrazia non di slogan o luoghi comuni, ma partecipativa dove I genitori insegnino ai figli il rispetto e l’educazione verso gli altri.
    Non c’e bisogno di vioenza ma di civile confronto, un confronto democratico, vivo molto meglio da quando ho chiaro il concetto che I miei diritti finiscono dove iniziano quelli degli altri.
    E un diritto essere trattati con educazione, cara Carla, grazie.


  17. Enzo Amara ( Winthrop, MA , USA )

    X Sandro
    http://www.lagenteditalia.com
    Buona lettura,
    Enzo


  18. Enzo Amara ( Winthrop, MA , USA )

    X Alessandro
    Non vedo l’ora di incontrarti a Boston.
    Non ti offriro’ solo il caffe, ma gusteremo una cena squisitissima, magari con Francesca.
    E’ un piacere leggere i tuoi interventi.
    Grazie di vero cuore.


  19. anna-Brasile(São Paulo)

    Carissimi, mi è piaciuta tanto questa puntata. Volesse il cielo in tutte le puntate Francesca potesse intervistare i bloghisti in loco, sarebbe meraviglioso no?Peccato che non ci ha fatto vedere un pezzettino di piazza, anche piccolino…ma è andata bene anche così.
    Luis, sono d’accordo con te, mi dispiace, non mi è piaciuta molto la giacca di Francesca, la fasciava troppo, ma forse pensandoci era perchè faceva contrasto con il vestito primaverile della simpaticissima Carla, forse è questo…mah, non tutto può piacere a tutti. Però il colore è bellissimo.

    ROMINA, che piacere sentirti ed ottimo il viaggio, sarà una grande distrazione e conforto rivedere i parenti. Solo un osservazione sul tuo itinerario: dici forse la Costiera Amalfitana? Forse? Non sò se già la conosci, ma se no, non sai cosa perdi. Cerca di fare uno sforzo.
    bacioni a tutti
    Anna


  20. ernesto ( USA )

    Cara FRANCESCA,
    mi chiedevo quale altro disco avresti messo alla fine della nuova intervista e chi sarebbe stato il personaggio. Invece…sorpresa!!! intervista all’aperto
    nonostante il vento e poi con una simpaticissima ospite, Carla Ciaffi, modista, che saluto affettuosamente. Mi e’ parso di tornare indietro a 16 anni fa quando trascorsi due anni nella Capitale; e quanto vorrei tornarci, nonostante i tempi cambiati in peggio. Non ricordo piu’ da che parti sta Piazzale Clodio, passano gli anni e la memorie, guarda un po’! FRANCESCA, sei donna di sorprese e,penso, anche di mare, stai bene nel vento anche se ti spettina.
    Quando finisco questa letterina mi vado a rivedere l’intervista, grazie.
    L’EURO….no, cara Carla, l’EURO e’ ed e’ stata una grande invenzione, si va in giro per l’Europa con in tasca la stessa moneta,solo per questo e’ un fatto assolutamente positivo. NO..non e’ colpa dell’EURO,la colpa sta nella “furbizia”, per non dire di peggio, della gente che ne ha approfittato per anni, adesso, invece, i prezzi impossibili derivano alle cambiate condizioni economiche del mondo…Cina,India,petrolio, cibo,ecc.
    Pero’ via le cose “pesanti” e torniamo alla allegria della bella intervista. SI! a Roma ci devo tornare anche per pochi giorni, chissa’ la salute, forse questa estate, una breve rimpatriata ricordando i luoghi e
    i due anni felici. C’era il bar sotto casa che aveva come insegna : “de tutto quello che c’avemo, nun ce manca gniente”.
    Saluto te,Carla e tutti nel blog,
    Ernesto.


  21. SANDRO ( canada )

    grazie Enzo ho letto tutto. Ma quindi questa RAI ITALIA è stata una manovra solita


  22. Carla Ciaffi ( Toms River New Jersey , USA )

    Carissimi amici del blog, sono tornata a casa, mi mancavano i miei nipoti mio marito e i miei figli, pero’ adesso mi manca Roma e anche Francesca nonna Lea e tutti
    i miei famigliari.Ho trascorso con Francesca e Lea un bellissimo pomeriggio [vento compreso] .Francesca e’una creatura meravigliosa le auguro tutto cio’il suo cuore desidera e auguriamoci di rivederla molto presto in televisione.Signora Lea la sua casa mi piace molto ha un panorama stupendo basta affacciarsi al balcone e vedi tutta Roma, che portiamo sempre nel nostro.Un grande ringraziamento a tutti gli amici del blog,grazie per le vostre belle parole.


  23. Carla Ciaffi ( Toms River N J , u s a )

    UN GRANDE BACIO A FRANCESCA E LEA ANCHE DA PARTE DI ROMOLO CIAO A TUTTI CARLA CIAFFI


  24. augusta prina ( milltown nj , usa )

    Ben tornata a Carla e avendo trovato il suo telefono…. ….e le faro’ una sorpresa telefonica in quanto non abito lontano dalla sua residenza. Graditissima la sorpresa di oggi e ancora un grazie alla Francesca per il suo costante impegno che e’ poi premiato dall’affetto di tutti noi.
    Quest’anno non andro’ a Roma eppoi a Genova in quanto la mia nipotina verra’ da me e rinuncio alla mia vacanza che poi faro’ in altra occasione.
    Condivido quanto ha detto la simpatica Carla,ho trovato in specile modo che gli italiani quando sono alla guida sono tutti o quasi arroganti, sara’ forse che appena si svegliano pensano a dove possono parcheggiare la loro macchina????
    Voglio dire ad Alessandro che e’ un piacere leggerti .
    E’ inaccettabile il programma di Santoro e in proposito ho scritto una lettera di protesta al direttore Badaloni.
    Se Grillo Santoro e…compagnia bella vogliono; possono fondare una tv speciale x loro cosi’ possono sparare a 0 e non usare la tv di stato.
    Con gli auguri di sempre per tutti concludo augurando un buon fine settimana anche alla Francesca. ciao augusta


  25. Maria Carfora Hart ( Newport News Virginia )

    Francesca con il tuo permesso ed quello della cara amata nonna Lea desidero dedicare la sua poesia alla sign. Carla, che questa sta’ a me nel cuore.

    Accanto alle Stelle

    Abbito su per aria
    ar non piano
    d’un grattacelo
    un po fori de mano

    De giorno mille uscelli
    vanno a volo
    de notte cio’ le stelle
    pe’ lenzolo

    Me godo tutta Roma
    e’ fatto starno
    la sento accanto a me
    pur de lontano.

    Si e’ vero la poesia e’ detto in romano, ma vale anche a me che sono napoletana, anche mancanza di Napoli . Grazie Nonna Lea. Tu sei una donna straordinaria. Distinti saluti.


  26. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Francesca come al solito l`intervista con la sra. Carla Ciaffi, è stata un bella presentazione, questa
    fa capire che, il tuo mestiere è proprio quello di una buona giornalista televisiva, Potrei anche dire un`artista nata per la televisione. con questo mi congratulo sempre con te, ed anche la simpatica sra.
    Carla che già si trova a casa nel NEW JERSEY.
    Francesca io non penso che l`euro a rovinato gli italiani, ma la colpa è stata di chi la gestito.
    hanno fatti i conti a modo loro, ed se vogliono possono riparare i loro sbagli, perche l’euro ha anche
    salvato l`ITALIA da una forte crisi economica, peggio di quella che c’è. Francesca saluti a te ed tutti Francesco.


  27. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Ciao Francesca, complimenti, la tua originalita` e` astronomica. Mi ha piaciuta molto l’intervista all’aperto con Carla, e` stato un piaciere quardare i tuoi lunghi capelli “ammuinati” dal vento romano.
    Carla ben tornata negli States.
    Che onore ad essere la prima intervistata da Francesca nel vivo. Brava!!!

    France` il tuo Blog non e` ‘na “barca” ma un “Transatlantico” che va a gonfie vele.

    Ciao a tutti!!!


  28. Maria Carfora Hart ( Newport News Virginia )

    Francesca, ed Nonna Lea, se mi permettete di dedicare, questa bella poesia della cara Nonna Lea, alla Sign. Carla, che a me sta’ a cuore. Lo so’ e’ alla romana, ma vale anche per me sono napoletana, me l’ ha sono imparata a memoria.

    Accanto alle Stelle

    Abbito super aria
    a nonno piano
    d’ un grattacelo
    un po’ fori de mano

    De giorno mille uscelli
    vanno a volo
    de notte cio’ le stelle
    pe’ lenzolo

    Me godo tutta Roma
    e fatto strano
    la sento accanto a me
    pur da lontano

    E’ vero che stiamo lontano dalle noste citta’, queste belle poesie ci stanno sempre vicine. Nonna Lea siete una grande donna straordinare. Tanti cari saluti.


  29. Tiziana ( Syosset NY , USA )

    AHHHHHH CARLA!!!
    Grazie di avermi portato “er venticello Romano”

    sono stata contetissima vederti insieme a Francesca nella citta’ piu’ bella del monno!!(NELLA NOSTRA CITTA’) al piu’ presto cara amica mia…
    Tanti saluti a tutti i bloghisti e a te Francesca sempre tanti auguri..
    a presto http://www.youtube.com/watch?v=JooDkcXeilo Clicca sul sito e vedrai Roma


  30. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Cara Francesca, che bella sorpresa! Fuori dal tuo studio di casa, elegante, bella e spettinata, hai intervistato la Signora Carla Ciaffi. Una Signora simpatica che ha rivissuto con te, alcuni momenti della sua vita vissuti a Roma. Interessante quando ha parlato della mitica Sofia Loren, e del bikini preparato da lei. Questa puntata, mi ha fatto tornare indietro nel tempo, quando impiegato di scalo Alitalia, a Boston Logan International Airport, ho assistito la Signora Loren che da Los Angeles, via Boston, andava a Roma. Che donna raffinata e gentilissima. Ci sarebbe da scrivere un libro sui personaggi del cinema, della politica e dello sport conosciuti all’aeroporto di Boston. La Signora Ciaffi ci ha parlato pure della cattiva educazione che esiste in questo momento a Roma. Speriamo che il nuovo vento politico ci porti un po’ dei valori civici che cominciano a scarseggiare non solo a Roma, ma anche in gran parte delle nostre citta’.


  31. Stefano Mollo ( Guayaquil , Ecuador )

    Ciao Francesca, ciao Carla, ciao a tutti.

    Carla, bella la tua intervista, molto “solare” anche se un po’ ventosa, … ma “er vento de Roma” e’ sempre speciale, no?

    Concordo con chi ha scritto che e’ bella questa cosa di conoscerci un po’ per volta, tutti, grazie a FrancescaTV.

    Concordo al 100% con te Carla a proposito della maleducazione che esiste oggi, più di ieri, a Roma. Sul’ uso eccessivo e gratuito di un certo linguaggio.
    Ma e’ niente in confronto con i problemi di sicurezza che esistono nella capitale; sicuramente adesso Alemanno metterà un po’ di puntini sulle I, almeno lo spero.

    L’ introduzione dell’ euro invece secondo me e’ stata una cosa buona, ….. per chi guadagna in Euro, ovviamente.

    Francesca, ottima l’ idea di “andare in esterni”. La tua giacca verde, a differenza di alcuni, a me e’ piaciuta.

    Buon weekend,

    Stefano.


  32. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Ciao Francesca:
    Bravissima questa puntata piena di tenerezza affettuosa, emozioni e ricordi di gioventù della Signora Carla.
    A poco a poco conosceremo, tramite la nostra cara conduttrice Francesca, a tutti i partecipanti al nostro salotto mondiale.
    Buon fine settimana, Marta.


  33. Flavia Mea Pola ( Guarujá (San Paolo) , Brasile )

    Ciao Francesca,ciao tutti,
    Saluti affettuosi da Guarujá (in tupi Vivaio di rane) dove stiamo passando il ponte.
    Rientreremo domattina presto per non prendere tanto traffico ed essere a casa per vedere la finale del campionato paulista a casa.Palmeiras la squadra delgi italiani ha un buon pronostico.
    E q


  34. Flavia Mea Pola ( Guarujá (San Paolo) , Brasile )

    .Scusatemi sono col lap top e divento piú imbranata del solito…auguri a Francesca e Carla a priori..ho letto i commentari di tutti ma non riesco a visualizare …la prima telefonata fuori gli ALDERISI STUDI!!!!! Dovró aspettare FINO A DOMANI.
    Saluti a tutti
    Flavia


  35. Juliana Ontario Canada

    Ciao Francesca e Ciao alla sig. Carla.
    E’ ungrande privileggio che la cara Francesca ci da’ per farci conoscere la nostra cara e amatissima gente che sono sul Blog, sapete che le persone che ho visto tramite il Blog melesemdo molto piu’ vicine, mi sembra che come le avessi gia conosciute da molto tempo. Ma ditemi se solo sono io ho pure sto per perdere la mende? Si quando ho vista la Rumina me ho affezionata di piu ho visto Stefano mia’ emozionato forse per la sua storia. ora ho Visto la Carla mia sembrata una persoma,di averla vista chisadove,Ma dove lo vista signora Carla? avevo anni fa una amatissima amica erano 30 anni di amicizia e gradita compagnia, un brutto giorno un incidente mela porto via, ma quando ho visto mie’ venuto un grido di gioia, si’ are come te’ con capelli la tua forma il tuo muoversi, scusami mia cara Carla e’ solo una mia immaginazione, ma devo dire che mi ai dato una grande gioia di vederti e sendirti parlare, Grazia Francesca di questa tua meraviglisa,e fandastica scoperta di farci emozionare cosi’ tando un bacione forte forte a tutti forse un giorno la francesca mi indervistera’ anche me, ma spero che non lo fa’ non sono capace di essere indervistata.saluto tutti un abraccio a tutti e uno grande a Francesca Juliana


  36. Enrico Montelli ( Miami , Usa )

    Bella intervista con la Signora Ciaffi! Francesca elegantissima con il suo completo ” Alitalia” che la fa risaltare ancor di piu’. In quanto alla maleducazione imperante oggi a Roma, che si puo’ aspettare se alla TV permettono che personaggi come Beppe Grillo vociferino il loro livore con quell’ improprio linguaggio?


  37. Roberto Giordano ( Concord,Ontario , Canada )

    Francesca,bellissima la trovata di fare l’intervista fuori dal tuo studio.E’ stata una cosa nuova e simpatica,come simpatica e’ la signora Carla che saluto tanto,il suo New Jersey dista da Toronto circa nove ore di macchina quindi ci possiamo considerare quasi vicini di casa.Mando tanti saluti a Carla con un augurio di un felice e buon ritorno negli Stati Uniti,a te un saluto particolare insieme a tutti gli amici del blog Roberto.


  38. ENZO TORTORA ( MANSFIELD , STATIUNITI )

    CARA fRANCESCA NON SAPEVO CHE MARIA CARFORA E’ COSI’ ERUDITA NEI FILMI E NEL COMPORRE COSI’ BELLE POESIE
    IERI HO CERCATO DI TELEFONARLE, MA MI E’ RISULTATO IL
    NUMERO TELREFONICO INESISTENTE AL CHE HO DOVUTO RINUNCIASRE FORZOSAMENTE GIUSTO VOLEVO CHR MI PORTAVI UN MIO SALUTO ALLA MIA BELLA NAPOLI, NON ANDANDO QUEST’ANNO PER RAGIONI DI SALUTE ED ESSENDO STATO LO SCORSO ANNO
    PER UN MESE E PIU’ ED AVENDO AVUTO UN BRUTTA ESPERIENZA AL MIO RITORNO A BOSTON ARRIVANDO CON DUE GIORNI DI RITARDO PER ALCUNI IMPREVISTI, CHE MI HANNO FATTO PASSARE LA VOGLIA PER ORA DI FARLO ANCORA, DOVRO’ TOGLIERMI DALLA MENTE TUTTI QUESTI FATTI A SORPRESA. TI AUGURANDOTI UN BUON VIAGGIO ED A RISENTIRCI AL TUO RITORNO, TU CONOSCI IL MIO NUMERO TELEFONICO E. SEMPRE LO STESSO, UN ABBRACCIO ENZO TORTORA


  39. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    CARA FRANCESCA GRAZIE PER LA NUOVA PUNTATA, BELLISSIMA L’INTERVISTA CON LA BELLA SIGNORA CIAFFI. FACENDO IL PARAGONE COL LA SIGNORA CINQUETTI ( SEMBRA UN ROBOT )
    TU SEI LA MIGLIOR GIORNALISTA CHE LA RAI HA MAI AVUTO.
    I COMMENTI DEI BLOGGHISTI SONO TUTTI BELLI, COMPLIMENTI A TUTTI. SONO D;ACCORDO AVER MESSO IN ONDA BEPPE GRILLO PER ME E` STATO UNA VERGOGNA, MI SONO SONO
    MERAVIGLIATA DI SANTORO, PERO SGARBI NON E` STATO DA MENO. VOGLIAMO UNA TV PIU COSTRUTTIVA. CIAO DA GAETANA


  40. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Ciao Francesca,
    la tua intervista mi e’ piaciuta molto, la signora Carla e’ la classica signora italiana, distinta, brillante, elegante nella sua semplicita’. Io quando vengo in Italia mi diverto molto ad osservare la differenza che c’e’ tra una signora italiana e una americana. Intendiamoci, le americane non sono peggiori…solo diverse nel modo di vestire, nella gestualita’, probabilmente nella cultura ma una signora italiana la vedi lontano un chilometro…c’e’ un qualcosa di diverso che la distingue, un modo di fare signorile e modesto al tempo stesso, gesti semplici ma eleganti che la fanno definire una “vera signora”.
    A chi ha criticato il colore della giacca di Francesca…be’ io credo di intendermi un po’ di colori e vi garantisco che quel verde e’ perfetto per lei, mette in risalto il colore dei suoi occhi cosi’ “mutabili”, altri colori che vedo bene su di te Francesca sono le tonalita’ dal lilla al viola, il bianco panna, il verde blu o pavone che su di te e’ di sicuro strepitoso. Il bronzo o rame metallico se sei abbronzata. Direi di no al rosso, tipo rosso Natale, a meno che abbia un tono di viola o blu, si dice allora che e’ un rosso “freddo”, tipo rosso ciliegia.
    Ora che dire, grazie ancora per un’altra bella ed interessante intervista che ci dara’ modo di discutere tanti argomenti interessanti.
    Ciao


  41. Claudia ( Argentina )

    Un’intervista molto simpatica alla signora Carla, che vitalita e che bene si e spiegata. Mi é piaciuto vedere questo pezzo della citta di Roma in una giornata di sole.
    Invidio Carla che ha avuto il piacere di trovare non solo Francesca ma anche nonna Lea.
    Ho fatto un piccolo viaggio insieme a voi che mi e molto piaciuto e complimenti anche al fratello di Carla che ha “guidato” la cinepresa in questa puntata all’aria aperta.
    buon fine di settimana,
    da buenos aires,
    Claudia.


  42. veronica ( Parma , Italia )

    Cara Francesca, poco tempo fa hai dedicato un post a Giulia e al suo piccolo Riccardo… il tuo post terminava con l’augurio che Riccardo dicesso presto mamma…
    IO LEGGO IL TUO POST OGGI PER LA PRIMA VOLTA E VOLEVO CHE TU SAPESSI CHE QUELL’AUGURIO NEL POST PER GIULIA E’ STATO PREMONITORE.
    IL 26 APRILE RICCARDO HA DETTO MAMMA, testimoni medici e pazienti del centro in cui è in cura.
    …Francesca visto mo?
    Riccardo ha colto il tuo appello e ha detto MAMMA, anche più di una volta.
    ciao Veronica


  43. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    Francesca!!! complimenti inanzitutto per i tanti e tanti frequentatori al tuo salotto mondiale, gia confirmato in Google, certo che te lo meriti per il tuo impegno mantenendo la rotta della barca e speriamo che presto aumentino le gratificazioni.
    Un grande piacere avere conosciuto la Sra. Carla Ciaffi e le sue mani di fate, una simpatica romana e sincera con i suoi giusti lamenti sulla maleducazione,la poca assistenza sanitaria e l’euro che svaluta l’ex forte dollaro.Una bella intervista fuori studio-camera ed il completo verde di Fraaan! con i capelli al vento mi ha ricordato la “nostra” Alitalia e l’accogliente Fiumicino.
    Ho letto che la simpatica Sra. Carla gia e’ bentornata in America-States , che e’ molto diversa della nostra America-Latina ed invidio anche il suo pomeriggio romano trascorso con Francesca e Nonna Lea. Dell’intervista non ho capito la sua attivita’ attuale o di anni fa ed il motivo di avere inmigrato dalla bella Roma agli States, spero che lo abbia fatto per aprire un negozio di biancheria-made in italy. Io procurero quest’anno a settembre visitare la mia Sicilia, dove ogni volta provo la stessa sensazione della Sra. Carla , cuando si ritorna nel propio paese dove si e’ nato e cresciuti e poi, faro un giretto per seguire conoscendo l’eterna Roma, dove otto anni fa ho viaggiato con la famiglia e sono rimasti affascinati, specialmente con il Vaticano e i famosi resti Imperiali, ma propio oggi ho conosciuto nella RAI di nuove scoperte dell’antica Roma sotto l’attuale Roma.
    Non posso concludere senza riferirmi alla grande Sofia Loren, giacche se lei era il simbolo dell’italianita nel mondo io credo, che noi stiamo vedendo ogni giorno crescere un’altra Loren- Carra’…FRANCESCA la piu amata e coccolata degli Italiani di tutto il mondo.
    Abbracci a tutti i compagni del salotto virtuale. Gesualdo.


  44. GaBRIELLA ( San paolo , Brasule )

    Ma con tutte le cose interessanti dette durante questa intervista è possibile che si parla solo della giacca di Francesca e se piace o no??? SUVVIA


  45. GaBRIELLA

    Scusate BRASILE no BRASULE


  46. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buona notte a Francesca ed tutti, come sempre le tue interviste sono magnifiche, grazie ed a presto.
    Saluti Francesco.


  47. YaraPacchioni ( San Paolo , Brasile )

    Francesca Una bella intervista, un salutoa la signora Carla un bacci a te Yara


  48. LILLA ( TORTUGUITAS - BUENOS AIRES , ARGENTINA )

    Bellissima puntata! Come mi piace sentire l’andata romana! Carla sei molto simpática é stato un vero piacere ascoltarti!
    Grazzie Francesca!


  49. Enrico G ( Sydney , Australia )

    Carissima Francesca.
    Questa tua estemporanea, fra il venticello romano che ti stuzzicava i capelli ed i colori coordinati della tua giacca con la saracinesca dell’ex ristorante, e’ stata veramente coinvolgente.
    Personalmente, grazie a te e Carla, mi sono veramente immerso nei ricordi di Piazzale Clodio (vicino a dove abitavo negli anni ‘70).
    Sono certo che questo tipo di approccio ai video sul tuo blog e’ molto difficile (e costoso) da produrre e per cio’ ti ringrazio.
    FORZA FRANCESCA!
    Ce la stai facendo sempre di piu’ ad accattivarti la nostra attenzione e rispetto per quello che ci stai dando.

    Un abbraccio
    Enrico G


  50. MIRELLA ( Buenos Aires , Argentina )

    Bellissima intervista!!! Mi sono risentita e riveduta per un attimo a Roma, la mia cara cittá dove sono nata. Carla, sei come me, complimenti!!Seguiti a parlare romano sempre, si sente subito dalla tua tonata!!Anchío lo parlo, e anchío sono d´accordissimo con Carla riguardo alla maleducazione della gente, alla freddezza che hanno , non c´é piú l´italiano vero, adesso propio ognuno pensa per sé e Dio per tutti come diceva nonna!! Peccato, veramente si é persa una preziosa virtú che distingueva la nostra italianitá. Dell´Euro meglio non parlarne, i miei parenti si lamentano tutti che non arrivano alla fine del mese!!
    Grazie Francesca, é stato molto bello questo regalo che ci hai fatto, grazie con tutto il cuore!!
    Avanti mia cara, sempre avanti!!


  51. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    Buona notte a tutti.
    Bellissima puntata!!!!!!!!
    Francesca propio il colore verde del tuo completo (Cua questo verde si chiama verde militare) ti sta propio benissimo, elegante. Non posso capire como ce stano tutti a guardare como ti vesti e ti criticano come si foseno sarti di alta costura.
    Sempre io ti vedo perfeta.
    Molto simpatica la Signora Carla. E ben tornata a la sua casa e stato un piacere ascoltare le sue storie.
    Non so si sietti dacordo con me, pero penso che a un punto li Italiani che sono emigrati cuando ritornano a Italia si sentano, e le fano sentire, estranieri in suo paese.
    Un abraccio a tutti del salotto.
    Maria Rosa


  52. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    Scusa Francesca me era dimenticata di salutarte a te.
    Buona notte e un forte abraccio.


  53. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    SIMPATICISSIMA questa puntata,Francesca!!.Mi viene alla memoria la Signora Carla Ciaffi da quando l´hai intervistata a “Sportello Italia”.La ricordo specialmente non solo per ammirare profondamente a Sofia Loren;anche per il mio mestiere di ” cucitura”.
    Da piccola seguiva la vita di Sofia Loren a traverso una rivista che adesso non c´è piu e che si chiamava “Radiolandia” ed ho visto vari dei suoi films ,alla televisione.In quei bei tempi ,prendeva con fervore tutto quello che mi avvicinava al´Italia.
    …Tempi diversi di questi,naturalmente…non solo nella educazione della gente…anche nelle belleze naturali delle attrice…tempi di rispeto e cortesia…
    tempi senza silicone e “botox”…Mbè…
    Tornando all ” oggi” …Francesca si tu vieni in Argentina ,come Carla ,io ti offro fare un bel vestito per te..le scarpe sono molto buoni ed il vantaggio tra “euro-peso” è ¡¡…!!! non trovo la parola!
    Per molti di noi, rivedere Roma è un sogno irraggiungibile per ora.Nel 2.001 ,prima l´euro ,mio marito ed io l´ abbiamo “camminata” soltanto per 4 giorni ed abbiamo rimasti innamorati….la moneta nella Fontana di Trevi l´abbiamo buttata…indovinate che cosa abbiamo chiesto???.
    Arrivederci e buona domenica a tutti !!!! Vi voglio molto bene.
    PS:mi ha piaciuto molto il commento di Alessandro.


  54. silvia bedrossian (sydney) (australia)

    Cara Francesca
    Favolosa questa tua intervista fuori dallo ‘Studio’ di camera tua con la dolce e simpatica Signora Carla dalle mani di fata!
    Devo dirti che il verde ti dona moltissimo e stavi d’incanto con quel completino… in effetti tu stai benissimo qualunque cosa ti metta e riesci a fare sempre un figurone!
    Tesoro quel “Venticello di Roma” era davvero noioso, ma anche se ti scompigliava un po’ i capelli non ha fatto nulla per toglierti il sorriso ed il tuo buon umore.
    Sei una vera professionista e l’arte dell’intervistatrice e’ ben forte in te.
    Non mi piace parlare di politica… ma ora le cose sono cambiate drasticamente e senz’altro in meglio…. sicche’ Enrico ed io ci auguriamo di vero cuore che tu possa occupare nuovamente il posto che ti spetta a ‘Sportello Italia’. A maggio scade il contratto di una ‘certa persona’… e con le nuove programmazioni forse ti potremmo accogliere nuovamente nei nostri salotti su Italiarai… E’ un sogno? Forse, ma molti sogni dai, dai, si avverano.
    Di nuovo tanti cari saluti a te ed alla Signora Carla. E’ stato un vero piacere conoscerla attraverso il tuo Blog.
    Un abbraccio grande.


  55. Alessandro

    Chiedo scusa, ho dimenticato Sgarbi, l’incarnazione della maleducazione citata da Carla, aggravata da un’aggressivita che non perde occasione di mostrare tutte le volte che va in TV. E solo vergognoso che questo soggetto abbia incarichi pubblici, e semplicemente immorale. Un caso abbastanza atipico di maleducazione e cultura, non lo inviterei nemmeno a un caffe, caro Enzo, ma penso che Santoro lo abbia invitato alla trasmissione con premeditazione. Ha bisogno di attrarre pubblico, attenzione, fare notizia, il suo programma senza share o pubblicita non potrebbe durare, non fa informazione, e solo turpiloquio, gazzarra, zizzania, accuse per tutti, senza nessuna logica se non quella di provocare caos il suo io.
    La maleducazione, che ha tanto colpito Carla, e il fallimento della scuola e della famiglia, ma non solo.
    La necessita di modernizzare la scuola paga il prezzo della lite dei partiti che la vogliono fare a loro beneficio.
    La famiglia e sempre meno presente nell’educazione dei figli per I sempre piu gravi problemi economici che gli tolgono il tempo necessario a favore di dover lavorare per sopravvivere.
    La maleducazione si e tanto diffusa anche dopo l’abolizione della Leva Obbligatoria, fare il militare metteva insieme giovani di diverse culture, settentrionali e meridionali, grassi e magri, la disciplina poi faceva il resto, il congedo era la laurea in educazione e valori morali.
    Si puo dire che con la fine voluta dai politici (investigate da chi) siano nati gli attuali movimenti indipendentisti.
    Avere un esercito non vuol dire necessariamente fare le guerre, porto come esempio la Svizzera, che non ne ha mai fatte ma ha un esercito moderno e con addestramenti annuali, ma anche il Kuwait che invece non lo ha, avere un esercito e anche essere rispettati e temuti, come detto serve anche a fini sociali, mai vorrei vedere il mio paese dover ricorrere a terzi come ha dovuto fare e pagare il Kuwait per difenderela sua sovranita di paese.


  56. Alessandro

    Leggo che Prodi ha fatto bene a portarci nell’ € e ha risanato I conti pubblici, solo che l’analisi da fare e un po diversa.
    Sono state le operazioni piu ciniche che ricordo, facile spendere I soldi degli altri, con la entrata nella moneta unica fece un’operazione finanziaria di dimezzare il debito pubblico, attribuendo un valore doppio rispetto alla vecchia Lira, cosi scarico il debito a tutti gli italiani.
    Adesso con il tanto sbandierato risanamento ha fatto la stessa cosa prendendo I soldi dagli italiani, poi se volete dice pure che non ha toccato le classi basse, basterebbe che spiegasse come avrebbe fatto a prendere anche da chi non ha.
    Badate bene, debito che non e degli italiani ma solo quello che si e accumolato nel tempo dei furti commessi direttamente dalla classe politica.
    Buona Domenica!


  57. Alessandro

    Rileggendo non vorrei essere frainteso, quando parlo di furti lo faccio con prove alla mano.
    Vi faccio un esempio: si dice da tempo che non ci sono i fondi per le pensioni, che e un carico sociale che lo stato non puo sostenere se non ci saranno le trattenute degli estracomunitari.
    In questa frase c’e la verita, cioe sono stati “trattenuti” soldi tutti i mesi dallo stipendio per creare la pensione, cioe sono soldi anticipati dai lavoratori a fronte di una pensione di anzianita, sono soldi che ogni pensionato a messo “da parte” affidandoli allo stato, ma questi soldi non ci sono.
    Semplicemente spariti, meglio dire che se li sono rubati, senza tanti giri di parole.
    Cioe anche il problema degli estracomunitari lo dobbiamo ai nostri cari politici.
    Evviva l’Italia


  58. Lea ( Roma , Italia )

    carissimi, ringrazio e ricambio i saluti di tutti voi e vorrei dire bravo ad Alessandro che ha fatta una analisi giusta e precisa della situazione a cui siamo giunti.
    sono d’accordo su tutto e e se non si ripristina nella scuola l’insegnamento della EDUCAZIONE CIVICA il degrado e la maleducazione auimenteranno sempre di più in ogni settore .
    se qualche giovane si salva e conserva qualche buon segnamento è perché ci siamo noi vecchi a predicare ciò che abbiamo appreso nella scuola e nella famiglia. ma poi? se non si corre ai ripari …ne vedremo di cose sconcertanti!
    l’indignazione che si prova di fronte a certi programmi è immensa perché sono estremamente diseducativi.
    vero è che ci deve essere libertà di stampa e di parola, ma non se ne deve abusare in modo scorretto specialmente da parte di coloro che credono di dispensare cultura ed arte.
    speriamo che in avvenire ci sia un freno e possa riemergere il sano e costruttivo saper vivere fondato sui quei principi atavici del vivere civile.
    mi scuso, con Francesca e con tutti voi, per questo sfogo rabbioso che non ho saputo contenere e vi auguro
    di trascorre una piacevole domenica. ciao Carla , ciao Romolo.

    nonna Lea


  59. Alessandro

    Ho appena letto l’articolo con cui Sgarbi giustifica il suo comportamento a AnnoZero
    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=259006&START=0&2col=
    e lo sforzo massimo per non fare palesemente delle scuse dovute, che ci si puo aspettare da un egocentrico come lui.
    Scuse inaccettabili pero, anche considerando che e difficile reprimere la vanita di essere invitato e apparire in Tv, e di conseguenza rinunciare.
    Ha dimostrato di essere uno sprovveduto, era chiaro che avrebbe interpretato il ruolo di Pinocchio, il Gatto e la Volpe da sempre sono sul set, come conduttore e spalla. Con un minimo di coerenza dovrebbe rinunciare al suo incarico istituzionale, non e niente di nuovo che chi sbaglia deve pagare


  60. giuseppe(dal Canada) ( Toronto , Canada )

    Ciao Francesca,
    Un saluto da Toronto, bella l’intervista con la signora Carla.Anche il venticello di Roma si divete a farti i dispetti rovinandoti la capigliatura,ma tu non ti scomponi perche’ sei una vera professionista.
    Un cordiale saluto alla signora Carla e’ stato un piacere conoscerla. Ti auguro una buona Domenica insieme a tutto il restodei “blogghisti” ciao Giuseppe.


  61. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buon giorno Francesca ed titti, come a detto la sra. Ciaffi che in Italia sono cambiate molte cose, non sò
    se voi queste cose le notate , perche vivendo li non si vedono i cambimenti, come qui da noi le cose sono anche cambiate, ma ancora c`è una legge rispettabile su tutti i punti, chi sbaglia paga. Il fatto è che quando noi veniamo in Italia, si nota una grande differenza, come la sra. a detto che non cè più quel rispetto di una volta, questo è molto notabile, tutti i graffiti su i muri ed sui treni della metro, che quando si è dendro, è difficile vedere dove siamo, qui
    da noi i graffiti vengono puliti, ed si fa anche la caccia a chi li fà, ed verranno puniti in qualche modo.
    Francesca per me è giunta l`ora di andare a messa, se vuoi pregherò anche per te. Con questo un caro saluto per te ed tutti, Francesco.


  62. Danila ( Jax , Florida )

    Ciao Francesca e ciao Carla,
    avete fatto una bellissima intervista.
    Carla, sei stata disinvolta e naturale, sembri fatta apposta per l’occhio della telecamera.
    La giacca di Francesca era molto bella e abbinata al colore della serranda del negozio , si vede che in molti non avete compreso l’omaggio ;-)
    Concordo con te per il discorso delle scarpe, io ci aggiungo anche le borse.
    In Florida siamo un po’ piu` fortunati rispetto a te che vivi nel Nord degli US, perche` qui siamo in flip-flop (infradito) e sandali aperti 9 mesi all’anno e su questi modelli c’e` piu` scelta, ma quando si deve passare ai modelli invernali iniziano la pene.
    Hai ragione anche sulla mancanza di ripetto che c’e` in giro, pero` ho notato che alcuni blogghisti ne hanno fatto un discorso generazionale, quasi fossero solo i giovani ad essere maleducati. Sapete che da alcuni geroglifici degli antichi egizi sono state tradotte delle frasi in cui la popolazione anziana dell’epoca si lamentava del comportamento maleducato dei giovani dei loro tempi? ( questo piu` di 2000 anni fa!!)
    La tipica frase ” ai miei tempi era meglio” e` solo ripetitiva, ma nn apporta nessuna verita`.Non si puo` paragonare lo stile di vita di 60/70/80 anni fa e quello di oggi. I maleducati c’erano gia` allora e il loro gene e` stato trasmesso fino alle generazioni successive. Un ragazzo di 15 anni che sale in metro e spintona e` altrettanto maleducato quanto un vecchio che fa la manomorta sull’autobus o un 50enne/60enne che in televisione si esprime volgarmente. La differenza sta nel fatto che il ragazzo si puo` ancora recuperare, gli altri due non credo.
    Una soluzione per la maleducazione in televisione c’e : si chiama telecomando!!Fate click e cambiate canale se un programma non vi piace,
    non continuate a guardare facendo salire lo share di ascolto alimentando le volgarita` ,la maleducazione e le idiozie di alcuni programmi.


  63. LILLA ( TORTUGUITAS - BUENOS AIRES , ARGENTINA )

    Per Alessandro un forte evviva!! Cuanto del suo scritto “abbinerebbe” anche con l’Argentina! Uno dei paesi dove o tutto si odia o tutto si ama, non esiste il termino medio (ecuo?). E per i diritti umani non te lo dico!
    A Maria Rosa di Punta Alta un forte abbraccio,peccato non essere vicine si prenderebbe forse un caffé insieme. Te lo ricordi “Il GrandHotel”, per tanti anni la mia mamma lo trovava qua in Argentina e anche se a fumetti ci manteneva attacati all’Italia. Credo che sia propio in quella rivista dove la cara, sempre nostra, Loren fece i suoi primi passi d’attrice, se mi sbaglio chiedo scusa.
    Mi é piaciuto Cara Lea sentire la tua grinta!
    Vi saluto tutti e desidero per voy una bellissima domenica.


  64. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Oggi abbiamo perso, dico abbiamo perchè a perso la Lazio, ed anche il Napoli. Francesca non sò se t`interessi di calcio, penso la tua squadra è il Napoli, non credo che mi sbaglio, non mi sono sbagliato
    sulla politica, perchè l`idea lo avuta ma me la sono tenuta, comunque non ha importanza, importa solo che sei la nostra maestra ed direttrice di questo salotto.
    Ed con molto piacere son condento di esserci.
    Francesca, spero che non ti disturbo con le mie chiacchere. Anche ha me è piaciuta la tua giacca verde,
    peccato che quel vento ti faceva volare i tuoi bei capelli, che tu li hai saputo controllare.
    Ciao Francesca ti saluto, ed a presto.Francesco.


  65. anna-Brasile(São Paulo)

    Carissimi bloghisti, non sò se sorridere, o piangere. Non pensavo che un ingenua osservazione sulla giacca di Francesca(che poi niente a che vedere sulla persona, ovvio), potrebe aver scatenato tante critiche.
    Alla fine il video era anche da vedersi no?, io poi non ho pensato che Francesca combinasse la giacca con la saracinesca. E perchè nessuno ha commentato che non si è visto un pezzettino di piazza? E poi, la giacca era bella, ol colore anche, solo l’ho trovata pesante per quella giornata, ma non si può pensare una cosa diversa? Preferite che parli di Euro e politica che non me ne intendo? Io non sono Alessandro, e lo sò, quindi mi è piaciuta molto l’intervista ma sono anni che non vado in Italia e così solo ho potuto sentire.
    Credo che è meglio che mettere il naso dove non sò, sebbene alle volte oso…
    Un abbraccio e va bene per la giacca, cose più serie sono state discusse da chi può.
    Un abbraccione
    Anna


  66. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Anche io ho la passione per le scarpe, ma c’e’ una donna che non ce l’ha? Si, qui si vive in sandalini e ciabattine, I nostri piedi sono cosi’ viziati, abituati a stare sempre all’aperto che se ti devi mettere una scarpa chiusa son dolori, per non parlare poi di cappotti e giacche che non servono e ci si abitua a stare “leggeri” giusto una maglietta, quando poi viaggiando dobbiamo mettere una giacca pesante ci si sente impacciati . Comunque le scarpe italiane sono superiori, pensa che le mie, una volta usate, le rivendo nei negozi di abiti usati e vanno a ruba!
    Lascerei da parte l’argomento scarpe per toccarne uno a me particolarmente sentito.
    La leva. Caro ALESSANDRO mi piace la passione che ci metti nei tuoi scritti e in quest’ultimo commento hai detto delle cose giustissime, ma non sono daccordo sull’obbligo del servizio militare. Vedi dal ‘75 al ‘80 ho lavorato in un bar ristorante di mia zia a Diano Marina frequentato per la maggiore dai militari di leva, tutti ragazzi di 18-20 anni, nessuno voleva fare cio’ che a loro era stato imposto, per molti era solo una parentesi della loro vita da dimenticare in fretta e molti avevano problemi familiari, un lavoro che non potevano seguire ecc. Che ci stavano a fare li? Il servizio militare e’ stato sempre sinonimo di bullismo, fino ad arrivare a vere e proprie aggressioni, solo recentemente si e’ alzato il velo su questo vergognoso atteggiamento ma come sempre chi sta in alto non viene toccato. Molto meglio se e’ volontario, almeno chi ci va lo fara’ con passione e sara’ un “soldato vero” che sapra’ accettare tutti I rischi della sua professione. Non credo che I giovani d’oggi, ma neanche quelli di 30 anni fa hanno bisogno di fare il militare per scoprire il mondo, una volta forse, in quanto alla disciplina…be’ se a 20 anni ancora non hanno capito come funziona bisogna chiedersi dove erano I genitori e non credo che basti un anno di leva per raddrizzarli.

    CONTINUA


  67. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Non basta la scuola, le istituzioni, la leva e non ci si puo’ affidare solo a questi per formare una persona che abbia senso civico e morale se alle spalle non c’e’ una famiglia che dia l’esempio. Perche’ sta proprio li’ il tutto. Onestamente io vedo maleducazione e degrado da molto tempo, lo vedevo gia’ quando ancora vivevo in Italia, (fino a 10 anni fa) ed e’ stato un processo lento ma continuo e non e’ un fatto generazionale; piano piano si sono accettati comportamenti e atteggiamenti che una volta erano impensabili per evoluzione (o involuzione?), per sentirsi moderni e a passo coi tempi, per indolenza e assefuazione . In alcuni casi e’ stato un bene, pensate solo a come e’ cambiata la posizione della donna nella societa’ (casi di matrimonio come quello di nonna Lea non accadono e non devono accadere piu’) ma come dire, abbiamo fatto due passi avanti e uno indietro. Ora, che I buoi son scappati dalla stalla, sara’ difficile rimettere ordine e ci vorra’ disciplina che al momento non c’e’, abbiamo leggi troppo deboli e permissive purtroppo note tra I criminali che fanno come vogliono, tanto sanno che se la possono cavare con poco e che poi verranno perdonati.


  68. giulia roncella ( ariccia(roma) , italia )

    zia sono giulia… tua nipote. ti volevo dire che sei stata grande!!!ti voglio tanto bene zietta miaaa!!! spero di venirti a trovare presto perchè l’ America è stupenda. adesso vado, ci sentiamo presto ti voglio benissimo la tua nipotina giulia..


  69. raffaele ( Ariano Irpino - Avellino , Italia )

    Ciao francesca, una puntata un po atipica a Roma, anche se di Roma si è visto poco, ma ormai ci hai abituati alle sorprese e spero non finiscano mai.
    Io capito spesso a Roma e nel mio girovagare spero sempre di incontrarti, ma non succede mai.
    Mi chiedevo se per caso questo mio sogno potesse diventare realtà, so che non dovrei chiederlo ma tentar non nuoce, magari solo per un aperitivo, un gelato (senza intervista però)e una foto ricordo.
    Grazie Francesca e continua così.
    affettuosamente, Raffaele.

    P.S. saluto anche gli amici del salotto.


  70. Vito Gugliotta ( norwood mass. , Stati Uniti )

    ciao Francesca ben trovata ho visto il video con la signora dei costumi incantevoli,mi e’ piaciuto molto;ti ho sentita molto vicina;meno male che abbiamo questa fortuna di tenerci in contatto. Ma quando ci vieni a trovare a Boston,qui ti ospitiamo tutti tocca a te fare la scelta,e ti prometto che ti tratteremo come una regina, va bene ti aspettiamo? se mi vorresti chiamare,per metterci d’accordo ti pagheremo anche il viaggio facciamo una festa in tuo onore va bene. Ciao un abbraccio fortissimo quasi a farti male;scherzo questo mai.

    sei andata fino in australia che e,molto piu distante qui. Ciao Vito, a presto


  71. Carla Ciaffi ( Toms River , U S A )

    Cari bloghisti vi ringrazio tanto per le belle parole a proposito dell’intervista .Ho letto che non tutti erano d’accordo per il verde della giacca di Francesca,voglio dirvi una cosa che il completo che indossava Francesca era molto elegante e perfetto con il colore dei suoi capelli e della sua carnagione era veramente il massimo.Francesca e Lea mi mancate un sacco ho un ricordo dolcissimo di tutte e due, sperimo di rivederci presto.A proposito le scarpe le ho comprate ma solo un paio.Ci risentiamo presto un abbraccio e tanti saluti a tutti .Carla Ciaffi.


  72. Alessandro

    Ciao Claudia, mi hai fatto fare un balzo indietro nel tempo, a Diano Marina, la giornalaia, capelli corvini, faccia furba, meta delle mie pellegrinazioni interessate non ai giornali, il sottopassaggio strettissimo dove passava una macchina sola e non doveva essere grande.
    Sempre mi fa piacere ricevere i tuoi commenti, anche quando non sei daccordo, ma questo e il bello qui, questo serve per proporre idee, piu ce ne sono meglio e, cosi si puo spaziare, ognuno dice la sua, cosi dovrebbe essere sempre. Rispetto quello che scrivi, anche se rimango della mia opinione, la famiglia e il miglior luogo per imparare, quando c’e, quando ha tempo e denaro per farlo , dopo che sei partita, economicamente sono cambiate molte cose, in peggio, oggi le famiglie non arrivano piu a fine mese, e non si tratta della minoranza, credimi, cosi il tempo per dedicare ai figli non c’e piu, bisogna lavorare fare straordinari o un secondo lavoro, e quando lo trovano non hanno la serenita e lo spirito necessario.
    un abbraccio


  73. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Claudia, hai ragione fino ad un certo punto, e tutto vero quello che dici, pero` un po’ d disciplina militare e scolastica non fra` mai a nessuno. Ti ricordi il proverbio “Mazze e Panelle fanno gli figli belli, e Panelle Senza Mazze fanno figli pazze”. E con la parola “Mazze” non significa condono “mazzeate”, nel mio libro significa “disciplina”, non vorrei essere malinteso.
    Io mi ricordo quando si chiamavano zii tutte le persone piu` anziane di noi. Oggi neanche i genitori sono chiamati amma e papa`, per non dire altro.
    Il cavallerismo e` finito, mo se vedi un
    a signora o signorina entrare ad una porta ce la chiudono in faccia. Il militare non ti fa` diventare “BULLY”.
    Bebbe Grillo fa milioni di euro per dire la parola “Va affa” in TV o altrove.
    E` la MEDIA giornalistica e televisiva che indottrina la gioventu` con tutta sta’ zizzania.
    L’educazione incomincia a casa, continua nelle scuole e viene amalgamata nel militare. Io personalmente ho conosciute individui che non valevano quattro soldi ed il militare li ha forgiati a diventare “WHO IS WHO” nella societa` civile e militare.
    Alessandro sa quello che dice, sia per esperienza o per conoscenza.
    Ogni tanto un “Signor si” anche se non ti piace non fa male a nessuno.
    Non e giusto di parlare contro i militari se non hai fatto un po` di miglia nei loro stivali……………


  74. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    Claudia Roman: sono dacordo co te.
    Tutta la base e la famiglia. Io tengo 52 anni. Non sono picola e nemeno tanta vechia. Pero oggi non ce piu rispetto e li genitori non si fano respettare.
    Ce sono volte che penso che anno paura a i figlie. Lasiano che fano cuello che vogliano.
    I miei figlie, maschi di 30 e 27 anni, non sono santi, ma pero mai anno ciamato stupido etc etc ne al padre ne a me, como vedo che fano diversi.
    La scuola da conocimento ma la educazione si da in casa.


  75. Maria Carfora Hart ( Newport News Virginia )

    Cara Francesca
    Sto leggendo questi commenti della tua giacca, il verde un color che piace anche a me, in fatti misi un fiocco grande attacato alla porta che si entra in casa. Il verde e’ il colore della Speranza, lo messo da quando i miei figli andarono in Iraq ed Afighastan a combattere la guerra, ne ho due di loro in servizio militare, ed anche per i nostri soldati, non lo tolgo finche non ritorno in Patria . Tu hai in mano il telefono, non c’e’ il verde, ed il vestito, che rappresenta la nostra bandiera. Infatti mio marito George vuol sapere se e’ lo stesso telefono che facevi le telofonate a noi dal Sportello Italia. Ciao ti saluto, fatti forte bella.


  76. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    Alessandro: Non credo che avianno cambiato le cose perche non ce dinaro. In Argentina ce sonno famiglie pobrisime e ce la educacione, non parlo di conocimenti sino di respetto.
    x Giuseppe credo che la disiplina e amore fano le figlie belli, ma pero in la sua casa. Emparere a dire buon giorno, grazie, per favore non fa male. In Argentina non si fa pui il militare da cuando si e comprobato il abuso che erano vitima li soldati, incluso e morto uno per questo rigore.


  77. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Francesca,
    Con il tuo permesso voglio fare un omaggio a tutti i soldati di tutte le nazioni.

    “Il Soldato”

    E` il Soldato, non il giornalista
    Che vi ha dato la liberta` di stampa.
    E` il Soldato, non il poeta,
    A darvi la liberta` di espressione.

    E`il Soldato, non il sindacato,
    A darvi la liberta` di dimostrare.
    E` il Soldato, non l’avvocato,
    A darvi la liberta` di avere un processo legale.

    E` il Soldato che saluta la Bandiera,
    che rende servizio alla Bandiera,
    e che di cui bara sara` coperta dalla bandiera
    e che ti permette di liberamente protestare
    in modi banali anche all’estremo
    di mettere in fiamme la Bandiera.


  78. Peppino-del Connecticut ( USA )

    Francesca,
    ho trovato il video della scena con l’ abbigliamento intimo che Carla ha` cucito per la Sofia Loren. Hai ragione le sue mani sono da Fata.
    Buon divertimento a tutti…

    http://www.youtube.com/watch?v=yRDUknuKJiw


  79. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    ALESSANDRO, GIUSEPPE, certo io sono la prima a dire che ci vuole disciplina, e qualche “sventola” l’ho anche mollata ai miei cuccioli…pochissime ma se la ricordano bene che ora anche se grandi mi basta uno sguardo (a volte due) per rimetterli a posto.
    Quando andavo a scuola io, la maestra poteva darmi anche due sberloni chiamare mia madre e a casa prendevo il resto…solo dopo mi chiedeva che era successo; oggi invece l’insegnante (per essere piu’ vicina agli alunni) si fa dare del tu si si siede nei banchi con loro e guai se li sfiora con un dito pena l’assalimento dei genitori se non degli alunni e il licenziamento.Non trovo giusto ne’ l’uno ne’ l’altro ma
    qualcosa e’ andato storto,non trovi? Te lo dico io cos’e’: un genitore e’ e deve essere un genitore, non puo’ fare la parte dell’amico, cosi’ l’insegnante. I ragazzi hanno bisogno di una guida che li faccia sentire sicuri, che dia loro un punto di riferimento solido. Quando le madri e i padri, pensando di fare bene e di comprendere meglio i loro figli si sono inventati il ruolo di “genitore amico” hanno perso la posizione di comando. L’autorita’ e il rispetto se ne sono andati in una bolla di sapone.
    Non mi riferisco a quei genitori glaciali, che ti frustavano se sbagliavi, anche quello era sbagliato ma quando le persone si sono rese conto di cio’, hanno preso la direzione opposta, concedendo tutto o troppo ai loro figli.
    Caro ALESSANDRO, dimmi se e’ una questione di poverta’, di difficolta’, mi spieghi come mai quelle famiglie che vissero nel periodo della guerra non hanno avuto i problemi delle famiglie di oggi? Perche’ allora erano molto piu’ poveri e disperati di oggi, non trovi?
    No, io non ci credo al povero delinquente o al ragazzo disadattato da aiutare perche’ poverino viene da una famiglia difficile, no e’ una scusa d’oggi, troppo facile!


  80. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    BRAVAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!
    Claudia Roman: penso lo steso chi te, ma pero non so scrivere in italiano. A volte voglio scrivere in mia lingua.
    Li padri sono diventati amici e li figlie ti cercano li limiti.


  81. Alessandro

    Cara Claudia, prima che ci mettano in castigo, solo una considerazione: non sottovalutare che noi due siamo dei privilegiati, nessuno ci ha regalato niente, ce lo siamo diciamo guadagnato ma ci sono persone che non hanno le “capacita ” sufficienti , hanno lo stesso diritto di esistere, per loro devono intervenire in aiuto le istituzioni. Quando dico che il paese piu socialista che conosco sono gli USA, mi guardano come un marziano, ma le cose sono programmate per accettare tutti, anche coloro che non hanno la fortuna di coefficienti di intelligenza alti. Sono sicuro che mi hai capito, anche se non sono stato bravo a spiegarlo.
    Maria Rosa, scrivi nella tua lingua, non ci sono proibizioni, vedrai che nel salotto capiranno.


  82. Maria Rosa Colombo ( Luján , Argentina )

    Cara Francesca, che bella puntata!!!!! Piacere Carla, sei stata veramente fortunata…..vedere Francesca e Nonna Lea.
    Per VERONICA di Parma grazie per le notizie di Riccado Pio!!!!! continua a partecipare del blog.
    Alessandro é un piacere leggere tuoi commenti, ma sono d´accordo con Claudia la leva non debe essere obbligatoria, io ho letto tutto ma il compiuter si arrabia!!!! aspetto che vada il mio commento, un caro saluto a tutti


  83. Maria Rosa Vallone

    Alessandro: todos tenemos la misma inteligencia, solo que algunos somos mas incentivados y educados que otros, salvo que hayamos nacido con alguna defisiencia.
    Todos tenemos el mismo derecho de existir, pero hay que educar a la gente, es muy facil esperar que venga todo de las instituciones. En mi pais gracias a este criterio, nadie quiere trabajar, total el gobierno le da el subsidio. Crean ya en sus hijos esa prepotencia de que todo se le tiene que dar.
    Mientras que nosotros nos esforzamos por crecer, tener nuestra casa, criar nuestros hijos, hacerlos hombres y mujeres de bien, somos a los que se nos exige, pagamos impuestos que no sabemos donde van, educacion pagamos colegios privados, salud tenemos una prepaga, seguridad no tenemos.


  84. Alessandro

    Brava Maria Rosa, cosi e perfetto, scrivi spagnolo e leggi, vedo, bene l’italiano, benvenuta con le tue idee, valgono come quelle di tutti noi.
    Un abrazo


  85. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Maria Rosa, non ti preoccupare se non scrivi molto bene in Italiano, ti fai capire benissimo, chiaro che in spagnolo ti e’ piu’ facile, pero’ non arrenderti, continua a provare in italiano e quando proprio non sai come fare dillo in spagnolo. Noi ti capiamo e non giudichiamo.
    Diciamo che parli……spagnitaliano.
    Ciao


  86. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    Grazieeeeeee
    Sono le volte che mi fado nerviosa per non potere trovare le parole in italiano. Voi pensate che mai o scrito in italiano. Parlare solo co mia famiglia e meto qualche parole in dialetto. Ma scrivere soltanto qua.
    E un modo de praticare. Oggi co mia cugina che avita in Italia, io scribo in spagnolo e mi risponde in italiano e mi dice che cosi non si dimentica de lo spagnolo.
    Un altra volta GRAZIEEEEEEE


  87. Alessandro

    Maria Rosa, no te ponga nerviosa, escribe como quiere, como te sale mejor.
    Como dice Claudia, si te sale en italiano bien, si no es lo mismo.
    Lo que quieremos es conocer tus ideas.
    Las ideas no tienen idiomas.


  88. Anthony ( Montreal , Canada )

    Ciao! Sei molto piu’ affascinante vederti in azione col tuo gesticolare e la tua pettinatura che veniva accarezzata da un vento fastidioso. Che bel gesto da parte tua intervistare una signora davanti una casa dove lei lavorava da ragazza. Immagini quanti ricordi ed emozioni ha provato Carla, che poi e’ molto simpatica oltre ad esprimersi con classe.
    Spero che fra non molto ti vedremo di nuovo su RAI INTERNATIONAL.
    Un abbraccio
    Anthony


  89. Enzo Amara ( Wnthrop, Mass , Stati Uniti )

    Carissmi Blogghisti,
    vi devo dire che sono orgoglioso di leggere ogni commento scritto. Vi devo confessare che sto imparando un po’ di spagnolo. Grazie
    Se dobbiamo parlare di educazione familiare,uno dei piu’ grossi problemi di oggi e’ che non si puo’ andare avanti con un solo stipendio. Entrambi genitori sono impegnati nel portare a casa un po’ di stipendio per arrivare a fine mese. I ragazzi che crescono non hanno l’attenzione come l’abbiamo avuto noi, negli anni 50, 60, quando la mamma rimaneva a casa, perche’ quello era il ruolo “accettato”.
    Ma la rivoluzione degli anni 60, il ruolo femminile, che ha cambiato, giustamente, la societa’ ha lasciato un po’ da desiderare “la famiglia modello”, a questo aggiungiamo l’arrivo della televisione mondiale, che in dietta ci portava molto lontano a vedere cose giuste, ma principalmente, molto ingiuste, e non parliamo del computer che con tutti i suoi pregi, ci ha fatto scoprire un mondo di truffe, inganni, immagini dal vivo incensurati, che sfortunatamente, molti ragazzi, ci sanno arrivare molto prima di noi adulti.
    Per ogni “Pronto Francesca”, ci sono migliaia di programmi “porcherie” che nessuno ha il coraggio di condannare o eliminare.
    FREE SPEECH
    E’ stata sempre la faiglia, ed ognuno di noi, a dare il buon esempio ai nostri figli, per poi pregare a Dio ce tutto quello che abbiamo detto, possa resistere a tutte le irregolarita’ e il cattivo senso, che gli amici cercheranno di influenzarli.
    Si e’ perso completamente il buon senso e la voglia di fare bene al prossimo.
    Amen!


  90. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Claudia,
    ma forse siamo andati alla stessa scuola dalla stessa maestra, anche io le pigliavo a scuola e andavo casa e pigliavo il resto, pero` la mia mamma non usava mazze, usava la “vingia” che non rompeva niente ma pizzicava “Stink”.
    Mamma me le dava senza interesse, non le metteva mai da parte per me, quando me le meritavo me le dava.
    Ed ho avuto sempre rispetto per la maestra, che ancora vado a visitare quando ritorno al paesello. E nessuno ti puo` voler bene piu` di una mamma.

    Ciao a tutti!!!


  91. Lucia ( Buenos Aires , Argentina )

    Ciao Francesca e ciao a tutti gli amici del salotto!
    E’ stata bellissima questa puntata in “esterni”. Peccato che non abbiamo potuto vedere nemmeno un piccolissimo scorcio di Piazzale Clodio. Si è visto pero molto bene una persona, un barbone (forse) o come si dice in Argentina, un linyera, o in inglese un homeless, que spingeva un carrello da supermercato pieno con le sue povere “masserizie”. Vedo che anche questo sistema del carrello da supermercato si è globalizzato, perche anche a Buenos Aires si vedono i poveracci che si portano dietro, come una lumaca, il loro piccolo mondo fatto di miserabili stracci su un carrello da supermercato.
    Comunque mi è piaciuto moltissimo la puntata, Carla è una donna molto simpatica e ha detto delle cose molto vere e giuste. Tu sei la solita bellissima, vestita di verde o di qualsiasi altro colore sei sempre perfetta.

    A Claudia voglio dire che la penso come lei per quel che riguarda la disciplina e l’educazione. La famiglia è fondamentale. Mi ha fatto ricordare i miei sei anni passati a Diano Marina e dintorni, San Bartolomeo, Cervo ligure, ecc. Grazie Claudia, è stato bello sapere che anche tu ci sei stata da quelle parti.
    Ho dei ricordi molto belli della Liguria. Sono vissuta anche a Roma per un anno intero, dal 1980 al 1981. Sono vissuta in Lombardia e anche al sud, a Taranto.
    Devo dire che l’Italia è tutta bella, da cima a fondo.
    Spero che presto possa ricuperare tutto quello che si è perso negli ultimi 30 anni.
    Un saluto carissimo a tutti,
    Lucia


  92. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Giuseppe, che ridere…..mi hai fatto venire in mente quando mia mamma una volta non potendone piu’ delle mie birichinate (ero una peste lo ammetto) mi ruppe sul…didietro il cucchiaio di legno, cio’ la fece innervosire ancor di piu’ cosi’mi diede il famoso e temutissimo “doppio schiaffo”.
    Com’e’? Due mani e faccia al centro (tipo tenere in mano un pallone) solo che son schiaffoni che centrano la palla/faccia!!
    Ma me le meritavo tutte, sai? Dopo crescendo son diventata piu’ brava, o quasi.
    Comunque mia mamma non mi ha mai fatto male, mai neanche una volta.
    Io invece al primo schiaffetto dato a mia figlia ho capito che primo, non gliene avrei dati piu’ e secondo, che dovevo fare attenzione, perche’ ho le mani forti e le lasciai le 5 dita per un giorno…..in famiglia dicono che ho le mani piccole ma cattive, nel senso che sono pesanti.
    La mia maestra invece in terza elementare mi chiuse per un’ora DENTRO L’ARMADIO!! Perche’ non stavo mai …zitta. Sempre stato un mio problema. Chissa’ cosa le farebbero oggi! Io, che come avrai capito ero pestifera, non le volli dare soddisfazione e non le feci vedere che ero spaventata a morte e quando finalmente apri’ feci finta di essermi addormentata, tutta la classe rideva a la maestra era furente eh eh eh! Ero un diavoletto col viso d’angelo. Un vero Gianburrasca. Vi ricordate la serie televisiva con Rita Pavone? Quanto mi piaceva!
    Comunque noi scherziamo, ma i bambini sono sacri, non si toccano. Vi ricordate la frase famosa del Papa buono?
    Papa Roncalli, disse ” tornando a casa date una carezza ai vostri figli…” ecco a volte una carezza puo’ far miracoli, e’ il dono piu’ bello che si puo’ dare, vale piu’ di qualsiasi gioco, peccato che oggi molti genitori trovano piu’ facile colmare i vuoti affettivi dei loro figli coprendoli di oggetti sempre piu’ inutili e costosi.


  93. Franco Petrocco ( Valinhos SP , Brasile )

    Cara Francesca, oggi sono molto contento, perche sono riuscito a vedere la Puntata 7. Una vera esplosione di allegria e simpatia, tanto Francesca quanto Carla Ciaffi, merita nota 10. Carla con i suoi ricordi e i commenti sul comportamento di alcuni italiani, atualmente,mi fa fare una domanda: Come ci sentiremo nei prossimi ritorni nella nostra terra?
    Carla, quel bikini di Sofia Loren che hai fatto, lo voglio rivedere, affitterò il DVD. Prendo la libertá di chiederti, una cosa, quando verrà Francesca a casa tua per farsi il Bikini, mi invita, ti aiuterò a prendere le misure!!!
    Carla e Francesca a voi due, auguro che continuate così, spontanee e allegre ed accettate il mio e di mia moglie, affettuoso abbraccio.


  94. ernesto ( USA )

    MARIA ROSA VALLONE,B.A. ARGENTINA.
    Come e’ bella la tua lingua (idioma), come una poesia,
    una musica….”de que todo se le tiene que dar..”
    ..”somos a los que se nos exige..” Sembra una preghiera.
    Ho capito a meta’ ma l’ho letta e riletta, continua a scrivere in Spagnolo e noi cosi’ ci esercitiamo.
    Ciao, Ernesto.


  95. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    LA SIGNORA CARLA SI E` DIMENTICATA DI DIRE CHE IN AMERICA PAGATE TUTTO , ANCHE L’ARIA CHE RESPIRATE.
    QUANDO ANDATE ALL’OSPEDALE SE NON AVETE L’ASSICURAZIONE PRIVATA ,ANCHE VOI ASPETTATE DEI MESI.PER VEDRE UN DOTTORE.
    QUANDO LITLE TONY ERA IN AMERICA E CHE HA AVUTO UN COLLASSO, LE HANNO CHIESTO PRIMA SE AVEVA L’ASSICURAZIONE. SIGNORA FRANCA NON BUTTIAMO GIU COSI L’ITALIA. IO NON LA CONOSCO, PERO I COMMENTI BISOGNA FARLI BENE, QUESTA E LA MIA OPINIONE PERCHE SONO ITALIANA DA SETTIMA GENERAZIONE.ANCHE SE VIVO IN AUSTRALIA. CHIEDO SCUSA A FRANCESCA, MA IO LA PENSO COSI.


  96. Lina Faccio ( Melbourne , Australia )

    Carissima Francesca, trovandomi da una amica, ti ho visto nel tuo Blog, mi hai fatto piangere, vederti qello che tu fai per noi Italiani nel monto, speriamo che potresti tornare in TV perche, sia io che moltissime persone, guardavamo SPORTELLO ITALIA, che era un programma molto istruttivo, e invece c’e un buio vuoto seza di te, e anche io non ti posso seguire perche non so il computer, ti ringrazzio tanto un forte abraccio.
    Lina


  97. martino ( Adelaide , Australia )

    Bella puntata Francesca interessante e allegra come solo TU sai farle diventare. Sei riuscita a trasformare l’incontro per strada con l’amica ‘americana’; in una delle migliori puntate di Sportello Alderisi. Brava, Brava Brava, (anche se il mio filmato si e’ interrotto prima della fine. Martino


  98. silvia-São Paulo-Brasile ( são Paulo , Brasile )

    Carissima Francesca,vorrei tramite questo associarmi a tutti quelli che incentivano Mria Rosa acontinuare a scrivere come scrive,primo perche lospagnuolo é chiaro pure per gl italiani,per noi che viviamo in Brasile poi non se ne parla,e capendo cio che dice cheé la cosa importante ci dovrebbe bastare.Poi la tua giacca,cara Francesca,a me é piaciuta molto e ovviamente a alcuni del blog non é piaciuta,e che io sappia non ho visto nessuna rivolta né pro né contro…ci dai la libertá di parlare di tutto no?ma vale ció che dico a Rosa,difronte alla bellaintervista chi se ne frega(scusate il termine,non ne trovo uno migliore)della giacca,uno commenta cosí,(io pure ho fatto il mio)ma la giacca é l ultima cosa vi pare?e la saracinesca allora,io neanche avevo notato che era verde,me l hanno fatto notare gl amici.Per me é Libertá con rispetto in questo blog,e questo basta….o misbaglio?Un bacione a tutti(anzi a pochissimi non é piaciuta,ho guardato stamane,e molti neanche ne hanno parlato.Tu puoi essere,come dicono tutti,una bellissima donna,ma io penso che sei piuttosto una bellissima persona.Abraccio a tutti,Silvia


  99. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Ciao Francesca come ti senti? dopo aver letti tutti questi bei commenti, sei sempre elegante, qualunque cosa tu indossi, sei sempre bella, sei come un otttimo vino, cara ieri abbiamo festeggiato, la (MADONNA DI POMPEI), organizzata dal Presidente Mario Ciarlo, della Campania Club, circa 400 fedeli una cerimonia religgiosa, nella Chiesa di SAN RAFFAELE, dopo la Santa Messa Cantata, ci e stata la processione, accombagnata dlla Banta Bellini, dopo ci e stato un rinfresco preparato dal comitato, e stata una grante emozione, siamo andati indietro nei tempi della mia infanzia,
    Francesca, quando e bella la tradizione, non dovrebbe mai morire.
    XCarla Ciaffi, ti faccio i miei complimenti, per il bel lavoro che ai fatto, ai avuto bel dono, sei una donna fortunata, per essere trascorso un pomeriggio con Francesca e Nonna Lea,
    a me dispiace, che non ancora ho avuto la fortuna di abracciare Nonna Lea che saluto, ma ho avuto una grante emozuone, quanto ho incotrata Francsca, e una persona dolce, amichevole, e con tanta energia, semprava che la conoscessi da una vita, mi manca troppo,
    e propio, un regalo da DIO, per noi tutti.
    un affettuoso saluto.
    Francesca


  100. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Oggi sembra una bella giornata, anche primaverile, certo che dopo il quinto giorno di maggio era ora che questo freddo ci lasciasse un pò. Buon Pomeriggio come stai Francesca? Che cosa si dice ha Roma? Tutto bene?
    Io spero di si, qui è sempre la solita vita, si fanno
    le solite cose, ora la maggior parte di noi italiani
    incominciamo ad coltivare il giardino, certo che si farà anche qualche gita forse più di una, ed le solite cose. Questa è la nostra vita, poi tutto il mondo è
    paese, questa è la vita. Francesca un abbrccio un saluto ed a presto. Ciao a tutti Francesco


  101. Alessandro

    E vero scrivo troppo, dovro smettere.
    Ma leggendo a volte ci si sente diciamo obbligati a chiarire.
    Le critiche che scrivo sono costruttive, non per buttare giu il mio paese, tutto il contrario, lo vorrei come esempio per tutti, cosa impossibile, ma protestando civilmente qualcosa si riesce a muovere.
    Siamo amici di Francesca e vero, siamo di parte, ma non c’e bisogno di questo per prostestare per l’ingiustizia commessa nei NOSTRI confronti di togliere Sportello Italia di Francesca e rimettere un ….diciamo AnnoZero.
    Cosi come leggendo la notizia che a Torino cambiavano le date di scadenza dei surgelati scaduti, mi sento rabbrividire e devo protestare, propagare la protesta, l’unione fa la forza.
    Ho letto anche che negli USA, bisogna pagare per servizi sanitari, qui vorrei essere aiutato da chi ci vive in forma continua, per esperienza personale ho un idea differente.
    Sono stato fortunatamente ( non avevo niente), due volte in Hospital, ho pagato e mi hanno dato un ottimo servizio. Gli americani hanno l’assicurazione sanitaria, chi lavora ha l’assicurazione, loro non pagano.
    Little Tony e come me straniero (non paghiamo tasse in america), sarebbe come fare beneficienza se gli stranieri avessero l’assistenza gratis, pensare invece che in Italia, come cittadino italiano, come spesso ha spiegato Ernesto, all’assistenza abbiamo diritto solo per 90 giorni dall’entrata sul territorio, ma SOLO per urgenze ospedaliere, cioe tradotto vuol dire praticamnete che te la danno solo se stai per morire.
    Preferisco protestare perche nei nostri confronti sia riconosciuto un diritto, che strano, molto strano, mi darebbero se fossi extracomunitario e non italiano
    Mi prendo una lunga (?) vacanza dal blog.


  102. joe ( Melbourne )

    Ciaoo dolcissima Francesca ho visto la 7 puntata e bellissima anche tu seiuna spendida donna con la giacca sei fantastica meriti davvero di essere in tv al posto della Cinquetti.un saluto anche alla signora Carla,Pero’ cera il venticello che ti sfoltiva i capelli…ciaooo Joe


  103. Danila ( JAx , Florida )

    Ciao Francesca,

    stamattina ero in chat con una mia cara amica italiana e siccome tra qualche giorno me ne vado in Italia per lavoro, le chiedevo un po’ quali fossero i colori di moda. Bene, il primo e` stato il verde bottiglia, quindi una volta ancora si dimostra che la tua giacca che ha attirato tanta attenzione e` molto trendy oltre che ha stari bene indosso e poi ne abbiamo avuto la conferma da Carla che di moda se ne intende.

    Per Maria Rosa Colombo:
    secondo me dovresti continuare a scrivere in italiano, lo so che e` piu` faticoso pero` e` un modo per mantenere viva la ns lingua. Anche se scrivi in italiano spagnoleggiando le parole e` meglio che scrivere tutto in spagnolo, perche` cosi ti mantieni in allenamento ed inoltre ogni volta che scrivi un nuovo messaggio migliori sempre piu` e si nota.
    Quindi forza e coraggio, se continui a scrivere in italiano vedrai che tra qualche mese sarai cosi brava che non si vedra` piu` nessuna differenza linguistica.
    Un abraccio
    Danila


  104. mariat ( Valencia , Venezuela )

    Cara Francesca che bella la puntata con la signora Carla Ciaffi, mi sono commossa, complimenti a te e alla signora Carla, ti seguo sempre Framcesca anche se non ti scrivo.
    Grazie per tutto quello che fai che Dio ti benedica, Que Dios te Bendiga, dicono in Venezuela.
    Cari saluti a te e molto piacere di aver conosciuto la Signora Carla.


  105. Giorgio Turri ( Middletown, CT , USA )

    Cara Francesca,
    l’intervista con la sig.ra Carla e’ stata una ventata di freschezza (a parte “er venticello de Roma” che ti scompigliava i capelli). Devo dire che il verde ti dona e che ti sta ‘na meraviglia. Una ventata di freschezza e di sincerita’ evidente nei commenti circa i malesseri sociali dell’Italia di oggi come la maleducazione e la mancanza di senso civico che si puo’ tra l’altro riscontrare anche in altre citta’ italiane – e nomino Milano per esempio di cui ne so qualcosa. Fa sempre piacere sentir parlare dei “bei tempi quando l’aria era pulita e il sesso era sporco” In contrapposizione c’e’ pero’ da notare una rinascita di quei valori ambientali che furono cosi’ cari a a noi “figli dei fiori” degli anni sessanta. C’e’ ancora speranza.
    Un abbraccio,
    Giorgio


  106. Danila ( Jax , Florida )

    GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    5 Maggio 2008 alle 6:58

    Ciao Gaetana, in parte sono d’accordo con te perche` il sistema sanitario americano puo` sicuramente essere migliorato, qui le assicurazioni sono abbastanza care (specie per chi lavora in proprio) e spesso non coprono tutte le necessita` mediche e farmacologiche, pero` da un punto di vista del servizio offerto secondo me e` migliore di quello italiano. Io ho avuto modo di provare entrambi i sistemi, fortunamente mai per cose gravi, ma negli US mi e` sembrato che ti seguono meglio (ovvio perche` paghi, non perche` siano piu` compassionevoli)
    Carla ha ragione quando parla di lunghe attese in Italia specie quando si va nelle strutture pubbliche.
    Mentre vivevo ancora in Italia, via posta, mi arrivo` un’invito a prenotare una visita per il check up preventivo della pelle presso una struttura pubblica napoletana all’avanguardia nel mondo che e`l’Istituto Pascale. Non avevo mai fatto un esame del genere e mi e` sembrato molto positivo che si facesse prevenzione.Chiamo per prenotare, trovo il disco/segretreria che mi tiene in attesa all’infinito…quindi decido di andare a fare la prenotazione di persona..arrivo e trovo una marea di persone che avevano avuto la stessa idea. Prendo il numero e mi siedo ..aspetto diverse ore..poi finalmente arriva il mio turno..faccio la prenotazione per una visita generale mi danno appuntamento allo stesso giorno.. dell’anno successivo. Visto che nn ho la palla di vetro e nn so se lo stesso giorno dell’anno dopo posso andare all’appuntamento chiedo se esiste una lista di attesa nel caso qualcuno cancelli..la risposta e` “no”. Bisogna venire nel giorno fissato.
    Passa un anno..e fortuna vuole che io abbia la possibilta` di andare all’appuntamento nel giorno stabilito. La visita va bene (menomale..perche` se nel frattempo avessi avuto un tumore lo screening preventivo me lo facevo fritto) La bravissima dottoressa che mi fa una visita molto accurata, mi dice “mi raccomando la visita generale va fatta ogni anno, va bene anche ogni due anni, ma prima di andare via nn si dimentichi di fissare l’appuntamento per l’anno prossimo!!”

    Il mio esempio e` solo uno di centinaia di migliaia che si verificano in Italia. Se hai un’urgenza devi andare privatamente e il conto non e` economico. Cosi finisce che si paga due volte (con le tasse prima e dal borsellino poi)
    Qui ho un’assicurazione sanitaria che viene pagata per la maggior parte dall’azienda per cui lavoro (cosi come succede per quasi tutti quelli che hanno un lavoro dipendente), sul mio stipendio c’e` una detrazione minima e quando ho bisogno del medico pago 15 o 25 usd a seconda che sia il medico generico o uno specialista. Pero` se chiamo oggi per un appuntamento nel giro di quache gg mi ricevono e se c’e` un’urgenza ti prendono subito.
    Capisco che non e` piacevole sentir dire delle cose brutte sull’Italia, ma negare la realta` non aiuta a risolvere i problemi.

    Riguardo Little Tony e tutti quelli che vengono negli USA per visita e` sempre consigliabile farsi un’assicurazione in Italia di qualche decina di euro e cosi si sta a pensiero tranquillo.

    Se Giulia la mamma di Riccardino si sta facendo in 4 e sostiene delle spese enormi per curare il figlio, non vedo perche` Little Tony doveva essere trattato diversamente.

    Anzi, se per caso gli capitasse di leggere il blog di Francesca, visto che ha provato di persona che il sistema sanitario americano non e` gratuito, facesse una bella donazione per Riccardino, gliene saremo tutti grati.


  107. Enzo Amara ( Winthrop,MA , USA )

    Ne non sbaglio, correggetemi se sbaglio, il problema di Little Tony fu in Canada.
    Per quello che riguarda la struttura sanitaria in USA, io mi sento fortunato perche’ intorno a Boston, ci sono i migliori ospedali, non dico al mondo, ma almeno negli Stati Uniti.
    Pero’, c’e’ sempre un pero’, ho letto, in parecchi casi, che anche loro hanno commesso degli errori.
    Non parliamo di andare d’emergenza, perche’ c’e’ da aspettare almeno tre-quattro ore prima di essere visto, a volte dipende dalla gravita’ del caso.
    Negli ultimi due anni, il costo dell’assicurazione e’ salito ale stelle, tutto per le cause di ‘Malpractice” che sono state presentate contro alcuni dottori.
    Speriamo che con la nova amministrazione, almeno tutti i bambini avranno la possibilita’ di ricevere gratis tutte le cure necessarie.
    Rispondendo ad Alessandro, si e’ vero che molti di noi, in base all’intervento subito, paghiamo una minima percentualita’.
    Scusa Francesca, se ho cambiato un po’ il discorso, pero’ ti confesso che ho gia rivisto la tua intervista “romana” tre volte.
    Chi ti ha fatto da cameraman? Lo invidio.


  108. Maria Rosaria Martinelli ( Staten Island,N.Y. )

    Carissima Francesca e simpaticissima signora Carla, vedendovi cosi’ vicine sembravate piu’ mamma e figlia che due belle signore che si scambiavavano chiacchiere, a me e’ piaciuto molto il video,Roma non l’ho mai visitata,pero’ vedondovi cosi’ belle e serene, vi ho davvero invidiato.Chissa’ cosa si prova a vivere in una grande citta’ come e la nostra capitale italiana. A me farebbe un bel effetto, anche se preferirei un piccolo paese sconosciuto che vivere in una grande citta’. Sono d’accordo con la signora Carla a proposito della gente e del loro cambiamento nel modo di pensare e di educare i nostri giovani,ricordo che quando ero bambina c’era molto rispetto per gli anziani, ora questo non e piu’ cosi’,tutti vogliono, tutti pretendono,e nessuno da’. Il mondo cambia o e la gente?Datemi una risposta se ce l’avete, perche’ io non ne ho.Un caloroso abbraccio alla signora Carla che mi sta davvero molto simpatica, alla affezzionata e dolce nonna Lea che penso sempre con affetto e alla nostra bravissima Francesca,voglio solo dirle una cosa: non cambiare mai,rimani sempre te stessa,la gente che pensa o crede di essere quello che non si e’, e diffcile che venga accettata.Spero di aver fatto capire il concetto, con affetto Maria Rosaria


  109. augusta prina ( milltown nj , usa )

    Alessandro se vai in vacanza mi sta pure bene e ti faccio tanti auguri,pero’ non ci lasciare sei troppo forte e sono convinta che tutti ti leggono volentieri.
    Quello che dicono ENZO AMARA MA 16.34 e DANIELA FLA 6.58 non fa una piega. A GAETANA dico che l’aria che si respira si paga ovunque ma quello che dici non corrisponde alla realta’ anche se molte cose dovrebbero cambiare.
    Un’amica in Italia recentemente ha avuto bisogno di un esame accurato al cuore ed e’ dovuta andare in privato perche’ tramite mutua avrebbe avuto il controllo dopo 6 mesi e……con il cuore non si scherza.
    Il nostro cantante in questione Little Tony ricordo che il problema di salute al suo cuore lo ebbe in Canada eppoi una persona come lui che gira il mondo e non piu’ giovane avra’ per certo una speciale Assicurazione medica. Perche’ mai anche se con tanti sacrifici o con l’aiuto della comunita’ vengono a farsi curare negli States?
    Mi risulta per chi ha lavorato c’e’ per certo l’assistenza della Social Sicurity la quale trattiene dalla pensione la sua quota per l’assistenza medica. Detto questo passo ad altro.
    Cara Francesca il tuo abbigliamento ha suscitato l’ intersse di molti,personalmente l’ho provato piacevole ma….. mi sono concentrata sull’intervista che ho trovato simpatica come lo sei tu e la nostra amica Carla.
    Ciao per tutti. Oggi il tempo e’ bellissimo e come ogni lunedi’ vado al caffe’ di Princeton. saluti augusta


  110. Romina ( Virginia )

    Ciao, e’ da parecchio che non entro nel blog,ma ho letto tutti o quasi i commenti ed apparte la giacca verde di Francesca ,vorrei solo sottolineare alcuni commenti fatti approposito del servizio militare.Io ci sono dentro da 15 anni visto e considerato che mio marito e’ un Ufficiale della marina militare americana.Io credo che il servizio di leva in Italia farebbe bene a molti ragazzi,volontariato o non,sono dell’opinione che se molti ragazzi oggi giorno non hanno una buona figura paterna o materna, il servizio militare forse in parte avrebbe ridato loro una certa educazione verso il prossimo ed il rispetto per la propria patria.Io quando rientro in Italia mi accorgo che i ragazzi di oggi non hanno nessun rispetto per niente e per nessuno e in maggior modo per la loro citta’.Sventolano il Tricolore solamente alle partite,ma mai che avessi visto sventolare la nostra bandiera perche si va fieri della propria patria,anzi molti di loro perche della situazione economica e politica se ne scapperebbero dall’Italia.A noi fa male vedere e sentire questo perche ci ricordiamo di un’Italia diversa e perche ci manca.
    Io non voglio sottovalutare nessun commento fatto,ma voglio solo farvi capire che per me il servizio militare ha insegnato tanto:rispetto,umanita’,ed altruismo.
    Oggi giorno tutti vogliono solo prendere e mai dare.Mio marito insieme a tantissimi altri militari(inclusi quelli Italiani)stanno dando la loro vita per garantire la liberta’ che oggi tutti noi viviamo.
    Io credo che un anno di leva(apparte il bullismo che e’ innapropriato)potrebbe essere un insegnamento positivo per un ragazzo/a che ha le iddee confuse sulla vita.
    Cmq basta con cio ,vi voglio sempre bene,Romina


  111. Marco ( Sudbury , USA )

    Bellissima puntata, bravissima presentatrice ed ospite simpaticissima.

    Ascoltare le storie della signora Carla e’ stupendo. Mi fanno immaginare una Roma di un altro tempo e forse in alcuni modi migliore della Roma di oggi. Mi piaciono motlissimo i suoi racconti. In parte perche mi raccontato delle storie bellissime. Ma forse in modo particolare perche Carla e’ mia madre.

    Ciao mamma. Sei unica.

    tuo,
    Marco


  112. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Mi scusi Francesca, per andare fuori tema.
    Querida María Rosa Vallone ( Bs.As., Argentina)
    Animo, coraje! Yo tampoco puedo expresar claramente mis ideas y pensamientos en italiano,ya que jamás en mi vida escuché hablar a mi familia en italiano( mis cuatro abuelos inmigrantes murieron muy jóvenes y no los conocí).
    No obstante, como buena gringa “testarda descendiente de tanos”, hace cuatro años comencé a estudiar la lengua en la Dante Alighieri de Chivilcoy.
    Hoy estoy tan contenta de poder participar en el blog, que enriquece tanto mi vocabulario con la incorporación de muchas “expresiones”,” modos de decir “,anécdotas, experiencias de vida, en fin , una maravilla!!
    Pero…. yo escribo con un lenguaje más frío y más estructurado porque no domino todavía el uso de la lengua italiana.
    No obstante esto, continuaré participando en nuestro “salotto mondiale”, que ya lo considero “una atrapante adicción!
    Buona fortuna!!! Marta


  113. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Sono molto daccordo con Romina ,per il servizio militare con tutto quello che succede in Italia, con il bullismo, un ragazzo morto a Verona per una sicaretta, ancora si vedono incidenti fuori gli stadi,
    ed tante cose vergognose. Un anno di militare penso che sia poco, almeno 18 mesi come ai miei tempi.
    Francesca Romina ha ragione, il servizio militare lo
    dovrebbero applicare di nuovo, perche fa bene a tutti.
    Poi oggi ci sono anche le donne, ed è una grande cosa anche questa. Per le signore che scrivono in Spagnolo
    è anche una bella cosa, mi piace leggerlo, non lo capisco tutto ma una buona parte riesco a capirlo.
    Francesca con affetto ti saluto, ed un saluto a tutti
    Francesco.


  114. debora ( chajari. entre rios , argentina )

    Francesca, soy argentina y quiero saber algun contacto con el ex- tenista napoletano Diego Nargiso, . El me conoce , pero hace mucho que perdi el contacto con El.
    Un saludo desde mi pais..


  115. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Carissima Francesca:è un vero piacere leggere i commenti.E voglio fare una miscellanea:
    1)Grazie !!!! Lilla de Tortuguitas.Forse qualche giorno possiamo prendere un caffè e chicchierare insieme!!!
    2)La giacca ti va benissimo ,Francesca ;nonostante che a me personalmente non mi piace molto il colore..ma si è moda..
    3)Sul tema del servizio militare la penso come Romina (Virginia).Purtroppo sempre si fa notare qualche caso di abuso disciplinario molto di piu che i centi dei casi dove veramente si ha trasformato per bene ,la vita di molti ragazzi come diciamo noi “criados a la buena de Dios”.
    4)Bravissime!!!!!Chicas argentinas Maria Rosa Vallone,Marta Galzerano.Bacioni per voi!!!.Non ti dimentico Maria Rosa Colombo!!!!
    5)Salutone a Carla Ciaffi.Soltanto una volta ho fato un bikini,per me stessa quando aveva 16 anni.
    6)Un forte abbraccio a tutti,cari bloghisti!!!,specialmente a la nostra Francesca;anche lei è una fata.


  116. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Per gli amici di Little Tony. Cari amici salottieri, negli anni 70, ho visto il cantante diverse volte allo scalo di Boston in forma privata. A quel tempo, era sposato con un’assistente di volo Alitalia. Son sicuro che era al corrente del sistema sanitario statunitense. Continuando col sistema sanitario degli Stati Uniti, devo dirvi che in molte aziende, ditte e enti comunali o statali, l’assistenza e’ garantita. Bisogna pagare una piccola quota che viene tolta dallo stipendio. Inoltre con altre assicurazioni devi pagare qualcosa per i farmaci e le visite mediche. Tutte ottime assicurazioni, che ti danno il meglio degli ospedali. Pero’ a tutto c’e’ un limite! Dopo un po’ di tempo ti lasciano a “piedi”, e sei costretto a pagarti l’assicurazione con i tuoi risparmi. Questo e’ successo a me personalmente. Non ci credevo, ma e’ la verita’. Con dovuto rispetto per la mia cara Italia, preferisco il sistema USA. Voglio pure ricordare a tanti amici, e solo a titolo informativo, che il servizio militare in Italia, prima di essere eliminato, era di solo 10 mesi in tutti i corpi, incluso Marina Militare e Aeronautica Militare che di solito duravano di piu’.


  117. Jose` "Si Parla Italiano" ( Estados Unidos de América )

    Benvenuti tutti nel blog di Francesca dove si e` liberi di parlare di tutto e di tutti e in qualsiasi lingua che volete, anch se ci sono persone che non sanno cosa dite. Credo che questa e` una tradizione spagnola I quali parlano il loro lingo e se ne fregano che gli altri non capiscono quello che dicono.
    Vi lamentate quando si usa l’inglesino, anche sulla RAI. Ogni tanto non fa danno se si usa qualche vocabolo in lingua straniera, perche` non si puo` pensare per la parola precisa al momento. Ma non credo che sia giusto esprimersi in una lingua non capita da molti. Credo che dovremmo fare il nostro meglio a comunicare in italiano per coloro che non conoscono altre lingue. Vi ringrazio per avere iniziato il blog di babele.

    Da la bienvenida a todos en el blog de Francesca donde y `libremente para hablarse sobre todos y todos y en cualquier lengua que usted desea, anch si hay las personas que no saben qué opinión. Credo que este y `una tradición española que habla el suyos mazarota y del fregano que el otros no entienden aquél que dicen. Quejado cuando se utiliza el inglesino, también en RAI. De vez en cuando no hace él da si una cierta palabra en idioma extranjero se utiliza, porque `del puo del ` que no se creerá para la palabra exacta en el momento. Pero no credo que correcto de expresar en una lengua no entendida de muchos. El credo que tendríamos que hacer nuestro mejor para comunicarse en italiano para no sabe otras idiomas. Ringrazio a usted para haber comenzado el blog de la confusión.


  118. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Come gia’ detto non sono daccordo con il servizio di leva obbligatorio, ma cio’ non toglie che abbia un enorme rispetto per chi si dedica e sacrifica per la patria, come tuo marito ROMINA. Potrebbe forsi andarmi bene SE riorganizzassero alcune cose che, e questo accade sopratutto tra i militari italiani, a mio avviso sono ben lungi dall’essere educative.
    Sono cresciuta a Torino, la mia casa oltre a essere vicino allo stadio era anche di fronte all’ospedale militare. Quest’ultimo era rifugio degli “imboscati” cioe’ di coloro che cercando di evitare alcuni mesi di “naia” si fingevano PREVIA RACCOMANDAZIONE o intrallazzi vari, malati. Questa sistema era l’ultima spiaggia per chi non era riuscito a farsi riformare.
    Chi stava li’ doveva avere motivi ben validi per non voler stare nel posto assegnatoli perche’ non era un posto divertente, era comunque un ospedale, ma c’era molto meno controllo e spesso saltavano il muro per uscire. E’ vero molti forse erano dei ragazzi incoscienti e scansafatiche ma molti e dico molti avevano seri problemi. Io ne ho conosciuti tanti di loro e uno di questi era Giorgio, mio marito oggi.
    C’era un ragazzo,la famiglia aveva un negozio da mandare avanti, il padre malato e la madre faceva tutto da sola, ogni giorno dopo le 10(controllo) saltava il muro e andava al negozio. Quando seppe che “era guarito” e poteva ritornare in caserma non esito’ a buttarsi giu’ per le scale, con una braccio rotto poteva continuare a stare li’ e al negozio.
    Era una pratica diffusa, quella di ferirsi “casualmente”, per rimanere. C’era un ragazzino, oggi potrebbe essere mio figlio, che piangeva come un bambino, anche lui doveva tornare ed era terrorizzato all’idea di cosa gli avrebbero fatto ancora i “nonni”(soldati prossimi al congedo)anche lui si fece il suo volo per le scale…ora ditemi cosa ci vedete di educativo, formativo in questo?
    Qui negli USA forse e’ diverso ma in Italia, lasciamo perdere. Lasciate fare il soldato a chi ha la vocazione.


  119. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    Scusate il mio commento non era tanto per l’assistenza sanitaria, tutti noi che viviamo all’estero quando andiamo in italia per qualsiasi ragione, cosa facciamo critichiamo come si vive cosa succede, e una cosa che mi da fastidio,io manco dall;italia da ben 20 anni ,pero siamo informati sia dai parenti che la televisione.Anche in australia succede la stessa cosa, vanno in italia quando ritornano dicono che gli italiani sono sporchi ecc,quardiamo dove viviamo tutti noi e ci accorgiamo che non sono rose e fiori.gaetana


  120. Pasquale ( clifton , usa )

    Cara Francesca in replica a quello che ha detto l’intervistata Carla, a riguardo le tre cose che ha trovato differente in Italia.

    1. vorrei rispondere, anche io vivo negli Stati Uniti. e quindi quando lei dice che in Italia la gente e’ maleducata, non si rende conto che questo e’ un problema di tutto l’occidente. Ma lei non si rende conto di quanto e’ maleducata anche qui in America? Percio’, la gente e’ maleducata piu’ o meno in tutto l’occidente. questo perche’ c’e’ una mancanza della morale a riguardo del benessere ed in particolar modo, perche’ l’occidente si e’ allontanata da Dio.

    2. Per quanto riguarda l’Euro, io non riesco a capire, ma perche’, dove sta scritto che la moneta Italiana deve essere piu’ bassa del paese di cui vivono gli Italiani all’estero. Prima abbiamo goduto noi dell’estero, e adesso godono gli Italiani per avere una moneta forte.

    3. Per quanto riguarda la sanita’, si questo e’ vero che in Italia per fare una cura si deve aspettare a lungo, e questo e’ sbagliato. Ma questo succede perche’ in Italia la gente non paga niente per la sanita’. Invece negli Stati Uniti, lo sapete quanto si paga per la sanita’. Qui se non guadagni o se non lavori per una ditta che ti paga la sanita’, sei fregato, specialmente se hai una proprieta’, sono capaci di metterti in mezzo alla strada. In Italia c’e’ il problema, ma come ha detto Carla, che se hai i soldi anche in Italia puoi essere curato subito. Quindi per lo meno gli Italiani, nel bene e nel male, hanno tutti la sanita’. In Italia ci sono due possibilita’, invece in America e’ solo una. Devi per forza pagare. Ma in America, cara bella se non paghi, ti mettono in mezzo ad una strada.

    Ricordati, cara Francesca che la gran parte degli Italiani che vive all’estero si crede che dove vivono loro e’ sempre meglio dell’Italia. Ma non guardano i problemi di casa loro. Devono capire che questo e’ un problema di tutto l’occidente. Il problema dell’emigrazione,il problema della delinguenza, la corruzione, e cosi via e’ in tutto l’occidente. Pero’ gli Italiani all’estero piace criticare solo all’Italia e non vedono dove vivono loro i tanti problemi che ci sono.
    Ciao,
    Pasquale

    Grazie e Ciao
    Pasquale


  121. Lea ( Roma , Italia )

    Carla carissima, le espressioni affettuose di tua nipote Giulia e di tuo figlio Marco, ci hanno fatto ancora di più comprendere quanto tu sia amata da familiari e da amici .
    ora, grazie a Francesca , hai conquistato anche tutti noi con la tua spontaneità e con la tua simpatia.
    Come tutti i protagonisti delle interviste diFrancesca anche tu ci hai fatto entrare nei tuoi ricordi , mostrandoci con entusiasmo il tuo suggestivo lavoro fatto di estro creativo e di precisione che ci ha confermato come facendo un lavoro che piace si riesca a sentirsi utili ed appagati.
    Grazie cara Carla per le emozioni che ci hai saputo suscitare con la tua spontanea cordialità.
    invio un caro abbraccio a te e tanti cordiali saluti alla tua famiglia e pure al tuo simpatico fratello Romolo che, ci ha spiegato Francesca, si è prestato a farvi da valido cameraman. su questo punto dico a Francesca che con la sua avvenenza troverà sempre chi è disposto a diventare suo aiutante e poi, per ogni cosa, c’è sempre una prima volta .

    nonna Lea


  122. silvia-São Paulo-Brasile

    CaraFrancesca e amici del blog,io non ho voluto entrare nella discussione educazione,ne in Italia né all estero,ma adesso non resisto,perche penso che l educazione,infelicemente non dipende solamente dalla famiglia o dalla scuola,tanto é che in quante famiglie ci sono figli meravigliosi e pesti nel vero senso?con tutto uguale,non si dovrebbe considerare la differenza di ogni essere umano?la sensibilitá,minore o maggiore,la timidezza,il carattere di ogni essere?Pensavo a Ghandi che,riferendosi al comunismo diceva”È vero che tutti dobbiamo avere le stesse opportunitá,ma non tutti abbiamo le stesse capacitá”Io penso che uno schiaffo ben dato a un figlio puo essere un disastro per un altro,e i genitori molte volte sbagliano perche non prendono in considerazione le diversitá,proprio per essere equanimi,con tutti i figli.non che sbagliano,ma non siamo tutti uguali,eppure i genitori devono dimostrare di amare tutti i figli ugualmente,il che non é affatto vero,hanno affinitá con uni e non con altri.Niente colpe penso io e niente meriti,la vita é cosi,quelli con piu esperienza la passano ai successivi,il successo o ilfracasso dipende un poco dai due lati non credete?Era solo cosi,una divgazione che facevo con me stessa.Un abraccio a tutti.Silvia


  123. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Voglio condividere con voi anche le mie emozioni simili a quello di Mirko.
    Sono stato molto meravigliato che nessun quotidiano lo ha scritto. Ma scrissero commenti di altri politici in referenza della bandiera padana.

    Cosi di nuovo voglio cogliere l’occasoni di ringraziare onorevoli Tremaglia e Fini per averci considerati e riconosciuti con orgoglio come veri Italiani.
    VIVA IL TRICOLORE E VIVA GLI ITALIANI.

    Questo sotto scritto articolo e stato copiato dal “NIP” News ITALIA PRESS:

    Mirko Tremaglia “emozionante” Fini alla Presidenza della Camera
    Roma – “Sono alla Camera dei Deputati dal 1972 e quella del 30 aprile è stata per me una delle più forti emozioni. Ho visto in un attimo tutte le nostre battaglie mentre parlava Fini, nostro leader, giunto a Presidente della Camera, massimo organo istituzionale e democratico”. E’ quanto ha dichiarato l’Onorevole Mirko Tremaglia, ex Ministro degli Italiani nel Mondo nel Governo Berlusconi del 2006

    Un discorso “completo e di grande statura” quello pronunciato da Fini nel giorno dell’insediamento, secondo Tremaglia, “dove si coglie tra gli onori quello al Tricolore ed alla Patria e un saluto, per me commovente, agli Italiani all’estero, rappresentati per la seconda volta nel Parlamento italiano”.

    “In un attimo tutte le emozioni della mia lunga vita politica” conclude l’Onorevole Tremaglia, “che significano un grande impegno, anche personale, sulla pacificazione nazionale e su una realtà che mi ha visto vincente per l’esercizio del voto all’estero. Da Almirante a Fini, una dura entusiasmante battaglia italiana, la consegna del testimone ai giovani, per ricordare i combattenti che sono entrati nella Storia e quelli che ci hanno fatti vincenti a Roma, in Italia e nel mondo. Ma non dimentichiamo che la battaglia contro la partitocrazia continua. Questo vogliono gli Italiani”


  124. Maria Rosa Vallone ( Buenos Aires , Argentina )

    Sono tornata di laborare. E o trovatto tanti espressioni affecttose. Como lo e detto anteriormente io sono Argentina, figlia di Italiani. Il mio nonno leggeva il Corriere de la Cera, e io picolla prendeba il giornale e intentaba capire. Sono andata 3 volte in Italia. Sono orgullosa di esere Argentina, ma pero AMO Italia. E facio che mie figlie la amano puro.
    Per tutto cuesto, aunche sbaglio continuero a scrive in Italiano, e cualche volta in spagnolo si non posso trovare le parole.


  125. Danila ( Jax , Florida )

    OOPS,
    mi sono accorta che ho scritto un messaggio indirizzato a Maria Rosa Colombo invece che a Maria Rosa Vallone..
    Scusatemi entrambe…ho fatto un po’ di confusione ;-)
    pero` ci sono tante Maria Rosa nel blog, se un giorno facessimo una classifica dei nomi del salotto le Maria Rosa sarebbero in pole position di sicuro.
    ciao


  126. ernesto ( USA )

    MAMMA MIA..CHE CONFUSIONE !!!!!!!!!!!!
    L’ASSISTENZA SANITARIA (MEDICINE/DOTTORI/OSPEDALI) USA,
    …….HO LETTO SALTUARIAMENTE…..MY GOSH !!!
    SONO STANCO, PROPRIO NON ME LA SENTO DI CHIARIRE LA IMMANE MISCELLANEA DI IDEE FRA IL QUASI/ESATTO/INCOMPLETO E LO SBAGLIATO/FANTASIE/PARZIALITA’
    NON SAPREI NEPPURE DA DOVE INIZIARE.
    PACE E BENE, ERNESTO.


  127. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Ciao ragazzine argentine! Condivido i bacioni con tutte le María Rose:
    * Caporossi
    * Vallone
    * Colombo
    Chissà un giorno non lontano possiamo prendere un caffè insieme, ci affrattella lo stesso amore per l’Italia e ovviamente la stessa ammirazione per Francesca!
    Marta


  128. GaBRIELLA ( san paolo , BrasILE )

    HAi ragione ernesto, Francesca direbbe che ammuina nel salotto!


  129. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Al Signor José “Si parla italiano” ( USA )
    Bentrovato al nostro salotto mondiale!
    Mi dispiace il suo commento, senza avere participato dapprima e senza capire il perché abbiamo scritto sul blog in spagnolo.
    Inoltre so molto bene cosa dico, con educazione ed un profondo rispetto per Francesca y per tutti i blogghisti.
    A presto. Marta


  130. A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia

    Ciao Francesca, ti racconto che il 3 maggio non ho potuto vedere la puntata, sempre rimaneva ferma ai 2 minuti d’iniziare. Oggi quassi quasi mi è venuto un colpo, un crepacuore, al rivedere cosí vicino una típica serranda verde italiana e un piccolo pezzo di una di strada di Roma, zona da cui sono passata. A piazzale Clodio non lo ricordo molto bene invece piazza Mazzini che rimane vicina me ne ricordo benissimo.

    Che carina, simpatica, aperta e splicita è la signora Carla Ciaffi. Ma le persone non cambiano soltanto in Italia. In questo caso tutto il mondo é paese.

    Cari saluti per tutte e due,

    Amparo Margarita


  131. Ciccillo Cacace ( Bergamo , Italia )

    QUELLA DI ALESSANDRO DEL 4 MAGGIO CHE PRODI ASSEGNANDO ALL’EURO UN VALORE DI 1936,27 LIRE ABBIA STABILITO UN VALORE DOPPIO ALLA MONETA UNICA PER DIMEZZARE IL VALORE INTRINSECO DEL DEBITO PUBBLICO E’ LA PIU’ GRANDE(SCUSATE L’ESPRESSIONE) “CAZZATA” ECONOMICA CHE IO ABBIA MAI SENTITO.
    MA CHE SCUOLE HAI FATTO ALESSANDRO?
    ALL’EPOCA DELL’INTRODUZIONE DELL’EURO, OGNI KG DI ORO VALEVA UN CERTO DIFFERENTE AMMONTARE DI LIRE, DI MARCHI, DI FRANCHI, DI PESOS, DI DRACME, ECC. ECC. E SU QUESTA BASE SI E’ STABILITO IL VALORE RELATIVO DELLE MONETE RISPETTO ALLE MONETE UNICHE.
    IL RESTO LO HA FATTO, DOPO, LA SPECULAZIONE DI COLORO CHE POTEVANO CAMBIARE LE LORO PARCELLE O I LORO PREZZI A DISCAPITO DEGLI STIPENDIATI E PENSIONATI.
    TUTTO AVVENNE NEGLI ANNI SUCCESSIVI ALL’INTRODUZIONE DELL’EURO E CIO’ SOTTO IL GOVERNO BERLUSCONI.
    IO NON DICO CHE PRODI SIA IL MIGLIORE MA PENSO CHE TUTTO IL DIBATTITO POLITICO MIGLIOREREBBE NOTEVOLMENTE SE, SIA DA UNA PARTE COME DALL’ALTRA, SI PARLASSE FUORI DA DEMAGOGIE PROPAGANDISTICHE E CON PIU’ COMPETENZA IN MATERIA … TUTTO MAGARI NELL’INTERESSE DELLA PATRIA COMUNE.


  132. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Caro Ernesto, vorrei sapere da te, dato che ne sono coinvolto, cosa c’e’ che non va’ sul mio scritto per quanto riguarda la sanita’ degli Stati Uniti.


  133. A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia

    Marta Galzerano, bienvenida y siga aprendiendo italiano para que muy pronto se pueda expresar fluidamente en la lengua de Dante y de Manzoni.

    Benvenuta e vai avanti con lo studio dell’ialiano perché cosí molto presto potrai esprimerti scorrevolmente nella lingua di Dante e di Manzoni.

    Caro saluto,

    Amparo Margarita


  134. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    Come Romina, da parecchio non entro nel blog ed ho letto tutti i vostri commenti, sono uno meglio che l’altro..Brava Francesca, perche hai tanti amici cervelloni, che saranno i tuoi consiglieri nel prossimo programma di RAI- FRANCESCARRAMBA ??, pero come tanti compagni speriamo che mantendrai questo bel salotto mondiale, che ci permette avere tanti amici virtuali in tutto il mondo.
    * Mi preoccupa la poca presenza di commenti dei miei cari bloggers ITALOVENEZOLANI, sicuramente stanno impegnati, perooo… temporalmente.
    * X MARIA DI ARGENTINA, complimenti per “atreverte” a scrivere in italiano, guarda che io poco a poco in questi mesi sto scrivendo meglio, quindi fai uno sforzo e segui ,pero in Italiano.
    * X ALESSANDRO ( di dove?), anch’io seguo i tuoi interessanti commenti, quindi non prendere una lunga vacanza dal blog.
    * X CLAUDIA ROMAN , ugualmente ti leggo con attenzione, e sarebbe un piacere conoscerti in una delle prossime puntate di Francesca.
    * X DANILA E PASQUALE DI USA, bravi per le vostre intervenzioni che ci permettono capire bene i tre punti polemici della Sra. Carla.
    * X AMARA, uno di voi giorni fa ha opinato sul PONTE di messina, anch’io come siciliano vorrei un commento piu amplio sulla sua vera necessita e fattibilita.
    * COMPAGNI DEL BLOG, gradirei se qualcuno mi spiega la possibilita di fare (mio figlio) il servizio militare all’estero, ho ascoltato che si potrebbe in una ambasciata italiana del paese di residenza ?? GRAZIE.
    ABBRACCI virtuali a tutti e specialmente a Fraaan che ci permette questo simpatico Babele.. CIAO, Gesualdo


  135. Alessandro

    Nemmeno una vacanza volontaria mi posso prendere.
    Sig. Ciccillo Cacace ( Bergamo , Italia ) quelle che Lei definisce in una maniera volgare sono dei diplomi, laure e masters in varie discipline economiche, e se mi manda il suo indirizzo volentieri le mandero con porto assegnato le fotocopie.
    Comunque si faccia dire una cosa, come avevo immaginato e scritto in altri post, questo blog lo leggono in molti, anche gli imbecilli sono benvenuti. Nei miei scritti non difendo nessuna idea politica, a differenza di molti come Lei che leggono la vita con degli occhiali partitisti, vedo le cose con i miei occhi, se rilegge la spiegazione che da a me e allarga il paniere dei beni da analizzare, trovera la risposta a che quello che ho affermato e purtroppo vero, ma forse l’idolare un politico e disprezzare l’altro non Le permette di essere obbiettivo.
    E nel’interese della patria comune che faccio le mie osservazioni e analisi, se fosse solo per Lei, utilizzerei il mio tempo in cose piu interessanti


  136. Alessandro

    Per gli amici del salotto che dissentono o no, ma sempre con educazione e rispetto.
    L’ultimo paese occidentale che ha abbandonato l’oro come garanzia della moneta, sono stati gli USA con il presidente Nixon. Scherzando dico che dopo non c’e stata mai verita piu certa che “IN GOOD WE TRUST” quando osserviamo un biglietto di un qualsiasi moneta.
    I metalli preziosi,il petrolio o qualsiasi altro bene o merce e solo valorata dal mercato della domanda e offerta, niente hanno a che vedere con il valore monetario.
    Molti paesi, includendo il nostro, per fare calcoli di inflazione monetaria creano un paniere, e da come viene fatto, il risultato puo essere modificato a piacimento.
    L’ISTAT che e quella che ci riguarda, mette ancora nel paniere beni che fanno sorridere e sono solo nella memoria di mio padre tanto sono fuori epoca.
    Ci sono tante verita ma quelle dei politici sono le meno vere.
    Armiamoci e partite, siamo ancora a questi livelli, cerchiamo di crescere Ciccillo.


  137. Alessandro

    Chiamarsi Ciccillo Cacace, a Bergamo poi, e da considerare uno scherzo del destino, una scelta di dubbio gusto o un nome falso.
    Per coloro che non hanno domestichezza, per tante valide e comprensibili ragioni, con l’economia , vorrei che si dessero risposta a una domanda semplice.
    Quello che costava mille Lire, costava o no, dopo il cambio, 1 Euro?
    Domanda semplice e risposta altrettanto facile. Fatevi i vostri conti.


  138. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    CARA FRANCESCA E` FANTASTICO COME IN QUESTO SALOTTO
    SI FANNO DELLE DISCUSSIONE, SECONDO ME MOLTO INTELLIGENTI.
    CERTO CHE OGNUNO DI NOI HA LA SUA OPINIONE, DEVE ESSERE COSI,NON LA PENSIAMO ALLO STESSO MODO. A ME PIACE LEGGERE I VOSTRI COMMENTI, CREDETEMI STO IMPARANDO A CONOSCERVI.QUESTO SALOTTO E DIRETTO DA FRANCESCA, PERO
    IL DIALOGO LO FACCIAMO DA NOI. BRAVI. SONO MOLTO FELICE
    DI STARE IN VOSTRA COMPAGNIA, MALGRADO CHE CI DIVIDE IL MARE.UN SALUTO A TUTTI, GAETANA


  139. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Francesca, cuore mio, ciai fatto un regalo meraviglioso, che e questo (Blog,) dove siamo liberi di parlare, e discudere, tra di noi, e una cosa bellissima,ragazzi che ammuinaaaaaaa, per questa giacca verde, si dice che, (ladbito non fa il monico e la chilica no fa il prete), (non e bello quel che e bello, ma e bello quel che piace,) quinti qualungue cosa Francesca, si mette, e bellisssima, perche lei cia tutte le qualita, i sui gusti, sono perfetti, allora
    ogni mondo e paese, tutti ciabbiamo dei problemi, ovungue noi abbitiamo, se tutte le cose fossere perfette, non ci fosse niente da dire, amici cari, vi prego, di continuare, ancora a discutere, e a eprimerci, i nostri desideri, a me mi diverte da morire, ma facciamo sicuro, che stiamo sempre in sieme, e che nessuno la prente sul serio,
    si dice che, (la more nou e bello, se non e, liticarella),
    Bravo Marco, ciai una mamma meravigliosa,
    ben venuto, tra di noi, continua a rimanere, in questo salotto, non aver paura, ti posso assicurare, che ci vogliamo tutti bene.
    Ciao nonna Lea, una poesia per favore.
    Francesca, grazzie per questa bella apportunita, che ci dai, un abraccio forte Francesca,
    e un caro saluto a voi tutti, e sempre allegriiiiiiiiiiii.


  140. Giuseppe-del Connecticut ( USA )

    Alessandro 6 Maggio 2008 alle 6:06

    Hai ragione, e non c’e bisogno di essere “Cum Lauda” Economisti di capire chi ha rovinato per non dire distrutta l’economia italiana.
    Non fu il valore dato all’Euro di 1936,27 Lire, ma come tu dici:
    “Quello che costava mille Lire, costava o no, dopo il cambio, 1 Euro?”
    e se Ciccillo nun c’arriva, e se la matematica no e` una opinione, e se 1000 Lire = 1 Euro come mai con un cambio monetario 1000 Lire sono diventate 1936,27.
    Mi sembra un equazione fatta nei film di Toto` o di Peppino di Filippo.
    E bocciarono Pierino in matematica perche non sapeva ne read,ne rite,e manco la rettimetica.

    Scusare e` un gioco di parole in inglese.


  141. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Mi dispiace dire che l`euro, ha salvato l`ITALIA da una forte crisi economica, ma purtroppo i nostri distributori, hanno diviso forse moltiplicato sempre ha modo loro, che l`italiano sta ancora soffrendo, con l`euro si doveva stare meglio, come infatti ci sono molti che stanno molto bene. Ma chi paga sono sempre gli operai. L`Italia doveva essere a pari con la Francia la Gerrmania ecc. ma siccome si sono fatti solo chiacchere, le cose sono andate mele. Ora se questo governo, che non ne sono molto convinto, smettese di
    fare chiacchiere, ed facessero i fatti, come i nostri
    amici Francesi , tedeschi ecc. tutto avrebbe funzionato
    un pò meglio. Ora staremo a vedere quello che farà questo governo, spero che faranno i fatti. Intanto
    ancora sbarcano clandestini, ed nessuno li ferma.
    Francesca noi vogliamo il bene del`ITALIA, perchè come
    vanno le cose ora, non ci piace molto. Saluti a tutti.
    Ciao Francesca con affetto un cordiale saluto. Frank.


  142. Maria ( TX )

    x Alessandro:
    Per quanto riguarda Santoro non capisco dov’e’ lo scandalo.

    Nessuno si scalda per le assurde affermazioni di Bossi che vuole defecare sulla bandiera italiana, vuole imbracciare i fucili, vuole preparare le squadracce verdi, ecc. ecc… E poi pretendereste che Santoro censurasse Grillo? … E perche’? L’Italia e’ (forse ancora per poco) un paese libero ed ognuno si assume la responsabilita’ di quello che liberamente dice. Grillo, usufruendo di questo diritto, ha parlato male del Presidente Napolitano e del prof. Veronesi … e allora? Se ha fatto della diffamazione ne rispondera’ in tribunale. In ogni caso, Santoro, da giornalista, non solo ha il diritto ma addirittura il dovere di riportare la notizia.

    Direi, invece, che se c’e’ qualcuno da diffidare questi e’ Vittorio Sgarbi. Oltre ad essere presuntuoso ed antipatico, la sua volgarita’ va ben oltre i limiti della buona educazione e del rispetto della liberta’ altrui. A dire il vero, andrebbe anche oltre i limiti della decenza verbale ma questo limite che in Italia, ormai da tempo, non conta piu’ ed il puritanesimo e’ stato spazzato via proprio da quella televisione portata alla ribalta dal Berlusca e dalla smania dell’auditel.


  143. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    In un mio commento ho detto che dopo aver fatto i due presidenti di camera ed senato. Che ne facciamo di Bossi? Bene c`è un posto che è ancora buono per lui.
    Io lo manderei ha Gaeta. Quelle famosre carcere ancora
    ci sono. Ma! Chi lo fà. Ciao a tutti .Francesco


  144. Alessandro

    Eccola qua Maria dal Texas. Non riesco ad allontanarmi dal blog e dire che volevo prendermi una vacanza e lasciare piu spazio agli altri.
    Cara la mia Maria, che se gentilmente mi vuol indicare dove ho scritto che adoro Bossi o Berlusconi, oppure dove difendo Sgarbi ?
    Chiarisco il mio punto di vista: Napolitano non va inteso come persona, ma come PRESIDENTE della Repubblica, per rispetto alle istituzioni, e inammissibile che venga oltraggiato e che il “suo” Santoro lo amplifichi.
    Santoro non fa trasmissioni “democratiche”, quasi mai accetta che le sue vittime si possano difendere, e un artista nella programmazione della sentenza in contumacia della vittima di turno. Santoro usa la “nostra” TV, non una privata.
    Se nella nostra famiglia avessimo avuto la disgrazia di una persona che uccide in un raptus, cosi dice la sentenza, il figlio come successo a Cogne, sarebbe stata trattata igualmente o la differenza e perche e nipote del suo prode Prodi? Come vede non c’e nessun motivo per difenderne uno o l’altro.
    I giornali che leggiamo tutti, fanno enfasi che gli assassini di Verona sono neonazisti, per me sono solo degli assassini che dovrebbero andare in galera per i prossimi 30 anni, pensi alla sfortuna se vivessero dove vive Lei, gli eliminerebbero senza tante etichette di destra o sinistra. Quello che abbiamo bisogno e di serieta, cosa che difficilmente si potra ottenere se c’e ancora chi pensa come Lei, dispiaciuta che non ha potuto votare Rifondazione perche non c’era nella scheda. I suoi partitari stano facendo una bella figura da incendiari a Torino alla fiera del libro, ha pensato di andare a dargli una mano? Strano che la parola decenza venga usata da Lei, decenza e anche guardarsi allo specchio e liberta un significato sconosciuto per i comunisti.
    X Francesco da Toronto, forse e piu giusto dire che si e salvata entrando nella UE e nella moneta unica, quello che critico e come e stato fatto il cambio e i risultati che sono seguiti penalizzando piu i pensionati


  145. anna-Brasile(São Paulo)

    Ah blog, blog. In particolare a Ciccillo Cacace, hai notato che in questo blog tutti dicono quel che vogliono, ma sempre con rispetto? Mi dispiace che tu abbia formulato le tue idee che potevano anche avere il loro valore, con toni non tanto adatti al nostro salotto, tanto che non l’ho letto intero.Sei sempre benvenuto qui, come tutti, ma per piacere, non rovinarci la giornata. Oltretutto, hai fatto bene, Alessandro non è andato in vacanza…

    M.Rosa Vallone e tutte quelle che avete più dificoltà nello scrivere in italiano, non vi preoccupate, capiamo benissimo quello che volete dire. Col tempo, leggendo i commenti, migliorerete ogni giorno di più. Per ora è comunque un piacere sentirvi.

    A Francesca Verde- Che svista la mia essere tra quelli che hanno parlato della giacca. Tu hai addirittura il verde nel nome. Ma non è che non mi piace il verde. Neanche che non mi piace la giacca, solo che ho trovato troppo invernale in paragone a Carla, contrastava, solo questo, e per l’amor di Dio non oserei neanche criticare con questo la bellezza di Francesca, non solo perchè la penso anche io così ed anche che non fosse non ho voglia di essere trucidata.

    bacioni e per piacere, con l’educazione di sempre.
    Anna


  146. augusta prina ( milltown , usa )

    X Alessandro,
    grazie per aver rinviato la tua vacanza e…. per il tuo intervento. Saluto tutti.augusta


  147. ernesto ( USA )

    JOSE’ – SI PARLA ITALIANO.
    bella invenzione la tua…la doppia lingua.
    congratulazioni perche’ parli due lingue bene e ce ne sono molti in questo blog.
    Cosi’che gli incerti possono comprendere ed anche imparare i vocaboli e entrare nella conoscenza dell’italiano per alcuni e dello spagnolo per altri.
    Pero’, fai in modo che le letterine siano brevi e,dove capisci che la parola spagnola o italiana e’ difficile, metti la traduzione fra parentesi.
    Non sono il padrone, ma direi che e’ OK, che ne dite?
    Ernesto.


  148. Ettore Di Vincenzo ( Augusta (SR) , Italia )

    Leggo volentieri il Blog di Francesca, che trovo moto interessante.
    Eccoi alcuni pareri da uno a cu piaceleggere, ma non scrivere.
    Saro’ BREVE.
    X Maria TX
    Santoro e’ soltanto un instigatore, perche’ solo cosi puo’ andare avanti con l’ascolto ed interessare a persone come te.
    Ma poi, che ci fai in USA?
    Perche’ non torni in Italia e rilanciare la sinistra? Hanno bisogno di aiuto.
    Con la tua esperienza statunitense potresti dare degli ottimi consigli.
    Devo ammettere che anche Sgarbi ha fatto la sua figura di m….
    Doveva rinunciare a partecipare perche’ sapeva che andava nella fossa dei leoni.
    X Alessandro. BRAVO. Continua a scrivere.

    E’ ora di mandare Grillo in pensione, non fa altro che urlare, perche’ di barzellette nuove non ce ne scrivono piu’.

    Mi piace vedere la Prestigiacomo, la bella siracusana, al Welfare.
    X Ernesto.
    Penso che molti la pensino come me, che ti senti un po’ il Critico e Padrone.
    Ma e’perche’ sei il piu’ anziano?

    Grazie della vostra attenzione.

    Grazie Francesca
    Grazie Carla
    Grazie Nonna Lea
    Grazie Roma
    Grazie a tutte le Maria Rosa
    Io ho una sorella che si chiama Rosa Maria, nata a Mar del Plata, Argentina
    Grazie Romina, Daniela, ecc.
    Oggi ho voglia di ringraziare tutti.
    Anche a DIO.


  149. ernesto ( USA )

    Caro PINO AMARA,
    ti devo la risposta : quello che scrivi e’ OK.
    Ma, NON TUTTI, fra decine di milioni di lavoratori, ricevono l’assicurazione dal padrone di turno, ho tanti amici che lavorano in negozi e negozietti che non hanno un bel nulla e per loro sono cavoli amari in caso di necessita’medico/mdicine/ospedaliere…possono anche essere migliaia di dollari da sborsare subito e quasi sempre senza averne.
    Poi,si va in pensione. Qui e’ il punto. In Italia la data del pensionamento e’ attesa con ansia e si festeggia anche alla grande. Nel paese piu’ ricco del mondo – gli Usa – e’ una tragedia!!!
    Io ho lavorato con vecchi che non ce la facevano piu’ alla eta’ di 70 anni e passa, ma che NON SI POTEVANO PDERMETTERE IL LUSSO DI ANDARE IN PENSIONE,avrebbero perso l’assicurazione data dal padrone, ne’ avrebbero potuto continuare ad averla perche’ carissima, 500/600 dollari al mese; allora, gli ex lavoratori si dividono in due: chi puo’ pagare e continua senza problemi(quasi….perche un 15% devi sempre averlo) e chi non puo’. Allora,lo Stato ti da il MEDICARE, che paga credo al massimo un 80%; e’ c’e’ il ridicolo che i DENTISTI,almeno dalle mie parti, NON ACCETTANO Medicare, pur essendo programma governativo.
    Poi, vi sono quelli che vivono,decine di milioni,sotto la fascia della poverta’:1500/1600 doll. al mese per una coppia anziana; per questi hanno inventato una’ltra “gloriosa”istituzione chiamata MEDICAID; questa ti paga tutto, dico tutto (come in Italia), pero’quando muori si rivalgono sulla casa,se ce l’hai,
    prendendsosi i soldi indietro….orrore!!
    Ecco,adesso il quadro del disastro sanutario qui e’ quasi completo.
    Saluti, Ernesto.


  150. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Per Alessandro . 6 Maggio alle 5:10
    Anche nel mio paese per fare calcoli di inflazione monetaria creano un panieri , chiamata “canasta familiar”, e il risultato viene “spesso” modificato e pare dipinto, a seconda della verifica realizzata dall’ INDEC.
    Come al solito il governo nega la propria responsabilità .
    Di qua in Argentina sempre ammiriamo il cosiddetto “primo mondo”, ma leggendo e analizzando tutti i vostri commenti mi rendo conto che abbiamo gli stessi problemi, soprattutto quelli di corruzione, lentezza della giustizia, evasione fiscale,prebende e privilegi, violenza, sicurezza, il caro prezzi, intolleranza razziale, politica , religiosa, ecc. ecc.
    Ma c’è una piccola differenza : 1 EURO : $ 5,07 ( pesos argentinos)
    A presto. Marta


  151. ernesto ( USA )

    Cari ex-bloghisti ed ora chattisti, cio’ e’ OK spesso per la vita di questo “salotto”. FRANCESCA concede…..
    C’e’scritto molto a proposito di Sgarbi e della volgarita’.
    Ma, avete mai ascoltato la trasmissione “che tempo che fa” con una certa Littizetto, piemontese, sorry per Claudia, che fa letteralmente schifo? e le viene permesso ogni indecenza in TV ?
    Poi non ci scandalizziamo se il tono degli interventi provenienti dalla Italia, ed a conferma di quel che affermava la signora intervistata da FRANCESCA, e’ senza rispetto,volgare,presuntuoso, insulto piu’ che commento. 60 anni di ignominie potevano produrre fiori?
    1000 Grilli forse basterebbero a ripulire tonnellate di immondizia?? Non so.
    Saluti, Ernesto.


  152. Alessandro

    Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA ), protestiamo perche vorremmo che le cose fossero migliori, ma credimi ci sono molte , ma molte cose belle nel nostro paese.
    Da noi, per esempio, la corruzione e un caso solo in alto, in basso c’e gente onesta, diciamo che e un eccezione e non la regola.
    Y con el debido respecto, es otra cosa por alla.


  153. Giuseppe-del Connecticut ( Stati Uniti d' America )

    Francesco, perche` inguinare la bella Gaeta, lascialo marcire in padania nel suo…
    …Nel Pontino ne abbiamo abbastanza…


  154. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Per Alessandro-6 Maggio alle 19,48

    Ha raggione, non dobbiamo generalizzare. Ma leggo sempre il giornale italiano e guardo la RAI, quindi conosco i problemmi che soffrono là.
    Sono andata in Italia l’anno scorso e sono rimasta stupita di molte cose belle,della storia, arte , cultura,e mi sono piaciuti i paesaggi alpini,costieri, urbani…
    Anche noi abbiamo un bellissimo paese, con gente onesta e lavoratrice.
    Mi permette una domanda? Lei di dove è ?
    Mi scusi Francesca, un’altra volta sono andata fuori tema,però questo blog è diventato interessantissimo.
    Ciao. Marta


  155. roy ( sydney , AUSTRALIA )

    Carissima Francesca,
    te ringrazio sempre per aver lasciato spazio nel tuo salotto anche per me, con ritardo e il fiattone
    ci sono rientrato.
    per la sig. Carla, vorrei dire che sei sempre elegante
    e ancora piu affascinante. sentire la sua racconto di una Roma di prima, dove erano tutti piu educati, con un po in piu di rispetto per altri, sembra quasi un sognio, e lo dico ,oggi come oggi, sia per Roma, Parigi, New York
    e purtroppo anche per Sydney, credo che ormai e il simbolo di tutte le grande citta del mondo! Per fortuna lei ancora se la ricorda com’era una volta!
    Per fortuna , lei se ricorda bene il suo incontro
    con la ‘grande’ LOREN, posso solo immaginare che
    emozione se sentiva, arrivando a questo incontro!
    E, sicuramente, posso capire la sua agitazione per
    l’incontro con la ‘favolosa’ ALDERISI. a Roma!
    uno pensa, c’e vita dopo……..
    poi l’ALDERISI si propone per aver’ un bikini
    fatto per lei ‘su misura’!!
    Ragazzi, ci siamo!! immaginate(forse meglio di non)
    Francesca, indossando una creazione di Carla,in bianco rosso e (si anche)verde, con tacchi da spillo 15′
    sul palcoscenico di Piazza di Spagna, io vi chiedo
    scusa, pero il mio maleducazione non si fermerebbe
    a nulla per essere il primo in fila!
    Francesca, non dimenticar’ti !!!
    per noi, sei sempre il No.1
    un bacione
    roy.


  156. Francesco da toronto ( TORONTO ON . , CANADA )

    Giuseppe forse ai ragione,perchè sporcare quella bella nostra zona del sud pontino. Il nostro bel golfo di Gaeta, dove ho vissuto i miei primi 25 anni. Ed ancora
    vive parte della mia famiglia. Ho appena finito di parlare con mio fratello, ed come al solito mi chiede
    vieni quest`anno? Che peccato non posso, forse viene lui qui. Alessandro difatti è stata l`Europa ed l`UE
    ed anche l`euro ch`è diventato cosi forte. Io vi ringrazio. ed non posso dimenticare la nostra Francesca
    che la saluto tanto. Ciao a tutti Francesco.


  157. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Caro Ernesto, grazie per aver risposto alla mia domanda, e per aver chiarito ai nostri connazionali,il sistema sanitario degli Stati Uniti. Voglio anche informarti, con gran soddisfazione, che il Massachusetts dal 1 gennaio 2008, ha imposto a tutti i datori di lavoro, grandi o piccoli che siano, l’assicurazione per i propri dipendenti!


  158. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Ernesto 18:46 la tua descrizione sulla sanita’ (o insanita?) americana non fa una piega, aggiungerei l’ipocrisia della mia situazione, uguale a quella di tutti coloro che lavorano in proprio.
    Mio marito ha una ditta con dipendenti, essendo lui il “boss”, garantisce l’assicurazione medica (benefit) ai suoi dipendenti e tramite la ditta anche a se e famiglia, cioe’ paga di tasca propria per i lavoratori e per noi. Saranno i soldi della ditta, MA LA DITTA SIAMO NOI. Non ci sono riduzioni o benefici migliori per noi in quanto famiglia. E’ costosa, e non copre completamente, 70-80%, e coi costi che ci sono, finisce sempre che sborsi parecchi soldini sopratutto per visite specialistiche. Il dentista? Per quello ci vuole un’altra assicurazione, che e’ costosissima e non copre un fico secco! Per cui pago tutto di tasca mia. L’unico VERO vantaggio che abbiamo, e’ che essendo l’assicurazione vincolata alla ditta e dipendenti, non potranno mai rifiutarci. SPIEGO per chi non sa, le assicurazioni POSSONO da un giorno all’altro rifiutarsi di coprirti e cancellare la polizza e questo avviene quando piu’ ne hai bisogno e cioe’ quando scopri o di avere una malattia cronica degenerativa o hai un male che ti portera’ a pascoli piu’ verdi…in questo caso ti rivolgi a MEDICAID (leggi spiegazione di Ernesto) e vai a vivere in Florida, perche’ in questo stato, quando verranno a riscuotere da te se sei ancora vivo o da chi rimane ti possono prendere TUTTO MA NON LA CASA! Ecco perche’ qui e’ pieno di pensionati e vedove, non solo per il bel clima.
    Pero’ e’ vero che ci sono assicurazioni di ogni tipo e ogni portafoglio e che NON E’ VERO CHE TI FANNO MORIRE PER STRADA SE NON HAI L’ASSICURAZIONE!
    Ci sono molti ospedali che accettano pazienti privi di cio’ e vengono curati senza discriminazioni. Lo so perche’ mia figlia lavorera’ in uno di questi. ESISTONO e funzionano bene.

    CONTINUA


  159. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    Ernesto 18:46 la tua descrizione sulla sanita’ (o insanita?) americana non fa una piega, aggiungerei l’ipocrisia della mia situazione, uguale a quella di tutti coloro che lavorano in proprio.
    Mio marito ha una ditta con dipendenti, essendo lui il “boss”, garantisce l’assicurazione medica (benefit) ai suoi dipendenti e tramite la ditta anche a se e famiglia, cioe’ paga di tasca propria per i lavoratori e per noi. Saranno i soldi della ditta, MA LA DITTA SIAMO NOI. Non ci sono riduzioni o benefici migliori per noi in quanto famiglia. E’ costosa, e non copre completamente, 70-80%, e coi costi che ci sono, finisce sempre che sborsi parecchi soldini sopratutto per visite specialistiche. Il dentista? Per quello ci vuole un’altra assicurazione, che e’ costosissima e non copre un fico secco! Per cui pago tutto di tasca mia. L’unico VERO vantaggio che abbiamo, e’ che essendo l’assicurazione vincolata alla ditta e dipendenti, non potranno mai rifiutarci. SPIEGO per chi non sa, le assicurazioni POSSONO da un giorno all’altro rifiutarsi di coprirti e cancellare la polizza e questo avviene quando piu’ ne hai bisogno e cioe’ quando scopri o di avere una malattia cronica degenerativa o hai un male che ti portera’ a pascoli piu’ verdi…in questo caso ti rivolgi a MEDICAID (leggi spiegazione di Ernesto) e vai a vivere in Florida, perche’ in questo stato, quando verranno a riscuotere da te se sei ancora vivo o da chi rimane (i debiti si ereditano) ti possono prendere TUTTO MA NON LA CASA! Ecco perche’ qui e’ pieno di pensionati e vedove, non solo per il bel clima.
    Pero’ e’ vero che ci sono assicurazioni di ogni tipo e ogni portafoglio e che NON E’ VERO CHE TI FANNO MORIRE PER STRADA SE NON HAI L’ASSICURAZIONE!
    Ci sono molti ospedali che accettano pazienti privi di cio’ e vengono curati senza discriminazioni. Lo so perche’ mia figlia lavorera’ in uno di questi. ESISTONO e funzionano bene.

    CONTINUA


  160. Maria Rosa Colombo ( Lujan , Argentina )

    Cara francesca, cari AMICI, vedo che ci sono tanti a leggere il blog, che non scrivono, voglio ricordare a tutti che é meglio non parlare di politica, PACE PER TUTTI, DANILA, non sai come mi ho divertito, voleva gridarte IO NON SONO, sapete amici che io in spagnolo parlo molto, direi moltissimo, invece in italiano como devo fare sforzo non scrivo tanto, per fortuna per voi, anche io direi che é meglio fare lo sforzo di scrivere in italiano cara MARIA ROSA VALLIONE, cosi non si infuriosisce nessuno!!!! un bacio a tutti.
    Grazie Marta Galzerano, é vero possiamo prendere un caffe!!!!!!


  161. Eric ( Boston , USA )

    Obama for President !!!


  162. Giorgio Turri ( Middletown, CT , USA )

    x Maria Rosa Colombo (Lujan, Argentina)
    Meno male che c’e’ chi salva la giornata e ci ricorda di non parlare di politica piu’ di quanto non sia necessario e – aggiungo – magari restando in tema. Confesso, come tu dici, io come altri mi limito a leggere e a non intervenire quando la cosa si mette in politica. Ed ora cara Maria Rosa possiamo andare a farci quel caffe’!
    Un abbraccio,
    Giorgio


  163. Claudia Roman Jacksonville Fl,USA

    oooooooops!Non so cosa e’ successo. Ho avuto problemi con il computer e addirittura credevo di non essere riuscita ad aver mandato alcun commento tanto che manca il seguito….ma cio’ e’ avvenuto questo pomeriggio.
    chiedo scusa ma una volta scritto ho provato un pio di volte senza riuscire a collegarmi. Scusa Francesca il Pasticcio.
    Comunque ecco la conclusione.
    CONTINUA

    Un esempio.
    A- Quando ancora vivevo in Italia mi feci male alla mano e al polso, il medico dopo avermi dato una prima medicazione, richiese una visita specialistica perche’ avevo sempre male. Prenoto
    e con il foglio del medico che dichiarava urgente, ottengo la visita dopo….1 settimana, raggi inclusi. Insomma resisto al male, non faccio la bambina , e alla visita scopro di avere una frattura nella mano ma che siccome e’ gia’ passato troppo tempo, non verra’ ingessata, al bisogno si fara’ terapia! Al bisogno? Chiaro che ne ho bisogno, se la lascio cosi’ in poco tempo mi viene l’artrosi!. Ho la mutua e non spendo niente, ah che bella l’assistenza italiana!
    Ero giovane e con poca terapia mi metto a posto o cosi’ credevo

    B_ Sono in America, scivolo, mi sostengo con la “famosa mano” e mi rifaccio male. Chiaro .
    Vado dal medico che mi fa I raggi nel suo studio, ho una frattura mal guarita (ma va?) E un polso slogato, ho bisogno di fare terapia.( Uffa!). Non ho scelta chiaramente e dopo alcune settimane di cure amorevoli della terapista e 2000 dollari in meno di CO PAY la mano e’ come nuova.

    Ditemi voi, cosa scegliete, la busta A o la busta B?


  164. Maria Carfora Hart ( Newport News Virginia )

    Cara Francesca
    Questo blog sta diventanto una ferrovia centrale si fa’ sempre piu’ grande che mai. Amici ringraziate il buon Dio che siete tutti vivi. 8 anni fa’, vidi la mia vita in pericolo, la valvola a mitraglia si ruppe, il sangue stava riempendo i polmini ed i dottori mi diedero
    2 giorni di vita. Rigranziando mio marito che lui e’ stato nel servizio miltare ed a lavorato con il governo, abbiamo una buona assicuzione, noi la paghiamo 2 volte all’anno. Dopo che stetti all’ ospedale 13 giorni, fui operata ed ebbi una valvola artificiale. Ricevemmo il famoso ” Bill” ossia la grande ricevuta era di $ 120.000. Noi pagammo solo l’umbulanza che mi strasferirono ad un altro ospedale. D’ allora la mia vita non e’ la stessa, le medicine tutti i santi giorni, vivere con una ansia al cuore, ad non cadere or insanguinare. Si questo e’ un miracolo per me. Quando vado a Napoli vado sempre a Pompei a ringraziare la grande Madre, gli gridai non fammi morire, cosi’ fu’. Sono viva. Voletevi bene, non criticate, siamo qui per fare commenti. Io parto per Napoli venerdi. Ciao a te Francesca sei grande per me, scusami tanto se ho scritto questo di me, viglio solo fare capire ai nostri amici, che abbiamo una sola vita. Saluti alla mia cara Romina, a nonna Lea, ed bloghisti del salotto di ” Francesca”.


  165. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    CARO ERNESTO (USA) CI SCANDALIZZIAMO PER IL LINGUAGGIO CHE USA GRILLO O SGARBI.VOGLIAMO ESSERE SINCERI CHE OGGI TUTTO IL MONDO PARLA MALE, GUARDI FILM ITALIANI
    CHE BELLO TUTTO IN SPORCO, NON PARLIAMO DI QUELLI IN INGLESE, PEGGIO CHE ANDAR DI NOTTE. OGGIGIORNO NESSUNO PUO FARE A MENO DELLE PAROLACCE, COSI I BAMBINI PARLANO COME I GRANDI.SAI CONDUCO UN PROGRAMMA IN UNA STAZIONE RADIO COMUNITARIA,DICONO CHE LA PAROLA (F ) IN INGLESE NON E` PIU OFFENSIVA, IN QUESTO PASSO DOVE ANDREMO A FINIRE? LA STAZIONE E` SUL BLOG DI FRANCESCA.


  166. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    TO ERNESTO ( USA )VAI SUL (ONDE MULTICULTURAL.)3WBC
    IL PROGRAMMA CHE CONDUCO E TUTTO IN ITALIANO. VA IN ONDA TUTTE LE DOMENICHE MATTINA DALLE 8 AM ALLA 10 AM. LO FACCIO SAPERE SOLO A TITOLO DI FARMI BELLA. GAETANA


  167. Adriana ( Buenos Aires )

    Cara Francesca, ho un problema con il compiuter e per questo non riesco a vedere il video, nonostante ricordo la puntata di Sportello che le hai fatto alla Sig. Carla.
    Vorrei fare un commento su la sanitá in Argentina giaché anche ci coinvolge a noi italiani che viviamo in questo paese. La Argentina ha un sistema sanitario gratuito per tutti gli uomini che abitano questo suolo. Inoltre con il Mercosur, anche vengono pazienti ad attendersi, soprattuto a Buenos Aires, dei paesi vicini, paraguaiani, bolivariani,peruviani e anche cileni e uruguaiani. La struttura ospedaliera e fatta da grandi ospedali indirizzatti nel suo proyetto ad essere di avanguardia, peró che, con i differenti governi, e con la corruzione, mai si sono attrezzati bene e per questo sono in uno stato di abandono. Peró i medici argentini, asecondo dicono le informazioni tanto nazionale come internazionale, di ottima preparazione e fanno miracoli con i pochi mezzi. La gente piú povera sia argentina che del mercosur li affolano. Mia figlia che e biochimica ha proprio costatato come venivano dal estero addiritura con i bus pieni di stranieri a prendere turno con gli specialisti e anche a farsi curare una volta al mese. La settimana scorsa mi ha raccontato un signore che stava prendendo un turno per farse visitare e aspettava il suo turno nel ufficio, meravigliato costató che una signora boliviana, che era davanti di lui, prendeva turno per 70 boliviani. Certo era arrabiato perché lui che pagava le tasse doveva essere visitato dal medico dopo tutte questa gente.
    Per concludere, se in Argentina vuoi avere una buona atenzione medica peró soprattuto di hoteleria e comoditá devi avere una “prepaga”, molto cara per certo. Caso contrario devi aspettare al meno un mese nei ospedali publici, sortegiare le difficoltá edilicie peró sicuro arrivi ad un excelente medico.
    Continua


  168. ernesto ( USA. )

    Per PINO AMARA, CLAUDIA ROMAN,
    e GAETANA ,MELBOURNE,ASTR.
    Carissimi, vi ringrazio per i vostri riscontri,commenti e conferme su quanto cerco di dire.
    Una fra i tanti misteri incomprensibili, e vorrei conoscerne le origini storiche,se ve ne sono, mi chiedo
    PERCHE’ in Usa sono i datori di lavoro che devono assicurare i dipendenti circa dottori/medicine/ospedali, quanto questo dovrebbe essere compito esclusivo del governo federale,e/o dei singoli stati. Capisco che gli “employers” siano obbligati ad avere assicurazione per incidenti sul lavoro, ma che c’entra la salute privata dei dipendenti e famiglie mi e’ incomprensibile. Come anche il fatto che questo si da per scontato e nessuno ancora si ribelli e faccia delle leggi per farla finita con questo peso e responsabilita’ sui datori di lavoro; cosa che, inoltre, crea profondi “canyons” fra i cittadini Usa, chi tutto,chi qualcosa,chi nulla; e cio’ in una democrazia.
    GAETANA,MELBOURNE,AUSTRALIA…
    Grazie di cuore per le precisazioni; e soprattutto perche’…da quanto tempo una donna non si faceva “bella” per me non lo ricordo piu’; adesso,invece,sara’ dal 7 maggio 2008. Grandissima festa a Bari – mia citta’ natale – per il gran San Nicola, famoso in tutto il mondo, da Santa Klaus americano e nord-europeo agli Zar di Russia.
    Saluti a tutti, Ernesto.


  169. Adriana ( Buenos Aires )

    Per Alessandro ora: 19:48
    Caro Alessandro, cui in Argentina anche ci sono gente onesta ed impegnata. E quella che oggi, doppo la caduta della Argentina nel 2001, lavora con dignitá per far si che questo paese rinasca e si stabilisca. La crescita del Pil al 9 % da cuasi 5 anni, e dovuto allo tremendo sforzo di questa gente. Que non si deve confondere con quella che sta sempre appicatta ai benefici gratuiti che gli regala lo statto, buona parte formata dai piqueteros, poi cautivi del voto . Sono anche diversi dai piqueteros i veri lavoratori che anche possono fare legitimamente richieste per migliorare le leggi lavorative o regole economiche, ad esempio gli agricoltori nei presenti giorni
    Con affetto.Adriana


  170. ernesto ( USA )

    CONTINUA…..
    San Nicola, le cui spoglie riposano nella omonima Basilica, che furono tarsportate a Bari da Smirne oltre
    1000 anni fa. San Nicola e’ nel calendario il 6 dicembre, ma il 7/8 maggio si ricorda il viaggio dei 62 marinai baresi che trasportarono la salma del grande taumaturgo da terra saracena a suolo cristano.
    Ciao, Ernesto.


  171. Alessandro

    Per Adriana ( Buenos Aires )
    le mie scuse piu sincere se ho dato l’impressione di dubbi sull’onesta e l’impegno degli argentini, che stimo molto e trovo anche di ottimo livello culturale e civile.
    Quello che non sono riuscito a dir bene e che la struttura sociale, diciamo cosi, della corruzione e molto diversa, facendo un paragone di cose che sono negative, fra Italia e Argentina.
    Potrei dire che da noi e verticale e la vostra orizzontale, ma sicuramente protestera qualcun’altro, dire che da voi e piu generalizzata e da noi piu di qualita,….. o forse meglio lasciar perdere e dire che per fortuna c’e ancora tanta gente onesta, educata e operosa in ogni parte del mondo, che sono quelli che dobbiamo sperare aumentino di numero giorno dopo giorno per un futuro migliore per tutti.


  172. Alessandro

    Le barzellette non sono il mio forte, ma quella dell’argentino che manda il nipote a conoscere la terra dei suoi avi, oggi mi sento in dovere di scriverla in onore a le tante (tutte donne?) argentine del blog di Francesca.
    Al ritorno dall’Italia, chiede al nipote che gli racconti.
    Belle citta, bei monumenti, bella gente, insomma veramente un bel viaggio, ma una cosa curiosa che lo ha colpito e che gli italiani hanno tutti dei cognomi argentini.
    Come vedete non solo politica, un caro saluto a tutti


  173. Francesca Verde ( Melbourne , Ausstralia )

    Ciao Francesca, cosa fa il tempo a Roma? spero che incominciano le belle giornate, beati voi, invece qui da noi, incominciono le giornate grigge e fredde, col il tuo permeso voglio salutare,
    Anna-Brasile-(SAO)Paulo.
    Cara Anna, quanto sei simpatica, senti oguno di noi cia un opinione, la penza al suo modo, percio si dice (viva la singerita) hai visto pure il mio cognome e verde, lo preso circa 35 anni fa, quanto mi sono sposata, allora avevo appena 19 anni, e ero verde davvero, ma adesso mi sto a secca, invece la nosta Francesca, non solo a indossato, labito verde, ma e tutta verde, fresca, piena di energia, una gran voglia di fare, quarda che non e poco, tutto quello che fa per noi, che DIO la benedica,
    sai Anna, solo vedo il brasile sulla carta giografica, mi piacerebbe sapere, come si svolge la vita la,
    scusa Francesca, mi sentivo di fare du chiacchere
    ti abbraccio.
    Francesca


  174. Alessandro

    Claudia Roman Jacksonville Fl,USA,
    la busta B se hai i 2000, altrimenti non ci sono alternative.
    Credo fermamente che tutto possa migliorare, non c’e la perfezione, anche in paesi evoluti ci vuole pazienza, steep by steep, poco a poco ci arriveremo, anche li cercheranno di risolvere positivamnete quelle che adesso sono critiche, se non ci credessi non scriverei.
    Potrebbe sembrare una chat, ma secondo me non lo e, quello che ci scriviamo, spesso andando fuori tema, con la pazienza e la comprensione di Francesca che ci sta sgridango sempre meno, e invece per tutti, non e privato person to person.
    Nelle intenzioni di Francesca, non ci doveva essere l’idea che il blog si convertisse in uno scambio di informazioni, notizie, che divenisse un complemento culturale e informativo su tutto e di tutto e meno ancora didattico per perfezionare la lingua di tanti connazionali che, come abbiamo scoperto, lo usano anche a tale scopo, migliorandoci tutti insieme.
    Un esito completo, il blog cresce per moto proprio, Francesca deve essere felice, va oltre le sue intenzioni iniziali, la sua creatura viene su veramente bene, la dimostrazione che Dio premia le buone intenzioni.
    Ha usato un mezzo moderno per farci comunicare, datemi una leva e un punto di appoggio e sollevero il mondo, semplice ma vero, Francesca ha messo la leva e l’appoggio, e noi felici, dalla Patagonia all’Australia, liberi di scrivere e di raccontare.
    E quando comunichiamo dimostriamo la nostra differenza con gli animali.
    Mi e venuto in mente una cosa che vi raccontero prossimamente.
    Francesca, dove sei? Ci manchi un po.


  175. Maria ( TX )

    Per Alessandro,
    Io posso essere d’accordo che la trasmissione di Santoro non piace.Rispetto l’opinione di tutti. Ma mi chiedo come mai,in Italia, nessuno mai abbia fermato la lega con tutto quello che ha detto e ha fatto, contro la BANDIERA e l’UNITA’ d’Italia.
    Noi, dimentichiamo facilmente.
    L’errore della politica Italiana (della destra, sinistra, e centro) e’ che non abbiano fermato Bossi, con tutto quello che diceva e faceva, all’inizio.
    Lui, puo’ dire e fare quello che vuole, anzi va in Parlamento. Altri, invece, che rivelano tutte le magagne, che fanno quelli che dovrebbero governarci, viene attaccato.
    Capisco se a qualcuno non piace il modo in cui Grillo lo fa, ma scusate, a tutti voi del blog, non vi fa piacere sapere se quelli che stanno al Parlamento sono persone di cui si puo’ avere fiducia o no?
    Io quando vedo la trasmissione “REPORT” della Gabanelli, mi chiedo,chissa’ cosa diranno i giornali il giorno dopo, e invece NIENTE, TUTTO TACE.
    E il Paese, purtroppo va sempre peggio, perche’ nessuno si ribella e c’e’ la filosofia del TIRA A CAMPA” .
    Riguardo alla corruzione in Italia, non e’ solo ai vertici. Non puoi immaginare fino a che livello basso arriva….


  176. anna-Brasile(São Paulo)

    Per FRANCESCA VERDE, mi fà piacere che l’hai preso come scherzo, devi essere gradevolissima come persona.
    Sfortunatamente non entra nell’argomento del blog la vita in Brasile, per ora la parola stà ra Stati Uniti e Italia, ma arriverà il giorno.
    Grazie per la tua risposta.

    pER maria hart 2.51, mi dispiace aver sentito la tua narrativa, ti auguro che ti possa godere bene l’Italia già che stai per andarci, alla malattia non ci devi pensare, solo stare attenta come tutti noi dobbiamo stare. Tanti auguri e baci
    Anna


  177. Alessandro

    Maria ( TX )
    Oggi sembra che scriva un’altra persona, ti diro che sono molto contento, perche anche se non condivido accetto che tu pensi differente, ma non le azioni violente di protesta.
    Non si tratta che non piaccia il programma e che bisogna rispettare per ricevere rispetto, il primo esempio deve venire dall’alto, si tratta della TV di stato.
    Il mio concetto e che si deve far pulizia, e si deve iniziare in casa propria.Rendersi conto che siamo nel XXI secolo.
    Basta di fascismo, comunismo etc. sono ideologie che solo hanno portato divisioni, odi, vendette, violenza.
    Tutti sappiamo che c’e corruzione, tutti vediamo la Lega come un pericolo, ma c’e modo e modo di cambiare le cose.
    Prima bisogna analizzare il perche delle cose e poi proporre soluzioni.
    Il PL ha perso le elezioni, gli italiani hanno perfettamente capito che era la nuova etichetta del PCI, dove le gerarchie sono ancora di stile sovietico, insomma chi comanda sono i vertici, Dalemma e compagni, gente che vive del potere, chi li vota sono vecchi nostalgici che non vivono il tempo, ho visto piangere donne menopausiche a Firenze perhe avevano perso.
    La lega ha preso voti non loro, e cresciuta, ma chi l’ha fatta crescere sono i cattivi soggetti della tua sinistra che vogliono imporre regole anche a chi non pensa uguale.
    La democrazia e il sistema di potere piu difficile perche ha l’obbligo della mediazione, e piu facile dettare regole, cioe dittatura, poi poco cambia se nera o rossa.
    Sono sistemi preistorici che portano dolore e basta.
    Abbiamo un nuovo governo che fara di tutto per fare bene, la vittima di questo risultato sara Bossi, cosi come Casini che in fondo rappesentava un’altro dinosauro, la DC.
    E solo un primo passo verso un modernismo che ci meritiamo, che attraverso la maturazione civile dovra impiantare regole e sanzioni perche non ci siano piu infortuni sul lavoro, che non sono un’esclusiva della sinistra ma l’interesse di tutti.
    Grillo predica bene e razzola male, non va bene la forma


  178. Pina-Mississauga, Canada

    Francesca,
    Spero tanto che il tuo sorriso e buon italiano sia al piu` presto in onda dalla nostra cara Rai,
    e che programmi come Anno Zero siano tolti al piu` presto perche` non abbiamo bisogno di sentire parolaccie perche nelle nostre famiglie non si usano.
    Ciao` a tutti Pina


  179. Alessandro

    Basta di divisioni siamo tutti italiani.
    Basta di incitare violenze, poi ci puo toccare a noi personalmente di subirle.
    Tante cose da cambiare, ma andiamo passo a passo.
    Politicamente vorrei poter decidere il nome, ma piu che altro i valori della persona che mi deve rapresentare al governo e nel parlamento.
    Questi non hanno paura di fare le cose piu scellerate perche non ci sono condanne.
    Ma per un politico essere lasciato a casa e la maggior condanna, se poi ci sono reati penali, ben vengano le altre.
    Le tue esperienze e notizie sul blog possono essere di grande utilita, ma non vedere le cose col sentimento, divorzia dalla dottrina partitista.
    Credi che bruciare le bandiere usa e israeliane sia utile?
    Un vicinolibanese, conosco moltissimi arabi e ebrei, a cui dicevo che gli israeliani, poveretti etc etc, che i palestini erano cattivi etc etc, tutte cose che il lavaggio mediatico ricevuto in Italia, per anni mi portava a considerare come verita, mi interruppe dicendomi poche e semplici parole: palestini e ebrei sono cugini di sangue, e un problema familiare.
    Mi fece pensare molto e ricordare le nostre faide familiari, calabresi e siciliane per anni ammazzandosi gli uni e gli altri.
    Mi risulto chiaro che hanno ragione e torto tutti e due e solo se l’ordine verra imposto dal di fuori, si potra fare i passi verso la convivenza fra di loro.
    Non si puo accettare che se ci sono differeze la soluzione e eliminare le persone e non le differenze.
    Questo e quello che credo dobbiamo capire in questo secolo.
    Ma anche opporsi a coloro che non la pensano cosi, a muso duro se necessario.
    Vorrei ricordare che i grandi progressi sociali nel campo del lavoro sono stati ottenuti in Inghilterra, e negli USA, basta pensare al 1 maggio, con manifestazioni anche dolorose, coraggiose, ma che poi hanno dato risultati positivi, e vero c’e di meglio, questo si puo e deve ottenere nel rispetto di tutti.
    Iniziamo a rispettarci noi, poi sara facile esigerlo agli altri, politici e giornalisti.


  180. Alessandro

    Manifestazioni dove l’obbiettivo e il fine e non la violenza. La violenza porta violenza e matematico.
    Nelle ultime elezioni non c’era di meglio che Berlusconi, appena ci sara di meglio lo votero, aspetto che Francesca decida di entrare in politica, e una richiesta impegnativa, ma Francesca ha dimostrati grandi doti umane e morali, e stato uno sbaglio e una cattiveria privarla del suo lavoro, che qui tanti possono testimoniare faceva con grande umanita e risultati, poi vedere che ritorna Santoro, dirai per una sentenza, si e vero, anche io credo che ci sara da fare pulizia nella magistratura, o sono magistrati o politici.
    Comunque se Francesa accettasse l’impegno che gli viene richiesto, e convinto come sono dei suoi valori, la votero.


  181. Adriana ( buenos aires )

    Caro Alessandro,
    hai ragione, quello che conta é che nel mondo si difendano i valori delle persone oneste, cancelando le frontiere, giaché in tutti i paesi del mondo ci sono persone che credono a questo valore e anche persone che combbatono la corruzione. saluti.Adriana


  182. Francesca verde ( Melbourne , Australia )

    Ciao Francesca, un augurio e te, e un buon proseguimento,
    Voglio augurare, una buona festa delle mamme, a tutte le mamme del monto,
    ma un augurio speciale, va a mamma Alderisi, grazie per averci regalato, questo gioiello prezioso, (Francesca),
    un cordiale saluto,
    Francesca


  183. Liliana ( Buenos Aires , Argentina )

    Ciao Francesca,un augurio a te e buon viaggio.Ti aspettiamo con molto piacere.
    Un affettuoso saluto e arrivederci alla Dante Alighieri,
    Liliana


  184. Linda Napolitano

    Cara Francesca,mi é piaciuta molto l’intervista che hai tenuto con la simpatica signora Ciaffi di una espontanea familiaritá , come che fosse una tua cara zia,sebbene tu giá ,l’avevi tenuta in un tuo programma di Sportello Italia ed io ,lo ricordo benissimo perché in quel programma lei disse che ;in tempi passati ,quando non era ancora partita ,per L’Àmerica,si dedicava a confezionare bikini e il piú importante fu quello che le venne incaricato ,per Sofia Loren ,che poi tutti avemmo la fortuna di vedercelo indossatonella suggestiva scena di un raffinato spogliarello.Molto simpatica la signora e con la cordialitá dei meridionali e con un’aria di ospitalitarietá.!Che gioia poter vedere i suoi parenti sempre!!!!!!!!!!!!!!!!Peccato peró, che prova tante desillusioni ,con le instituzioni…….e burocrazia. Sfortunatamente ,il mondo stá cambiando in un modo precipitoso,anche,In se non tutti contanta rapidezza.Peró mi é apparsa felicissima nella sua espressione ed anche logicamente rincontrarsi con la bella Francesca.¡Sai che il tailleur color verde ,molto adatto al colore dei tuoi occhi ed anche giovanile con la camicetta . Spero che ci racconterai del tuo viaggio in Argentina mostrandoci anche qualche fotografia di questo paese che ci ha accolti.

    Tante belle cose e ti mando come sempre un forte abbraccio.La tua amica di sempre Linda


  185. Di Pietro Franc Dome ´´mimmo´´ ( Buenos Aires , Argentina )

    Francesca cara,
    oggi ancora sto dormendo e sognando che ieri sera nella associazione Calabresa di Bs As ho conosciuto te io non posso crederlo nel mio sogno ti ho parlato anche tu mi hai parlato ed anche mi hai dato un bacio io credevo che tu eri soltanto un personaggio della t v quando t^ho visto non lo potevo credere, io so che tu sai cosa significhe per noi Itaiani all`estero´ in ogni cosa che fai per noi si vede nel tuo viso tutto lamore,sentimenti,passione, dolcezza per cio adesso che non ci sei noi sentiamo la tua mancanza ed auguriamoun pronto ritorno a sportello Italia,ancora una volta ti ringrazio per tutto quello che hai fatto per noi io mi chiamo DiPietro francesco domenico pero mi chiamano Mimmo ieri sera quando tu parlavi su lùomo che vorresti trovare io scherzando t´ho detto che l´uomo che tu cercvi ero ti racconto questo cosi almeno ti ricorderai di me.Francesca davvero grazie grazie tanti un bacione grande no ti dimentichero mai Buona fortuna tu te la meriti.. ciao.


  186. Mónica Wolf ( Buenos Aires , Argentina )

    Ciao Francesca:
    Complimenti per il tuo sito su Internet!
    Io sono da Buenos Aires, Argentina, e ho appena saputo che sei stata a Maggio in visita qui. Peccato che non l´abbia saputo prima finché ti possa raggiungere e salutarti in persona.
    Volevo communicarti una notizia triste. É morto Enzo Rapisarda, giornalista. Credo che voi vi siete conosciute o perlomeno vi siete incontrati in alcuno dei tuoi impegni qui a Buenos Aires in maggio scorso.
    Lui era un mio amico e volevo fargli questo piccolo omaggio parlandoti un pò su di lui. Enzo è stato un uomo molto impegnato da sempre con la communitá italiana all´estero. Forse ti ricorderai di lui, mi auguro di sí. Una brava persona che oltre alle sue attivitá professionali si conivolgeva con molta passione e impegno nelle vicende che riguardano gli italiani all´estero. Lui apparteneva al ACLI e al Comites di Moron. Non so quante altre associazioni lui abbia integrato, ah! sí, dimenticavo, anche il CGIE. Bene, tutto questo per dirti che è scomparsa una persona di grande valore spirituale e di una grande onestè, umiltà e qualità umana. Sparito a soli 58 anni!!
    Grazie, Francesca, per offrici questo sito dove poter esprimere le nostre inquietudini e purtroppo, come in questa occasione, per potermi sfogare di una perdita così inaspettata e fuori tempo. Lui ci mancherà a tutti coloro che l´abbiamo conosciuto.
    Ciao, Enzo, ti ricoreremo sempre con molto affetto e rispetto.
    Grazie a te, Francesca, e un carissimo saluto da Buenos Aires. Mónica, studentessa d´italiano presso la Dante Alighieri al 4º anno.


  187. sandro ( cascate di niagara , Canada )

    Buon giovedi, Francesca,
    Una bellissima puntata; veramente simpatica la Signora Carla, mi e piaciuta moltissimo. Anche ho imparato ” contare sulle punte delle ditta”, “stangata” che altro? e tutto quello delle scarpe !, e doppo non cera un puo di panorama delle vostre scarpe !!! Mamma mia, ” la salute e le scarpe” !!!
    Ma io pensavo che la finestra, dove lavorava Carla aveva che fare per il mangiare del’osteria. Mi sono perso; mi ha preso un puo di tempo da capire di cosa parlavate, fino alla parole “bikini”. Quello conosco bene !!! Ma, va bene, devo concentrarmi su questa scuola, una buona cosa che la mia diciplina e propio solido…ma adesso che penso un puo di pui, il”bikini” non e di Brasile? Vedi, forse mi prendera un pui tempo da rimetermi apposto… Ah bene ! Le previsioni del tempo….. propio in tempo ! oggi, nuvoloso, vento come i tropici, scerzo solo 3 km !!! pioggia ogni tanto, spunti di sole e freddooooooo 12 C, imagina quando va giu a meno 20? ahhhhh i tropici !!! un saluto caloroso, e grazie per il tuo gentile ascolto,
    sandro…ciao !!!


Lascia un commento per Francesca





(non verrà pubblicata)

Caratteri disponibili