prontofrancesca.it

ProntoFrancesca.it

giovedì, 28 febbraio 2008
TRIBUNA POLITICA

Per prima cosa desidero ringraziarvi veramente di cuore per avere in questi giorni trattato con pertinenza il tema della cittadinanza. Come vi ho già accennato, il blog da questo momento si arricchirà della presenza di alcuni autorevoli collaboratori, che con grande entusiasmo e partecipazione hanno accolto il mio invito a rispondere alle domande di chi vive lontano dall’Italia ed è spesso disorientato dalla troppa burocrazia. Il primo consulente ad entrare a fare parte del nostro “salotto mondiale” è stato il DOTT. CLAUDIO BALLETTA, Viceprefetto del Ministero dell’Interno e ringraziandolo a nome di tutti voi per la cortese disponibilità, vi anticipo che saranno molti altri gli esperti che avrete modo di ritrovare nelle prossime settimane. Per ora non vi anticipo nulla e vi chiedo solo ancora un po’ di pazienza per fare in modo di potere elaborare con la dovuta calma, alcune risposte ai vostri molti quesiti. Da quando sono tornata dal mio viaggio in Australia, avverto molto forte la necessità di occuparmi di “cose” importanti….. non che prima non lo facessi, anzi! Però credo che il mio diario in rete rispecchi non solo le mie emozioni, ma anche le mie intuizioni e farò di tutto per continuare a perseguire fino in fondo il mio obiettivo: creare uno spazio libero per dare voce agli italiani nel mondo. Come sempre mi sono dedicata con grande interesse alla lettura dei vostri commenti e desidero rispondere ad alcune vostre domande e considerazioni che mi hanno fatto molto riflettere. Inizio con piacere da FEDERICO, da Key Biscayne, Florida, Stati Uniti, che scrive “L’avere un blog comporta spese e molta dedizione dalla tua parte! Scusa…. ma di cosa vivi?” Grazie Federico per interessarti alle mie “finanze”; anche se qualcuno (giustamente!) ha interpretato come troppo personale la tua domanda io rispondo volentieri perché so che tu me l’hai fatta motivato da affetto nei miei confronti ed anche da una certa apprensione per il mio futuro professionale. Non vi nascondo che in alcuni giorni anche io avverto una certa ansia: a giugno sarà un anno che non lavoro ed essere stata esclusa da Rai International, sicuramente non è stata una notizia che mi ha fatto piacere. Vorrei chiarire una volta per tutte che la mia scelta di continuare ad avere un contatto con chi mi ha seguito e voluto bene per tanti anni, è nata dalla convinzione di non volere azzerare quelle che sono le mie competenze acquisite in ben 1200 puntate di SPORTELLO ITALIA. Il fatto che sia stato deciso di non confermarmi alla conduzione del MIO programma, mi ha incentivato ancora di più a non “mollare”…. io credo troppo in quello che faccio e per questo ho deciso di investire una parte dei miei risparmi in questo blog, che ci tengo a ricordare a tutti voi, non è finanziato da nessun partito politico, associazione, ente vario e via dicendo. Continuo a vivere delle mie risorse, certa che prima o poi (speriamo prima, che poi!!) possa tornare ad avere uno spazio televisivo dedicato agli italiani nel mondo. E poi come fa notare SAVERIO, da Fountain Hills, in Arizona, “La Francesca è di antica nobiltà e discendenza. Agli atti della corte, risulta possidente di immense quantità di terreni, ducati sulle costiere Amalfitane.” Ciao Saverio, quanto scrivi mi ha fatto molto sorridere e poi come diceva il grande Totò “Signori si nasce ed io modestamente lo nacqui!” Continuando a sbirciare tra i vostri commenti desidero ringraziare LUIGI, da Sydney, in Australia, che afferma “Francesca, saresti la persona ideale per rappresentare la politica degli italiani all’estero.” Grazie Luigi per avere tanta fiducia in me, ma come ho già avuto modo di specificare più volte io credo che in politica non ci si possa improvvisare e poi mi ritengo persona troppo “vera” e non so se avrei vita lunga in mezzo ai politici di mestiere. A tale proposito torno a fare velocemente riferimento ad un commento scritto sempre da FEDERICO “Propongo invece di votare i candidati, di scrivere il tuo nome in modo da formare una lunga catena….” No, Federico!!! Non sia mai, in questo modo il voto non sarebbe valido e mi sentirei in parte responsabile. Come scrive GIUSEPPE dal Connecticut, Stati Uniti  “Cari blogghisti, io sarei il primo a sponsorizzare Francesca come nostra rappresentante al Governo, ma ci sono alcuni dettagli che lo impediscono.” Carissimo Giuseppe, grazie per la tua doverosa precisazione ed a tale proposito invito tutti a leggere con attenzione i dieci punti che hai evidenziato. Una cosa però mi piacerebbe veramente moltissimo: condurre un giorno un programma televisivo politico, in cui potere mettere a confronto a modo mio, i rappresentanti politici degli italiani all’estero. Faccio questa riflessione perché è notizia di poco fa che la Commissione di Vigilanza della Rai ha deciso quali saranno le modalità televisive per informare gli elettori: nessun faccia a faccia, ma una serata su RaiUno con tutti i candidati premier. La Commissione approva quindi la formula della trasmissione televisiva in diretta, che durerà un’ora e mezza e vedrà presenti tutti i candidati. La trasmissione sarà moderata da un giornalista Rai ed andrà in onda negli ultimi dieci giorni di campagna elettorale. Questo per quanto riguarda la televisione pubblica italiana nazionale, per ciò che concerne invece Rai International, è sempre notizia di poco fa che saranno trasmesse otto Tribune Politiche, due per ciascuna ripartizione geografica della Circoscrizione Estero. Questi otto appuntamenti elettorali saranno registrati negli studi di Saxa Rubra a Roma e saranno condotti dal Direttore di Rai International Piero Badaloni e dai Vicedirettori. In più verrà mandato in onda un programma settimanale della durata di quindici minuti, dedicato alle iniziative elettorali organizzate dalle diverse liste in ogni parte del mondo. Che dire? Io confido che gli elettori all’estero arrivino ben informati e preparati all’importantissimo appuntamento del voto e non posso non fare una nostalgica citazione alla TRIBUNA POLITICA di tanti anni fa. Chi di voi se la ricorda? Facendo una ricerca in internet ho trovato un interessante articolo che vi segnalo, in cui si ripercorrono alcune tappe di quello che è stato l’appuntamento televisivo politico più catalizzante della storia della televisione italiana. Il meccanismo era piuttosto semplice: un moderatore, in genere un giornalista Rai, aveva il compito di fungere da “cronometrista”, sia nei dibattiti tra gli esponenti dei vari partiti, sia nelle conferenze stampa con i leader di partito, nelle quali era presente un gruppo di giornalisti, rappresentanti ognuno di una testata sorteggiata. Clicca qui per l’articolo completo. E sempre facendo una ricerca in rete ho scoperto che sono andate letteralmente a ruba le videocassette che ripropongono le TRIBUNA POLITICA con le interviste ai leader politici di anni fa: Andreotti, Berlinguer, Almirante, Fanfani, Pannella….. Erano proprio altri tempi, non solo televisivamente parlando!! Ed a proposito di televisione ho deciso di dedicarvi una vera e propria chicca presa da You Tube: uno sketch di una puntata di “Studio Uno” del 1961, in cui una inequiparabile Mina, partecipa ad una particolarissima TRIBUNA POLITICA con il Quartetto Cetra. Prima di lasciarvi la parola, oggi desidero utilizzare al massimo le potenzialità dello strumento telematico, facendovi una domanda importante. Sono rimasta infatti molto colpita da una notizia ripresa qualche giorno fa dall’agenzia di stampa AISE, nella quale viene fatto riferimento ad una dichiarazione dell’Onorevole Marco Zacchera, che invita tutti gli elettori all’estero a fare attenzione ai Patronati. Mi interesserebbe molto sapere direttamente da voi, che siete i diretti interessati, cosa ne pensate a riguardo, certa che anche questa volta contribuirete a rendere ancora più vivace questa pagina del mio diario…

89 Commenti a “ TRIBUNA POLITICA ”

  1. giuliana ferri ( porto alegre , brasil )

    carisima francesca, mia madre mi ha chiesto di mandarti saluti e incoraggiamento, con l’augurio che quello che ti prefiggi riuscirai ad ottenerlo, per che sei una donna inteliggente ,simpatica e meriti tutto quello che il futuro ti dará. sicuramente ti andrá bene, pensa positivo che ci riuscirai. mia madre ha 86 anni , ma é molto in gamba e se lo dice lei…credici,ciao , saluti nostri.


  2. Maria Rosa Colombo ( Luján , Argentina )

    Cara Francesca io ti auguro il meglio, e sono sicura che in poco tempo sarai alla RAI, un programma fatto come tu dici sarebbe molto interessante, il Patronato piu vicino é al Centro di Buenos Aires, io non ho nessuna informazione per le prossime elezioni. Un caro saluto a tutti i bloghisti


  3. Enzo Amara ( Winthrop By the Sea,MA , USA )

    Cara Francesca,
    in politica, in Italia, si dovrebbero presentare persone come te, vere, oneste, trasparanti e a conoscenza dei problemi degli italiani all’estero.
    Mi dispiace sentirti dire che il mondo della politica non e’ per te.
    I 18 deputati e i 6 senatori che sono eletti all’estero, divisi come sono dalle appartenenze politiche, non avranno mai una voce unica, che potrebbe portare dei risultati utili.
    Rispondo al commento dell’Onorevole Zacchera, che veramente si e’ dedicato agli italiani all’estero, anche se eletto in Italia.
    E’ vero, i patronati hanno un grande vantaggio, basta pensare a tutti gli indirizzi che hanno a disposizione delle persone che hanno aiutato ad ottenere la pensione.
    Te ne dico un’altra. Molte persone anziane vanno ai patronati per chiedere aiuto per votare, ma a volte viene suggerito loro anche per chi votare.
    Sorprendentemente, al mio ritorno dalla vacanza in Florida e’ scomparsa la GC da Rai International.
    Se qualcuno sa la verita’ potrebbe dire come e’ successo.
    Vuol dire che le nostre preghiere hanno funzionato.
    Dulcis in fundo, Attenzione alla politica.
    Speriamo che il tuo blog non diventi una campagna pubblicitaria di ogni Pinco Pallino, o Tizio e Caio, che ha intenzione di presentarsi.
    Un caloroso abbraccio a tutti da Boston dove l’inverno e la neve continuano.


  4. Sandro A. Bertucci ( Buenos Aires , Argentina )

    Cara Francesca:
    L’appello dell’Onorevole M. Zacchera si deve a che, come si dice, in alcuni Patronati s’impadronirono dei voti dei loro iscritti, lo quale non mi farebbe troppa sorpresa. La modalità impiegata sarebbe stata quella di compilare la scheda di quelli che andavano a domandare chiarimenti di come fare per votare. Non mi stupisce che dagli affiliati ad un dato Patronato sia emersa una votazione in blocco per una determinata parte, dato che questi Patronati normalmente sono padroneggiati da partiti o sindacati ed i loro affiliati anche, ma quello che veramente fa scalpore e che siano stati tanto poco abili per permettere che i voti si sino potuti individuare come identici. Questo dimostrerebbe che qualcuno è stato anche un fannullone.
    Cordiali, Sandro,


  5. renato ( Caracas , Venezuela )

    ..Cara Francesca, come sempre ignori o meglio i miei argomenti ti passano sempre inosservati. Quello che ti ho scritto è un problema molto serio per chi come me s’incontrò in quel frangente, e per ben dodici (12) anni essendo divorziato, la figlia stava con la madre, essendo minorenne, ma entrambi con la patria potestà condivisa. La LEGGE dice che se non CONVIVE con il padre il figlio/a, perde ogni diritto!Capisci la contradizione? O meglio la DISCRIMINAZIONE! Non ti sembra questo un argomento da prendere in considerazione? Per una revisione della legge o delle sue norme?
    Penso che avresti dovuto almeno darmi una tua opinione, o interpellare il Dottor C. Balletta . Certe mancanze possono, se giustificate , essere corrette.
    Grazie e cari saluti.


  6. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:

    LE RISPOSTE ALLE DOMANDE IN TEMA CITTADINANZA VERRANNO TRATTATE PROSSIMAMENTE.

    GRAZIE PER LA GENTILE COLLABORAZIONE.


  7. FEDERICO ( KEY BISCAYNE , FLORIDA , United States )

    CARA FRANCESCA,

    grazie per capire che la mia domanda di “come vivi”e’ stata solo motivata

    da un essere umano che si preoccupa in questo caso…… di te,

    Hai risposto molto chiaramente……..

    Speriamo allora che il Partito che ti possa ridare il tuo posto in TV………..

    venga Eletto !

    Qui in America propio oggi, le notizie sull’economia sono molto brutte.

    Credo che il Mondo e’ entrato in un momento molto difficile…………

    e compatisco quelli che dovranno governare l’Italia !


  8. Martino ( Adelaide , Australia )

    Io stavolta non ho proprio voglia di votare per nessuno. L’idea di mandare al governo degli elementi per curare i propri interessi personali o per fargli guadagnare una barca di soldi, litigare, corrompere o essere corrotti non mi va giu’. La paga dei politici dovrebbe essere solo il doppio degli operai. Si sprecano enormi risorse in spese inutili.Per quel che ne so i patronati non possono essere coinvolti nelle elezioni. E qui torna di nuovo il problema del voto all’estero per posta. Se si votasse personalmente in consolato il problema non si porrebbe. Alle precedenti elezioni molti hanno lamentato brogli ma pero’ (tutti intenti a litigare) non hanno fatto niente per rettificare la situazione.
    Martino


  9. Umberto Malanga ( San Paolo , Brasile )

    Ecco che i soliti ignoti appargono, promettendo favori,
    per ricevere il tuo voto. Chi gestisce Patronati, naturalmente, saranno i primi, perchè sotto c’è uno sponsor di peso, un partito politico. I Patronati erano interessanti, un tempo. Lo so dipendono dalla “voglia” dei Consolati. Alcuni di loro son gestiti da individui poco preparati. Quindi, vediamo se la Rai International sarà capace di dare informazioni precise, con parole chiare, per le prossime elezioni.
    Saluti a tutti, Umberto


  10. ENZO TORTORA ( MANSFIELD , STATI UNITI )

    Carissima Francesca, sono passato al superlativo, per dimostrarti la mia gioia su quanto hai impiantato, speriamo che l’albero cresce bene folto e nutritivo per
    inculcare(con la seconda “C” compresa assolutamente)ai vecchi politici il loro dovere di essere onesti ed optare per essere altruisti. Ci vorrebbe un forte spinta con concimi per raccogliere frutti nutrienti
    ed innoqui. Io dico come fu detto in usa UNITED WE STAND
    in tempo di elezioni, anni fa non ricordo il nome del
    creatore di questo filosofico detto, staro’ ad attendere pure, una volta avevamo l’onorevole MIRKO TREMAGLIA ,scomparso dalla scena, dal quale si poteva sperare qualcosa, ma ora!!!!!!!
    aspettando, saluto ed un abbraccio Enzo dagli USA


  11. Salvatore ( toronto , canada )

    Vorrei dire anch`io qualcosa riguardo le votazioni
    pero` quelle passate,dunque mi lamentai con il direttore Badaloni,di fare delle ricerche,perche` ho
    avuto esperienze riguardo le passate elezioni,persone
    che non sapevano come votare,ed io personalmente spiegavo come votare,che poi ho scoperto ,alcune persone non avevano diritto al voto perche non erano piu` cittadini italiani.
    Ora tutto questo lo feci sapere al Badaloni ma come al solito non ho avuto risposta,se tale lamentela la passo` all`allora ministro Magliaro per investigare
    evidentemente il Badaloni non e` della stessa corrente polittica,quindi ha fatto orecchio da mercante
    come al solito.

    cordiali saluti salvatore


  12. Salvatore ( toronto , canada )

    Scusa francesca dopo averti mandato il mio parere riguardo le polittiche mi sono accorto del mio errore
    ho cambiato il nome ho menzionato Magliaro invece volevo scrivere on. Tremaglia chiedo scusa ai cari lettori.


  13. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Molto interessante questo tema! L’Onorevole Marco Zacchera ha ragione nel dire di stare attenti ai Patronati, per il semplice fatto che con la scusa di aiutare i nostri connazionali, li “aiutano” anche troppo con il voto. Questa non e’ una novita’, e se ne parla da due anni su molti giornali italiani. Votare al Consolato sarebbe l’ideale, ma non tutti abitiamo vicino e per alcuni connazionali, si parla di molte ore di distanza dovute alle grandi estensioni territoriali di molti Paesi d’oltre mare. Altre alternative non ce ne sono, e bisogna votare per posta. Quindi: “Altro giro, altra corsa, altri brogli in arrivo” !!! La storia si ripetera’ non c’e’ dubbio.


  14. aldo lombardo ( colorado , usa )

    Cara Francesca ,ti mando la mia opinione sui patronati prima di andare a leggere la notizia dell’ Aise e che cosa dice lonorevole Zacchera. Allora quando tu conducevi S.I. io stavo sveglio tutta la notte perche’ qui arrivavi verso le3 della mattina. Ero molto interessato, evidentemente perche’ la mia eta’ mi dava diritto a far la domanda per la pensione. Scrissi diverse volte a Bruno Benelli senza mai ricevere risposta, la dott.ssa Brigida Parisi era molto chiara ma lei si occupava dei pagamenti. Mi rivolsi a diversi patronati ne cito alcuno:Hasbbrouck Height New Jersey,diretto a quel tempo da Emilia Berardi, Giuseppina Azzolini ne ha 2 uno a New York e l’altro a Chicago, telefonai a quello di Dearborn Michigan, a Savina Foglia a S. FRancisco tutti con lo stesso risultato, zero,un amico vero da casa fece poi le dovute carte. Ma ancora adesso non mi e’ chiaro se quello che mi d’anno sia la cifra giusta. Comunque quello che penso io dei patronati e’ negativo.Se l’onorevole Marco Zacchera ne vuol sentire di piu’ saro’ ben lieto di mettermi in contatto con lui.Una nota nostalgica: non puoi immaginarti quanto eri simpatica anche alle 3 di notte quando parlavi delle pensioni//Scusa se non te lo mai detto prima.Invio un abbraccio sono contento che hai aperto questo salotto grazie aldo.


  15. anna-Brasile

    Carissimi, io ho avuto parecchie esperienze con i patronati con mia madre quando papà è morto. Debbo dire che sempre siamo state trattate olto bene. Però non ho avuto contatti fuori quelle circostanze.
    Quanto a Francesca, cara amica, se come dici tu nella politica saresti travolta, e se tutte le persone oneste la pensano come te, ed hanno ragione, che speranza ci potrà essere. A questo riguardo e specialmente per questo motivo, sono molto delusa dalla politica. Se quelli onesti fossero in maggioranza, non si risolverebbe? Ma se non volete come si fà? Proprio non vedo via d’uscita, uno si dovrebbe proprio imolare e poi finire male, e chi lopuò desiderare per un amica?
    Un abbraccio
    Anna


  16. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Francesca i patronati sono molti importanti, perchè
    funzionano, in qual modo come consolati. Per andare ai
    consolati per noi è molto complicato, perchè bisogna fare sempre le file, ed si perde molto tempo.Io ho ottenute le mie pensioni, tramide dei patronati ed ogni
    anno, ricevo da tre nazioni europee dei moduli da completare per saper se sono vivo. Tutto ciò deve essere fatto da uffici consolari ho padronati. Ne ho già ricevuto uno ne aspetto altri due, più quello da
    l`Italia. Questo mi vengono annuali con poche settimane
    di scadenza, poi come dicono bisogna stare attenti per
    qualche froda che ne sono successe alcune.
    Io non hò avuto nessun problema, è tutto gratis ed mi trovo bene, ed sono condento che ci sono questi patronati. Ciao Francesca il tuo è un capolavoro ed voglio vederti alla RAI al più presto, tu sei la meglio
    di tutti ed ci manchi. Se ci sono errori scusami.
    Ciao Francesca.


  17. Lea ( Roma , Italia )

    Cara Francesca, magari la tribuna politica si potesse fare al modo dei Cetra e di Mina.!
    ci dobbiamo augurare che coloro che saranno eletti trovino il modo di lavorare di comune accordo per risanare tanti settori che sono andati a rotoli.
    Debbono essere loro i primi a mostrare equilibrio e saggezza, solo così si può riportare la fiducia nei cittadini che si vedono trascurati in ognuno dei loro interessi.
    perché la Nazione risorga è necessario ricostituire la certezza di essere tutelati da chi governa.
    il popolo tutto ha necessità primarie che non vanno ignorate:-
    l‘assistenza sanitaria, la formazione scolastica per ogni ordine e grado che conduca fino all’impiego, con paghe equiparate alla capacità di ognuno per permettere alle famiglie un vivere dignitoso e una vecchiaia serena agli anziani dopo una vita di lavoro.
    dovrebbero pure scattare sanzioni per quanti concludono con le risse le sedute parlamentari che danno scandalo e fanno perdere ogni credibilità ai litiganti e al Paese intero.
    se tutto venisse organizzato con pacata collaborazione e reciproco rispetto si riporterebbe ovunque un clima di fiduciosa efficienza e si lavorerebbe meglio…

    Francesca, avvalendosi dei consigli degli esperti che verranno ospiti, potrebbe diventare veramente la giusta moderatrice e un tramite per incanalare molti rinnovamenti e nuove richieste per dei servizi sociali che hanno bisogno di essere aggiornati o addirittura cambiati su nuovi concetti sia per chi sta in Patria che per chi sta all’estero.
    facciamo voti affinché ciò possa succedere e auguri a lei e ai suoi cortesi collaboratori.
    e saluti a tutti i cari frequentatori di questo blog


  18. vittorio galli ( Buenos Aires )

    Maria Rosa e Sandro, di Buenos Aires, mi rivolgo a Voi per dirvi che il gionale di Buenos Aires “L’ Eco d’Italia” riporta tutte le informazioni inerenti questa
    campagna elettorale; ogni informazione viene riportata con precisione.
    A te, Francesca, che dire…”amme me piaci” come direbbe Gigi Proietti, e ti vedrei volentieri tra i candidati perche’ saresti sicuramente molto votata in tutto il mondo: in qualunque ripartizione ti presentassi, riceveresti sicuramente piu’ di 50.000 voti di preferenza, che sono stati quelli ricevuti dai maggiori eletti nella scorsa tornata elettorale.
    Ma non saresti votata solo perche’ sei carina e hai fatto 1.200 puntate in TV dedicate agli italiani all’ estero, ma perche’ saresti sicuramente ed altrettanto capace di presentare in Parlamento le esigenze e i problemi che hanno i connazionali nel mondo.
    E se in questo momento non conosci a memoria la Costituzione italiana, sono altrettanto certo che faresti il possibile per conoscerla a fondo.
    Ma tra le mie certezze vi e’ anche quella che molti onorevoli non la conoscono, per cui – sotto questo aspetto – non hai da preoccuparti.
    Ma c’e’ un’altra cosa: con il caos di questa orribile legge elettorale, tra altri due anni ritorneremo a votare, sia che vinca Berlusconi come Veltroni: hanno voluto fare in fretta, e sappiamo tutti cosa dice il proverbio riguardante la gatta che ha voluto fare in fretta a partorire i suoi gattini…
    La saggezza e’ una qualita’ che sembra mancare agli attuali politici che in maggiormaza sono solo dei volponi pragmatici e non hanno solide basi teorico-giuridiche. Pensaci Francesca, hai… due anni di tempo. Un abbraccio


  19. Stefano Mollo ( Guayaquil , Ecuador )

    Cara Francesca,

    la mia risposta e’ molto semplice; a Guayaquil i patronati non ci sono.

    A Quito neanche, per lo meno non ne ho mai sentito parlare da nessuno.

    (Bortolo, correggimi se sbaglio, ma, purtroppo, non credo di sbagliare.)

    In ogni caso io sono una persona alla quale piace fare le cose da se; un po’ per orgoglio personale, un po’ perche’ …”chi fa da se, fa per tre.”

    Anche a me la politica non attrae per nulla, ma a volte mi viene l’ impulso di andare in parlamento, da politico democraticamente eletto, beninteso, e dirgliene quattro, anzi otto!

    Digerisco male le prese in giro e venire a cercarci in tempi d’ elezioni e poi dimenticarsi di noi, ha per me il sapore della presa in giro.

    UNITED WE STAND, si, ma il problema e’ che non siamo uniti.

    Non di fatto, per lo meno.

    I problemi di noi all’ estero sono praticamente sempre gli stessi, perche’ avere 6 o piu rappresentanti?

    Che poi non si mettono d’ accordo nenache fra loro?
    E, comunque, che hanno fatto queste 6 persone in questi anni?

    Bah, saluti a tutti,

    Stefano.


  20. Chiara, USA

    Cara Francesca, speriamo che prima piuttosto che poi la Rai e chiunque confermi ed assuma persone qualificate e preparate, indipendentemente dalle loro idee ed ideologie. ( specialmente, se, come nel tuo caso, non sono state mai esternate in trasmissione) Ancora ricordo i complimenti che ti fece un avvocato nella tua trasmissione, dicendo che tu eri la migliore. Perche’ come io mi ricordo queste cose, non se lo ricordano anche altri?

    Adesso ci saranno le varie campagne politiche ed io le seguiro’ appassionatamente perche’ la politica mi interessa. Speriamo, pero’ , di non arrabbiarmi troppo: io credo e spero in una ” onesta’” intellettuale da parte di tutti.


  21. Maria Rosa Colombo ( Luján , Argentina )

    Per VITTORIO GALLI, tante grazie!!!!!


  22. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    Cara Francesca, Per conto mio tutti i politici dovrebbero ricevere un Oscar perche` sono dei bravissimi attori punto e basta. Negli anni 70 lavoravo in Consolato a Detroit e non esisteva il Patronato quindi dovevamo svolgere noi tutte le mansioni dalla a alla zeta. Quando poi i miei genitori si sono pensionati tante leggi erano cambiate e quindi bensi gia` esisteva il patronato,ossia Anfe,per mio padre sono stati di aiuto con i vari moduli,certificati di esistenza in vita e solleciti, per mia madre invece facemmo tutto tramite il Social Security americano. Inoltrarono loro la domanda di pensione INPS spedendola all’ufficio interessato in
    Italia. Per quanto riguarda la pensione INPS di mia madre mi interesso io personalmente contattando direttamente gli uffici pensionistici in Italia. I patronati se sotto le dirigenze di personale esperto, dinamico altruista e persistente e` di grande aiuto ai nostri connazionali perche` la gran parte non sanno barcamenarsi negli iter della burocrazia italiana. Come citato in altri e-mail non dovrebbero tirare l’acqua al loro pozzo bensi dare informazioni e aiuto imparzialmente. Cordialmente, Luciana


  23. Giuseppe ( Connecticut , Stati Uniti d' America )

    Francesca,
    Ho guardato il video e mi e` piaciuto, l’unico negativo e`che nel ’61 la televisione a casa non c’era` e molti di quei personaggi ,con l’eccezione di Mina, mi sono sconosiuti, noi bambini, andavamo in bibblioteca a guardare la TV dei Ragazzi, e subito dopo Carosello dovevamo ritornare a casa per far spazio per gli adulti per guardare i dopo Carosello Show.
    Pensa che non c’era neanche l’acqua in casa, si andava ad attincerla nel pozzo e portarla al secondo piano con secchi e damigiane. Un’altra cosa non avevamo il bisogno era dell’ idraulico perche` non c’ erano i tubi ah!ah!ah!ah!..(Francesca ti ricordi senza acqua calda)

    A chi serviva Porta a Porta, Balaro`o Ano Zero?

    La TV per la politica,non ci serviva, allora erano grandi i comizi dei candidati in piazza, mi ricordo l’alto parlante piu grande della “500” dove era montato e un paio d’ore prima dei comizi giravano per le strade del paese strillando: VOTATE E FATE VOTARE IL PARTITO DELLA PAGNOTTA, STASERA alle ore 20:30 IN PIAZZA PARLERA` L’ONOREVOLE FILONE…
    Riguardo ai patronati, si ne abbiamo bisogno, ma solo per le pensioni non per aiutarci a votare, non fatevi intimidire quando alcuni di loro vi dicono per chi votare, senno` ti levano la pensione.
    Francesca noi vogliamo che tu ritorni in telivisione fra noi, per noi con noi, non per virtu` che il partito vincente ti appoggi, ma per le tue abilita` che hai per aiutare noi italiani all’estrero, e non solo perche` sei Brava, ma sei anche Bella e Brillante.

    Si Signor Badaloni
    “NOI VOGLIAMO FRANCESCA ALDERISI INDIETRO SUI NOSTRI TELESCHERMI”

    “NOI” siamo in milioni a “RACCOMANDARLA”.


  24. Ignazio Giunta ( PORLAMAR , Venezuela )

    Cara Francesca,

    Hai propio ragione, la politica è veramente un mestiere sporco, direi assolutamente sporco che per te propio non va, una persona autentica e vera come te non puo fare politica. Vedrai che più presto che tardi avrai un programma tuo in television RAI, spero che così sia.
    Un forte abbraccio.


  25. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    Carissima Francesca ! Sempre all’avanguardia ! Purtroppo io, in particolare, ne ho fin sopra la testa con la politica qui in Venezuela che ci tiene soffocati, minacciati, impauriti che mettermi ANCHE a sentire la politica italiana, scusatemi… non ne ho proprio voglia.
    Ma una cosa sí avrei voluto vedere, il You Tube che Francesca annuncia ma… appena si clicca sulla frecetta, appare una scritta in inglese che… Si scusa, ma la pagina non é piú visibile ! Peccato.
    Approfitto per andare un passo indietro… bellissima la collezione di foto che ci hai mandato in un precedente commento ! Ma chi ti fa questa meraviglia ? Potrebbe insegnarci a farla anche a noi con le nostre foto e video per nostro sfruttamento ?
    Un abbraccione, Gab


  26. Francesca Verde ( Melbourne , Australia )

    Crisima Francesca,questo tema che tratti oggi e veraramento interesante, gl’italiani che viviamo alestero siamo propio alloscuro, ci vorrebe un progrma sulla RAI che spicherebe tutto, e tu sei la persona giusto per farlo, perche per 7 anni ci sei stata sempre vicino, e cia quitato come una mamma quita il propio figioletto alla strata giusta, quinti ti preghiamo continua a farlo, perche in questi lunchi anni se abiamo risolto i nostri problemi, e tutto merito tuo,un’abraccio forte da.Francesca Melbourne Australia


  27. Roberto Giordano ( Concord,Ontario , Canada )

    Ciao Francesca,come stai?Spero bene.Noi qui in Ontario stiamo congelando,sono un paio di giorni che la temperatura non va al di sopra dei 10c sotto zero,pero’ci riscaldiamo con i tuoi scritti.In quanto a politica quella Italiana a me personalmente poco importa,in quanto ai patronati non mi posso pronunciare perche’ essendo ancora giovane fin’ora non ne ho avuto bisogno.Francesca lasciami ringraziarti per il bel video di Mina e il Quartetto Cetra,credimi ha portato nella mia mente bei ricordi.Ti prego ogni tanto faccene vedere degli altri.Calorosi(?) saluti a te e a tutti gli amici del blog,Roberto.


  28. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    SCUSATE, SCUSATE ma… leggendo che qualcuno aveva visto il video di Mina con il Quartetto Cetra, ho chiuso la pagina e l’ho riaperta. Un “lumicino” in testa mi ha detto di provare e… difatti, ora mi diverto a vedere questo video e tutti gli altri “accoppiati” ! E’ un documento da conservare ! Grazie, Francesca !!!!


  29. Ersilia De Grandis ( Los Teques , Venezuela )

    Ciao Francesca non mi era dimenticata e che ho avuto un po di cose da fare e non mi sono messa al computer, ti saluto e ti vorrei dire che mi piacerebbe leggere qualche informazione per votare da qui al estero, io giá sono parecchi e volte che voto, pero vorrei sentire qualche suggerimento, proposte di qualcun governo, ora ti saluto con un bacio di buonanotte, A presto, ti voglio rivedere in TV


  30. Umberto Giampaolo ( Philadelphia , PA. )

    Carissima Francesca.
    Le elezione in Italia si avvicinano.e io e mia moglie
    abbiamo diritto di votare perche’ abbiamo doppia
    cittadinanza; ma il fatto e che proprio ieri sera
    ne abbiamo discusso, per chi votare? sono sempre le
    solite persone nessun candidato nuovo,se su queste
    persone non si poteva aver fiducia nel passato.come
    si puo aver fiducia adesso?
    Umberto G.


  31. ENZO TORTORA ( Mansfield , u.s.a. )

    Ciao Francesca, sto qui’ ancora una volta per sottolineare la premeditazione e un atto molto disonesto
    voglio dire, che se si decide di fare un fatto con la premeditazione, ecco cio’ accade si dovrebbe aver e non aver piena fiducia di persone che si vendono aiutando il
    malfatto. Prima di tutto studiare di creare un controllo a sorpresa,in modo da incastrare il responsabile.Ognuno
    se ne frega e si va avanti con vilta’

    FATTA LA STRADA, DITE LA VOSTRA CHE IO HO DETTO LA MIA

    Enzo


  32. Eric ( Boston , USA )

    Ciao Francesca,

    Una domanda fuori argomento… sei ancora la speaker allo stadio Olimpico per le partite della Roma ?

    a kiss
    Eric


  33. Gesualdo ( Guanare , Venezuela )

    BRAVA FRANCESCA ma io avevo un’idea che tu fossi Nobile e poi gia stai diventando come l’indimenticabile TOTO, perche tutti ti vogliamo bene ( guarda che io sono anche un nobile del principato di Paterno’,pero di quelli poveri jajaja… ma possiamo adherirci al partito per la monarchia del futuro Re Filiberto…STOP…SCUSATEMI cari bloghisti, ritorno a terra ). Sinceramente molti non ti vediamo come dirigente politica ( meno male che tu neanche ) pero sicuramente molti italiani nel mondo condividiamo l’idea di un salottiere giorni fa, che ti augura un programma come quello della nostra cara CARRA’e sarebbe ideale un PRONTO…FRANCESCA tra poco nella RAI , per aiutare a riincontrare tanti connazionali sparsi all’estero.
    D’altrove del tema iniziale , speriamo che la RAI davvero ci dia a tutti i programmi da te segnalati per arrivare bene informati al momento di votare con la modalita’ di posta o il famoso PLICO. Per quanto riguarda alla dichiarazione dell’onorevole Zacchera sull’importanza dei Patronati ho i miei dubbi sulla forza numerica degli affiliati ai Patronati, per esempio a Guanare ci sono tre Asssociazioni Regionali con circa 200 votanti-AIRE di un totale di 1300 iscritti, pero nei Patronati ci staranno solo 50 affiliati..comunque e’ una prima opinione.
    FRANCESCA E COMPAGNI, seriamente vi commento che in questi giorni ho letto su NewsItaliaPress che tanto il controllo politico dei PATRONATI, delle sedi SINDICALI e dei GIORNALI all’estero , sono al centro delle polemiche per questa prossima parlamentare giacche sono ENTI che ricevono dei finanziamenti pubblici quindi possono dire dei “suggerimenti elettorali” e si sono verificati nella precedente elezione, di schede compilate dalla stessa mano. Comunque questa e’ politica spicciola e avviene quando si crede di rivolgersi ad un elettorato semianalfabeta o delle fasce meno informati o influenzabili, pero certamente c’e di tutto nei diversi campi della societa’.
    UN CARO ABBRACCIO A TUTTI,Gesualdo


  34. Gino ( Brisbane , Australia )

    Cara Francesca, ho deciso di scriverti dopo aver letto le tue dichiarazioni in merito ai “politici di mestiere”. Sono rimasto sorpreso dalle tue parole perche’ ti ritengo una persona di grande intelligenza, e proprio per questo dovresti sapere che non bisogna mai generalizzare, anche e sopratutto quando si parla dei politi. E’ vero che in Italia – cosi’ come in tanti paesi del mondo – ci sono molti politici poco sensibili ai problemi dei cittadini, ma ve ne sono tanti che si interessano realmente dei problemi della gente. Converrai con me che le tue affermazioni contribuiscono a far allontanare la gente dalla politica, basta leggere i tanti commenti su questo blog di chi dice che non ha intenzione di votare, e’ questo, secondo me, e’ sbagliato. Ai connazionali che ti leggono quotidianamente dico che non votare e’ sbagliato, anzi non votando si aiutano proprio i politici disonesti.
    Grazie per l’attenzione e complimenti per il tuo blog.
    Gino – Brisbane


  35. grillo parlante - brazil ( campos gerais , BR )

    avete sentito il mítico “cuore matto” little Tony cosa há cantato a san remo ?….che há avuto piu’ di Mille donne e 100 macchine ….questo si che e’ um italiano vero da esportazione…uno che vede sempre il bicchiere mezzo pieno !!….o vogliamo fare gruppo com gli italiani piagnoni e vittimisti..rissosi e volgari ???

    sapete cosa mi dispiace riallacciandomi al discorso della cittadinanza ?…che io sono uno di quelli che tra l’ iscrizione all ‘AIRE e l’assistenza sanitária all’estero há scelto a favore della seconda ma provando uma grande mortificazione…vorrei votare …sarebbe um onore oltre che um diritto…ma non si puo’ avere entrambe lê cose.

    Credo fermamente che tra i candidati che in questi giorni ci presenteranno ci sara’ una proposta intelligente su cui poter lavorare…anzi qualcuno há gia’ cominciato a lavorarci nella passata legislatura.
    Credo che il potere della política sia nella negoziazione e non nelle soluzioni immediate…il trasformismo non esiste dove c’e’ onesta e passione política…semplicemente…

    I CANDIDATI VANNO DOVE I LORO PROGETTI RACCOLGONO ADESIONE E COLLABORAZIONE……chiamarlo trasformismo e’ puro qualunquismo.


  36. M.Andrea ( N.Prata , Brasile )

    Cara amica Francesca,
    Anche se non partecipando con le mie idee sopra tutti i commenti finora ricevuti, ma leggendoli con molto interesse e, essendo appena ritornata dagli Stati Uniti, vorrei dire che continuo ad essere in attesa di avere, a qualche momento, la sorpresa di sapere che sei ritornata in TV.
    L’argomento cittadinanza mi è sempre in testa, anche perché, con la doppia cittadinanza, ho potuto entrare negli Stati Uniti senza chiedere il permesso, come qualsiasi altro cittadino brasiliano dovrebbe fare. E in opposizione, il mio amico americano, nato a Petriolo, provincia di Macerata, in Italia, l’ha perduta e adesso vorrebbe riacquistarla.
    Perciò lui ha deciso di andare in Italia e fare tutte le pratiche, nell’ultimo mese di luglio, e seguire le istruzioni del Consolato che, dopo ha visto, erano diverse in Italia.
    E, purtroppo, dopo quasi due mesi di attesa, è ritornato, senza riuscire ad averla.
    Lui intende di andare a cercarla un’altra volta ma non sa dove cominciare e come fare per non succedere la stessa cosa di prima. Quali sarebbero i passi da seguire per avere esito in questo diritto, senza essere costretto a seguire istruzioni diverse, perché in ogni Ufficcio Pubblico gli dicevano diferenti passi.
    Così, ha la disposizione di rimanere la, fino ad ottenerla.
    Sicuramente con le direzioni del Sig. Dott.Claudio Balletta, Viceprefetto del Ministero dell’Interno, ce la farà.
    Per quanto riguarda la politica, dappertutto si sente più o meno le stesse storie. Fidarsi a chi? Votare a chi? Sempre sbagliamo perché la persona scelta da noi quando ci arriva,ha cambiato,sembra uno sconosciuto, non è più quella di prima, fa lo stesso gioco come gli altri…
    Sempre è stato così e cambierà? Difficile.
    Comunque ti auguro sempre molti bei momenti con noi e a presto!
    Baci.


  37. Giuseppe (Dal Canada)

    Ciao Francesca.
    Mi fa’ piacere che ti sei ripresa dal tuo tuo lungo viaggio, e sei di nuovo in grande forma nel trattare tanti argomenti che stanno a cuore di moltli italiani al’estero.Io non ho il diritto di votare alle elezzioni in italia perche’ sono cittadino Canadese,e per dirti la verita’ della polititca ne sono disgustato da ambedue le parti.Sembra che i politici abbiano un “manuale’ comune che viene tradotto nelle varie ligue perche’a mio parere sono tutti gli stessi.Quando e’ tempo di votazioni vengono a bussare alla porta con grandi sorrisi…. (sono i tuoi migliori amici) poi una volta eletti si perdono. E sono li per fare gli interessi dei “burattinai”ossia di quelli che gli anno versato i soldi per finanzire le loro campagne elettorali.Pero’ quando e’ tempo di elezzioni io vado a votare sempre! Se non altro per avere la soddisfazzione di sbattere fuori a chi mi ha deluso.In quanto ai patronati io non li so ‘ neppure dove stanno di casa,perche’ essendo cittadino Canadese a me non servonoe da quello che posso apprendere leggendo i vari commenti sul”blog” a riguardo dei consolati e i sudetti patronati, oggi piu’ che mai sono contentissimo di avere aquisito la cittadinaza di questo paese dove risiedo ormai da piu’ di qaurant’anni.Pero’ tengo a precisare che il mio nome sul passaporto e’ “Giuseppe” no “Joe”.E la cittadinaza che Dio mi ha dato nessun governo la potra cancellare.Vorrei agiungere che tu con questa tua iniziativa del “blog”ti meriteresti una medaglia al vaolore civile.Qualche politico italiano dovrebbe prenderne esempio!! Buon lavoro Francesca ,anche se non mi faccio sentire spesso io ci sono sempre.Un saluto a tutti i “blogghisti”.


  38. grillo parlante - brazil ( campos gerais , BR )

    Mio nonno materno era um socialista, sindacalista ma per nulla antifascista.e successivamente si trasformo’ in un grande imprenditore.
    Com lui, da bambino, seguivo la tribuna política e ricordo come se fosse ora l’elogio che faceva all’arte oratória di Giorgio almirante.
    Com lui ho imparato che l’uomo, il candidato, e’ al centro in qualsiasi campagna elettorale…e poi per la durata del suo mandato.
    Io ci credo a quello che dico perche‘ ho fatto parte del socialismo anni 80’da adolescente, dei radicali per alcune battaglie civiche e laiche fino ad essere eletto nella mia circoscrizione di residenza per il centro destra da uomo maturo.
    Oggi, grazie a questa esperienza che sto vivendo all’estero, sono tornato a mettere al centro dell’attenzione il candidato piu’ che la bandiera.
    In questi giorni attravrso contatti personali, scambi di idee com altri ítaliani residenti in brasile, attraverso la corretta informazione che fornisce la rivista INSIEME ( colonna di destra del blog ) vedo sempre piu’ la tendenza a creare delle liste indipendenti che poi si affiancheranno ad uma coalizione piiuttosto che um altra.
    Questo secondo me e’ um segnale di grande trasparenza, dove e’ evidente um nuovo cammino della política e guarda caso nasce próprio dagli italiani all’estero.
    Per concludere mi piacerebbe che Francesca, che non vedo assolutamente come uma candidata, potesse intervistare a suo modo i candidati delle circoscrizioni, Francesca e’un ottima professionista e com l’esperienza che há, il rispetto per il passato e l’affezione per il presente ci garantirebbe um analisi obbiettiva.
    orgoglio, allegria, positivita’ basta com aggressivita’disfattismo e vittimismo, che il bicchiere e’ sempre mezzo pieno……IO CI CREDO.
    Ernesto ce l’hai pronta uma barza da caserma ?


  39. Adriana ( Buenos Aires , argentina )

    Cara Francesca e amici,
    ho ascoltato in un programma di radio raccomendazioni per chi vuole chiarimenti sul voto e va ai patronati a farsi spiegare, soprattutto la gente piú anziana. Raccomandavano non segnalare il loro voto davanti agli impiegati, ascoltarli e poi andarsene a casa e votare in segreto.
    Sono d’acordo con Gino, ore: 3.01
    Per me votare vuol dire partecipare alla democrazia pur non concordando con i politici di turno, inoltre penso che non dobbiamo sprecare quel diritto per cui alcuni politici italiani hanno lottato tanti anni per farsi che noi fossimo riconosciuti nel pieno esercizio della democrazia.
    Cari saluti.Adriana


  40. GIANNI ASCOLINI ( SATTAHIP , THAILANDIA )

    CARISSIMA FRANCESCA,
    SEI GIOVANE CON UN ASPETTO MERAVIGLIOSO HAI UN’ESPERINZA CHE NESSUNO DICO NESSUNO IN ITALIA E’ PREPARATO COME TE PER QUALSIVOGLIA ARGOMENTO CHE RIGUARDA GLI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO PERTANTO FAI QUALSIASI COSA PER RAPPRESENTARCI IN ITALIA. SONO CONVINTO CHE SE FAI UNA PETIZIONE NEL BLOG TUTTI GLI ITALIANI ADERIRANNO E CON QUALCHE MILIONE DI FIRME CONVALIDATE DAI DOCUMENTI TI PUOI PRESENTARE PER RAPPRESENTARCI.
    UN CARO SALUTO,
    GIANNI ASCOLINI
    PS SE QUALCUNO MI LEGGE ORGANIZZIAMOCI PER AVERE FRANCESCA COME NOSTRA RAPPRESENTANTE IN ITALIA.


  41. FEDERICO ( KEY BISCAYNE , FLORIDA , United States )

    CARA FRANCESCA,

    al dire che sei “VERA” e che non avresti vita lunga tra i politici di mestiere,
    mi fa pensare che anche ai nostri politici eletti all’estero succede un po’ di quello.

    Essendo persone impreparate per convivere tra “i leoni”del nostro Foro Romano,sono travolti dal sistema e dagli aggettivi onorifici che ricevono dai “politicanti”.

    Il punto e’ propio quello,fino a che nel mondo, non possano entrare a participare politicamente molte persone “VERE”,il mondo non va a cambiare.

    E l’Italia e’ il modello classico del fracasso che da decenni offrono
    i “professionisti della politica.”

    Non credo che il tal Obama sia al cento per cento una persona VERA ,ma dimostra
    di cercare di esserla……..e l’America e’ ai suoi piedi.

    Per queste ragioni mia cara Francesca, sono sempre alla ricerca di persone “Vere”, dedico la mia vita a cercare amici,gente con cui faccio affari,
    e specialmente cuando voto …….che siano persone “VERE”.

    Solo cosi’ ci transformeremo in persone con onore e spiritualmente grandi,
    Senza mai dimenticare il rispetto tra di noi e per la terra..

    Le persone VERE faranno si,che non si usino piu’ le armi ,che non esistano
    pareti divisorie e l’ansia di possederlo tutto.

    Delle mani delle persone VERE verra’ finalmente una distribuzione piu’ giusta di
    ricchezze ….e finalmente il mondo tornera’ a essere un posto sicuro………
    per i nostri figli e tutti quelli che lo abitano !

    Credo che chi si considera una persona VERA ha l’obbligo morale
    di mettere la sua goccia di sangue per un mondo migliore.

    Le mie gocce di sangue le sto dando da molti anni,facendo volontariato
    e come scrissi recentemente porto sulla mia gobba piu’ di 2600 ore documentate.

    E per finire ti diro’ che gia’ in politica esitono molte persone VERE,
    che lottano per un mondo migliore…………ma sfortunatamente sono minoria!

    Chiedi a tutti i tuoi amici di votare,perche’ solo con il voto….poco a poco,
    cambieremo il mondo !


  42. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    CARA FRANCESCA GRAZIE PER IL NUOVO ARGOMENTO.TU SEI VENUTA NEL NOSTRO CLUB, E AI VISTO CHE NOI ABBIAMO UN SERVIZIO DI PATRONATO, PER QUELLO CHE VEDO MARIA LA SIGNORA NON DICE A NESSUNO PER CHI VOTARE , PERO NOI SAPPIAMO PER QUALE STRADA VA LEI, NON INFLUENZA NESSUNO, PERCHE OGNUNO DI NOI HA` LA LORO PREFERENZA. PURTROPPO NOI NON VOTIAMO ESSENDO CITTADINI AUSTRALIANI.SONO D;ACCORDO CON TUTTI CHE TI VOGLIAMO VEDER IN TV CON UN TUO PROGRAMMA.CIAO DA GAETANA


  43. augusta prina ( milltown nj , usa )

    Salve a tutti gli amici del glob.
    Rientrando a casa come di consueto controllo al computer la posta in arrivo e trovo 25 nuovi Mail in risposta al nuovo quesito di Francesca.
    Scorro tutte le mail e l’indirizzio in verde che vedo inserito in un mail(e non ricordo piu’chi lo ha scritto) mi riprometto di andarci dopo la lettura di tutta la posta.
    Ebbene, di questo mail ne parla anche GIUSEPPE Connecticut 0.56 e io pur avendo passato tutta la posta ben piu volte sono sicura che non c’e’ piu’.
    E’ sparito.Peccato!!!
    Francesca,qualcuno dice giustamente che la politica e’ un mestiere sporco e siccome tu sei pulita e autentica ti suggerisce di starne fuori e invece io dico che in ogni angolo di mondo servono persone leali e oneste come te. L’Italia ha bisogno di uscire da questo scenario devastante e ci vogliono persone nuove e giovani, tu Francesca ne hai i requisiti e allora hai l’incoraggiamento di tutti noi.
    Tanti auguri.
    Saluto tutti con la simpatia di sempre.augusta


  44. Danila ( Jax , Florida )

    Per Grillo,
    alle 3:49

    Mi spieghi meglio questa cosa dell’assistenza sanitaria all’estero? e` una cosa che vale ovunque? o solo in Brasile?
    Mi interessa molto, non solo perche` negli USA se non hai l’assicurazione sanitaria t’attacchi al tram, ma anche perche` quando i miei parenti dall’Italia vengono a trovarmi ogni volta gli viene consigliato di sottoscrivere un’assicurazione medica a pagamento. Che a dire il vero nn costa tanto, credo tra i 30 e i 60 euro. E` piu` che altro una mia curiosita`.


  45. fernando fancelli ( san paolo , brasile )

    Cara Francesca.

    La politica è sempre di parte, specie in Italia dove impera l´eterno scontro SOFISTICO fra politici di tal modo a tornare la Patria terra di nessuno, ingovernabile, poco fidabile all´investimenti stranieri, poco onorevole alla figura che facciamo all´Europa e al mondo;che sanno putroppo come è fragile il governo italiano. Mi ricordo di una frase di INDRO MONTANELLI, che ;che un paese politicamente fragile, sarebbe consigliabile una monarchia. Bene non ha tutti i torti…vero?
    A te, pensaci e dormici sopra, prima di intraprendere qualsiasi spunto verso questa strada… la politi è tutto meno che razionale, è sempre stato così, e lo sará sempre.
    UN SINCERO ABBRACCIO.
    FERNANDO FANCELLI.


  46. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Buon pomerigio Francesca, ho visto il video della Carrà
    il quartetto Cetra con Mina, mi sono incantato su questi video che mi piacciono veramente, è roba nostra
    molto belli. qui ha Toronto sono stati nominati i canditati per le elezioni, sono quelli di prima, su questo non avevo dubbi, ma ora non c`è più il duo partiti, ora c`è la destra, il partito democratico che
    dovrebbe essere la sinistra, ed poi ci sno altri partiti che erano di sinistra ed di destra.Dunque cosa
    facciamo? I Partiti sono troppi, sia la camera ed il senato sono anche troppo. Forse cambierà il maestro ma
    la musica è sempre la stessa, ed se è cosi lITALIA.
    Sarà sempre il fanalino di coda, mi auguro che questa
    volta qualcosa cambia veramente, io ho già deciso ha chi dare il mio voto. Avrei cambiato voto solo se si
    candidasse Francesca, ed andrebbe al partito contrario
    alla mia idea, solo così cambierei per dare il voto a
    Francesca, perchè apprezzo la sua onestà, che gli onesti
    si possono contare molto facile. Ciao Francesca saluti
    a te ed tutti. Francesco.


  47. Sabino da Roma ( roma )

    Ciao Francesca,
    per impegni di lavoro sono quasi sempre l’ultimo a rispondere alle tue lettere, anche se è il mio primo pensiero aprire al mattino il computer nella speranza di poter trovare la tua lettera.
    Tralascio il problema di quello che potrà essere il tuo futuro, avendo io piena convinzione che presto potrai trovare in RAI un programma tutto per te, visto anche la vox populi che giustamente reclama questo.
    E vengo subito alla domanda in merito ai Patronati.
    Per favore, non spariamo sui Patronati! Come già saprai, sono un pensionato del MInistero Esteri, con un’esperienza quarantennale presso le nostre rappresentanze diplomatiche-consolari in varie parti del mondo, e,in ragione del mio ufficio, ho avuto modo di conoscere a fondo quanto di utile fanno i Patronati a favore della collettività, specie per le persone più bisognose, che necessitano di consigli ed assistenza in momenti particolari come quelli del pensionamento.
    I Patronati sono di valido aiuto ai Consolati per la raccolta della dcomuntazione necessaria al disbrigo di pratiche consolari, alla compilazione di formulari e questionari vari, spesso anche all’autenticazione di firme, proprio per rendere meno gravoso il problemi di coloro, e sono soprattutto i meno abbienti, che, altrimenti, avrebbero necessità, con non pochi problemi, di rivolgersi direttamente al Consolato. Ciò è valso per la raccolta della documentazione necessaria per la richiesta della cittadinanza italiana, per l’iscrizione all’AIRE ed altro ancora.
    Questo lavoro di assistenza si amplifica in occasione come questa delle elezioni. Sappiamo che ogni Patronato ha una sua precisa connotazione “politica” in ragione della forza poltica italiana che rappresenta. ACLI-CISL, ITAL-UIL, INCA-CGIL, ecc. sono emanazione di partiti politici, da questi e dallo Stato finanzuiati. Dovrebbero svolgere la loro azione indistintamente erga omnes, cioeè a favore di tutti, indipendentemente dalla fede politica di chi chiede assistenza (continua)


  48. Sabino da Roma ( roma )

    (continua sui Patronati).
    C’è da supporre che così avvenga e non mi sento di fare un processo alle intenzioni. In pratica si è visto che in alcuni casi, nelle ultime elezioni, vi sono state parecchie recriminazioni su presunti brogli, con schede elettorali compilate con le stesse preferenze, la stessa penna, la stessa calligrafia, ecc. e ciò è stato immediatamente attribuito ai Patronati. In alcuni casi può essere stato così, (e la cosa è particolarmente riprovevole) ma sono certo che la maggioranza dei nostri Patronati (e sono migliaia in tutto il mondo) abbia saputo mantenere un necessario distacco dalla tentazione di suggerire, o peggio, compilare schede elettorali.
    Il richiamo dell’on. Zacchera a “vigilare” perchè ci sia piena trasparenza per la prossima tornata elettorale non può essere rivolto ai soli Patronati, dimenticando che vi sono i club, le associazioni (ben più numerose dei Patronati), i circoli e quant’altro dove potrebbe ravvisarsi il pericolo di brogli. E’ necessario, invece, a mio avviso che un controllo accurato venga effettuato dai tanti scrutatori, recentemente aumentati per legge, che a Castelnuovo di Porto dovranno esaminare le varie schede pervenute dall’estro. E’ in quella fase che dovranno individuarsi eventuali anomalie, annullando le schede men che trasparenti, risalire, se possibile, al seggio elettorale dove sono state raccolte per i provvedimenti di conseguenza.
    Personalmente non mi illudo che che tutto si svolga in modo perfetto. E a tal proposito mi chiedo: quanti sono gli elettori italiani, qui in Italia, che si recano al seggio con in tasca il nominativo o il simbolo da votare, nome o simbolo di cui conoscono poco o niente, suggerito loro da parenti ed amici? Ed in tal caso come la mettiamo con la “libera scelta” del voto?
    Di una cosa sono certo: chi vincerà sosterrà che tutto è stato inappuntabile, mentre chi perderà griderà all’esistenza di brogli.
    Votiamo e che Dio ce la mandi buona.
    Sabino


  49. ernesto ( USA )

    Cari bloghisti,
    Mi adatto anche io a tale moderno vocabolo.
    Giovedi, 28 febbraio: la bacchetta di Francesca da’ il via alla nuova sinfonia – e che sinfonia sara’! – attaccando l’argomento POLITICA.
    Le vene ed I polsi cominciano a tremarvi?
    Non e’ l’ultimo giorno del mese, c’e’ il 29, anno bisestile. Sono due le cose che suscitano in me antichi timori : gli anni bisestili e la luna piena.
    Dalla luna piena mi difendo chiudendo due tende alla mia finestra, devo aver avuto qualche “lupo mannaro” fra I miei antenati. All’anno bisestile non si puo’ porre rimedio, bisogna tenerselo. Devono essere stati I racconti delle nonne rimasti dentro.
    Patronati : mi detti da fare a chiedere in giro, molti pensavano che fosse una cosa che si mangia, un’altra specialita dell’ “Italian food”. Il mistero resta..questo dalle mie parti.
    Poi,leggendo il tema…. le “immense quantita’ di terreni” e non so che altro. La Francesca che nobile, sembra, lo nacque, molto compostamente si e’ limitata a sorridere di gusto, io, che sono solo un proletario, mi mantenevo la pancia; si deve aver scambiati I pochi km.della costiera per il Texas, o l’Australia, li si’ che molti proprietarii usano l’aereo per sposatrsi sulle proprieta’. ( Francesca…non ne hai incontrato nessuno da matrimonio??..non e’ soltanto il Federico legato a te da vero affetto, siamo in molti, compreso chi pensa alle tue finanze). Fino al 49 A.C. poi e’ stato il colmo.
    E cosi, cari bloghisti, entriamo su terreno scottante : dai panettoni di Patrizia, alle pizza di Danny, ai presepi di Vincenzo, alla esilarante” misccccccccelllaaanea”, dalle prosaiche salsicce, al trionfo dell’Australia e al formidabile re dello zufolo, il dott. Balletta e sue risposte a seguire, eccoci adesso proiettati in un altro mondo: quello del voto.
    O ,meglio, quello del dubbio amletico: voto o non voto.
    Il “la” di Francesca riguarda, credo, un coro, seguira’ qualche pausa, manca ancora oltre un mese e mezzo.
    Intoniamo, quindi…………,


  50. ernesto ( USA )

    …..”Va pensiero sull’ali dorate, va ti posa sui clivi e sui colli, ove olezzano tiepide e molli, l’aure dolci dl suolo natal.”

    E’inutile……sono grande !!
    Ernesto.
    (per favore non mi tirate dietro verdure,pomodori,grazie).


  51. ernesto ( USA )

    Cara Francesca,
    il tuo tema mi riporta alla mente le “tribune politiche”di una volta. Non che abbia nostalgia di quei tempi che furono i prodromi del disastro di oggi.
    Ma, tutto era piu’ chiaro, piu’ limpido, le diverse correnti politiche erano ben definite, il PCI, il MSI,’la DC, i partiti che si definivano liberali e facevano parte del centro. Personalita’ con caratteri e posizioni ben precise, che servivano per dare gli indirizzi di voto al popolo; ricordo le riunioni e i comizi nelle piazze di tutte le citta’, le tribune di legno che si alzavano in poco tempo e sulle quali, tra inni e canti altisonanti, si avvicendavano i lieders di tutte le formazioni politiche, le attese talvolta di ore li’ nelle piazze per i ritardi che i personaggi avevano sugli orarii previsti, molto spesso. Solo la DC faceva parte a se’, i grandi e famosi si esibivano solo in teatri, al chiuso, forse per per il maggior peso della “cattiva coscienza”, i meno importanti e i nuovi arrivi anche loro parlavano nelle piazze. La partecipazione era molto piu’ sentita e numericamente forte, cosi’ come l’attesa per i risultati.
    La tribuna politica aveva una “audience” fra le maggiori,e, davanti alle TV ascoltando si prendeva parte accanita per l’uno, o per l’altro. Abili, comunque,tutti, nel vendere fumo e poco arrosto, tranne l’opposizione impotente di fronte ai risultati della maggioranza.
    Oggi????? rassegnazione? stanchezza? sfiducia? i famosi comizi in piazza sono scomparsi anche per via della TV, ma la cosa e’ piu’ fredda, lontana, sembra che i grandi responsabili dicano la loro alla lontana e si astengano dal contatto diretto con la gente, aumentando cosi’ lo sconforto e l’indifferenza….”tanto si sa come va a finire…”, pensiero pericolosissimo in democrazia.
    Oppure, Francesca, sono la mia giovinezza e gli impeti
    e gli entusiasmi della eta’ che se ne sono andati?
    Ciao a tutti, Ernesto.


  52. GAETANA ( MELBOURNE , AUSTRALIA )

    SAI ERNESTO HO I POMODORI NEL MIO GIARDINO MA SONO PREZIOSI PER SPRECARLI CON TE, COMUNQUE BRAVO.
    VORREI DIRE ALLA SIGNORA DANILA,DELLA FLORIDA RIQUARDO ALLA SANITA, FRA IL GOVERNO AUSTRALIANO, E QUELLO ITALIANO CE` UN ACCORDO,SE VEGONO DALL’ITALIA E SE HANNO BISOGNO DI UN DOTTORE O DELL’OSPEDALE, SONO ASSISTITI SENZA PAGARE.
    MA PRIMA DI LASCIARE L’ITALIA DEVONO FARSI FARE UN DOCUMENTO DAL COMUNE DA DOVE NE VENGONO.MIA SORELLA E` VENUTA A MELBOURNE E STATA MALE E NON HA` PAGATO IL DOTTORE, PERO DEVE PAGARE LE MEDICINE.NON SO SE VOI IN AMERICA AVETE QUESTO, DIPENDE DAL VOSTRO GOVERNO, FORSE BUSH SI INTERESSA SOLO A FARE LA GUERRA. GOOD LUCK, DA GAETANA.


  53. Danila ( Jax , Florida )

    Gaetana grazie mille per l’informazione.

    Francesca sicuramente appronfondira` un argomento cosi importante nei prossimi mesi perche` sta a cuore a tanti di noi.

    Su Georgino W. Bush stendiamo un velo pietoso, meno male che Nov.2008 e` vicino..

    Il periodo precedente alle elezioni ogni tanto torna utile agli italiani per ottenere qualcosa dai politici:

    BASSOLINO E` STATO RINVIATO A GIUDIZIO PER FRODE E TRUFFA AGGRAVATA AI DANNI DELLO STATO per la questione dei rifiuti in campania.

    Per me e` come se San Gennaro avesse fatto un miracolo fuori stagione.


  54. Enrico Chiariotti ( Caracas , Venezuela )

    Brava Francesca,
    fa tanto piacere vedere come questa tua creatura vada crescendo con forza e velocemente verso la sua meta . Sono tue parole: ……. farò di tutto per continuare a perseguire fino in fondo il mio obiettivo: creare uno spazio libero per dare voce agli italiani nel mondo.
    Per moltissimi di noi è stata una piacevolissima sorpresa rivedere il Dr. Claudio Balletta, e tu ci assicuri che di sorprese del genere ce ne sono in riserva parecchie. Per non parlare poi di quello che è significato, soprattutto per noi della generazione degli anni trenta, ritrovare l`amato quartetto Cetra e persino una giovanissima Mina. Che ritmi indimenticabili quelli,…..quanti ricordi che riaffiorano. Ed allora…. suvvia continua ad accompagnarci per farci risentire presente la Patria, ma anche ritrovare il sapore degli anni più cari, dai, forza, BRAVA FRANCESCA .


  55. ernesto ( USA )

    DANILA, JACKS,FLORIDA ORE 12.12
    \Mi permetto intervenire :
    se sono i tuoi parenti a venire in Usa che si muniscano di ottima polizza assicurativa con relative dettagliate istruzioni.
    Non c’e’ alcun accordo fra i governi italiano e Usa, in fatto di sanita’,ospedali,medicine. E qui,come sai, si paga in contanti.
    Se sei tu che vai in Italia,se sei residente in Usa e quindi iscritta all’AIRE, riceverai, e non so in che misura, l’assistenza necessaria solo per motivi di URGENZA e solo per TRE MESI. Le medicine, o i controlli che, se del caso, devi avere periodicamente per la tua salute NON sono compresi perche’ non e’ urgenza.
    Che io sappia,
    cari saluti, Ernesto.


  56. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Ho sentito dire che i patronati hanno fatto degli improgli sui voti,ma! Com`è possibile io ho ricevuta una busta sigillata, quando ho votato ho aperta la busta, ed dentro c`erano altre due buste, una con l`indirizzo del consolato ed l`altra senza nome ove vi si mettevano le schede votate, tutto ciò era tramide di consolato senza nessuno altro. Ho votato ho seguito
    l`istruzione ed tutto era normale. Non ho visto nessun
    imbroglio. Saluti ha tutti, ed tanti saluti alla nostra cara Francesca.


  57. Giuseppe ( Connecticut , Stati Uniti d' America )

    Caro Sabino, come pensionato del ministro degli esteri hai ragione a difendere i patronati, ma anche lei non deve essere troppo anzioso a prendere mira ai club e associazioni. Si e vero che i club, le associazioni sono ben più numerose dei Patronati, ma non sono i circoli e quant’altro dove potrebbe ravvisarsi il pericolo di brogli.
    Perche` no ? lei direste.
    Il perche` e` che:
    1. La maggioranza dei soci di questi clubs non votano perche` non gli e stato dato il diritto di essere cittadino italiano
    2. La maggioranza dei membri non sono Italiani Italiani, ma italo americani, italo australiani, italo argentini, etc. etc.
    3. Lo statuto del club proibisce politica nelle assemblee, e sopporto per candidati di qualsiasi partito, locale or italiano.
    4. Se per caso succeed e` una piccolissima percentuale
    5. Invece la clientela dei Patronati e` al 100% eleggibile al voto
    6. E non sono stati club ma i patronati a portare scatole piene di voti al consolato.
    7. I Pensionati si sono lamentati che gli e stato chiesto di votare per un partito e non per l’altro perche` se l’altro vinceva perdevano la pensione
    8. E c’e` anche un rumore che I voti da certi codici postal sono stati distrutti, perche` nessuno sapeva il vero numero di voti perche` anche se in differenti buste, ma dentro una grande bust ail voto e lo scontrino con il numero elettorale furono spediti allo stesso indirizzo. Mi spiego meglio: VOTO in una busta, SCONTRINO in un’altra busta, le due buste sigillate tutte e due spedite nella stessa busta a destinazione …
    9. Non so se hanno cambiato, ma ci furono delle suggestion di mandare il voto al consolato e lo scontrino a Roma, cosi alla fine dei conti se consolato XYZ aveva mandato 10000 voti Roma dovrebbe avere 10000 scontrini.
    Spero che sia stato chiaro abbastanza???


  58. Enzo Amara ( Winthrop By the Sea,MA , usa )

    A Franceco da Toronto
    si e’ vero molte persone hanno fatto da se’, come te,
    ai patronati sono andati quelli che cercavano spiegazioni ed hanno avuto anche suggerimenti come votare.
    Ad Ernesto
    mio zio si trova qui, 91 anni suonati, ma non li dimostra, energetico ed attivo, gli manca tantissimo il suo orticello a Presenzano(CE)
    Abbiamo pagato $373 per i tre mesi da te accennati.


  59. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Caro amico Sabino da Roma, rispondo alla sua del 29 febbraio 2008. Bella, anzi bellissima, la sua descrizione dei Patronati. Bei tempi, quelli dei Patronati, prima della decisione del voto agli italiani all’estero! Da due anni si sta parlando in un modo negativo sui Patronati perche’ sono stati politicizzati. Il suo richiamo : “Per favore, non spariamo sui Patronati!” non mi sembra corretto da parte sua, e c’e’ gente che scrive ai giornali sparando coi grossi calibri. Uno di questi e’ l’Onorevole Zacchera, e molti uomini “comuni mortali” che hanno visto e riportato questi fatti in molte parti del pianeta. Cordiali saluti, Pino Amara da Boston.


  60. Santo ( Buenos Aires , Argentina )

    Per Vittorio Galli, di Bs,As.Anche puoi raccomandare TRIBUNA ITALIANA e tanti altri giornali, cosi come tanti programmi di radio, ora tutta la settimana e principalmente la domenica. Se sei chi io credo,non fare solo propaganda al L´Eco d´Italia (guarda che sto scherzando).
    A tutti direi di andare a votare, dobbiamo fare sentire la nostra apinione.


  61. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Caro Giuseppe, CT, STATI UNITI D’AMERICA 2/29/08 . Ti ringrazio per aver elaborato sui Patronati, e per aver spiegato all’amico Sabino di Roma tutto l’andazzo al completo sui problemi col voto degli italiani all’estero. Salutiamo insieme con simpatia questo nuovo salottiere. Cordialmente, Pino Amara.


  62. PIERO LUCENTE ( Windsor,Ont. , Canada )

    Cara Francesca,
    Come solito fai sempre centro con i tuoi articoli,
    comunque riguardo il tema di oggi sulla nostra bella
    politica Italiana, credo che ne siamo tutti veramente
    amareggiati,e disgustati; non si fa altro che sentire polemiche, polemiche da tutti i lati,credo che ci vorranno molti anni prima che l’Italia arrivi
    ha un serio aggiustamento politico.
    L’Italia ch’e modella su tutti i campi,con le sue
    opere,creazioni etc.etc.nel mondo, i politici
    dovrebbero esere anche loro un modello; nel salvaguardare la nostra Italia un Italia piu’ ben vista dagl’occhi del mondo, essendo piu sinceri e ONESTI.
    Comunque;
    Tu Francesca continua a fare quello che stai facendo
    non mollare mai, noi ti seguiremo sempre,
    Augurandoti che il tuo sogno di ritornare in televisione
    arrivi presto, te lo meriti
    Ciao Piero.. …


  63. Adriana

    Per Santo e Vittorio Galli di Buenos Aires, si puó anche raccomandare il programma radiale che va in onda ogni giorno: AM 570 alle 17 hs.pm “Alguno dice che no”, informa con molta proprietá sul voto, ma sopprattuto dai diritti che non si rispettano per gli italiani all’estero. Nessuno programma ascoltato in Argentina ha mai parlato dal punto di vista “legale” rivendicando i nostri diritti come si fá in questo programma.
    Saluti Adriana


  64. Claudia Roman ( Jacksonvile , Fl,USA )

    Cara Francesca,
    io dei patronati non so proprio niente e percio’ non mi pronuncio in merito.
    L’altra settimana sono arrivate le cartoline dall’Italia per votare. Noi voteremo il 25 maggio per il rinnovo del Consiglio regionale della Valle d’Aosta. Onestamente non ricordo se questo voto possiamo farlo per posta, di sicuro non vado in Italia per votare…per le altre votazioni del 13 e 14 aprile invece lo faremo per posta.
    Io sono in gran difficolta’ questa volta perche’ non so proprio che fare, onestamente l’entusiasmo e la fiducia se ne sono andati da un pezzo.
    Francesca, il programma “tribuna politica” mi fa ricordare un fatto triste di quando ero ancora una bambina. Mio padre amava guardare quel programma e un giorno mentre era davanti alla tv guardandolo venne colto da infarto. Ricordo bene, visto che avevo 10 anni,la paura, la corsa all’ospedale con un taxi perche’ mia madre non guidava…e mio padre che aveva un gran senso dell’umorismo nonostante fosse sofferente che disse al dottore all’ingresso dell’ospedale:” questi politici non vanno ascoltati…guardate che succede se lo si fa! Gli piaceva scherzare…quella volta gli ando’ bene.
    Cosi’ anche dopo tanti anni ho sempre un attimo di incertezza quando guardo un dibattito politico e ascolto quello che dicono i nostri politici…


  65. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Ad ENZO AMARA,non sapevo che c`è della gente che chiede
    consiglio per votare, comunque tutto è possibile, io ti ringrazio,per avermelo fatto notare.
    Per chi è contrario hai patronati, voglio dire che se non ci fossero i padronati eravamo nei guai, perchè andare al consolato per qualunque motivo è sempre molto
    complicato. mentre così tutto è più facile.
    Saluti ha ENZO ed tutti, ed un saluto ha Francesca.


  66. Giulia Turchio ( Cosenza Italia , Momentaneamente in Florida )

    Ciao cara Francesca tu non mi conosci,ma forse avrai sentito parlare di quel bimbo malato di nome Riccardo Pio che grazie ad Albano “il cantante” grazie alla Regione Calabria e a tanta brava gente ora si trova in Florida per fare l’ossigeno terapia,bhe questo bambino è mio figlio,mi trovo quì sul tuo blog e l’ho trovato sul sito italiani.ca dove ho trovato molta solidarietà ancora prima di conoscere Albano,Cara Francy ti faccio un in bocca al lupo e credimi se ti dico che i sogni si possono realizzare io ho realizzato il mio sogno di portare mio figlio quì in Florida al Therapies4kids per fare terapia intensiva e ossigenoterapia,ci siamo riusciti siamo quì da 4 mesi e grazie a Dio il bambino ha avuto alcuni miglioramenti,l’altro sogno ora è quello di trovare altri fondi per garantire gli altri 2 anni di terapia al mio bambino,ma cè la meterò tutta,anzi se qualcuno di voi ha un’idea per aiutare Riccardo Pio a raggiungere la somma necessaria per i tre anni di terapia, mi può scrivere:
    il blog di mio figlio è http://riccardopio.blog.tiscali.it
    Cara Francy spero che non ti abbia infastidito il mio commento,se lo ritieni lungo o fuoriluogo,cancellalo pure.Ti mando un abbraccio e spero che diventeremo amiche così se verrò a Toronto in Aprile per andare dai miei fratelli e le mie sorelle di cui una tra l’altro lavora ad un patronato Inas Canada.Abbracci dalla Florida anche se avrei preferito essere in italia a casa mia o essere quì per vacanza e non per motivi di salute del mio angioletto dalle ali spezzate.Ciaoo a tutti visitate il blog di Riccardino Pio.Vi aspetto!!!


  67. maria r guerra;(norridge,ill U.S.A)

    Francesca, non ci posso credere,si sono tutti astenuti
    a scriverti una sola parola in questa pagina.
    Ma che’! hanno scioperato tutti i bloggers, oppure,
    a meno che,sono io che non capisco come funzionano
    i blog ma!!!!!!!!
    pero’ voglio dirti qualcosa sui Patronati.In questa zona ce’uno, e ti dico la verita’aiuta molto la nostra comunita’, io lo so’personalmente perche’i miei genitori spesso devono recarsi la per le informazione che gli manda L’INPS,e via dicendo e siamo molto contenti per come sono trattati.
    Saluti a te Francesca ed a tutti!!!!!!!!!!!!!!!!


  68. maria r guerra;(norridge,ill U.S.A)

    Francesca scusa che figura me lo dico da sola ma ti avevo detto nel precedente che forse sono io che non capisco di blog,il fatto che a me da ieri qui risultava che cera solo un commento forse il mio computer si era fermato
    li ma quando adesso ho inviato il messaggio sono usciti tutti gli scritti,ce’ qualcuno che sa dire che e’ successo?
    Francesca ancora scusa.
    ciao!


  69. Giuseppe ( Connecticut , Stati Uniti d' America )

    Non tutti i patronati sono cattivi
    Non tutti i poliziotti sono cattivi
    Non tutti i sacerdoti sono cattivi
    Non tutti I popoli sono cattivi

    Ma ci sono abbastanza che danneggiano i buoni.

    Come la frutta nel cesto, non tutte sono marce,
    Ma a volte, se non capate, fanno marcire le bone.

    Credo che ci siamo capiti!!!

    “If the shoe fits, wear it!”


  70. Santo ( Buenos Aires , Argentina )

    Grazie, Adriana, è vero, dobbiamo raccomandare i programmi che parlano e difendono i nostri diritti.


  71. Ettore Vincenzo ( Boston, Massachusetts , USA )

    Bravo Giuseppe,
    Ben detto.
    Dopo il grande evento del voto agli italiani all’estero, scrissi un articolo su tutti i servizi on-line, affermando che con l’arrivo del voto, sarebbero arrivati i partiti e tutta la collettivita’ che in quel momento lavorava e andava avanti in armonia, si sarebbe divisa.
    Che PROFETA!
    Da amici siamo diventati nemici.
    Tutti i sinistroidi sono venuti a galla. Spesso e volentieri capitalisti con tanto di case, di compagnie, aziende. L’ho detto sempre che il”comunismo italiano” e’ uno stile di vita ideologico, che sfortunatamente, non viene seguito.
    Basta guardare i cosi detti “leaders” della sinistra italiana, Prodi, D’Alema, Fassino, Veltroni, ecc., tra i piu’ ricchi in Italia.
    Ritornando ai patronati, si e’ vero che hanno aiutato moltissimi con tante pratiche, specialmente la pensione, ma ditemi quanti di loro, STIPENDIATI per fare il loro dovere, hanno fatto le pratiche chiedendo una semplice offerta o richiedere dei soldi quando il povero pensionato riceveva il primo assegno.
    Al momento affermo le parole di Giuseppe che non tutti i rappresensanti dei patronati sono cattivi, ma da quando si e’ andati al voto, hanno avuto un pizzico di furbizia in piu’.
    Anch’io ho sentito quello che ha scritto Giuseppe del Connecticut che in alcuni casi hanno detto che se non votavano in un certo modo, ci fosse stato il pericolo di perdere la pensione.


  72. Carla

    Cara Giulia Turco,mi ricordo bene della triste storia del tuo bimbo Riccardo Pio
    ero in Italia quando ALBANO ne ha parlato in T.V. e mi ha fatto tanta tenezza.
    Ho visitato il sito e veramente fai bene a tenere al corrente tutti gli amici di Riccardino di tutte le terapie che grazie a loro riesce a fare in Florida e anche dei miglioramenti che gradamente riesce a fare.Vedrai che riuscirete ad avere ulteriori possibilita’ per proseguire le terapie perche’ la gente italiana e’ sensibile.
    Ti invio i miei migliori auguri e un bacio al tuo bambino
    carla


  73. Enzo Amara ( Winthrop, MA , USA )

    Amci carissimi,
    spero che Francesca mi perdoni per il mio sfogo personale.
    Povero San Remo
    Povera Musica
    Povero Pippo
    Povero Chiambretti
    Povero Jovannotti
    Povera loredana
    Povera Italia
    Poveri NOI
    Che SCHIFEZZA
    Penso che sia arrivato il momento di dire ciao al direttore artistico Pippo Baudo perche’ il festival di quest’anno, oltre ai cali di ascolto, ha avuto un calo enorme di qualita’.
    Con Chiambretti come presentatore, e’ mancata la serieta’ che questo grande richiede.


  74. ENZO TORTORA ( MANSFIELD , U.S.A. )

    Cara Francesca, mi rifarisco a quanto scritto da SABINO DO ROMA, L’unica cosa da fare , senza offendere tutti gli italiasni residenti all’estero , (tagliare la testa al TORO) eliminare i voti di tutti quanti per evitare questi brogli e falsificazioni perche’ se ben ricordiamo PRODI, nelle ultime elelzioni e’ statO avvantaggiata per i voti venuti da fuori Italia visto e considerato che parte di questi PATRONATI, non sono altro che filiali di falsificazioni di voti per agevolare chi non merita di esserlo, questa e’ la mia soluzione punitiva contro i disonesti, non avendo altra uscita. pensateci bene per salvare l’Italia dallo scrascio economico. Se qualcuno ha un ‘idea migliore si facesse avanti.
    Enzo


  75. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Per quello cho ho sentito al programma televisivo di anno zero, qualche giorno fà, è stato detto ben chiaro che dietro tutto questo c`è una sola persona, che non
    faccio nome per rispetto del blog ed sopra ha tutto,
    per il rispetto che ho per FRANCESCA, che ha chiesto
    massima discrezione.
    Se ho capito male, chiedo scusa ha tutti. Ho già detto
    che per noi i patronati sono molto importanti per i
    servizi che ci fanno gratuiti, saluti ha tutti voi.
    CIAO FRANCESCA, ti saluto se c`è qualcosa che non và
    sai cosa fare. Ha presto Francesco


  76. Gianni ( Bostonia Massachusetts , USA )

    I Patronati sono una necessita’per gl’italiani all’ estero. Molti connazionali, se non fosse per l’ assistenza che ricevono dal Patronato,non sarebbero abili ed in condizioni di esplicare le loro pratiche.
    Il Patronato e’ una necessita!
    Non facciamo critiche negative. Cioe’ come si dice “dandoci la zappa sui piedi”.
    Patronati nel mondo: auguri e buon lavoro!


  77. Lea ( Roma , Italia )

    x Enzo Amara : mille ragioni per il giudizio dato sul nostro Festival che sono anni che perde tono . questo attuale poi sembra creato per screditare pure i cantanti e i musicisti più validi.

    scusa anche me Francesca, ma tu conosci già questo mio giudizio e non faccio altro che confermarlo.
    ciao a tutti.


  78. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    Ciao Francesca,

    scusa la piccola parentesi ma non posso ignorare la storia di GIULIA TURCO 6:43…

    Cara Giulia noi non ci conosciamo ma ricordo la tua storia vista in tv e il tuo bel bambino. Posso chiederti dove sei esattamente in Florida? Sei a Fort Lauderdale? Se si, non siamo molto distanti e mia figlia vive e studia medicina a Boca Raton, ti fermerai ancora a lungo? Ti sentirai sola li.Ho visitato il blog, e’ molto bello.
    Diamo una mano a questa mamma coraggiosa.
    Ciao


  79. ernesto ( USA )

    ATTENZIONE…ATTENZIONE,
    AMICI DEL BLOG ET FRANCESCA.
    Scusate se entro nel salotto tutto trafelato, e non posso dire spettinato per i soli 25 capelli che mi sono rimasti. Che mi e’ successo ?
    Che avendo letto il tema “francescano” mi son detto:
    e’ vero! bisogna, per quanto possibile documentarsi,farsi una idea delle varie tendenze piu’ o meno colorate e, pertanto, avere,cioe’ ricevere,RAI International. Si…perche’, alla scomparsa diFrancesca
    e al disgusto quotidiano per programmi e delle lacrimose fictions fra falsi dottori, falsi preti, falsi poliziotti e carabinieri, falsi nobili e contadini, avvocati e magistrati, TV dalle voci esagitate e urlanti dissi:
    BASTA !! E disdissi il programma.
    Quindi, ho chiamato l’emittente (saranno 12 dollari in piu’ al mese di canone ) e ho richiesto RAI International. E sono andato alla TV, l’ho accesa con ansia, perche’ devo ammettere di avere, cioe’ avevo, un po’ di nostalgia. Accendo…..e chi compare davanti?
    Il vecchio setantenne dai capelli incatramati ed il Festival di San Remo. Meno male che c’era il divano perche’ sono svenuto dall’orrore!
    Pero’ le trasmissioni sono poche, limitate Tribune Politiche. Ilclan dei politici oramai tende sempre piu’ a nascondersi, la luce del sole da’ loro fastidio, a loro si addice il buoi dei secoli medioevali.
    Saluti,Ernesto.


  80. FEDERICO ( KEY BISCAYNE , FLORIDA , United States )

    CARA FRANCESCA,

    sai cosa ti dico,,,,,,,,,,

    BEL SANREMO,BRAVI PIPPO E PIERO,MUSICA INTERESSANTE,vecchia e nuova !

    Bravissima RAI E BELLISSIMA L’UNGHERESE !!!!!!! (propio il mio tipo.)

    L’ITALIANA HA FATTO QUELLO CHE POTEVA. (per niente il mio tipo )

    PERO’……………MANDATE IL POVERO $$$$$$$$$$ PIPPO, IN PENSIONE.!!!!!!

    PARLANDO DI COSE SERIE:

    PER LA SRA.GIULIA……….IO VIVO NELL’AREA DI MIAMI E SONO

    COMPLETAMENTE A SUA DISPOSIZIONE.


  81. Maria Rosa ( Luján , Argentina )

    Carissima Francesca e amici bloghisti, voglio ringraziare SANTO e ADRIANA, io voglio anche dire che quando ho avuto bisogno del Patronato a Capital Federal sempre mi hanno aiutato gratuitamente, buon fine settimana a tutti.
    Un caro pensiero e preghiera per Riccardo Pio!!!!!e sua cara mamma


  82. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    A Ernesto, Nonna Lea e Enzo Amara, grazie a Dio che c’e` qualcuno che la pensa come me riguardante il Festival e piu` precisamente Mr. Baudo. Come ha detto anche Briatore e` tempo che si pensioni e non aggiungo altro eccetto che chiedo scusa per essere fuori tema. Luciana


  83. Giuseppe ( Connecticut , Stati Uniti d' America )

    Bravissimi italo-brasiliani, sono attivita` come queste che ci mantengono uniti nella nostra italianita`.
    Anna & Silvia fateci sapere come e` andata.
    “Una preghiera per il piccolo Riccardo.”

    Santa Messa in lingua italiana a San Paolo, momento di incontro della collettivita’ piemontese in Brasile

    In occasione della tradizionale Santa Messa annuale per la collettività piemontese che verrà celebrata il prossimo 2 marzo, l’Associazione Piemontesi nel Mondo, unitamente alla FAPIB, Federazione delle Associazioni Piemontesi in Brasile si attiva affinchè la Santa Messa, celebrata in lingua italiana, sia anche motivo di incontro della nostra collettività.

    L’appuntamento è per domenica 2 marzo alle ore 11, nella Chiesa Nossa Senhora da Paz, rua do Glicério, 225-S.Paulo.
    Nel corso della celebrazione sará ricordato il Príncipe Amedeo di Savoia, Duca d’Aosta e con lui i Caduti di tutte le guerre.
    Michele Colombino, Presidente della Federazione delle Associazioni Piemontesi nel Mondo, invia la propria entusiasta adesione con un messaggio rivolto a tutta la comunità, invitando tutti gli associati e simpatizzanti del Piemonte a partecipare numerosi e a contribuire con cibi non deperibili che saranno donati agli assistiti della Parrocchia.

    Scopo di questo importante momento di incontro è di vedere sempre più rinsaldati, i valori che uniscono il Piemonte, l’Italia il Brasile.
    Per l’occasione sará presente il Coro del Club Esperia diretto dal Maestro Roberto Casimiro.
    Dopo la Santa Messa, nel salone parrocchiale, l’ Associazione offrirà un rinfresco e Rolando Sterzi intratterrà i presenti con la sua fisarmonica.
    Inoltre il prossimo 30 marzo la FAPIB compirà 30 anni di impegnativa attività e di collegamento con le varie Associazioni piemontesi operanti in Brasile.


  84. Salvatore (Syracuse NY. USA)

    IO NON SONO AL CORRENTE DEI PATRONATI, PERCHE` NON CE NE SONO DALLE MIE PARTI; NON CREDO CHE SIANO NOCIVI, MI PIACEREBBE CHE CE NE FOSSE UNO A SYRACUSE NY. NOTO CHE CI SONO MOLTI APPASSIONATI COMMENTI CONTRO QUESTO O QUELLO… CIO` FA GRANDE IL PENSIERO UMANO: LA DIVERSITA`… LA COMPLESSITA`; QUANTO SAREBBE MONOTONO SE PENSASSIMO TUTTI ALLO STESSO MODO! PERO`, PER UN PO` DI RISPETTO DEGLI ALTRI DOVREMMO AGGIUNGERE OGNI VOLTA CHE NOI ESPRIMIAMO SOLO LA NOSTRA OPINIONE. ANZI, NON C’E` BISOGNO DI RIBADIRLO OGNI VOLTA, BASTA SOLO CHE CE NE RICORDIAMO.


  85. Giuseppe (Dal Canada)

    Ciao Francesca e comitiva tutta!
    Mi son fatto una domanda a riguardi dei patronati e degli impiegati di codesti, che qualche volta oltrepassano i limiti delle loro responsabilita’.A chi rivolgersi quando un utente a qualche cosa da lamentare?Perche’ a mio avviso queste persone dovrebbero essere rimosse da tale impiego. E condivido l’opinione che non tutti gli impiegati sono uguali. Come in tutto il resto del modo trovi persone reponsabili e decenti e persone che invece non hanno scrupoli di coscieza.
    Io penso che il voto per gli italiani al’estero e’ soltanto una presa ingiro e uno spreco di fondi da parte del governo itaqliano.Riflettendoci bene, cosa puo fare un governo per gli italiani al’estero se non riesce a governare la nazione “madre”?E non importa a quale ideale politico appartegono. Possono cambiare i burattini ma i burattinai sono sempre gli stessi.Io penso che sarebbe meglio avere un ministero per gli italiani all’estero idipendente da qalsiasi forza politica e forse le cose funzionerebbero meglio.E una volta scomparse le vecchie generazioni chi va a votare?A che serviranno i deputati e senatori per gli italiani emigrati?
    San remo:Ho letto da qualche parte che sarebbe stato un San Remo di sinistra, (Guarda un po’ anche la politica nelle manifestazioni canore)percio’ la sinistra non colabora con la destra e quindi abbiamo visto il risultato.Il signr. Baudo a mio avviso non e’ mai stato un grande presentatore l’ho sempre visto sempre un po’ impacciato e a volte fuori posto.E poi le scarpe del piccoletto…..meglio non parlarne.L’ungheresina….. ?Bella fanciulla senza dubbi ma le nostre sono piu’ belle e c’e’ ne sono tante.(quanched’uno potrebbe pensare che io sia un pregiudista….?(A voi la vostra opinione a me la mia.)Ciao Francesca. Ciao signori della “corte”e colleghi blogghisti.


  86. augusta prina ( milltown nj , usa )

    ….lasciamo la politica e…..parliamo di musica visto che siamo ancora influenzati dalle ultime note della canzone vincente. Grazie Francesca.
    Non ho visto in diretta l’ultima serata del festival di Sanremo perche’ ho preferito accettare l’invito per fare una partita a carte,ma ho registrato e voglio dire che il brano vincente l’ho trovato bellissimo.
    Il mio pronostico e’ stato azzeccato.
    Colgo ancora l’occasione per salutare tutti dagli Appennini alle…Ande.ciao augusta


  87. Matías Marini ( Buenos Aires , Argentina )

    Trovo del tutto giusta la segnalazione di Zacchera. Almeno in Argentina, dove risiede la comunità di elettori italiani più grande dopo Germania, i patronati di solito fungono da tribuna politica, indicando agli elettori piuttosto anziani a chi devono votare. Infatti, uno dei candidati nella nostra circoscrizione si presenta con il sostegno dei patronati.


  88. Piero Marini Garavini ( San Paolo , Brasile )

    Cara Francesca,
    visto che tu scrivi, il 28/02/2008 ,che sei rimasta molto preoccupata su quando ha dichiarato Zacchera, di ” stare attenti coi Patronati Italiani all’ Estero” , ti do una informazione che può, sicuramente darti dei ” lumi” a questo rispetto.
    Il Governo Italiano destina, annualmente, da lungo tempo, ENORMI CIFRE alle Comunitá Italiane all’ Estero. Queste cifre arrivano ai Consolati che le distribuicono ai vari Enti che assistono gli Italiani in difficoltà economiche.
    Per cercare di eliminare Il “VIZIETTO” di mettere le mani su questi milioni di Euros ( che é poi lo stesso vizietto che, da 14 anni, ha sepolto la bella Campania di immondezze , arricchendo i mafiosi) nel 1985 il Governo Italiano varó una Legge per creare i COMITES, i cui rappresentanti devono essere eletti tra gli Italiani all’ Estero , con la PRECIPUA FUNZIONE di CONTROLLARE che i milioni di Euros che vengono dall’ Italia non siano destinati, per esempio, a Patronati Assistenziali che sono DI MERA FACCIATA.
    Per tale motivo la Legge che istituisce i Comites dichiara che SONO INELEGGIBILI a membri del Comites, tanto funzionari dei Consolati, come i titolari di Patronati, per OVVIO conflitto di interesse!
    E PERÒ, nel Comites di San Paolo, su DIECI Membri del Comites Eletti nelle ultime Elezioni ( Consiglieri ) NIENTEMENO CHE OTTO (!) sono titolari dei Patronati!
    Ed hanno cosí approvato , tra l’ altro, la destinazione di 220.000,00 Euros ad un Patronato assistenziale di Santos ( porto di San Paolo ) che é ESTINTO ( ossia inesistnte! ) sino da prima della seconda guerra mondiale!
    Come vedi, cara Francesca, LE FRODI che stanno riducendo a territorio di nessuno la Campamia e sottraggono ,Miliardi al Popolo Italiano, non avvengono solo nella Penisola, ma SOPRATTUTTO all’ Estero e vedono la COMPLICITÁ tanto di alcuni Consolati come di alcuni Comites.
    Di queste frodi VERGOGNOS consumate all’ Estero, nessuno ha coraggio di parlarne. Almeno sino ad ora.
    Piero Marini Garavini


  89. augusta prina ( milltown nj , usa )

    carissimi…..
    quanto detto dal nostro amico Piero Marini Garavini 21.09 e’ di una estrema gravita’ che non bisogna lasciarla nel silenzio. Non e’ possibile immaginare che riescano a sottrarre una cifra cosi ingente senza che nessuno lo faccia notare.
    Ben vengano amici come Piero e speriamo che qualcuno apra gli occhi . Colgo ancora l’occasione per salutare tutti e un grazie al nostro amico di tutti noi. AUGUSTA


Lascia un commento per Francesca





(non verrà pubblicata)

Caratteri disponibili