prontofrancesca.it

ProntoFrancesca.it

lunedì, 28 gennaio 2008
VI PRESENTO NONNA LEA

Non ci crederete ma sono sinceramente emozionata: non capita tutti giorni di avere il piacere ma in un certo senso anche la responsabilità di presentare una persona speciale che guarda caso é un’ amica. Prima di farlo desidero però ricollegarmi velocemente all’argomento trattato negli ultimi giorni e ringraziarvi per la correttezza con la quale avete espresso le vostre idee riguardo alla caduta del Governo Prodi dando con i vostri commenti un esempio di grande educazione e civiltà. A chi suggerisce una mia candidatura politica alle prossime elezioni rispondo con un sorriso: sono commossa ed onorata nel sapere che qualcuno di voi mi stima a tal punto, ma credo profondamente che in politica non ci si possa improvvisare e con il mio carattere troppo sincero non avrei lunga vita, anche se a mio avviso la politica avrebbe bisogno di figure giovani ed anche più quote rosa, che ne dite? E poi citando le parole di CLAUDIA ROMAN da Jacksonville in Florida, non ci tengo proprio a diventare una zombie-draculina. Grazie comunque per la fiducia; preferisco continuare nella mia vera professione e passione, comunicando attraverso la televisione ed ora anche attraverso il mio blog. Tornando al tema di oggi, molti di voi saranno rimasti probabilmente incuriositi ed affascinati dai commenti che in queste settimane hanno portato la firma di Nonna Lea da Roma, non solo per il modo semplice ma allo stesso tempo accattivante di partecipare con pertinenza, gusto e misura al nostro “salotto mondiale”, ma anche perché Nonna Lea al momento é una delle poche presenze dall’Italia e questo ha creato nelle nostre conversazioni telematiche quella idea di ponte che io desidero costruire ancora di più tra i tanti italiani nel mondo, ma anche tra gli italiani nel mondo e quelli che vivono in Italia. A tale proposito mi sono anche stupita che non siano state molte le “incursioni” di vostri parenti ed amici che potrebbero entrare a fare parte del nostro sempre più numeroso gruppo di salottieri…. ma di questo parleremo un’altra volta. Per ora non desidero rubare nemmeno un attimo alla protagonista di questa pagina del mio diario in rete, per la quale ho in serbo una sorpresa che nemmeno lei ancora sa! Ma per farvi capire il motivo della mia emozione devo assolutamente fare un passo indietro nella mia vita e mai come oggi sono felice nel condividere con voi questo ricordo. Erano circa quindici anni fa, quando per scelta di un coraggioso Direttore di una televisione regionale ai tempi molto nota nel Lazio e nell’Umbria, TeleRegione, mi ritrovai catapultata nel vero senso della parola, a condurre il mio primo programma in diretta. Fui chiamata un venerdì mattina per un appuntamento durante il quale mi venne proposto di debuttare dopo soli tre giorni alla guida di quello che da lì a poco sarebbe stato il mio primo grande amore televisivo: Pandora!! Non trovate strano che proprio poche ore fa sempre grazie al commento di Claudia sia stato fatto riferimento a questa figura mitologica ancora oggi studiata…. incredibile! E proprio il programma televisivo PANDORA (i miei amici mi chiamano ancora così!) a 23 anni mi diede la possibilità di conoscere, imparare ed in parte capire lo strumento televisivo che tanto mi affascinava ed incuriosiva. Per tre anni, ogni giorno, per due ore in diretta una giovane ed inesperta “conduttrice” intervistava in un bellissimo e colorato studio televisivo ospiti di ogni genere in un vivace andirivieni di personaggi e telefonate in diretta che ponevano domande di ogni genere. E così passavano le mie giornate una dopo l’altra ed ogni sera quando tornavo a casa non vedevo l’ora che fossero le ore 17.00 del giorno dopo perché ormai la televisione si era impossessata di me ed io forse pian pianino un pò di lei. Un giorno, mi sembra durante le festività natalizie, fu mandata in diretta la telefonata di una Signora che si chiamava LEA MINA RALLI. Questa Signora con un tono di voce squillante ed una parlantina veloce e sicura mi chiese se poteva recitare una poesia. Figuratevi se avrei mai potuto dire di no a questa richiesta. Di li a poco l’invito in trasmissione, poi un altro ed un altro ancora e la voglia di sapere sempre qualcosa di più di quella che per me da allora è stata non solo una nonna, ma anche una specie di fata turchina, anche se i capelli azzurrini ancora non li ha…… ma da Lea ci si può aspettare di tutto: riesce in pochi minuti a scrivere una poesia, ah dimenticavo è giornalista e scrittrice, riesce a “sferruzzare” meravigliose bambole con materiali di recupero come ad esempio le buste di plastica della spesa, riesce a preparare in quattro e quattr’otto un buonissimo brodo di arzilla (te lo ricordi Lea?) o trasformare con le sue manine agitate un vecchio vestito fuori moda in un modello all’ultimo grido, ma riesce soprattutto a darti un consiglio senza fartelo pesare e farti sorridere prendendosi un pò in giro….. troppe ve ne potrei raccontare di cose che riesce a fare, come quando mi ha fatto scendere una lacrima raccontandomi momenti intimi della sua vita. E se oggi Nonna Lea é così meravigliosamente unica, é perchè in fondo nonostante tutto é rimasta sempre un pò bambina dentro, con una pelle liscia e profumata che sa di buono e che ti fa sentire a casa ovunque tu sia. Leaaaaa, c’è una sorpresa per te: da oggi per qualche giorno sarai tu la protagonista del mio diario, tutti potranno mettersi in contatto con te attraverso i commenti e tu potrai rispondere a tua volta dal sito ed io questa volta mi metterò un pò da parte sperando che questa mia idea sia di vostro gradimento, anche perché devo andare a preparare un’altra grande sorpresa….. e per dare finalmente un volto a Nonna Lea vi invito a vedere questo video realizzato qualche giorno fa direttamente a casa sua. Lea non lo sapeva, sono andata a trovarla con la mia telecamera e lei come sempre non mi ha detto di no…. grazie Lea per avere esaudito ancora una volta un mio desiderio, sei un’amica, vera!!!

(Either JavaScript is not active or you are using an old version of Adobe Flash Player. Please install the newest Flash Player.)

178 Commenti a “ VI PRESENTO NONNA LEA ”

  1. Giuseppe ( USA )

    Nonna Lea sei FRANTASTICA. Francesca il tuo nuovo tema e` meraviglioso…

    …”Sportellone su Roma”


  2. ernesto ( USA )

    Cara Francesca,
    nonna LEA,
    D E V E assolutamente cambiare il suo computer. non puo’ essere fermata e perdere tempo e semmai perdere l’ispirazione, per quel coso li’ vecchio e lento.
    Aiutala praticamente….. con un tecnico ad andare in un negozio e acquistarne SUBITO un altro e collegarlo presto nel suo studio. velocissimo.
    Nonna LEA, quanto ho sospirato io di avere un balcone su ROMA come il tuo….inutilmente, ahime’!

    “sole che sorgi libero e giocondo
    “sul Colle nostro i tuoi cavalli doma
    “tu non vedrai nessuna cosa al mondo
    “maggior di Roma”. (antico poeta romano)

    Adesso chiudo perche’ sto piangendo.

    saluti, Ernesto.


  3. Lino da Phuket

    peccato che non posso vedere il video,non ho la adsl,ma se continua cosi dovro’ metterla,fino ad ora il pc mi serviva come archivio e per la posta.bello il diario di oggi e bella la figura di nonna Lea


  4. Maria Rosa ( Luján , Argentina )

    Anche io sto piangendo della emozione, non ho potuto ancora vedere il video, ma sono felice di conoscere a nonna Lea, io continuo a sognare, nonna se un giorno vado in Italia voglio conoscerla!!!!!!! Tanti baci!!!


  5. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    Nonna Lea,

    Ti immaginavo proprio cosi’!
    Tu rappresenti il mio sogno piu’ grande, mi dimostri che si, e’ possibile.
    Spero di avere la fortuna e la capacita’di invecchiare bene, con dignita’ e rimanere “dinamite” nel cervello proprio come te.
    Sei un esempio per tutti noi.
    Claudia


  6. Rodolfo Cesarini ( Buenos Aires , Argentina )

    GoooLlll….. Francesca, senzaltreo hai fatto un gol da metá campo, prima di tutto bellissimo il video ma sopra tutto il personaggio sensazionale, “nonna Lea” veramente un personaggio con lettera maiuscola, mi ricordo che una volta é stata nel tuo programma sportello Italia, quella volta non haveva colpito la mia attenzione ma con questo di oggi ti ringrazio per la tua idea. Colpito con la personalitá di Nonna Lea,e con la speranza che legga questo mio commento, Io come buon romano mi sento con l’obbligo di porgergli i miei rispetti e gongratulazioni per l’attivitá che svolge. L’appartamento assomiglia a quello di mia cugina Paola, nel quale mi ospito ogni volta che vado a Roma mi fa ricordare specialmente il suo balcone pieno di piante fiorite, con la differenza che da quello di nonna Lea si osserva una bellissima panoramica di Roma. Insomma l’idea di oggi é stata piú che buona anche perché apre nuove porte alla comunicazione fra tutti noi, e con piú ragione cuando é una concittadina, i miei saluti rispettuosi a nonna Lea. Ciao Rodolfo Cesarini da Buenos Aires Argentina.


  7. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    Nonna Lea,

    mi sono permessa e continuo a permettermi di darti del tu a meno che tu sia contraria. Spero non lo consideri una mancanza di rispetto ma un modo per farti capire che ti sento un po’ “la mia nonna virtuale”.
    Con tutto il rispetto dovuto,
    Claudia


  8. ENZO TORTORA ( MANSFIELD , USA )

    Ciao Francesca, Nonna Lea e’ un personaggio unico, cosa vuoi, ci si nasce cosi’ frivoli vorrei arrivarci io tale’
    a quell’eta’, sono ben poche le persone che arrivano con tale talento da fare invidia ire il segreto di come e’ riuscita a farlo. un caloroso saluto ed un abbraccio ENZO dagli USA


  9. Giffone, Cinquefrondi, Polistena Social and Cultural Clubs ( Toronto, Ontario , Canada )

    Nonna Lea e’ un piacere conoscerla in questi giorni avremo l’onore di conoscerla meglio.


  10. Umberto Malanga ( San Paolo , Brasile )

    Nonna Lea, Tu sei veramente fantàstica, meravigliosa. La Tua vivacità è contagiante! Anche io, son cinque anni che sono nonno. Essere chiamato di nonno è emozio-nante. Immaginate bisnonna! Auguri!
    Un bacione a Te e a tutta Roma!
    PS – Francesca, tu sei veramente speciale: ci emozioni!


  11. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Carissima Francesca:nu bacione per te !!!!!!
    Nonna Lea:Molto lieta!!!!!.Non t´immaginava così`.Non so perche pensavo in una nonnina coi cappelli bianchi ,piccolina….ma, ai 88 anni,sembri 20 di meno e…SEI STUPENDA!!.
    Dimmi i tuoi segretti per avere una pelle cosi bella …perche quegli dal tuo cervello penso che gli conosco:essere sempre “aggiornata” ed avere anche sempre voglia d´imparare.
    Scusami se ti do del tu…ma…gia sei di famiglia,come Francesca.
    Che bell´idea ai avuto Francesca.Penso che ogni uno di noi guardamo Roma a traverso il balcone di Nonna Lea.
    Chiedo mille scuse per gli errori e ti chiedo Nonna Lea:dammi un po della tua personalità !!!!!.
    Un grande abbraccio da Punta Alta a Roma.


  12. lawebbista ( Ostia , Italia )

    Nonnalea sei meravigliosa! Quanta ammirazione risvegli in me che ti guardo e ti ascolto. Francesca è stata un’ottima psicologa a scegliere una persona come te che attrae le persone con la sua umanità, semplicità e un enorme savoir fare che oggi, mi dispiace, non c’è più. Ecco, Francesca può dire di averlo!
    Mi siete simpatiche!!!


  13. Fernando ( ROCKVILLE , USA )

    Cara Francesca, veramente una idea fantastica di presentare nonna Lea bellissima nonna (mi ricordo la mia nonna)molto emozionante, congratulation per essere come sei, vibrante, con il cuore sempre giovane, come dice la Sra.C Roman di invecchiare bene e rimanere dinamite come te.Un grade abraccio alla nonna Lea, un saluto a Roma dove ho passato parte della mia gioventu’una bellissima cita’. Saluti a te Francesca, tutti gli Italiani nel mondo specialmente quelli che formano parte di questo blog, a risetirci,(scusatemi se ci sono degli errori dentro del mio commento).
    saluti
    Fernando M.


  14. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Francesca, non so cosa dire, ma! Nonna LEA è veramente fantastica, è stato un piacere di averla conosciuta, ed ascoltare la sua voce, attraverso il video. È una gran bella signora, ed sono condento d`avverla ascoltata. Un saluto ha nonna LEA, ed come sempre ti saluto. Francesco.


  15. Romina,Virginia,U.S.A.

    NONNA LEA=UN MITO CHE VIVE IN NOI

    Ma cosa poter dire di Nonna Lea,averla ritrovata in questo blog mi ha reso molto felice, per me lei e’ piu’ che un’amica e’ davvero la mia nonna.
    Nonna Lea io tengo ancora custodito nell’album fotografico di mio figlio Alex la tua dedica degli Angeli.Non ho avuto forse mai l’occasione di ringraziarti e lo faccio ora con tutto il cuore.Tu sei davvero una persona speciale per me,ti ringrazio della tua considerazione e di reputarmi una tua vera amica.Ti prometto che appena torno in Italia ti faccio una visitina,se tu me lo concedi.Poterti conoscere di persona sara’ un’emozione incredibbile.
    Grazie per essere sempre cosi’ piena di vita,sei un modello per tutti noi.
    T.V.B. Romina


  16. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    Carissime Francesca e Nonna Lea !!! La Francesca mi ha letto proprio il pensiero perché volevo proporle d’inserire, accanto a nome, cittá e paese, anche una piccola foto di ognuno di noi! La Nonna Lea é proprio in gamba, i miei auguri e spero anch’io poter arrivare cosí arzilla, piena di vita e di salute almeno alla sua etá ! Veramente i miei parenti (dal lato di mia madre) sono stati tutti longevi, arrivando anche ai 100 anni d’etá e… spero aver ereditato qualche gene di questi! Attiva lo sono anch’io: scrivo, do lezioni nelle 4 lingue che so, nuoto dalle 30 a 40 piscine (semi-olimpioniche = 33.33 m) per lo meno 2 volte alla settimana. Dicono che cosí ci si mantiene bene. Sono Nonna di un “bimbo” di 16 e di uno di 10. Sono nata a Roma, la cittá del mondo! Mia madre era toscana, mio padre uno psichiatra del… mondo!Beh, lui era nato a Budapest ma, visto che non l’hanno lasciato studiare all’Universitá perché ebreo, é partito per Padova e, da quel momento, ha rinnegato della sua prima nazionalitá, acquistando la cittadinanza italiana e, una volta in Venezuela, preso quella di qui. Quando qualcuno gli chiedeva che nazionalitá avesse (perché aveva un accento italiano parlando lo spagnolo!)lui subito rispondeva:”Sono venezolano!” No, no, prima…”ero italiano” e lí si fermavano le domande,soddisfatto l’interlocutore ma ancora di più l’intervistato! Meno male che non aveva l’accento ungherese quando ci parlava in italiano! Non vorrei offendere nessuno, ma é molto forte! Ancora… augurissimi e… la Nonna Lea ci darebbe giorno e mese del suo compleanno da mettere nel mio calendario e farle gli auguri dovuti? Un bacione a tutt’e due. Gab


  17. maria elena solari g.

    ciao francesca!
    adesso nonna lea è l`invidia di tutto il salotto!!!!
    sono felicissima di averla conosciuta.
    quanta energia,è molto arzilla questa nonna lea.
    un saluto caro da maria elena


  18. Salvatore Prattico ( Syracuse NY. USA )

    HO APPENA VISTO IL VIDIO DI NONNA LEA E NON POSSO FARE UN COMMENTO AFFRETTATO, VOGLIO PENSARCI UN PO’, PER ORA DICO SOLAMENTE: ECCELLENTE!!!!!!!!!!

    Salvatore


  19. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    Nonna Lea, stupenda sei. continua il tuo cammino sempre in gamba. Altro che fata turchina tu sei la regina. con affetto, luciana

    ps. Grazie Francesca per averci fatto conoscere questa meravigliosa creatura.


  20. silvia,são paulo,Brasile

    E adesso come la mettiamo?dirigersi a Francesca per ringraziarla del bellissimo video ,ma sopratutto di averci fatto conoscere la giá famosa nonna Lea,dirigersi a nonna Lea per dirgli che come persona, fisicamente sei esattamente cio che uno si puo immaginare leggendoti,dicono bene che il corpo riflette l anima.Adesso poi mi domando come la mettiamo perche,Francesca dice “mi metto da parte” ,nonna Lea comanderá il blog e risponderá…..ma alla stessa maniera di Francesca?cioé,continuiamo maggiormente a parlare tra di noi?…adesso vedi cosa succederá,nonna Lea scomparirá,vedrete.Io poi vedro come si mette la cosa e scriveró di nuovo,per ora dire a Francesca che manderó si l indirizzo del blog ai tanti cugini che ho in Italia,,,ma tanti,é che io ho sempre pensato che il blog fosse per italiani all estero,che nonna Lea fosse un eccezzione,tunon l hai mai detto questo,ho amici e parenti,lo faró e vediamo se li sentiamo ok?Bacioni a tutte e due e a presto.


  21. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Cara Nonna Lea, molto belle e interessanti le tue poesie. Avevo un vice capo scalo Alitalia qui a Boston, che si dilettava a scrivere poesie. Ero il primo a leggerle, e lui apprezzava molto i miei commenti. Per uno come me, considerando la mia eta’ e la tua, vorrei chiamarti Zia Lea. Se “Nonna Lea”, e’ un nome d’arte, continuero’ a chiamarti Nonna Lea.Brava Francesca per averci fatto vedere questa poetessa romana a casa sua, degna concittadina di Trilussa e Petrolini!


  22. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissimi Amici, all’inizio di questo blog la nostra Francesca scrisse che si era ispirata alla grande Raffaella Carrà…e ora anch’io mi sento di fare una carrambata, presentandomi con queste parole: nonna Lea è qua! non potete neppure immaginare la mia sorpresa nel collegarmi al nostro bel salotto e vedere che il nuovo argomento è dedicato a me.
    oggi l’ho aperto pure con ritardo giacché ho dovuto sottopormi ad un elettrocardiogramma di controllo perché sono cardiopatica da circa venti anni, ma fortunatamente la scossa della sorpresa. non ha arrecato ulteriori danni al mio vecchio motore.
    come si fa a dire di no a Francesca? io sono pronta ad accontentarla.
    guardando il video ho capito pure lo scopo finale delle riprese fatte a casa mia con tanto di telecamera col pretesto di fare delle foto con lo sfondo di Roma sotto la pioggia.
    invece era a voi, amici lontani che voleva presentare la sua nonna adottiva.
    eccomi quindi pronta a rispondervi ringraziandovi della simpatia che mi dimostrate:-
    ma sia chiaro non voglio affatto farvi piangere giacché è già tanto lacrimosa la vita che non è proprio il caso . intanto dico a Giuseppe che mi fa piacere abbia apprezzato il cambio di argomento poi a Ernesto rispondo che se ancora non ho cambiato il pc è solo perché non trovo il tempo di e dare una ripulita alla memoria perché vorrei conservare quello che ho scritto in tutti questi anni e che vi è memorizzato. Lino perché ancora non hai messo la linea adsl? Vedi che anche tu ci metti tanto a decidere!
    e voi cara Rosa e Claudia e Romina e Lilla,che amate le mie poesie , sarete ben gradite quando verrete a conoscermi a Roma . i miei ringraziamenti vanno anche a tutti gli altri che seguono ed ora interrompo per andare a consumare la mia cenetta abbastanza frugale poiché proprio questo è uno dei segreti per vivere a lungo. ciao a tutti


  23. Stefano Mollo ( Guayaquil , Ecuador )

    HO!

    Finalmente ci presenti la MITICA NONNA LEA !!!!!
    Grazie!
    Ciao Francesca e soprattutto CIAO NONNA LEA.

    Piacere di conoscerti (mi permetti il “TU”?)!

    Mia mamma, che ancora vive ad Ostia, è tua giovane coetanea.
    E sua sorella, mia zia Adriana, ti assomiglia, in particolare la casa …

    Che bella “doccia” di italianità e, per me, di romanità. La vista dal tuo balcone è semplicemente fantastica.

    Nonna Lea, il tuo PC è lento?
    probabilmente hai installato trppi programmi. Comunque non è raro che il proprio PC diventi “lento”; forse sei tu che sei diventata così abile da “pensare” piu veloce di “lui” …. Succede.

    Mi auguro ed auguro a tutti di avere una vita come la Tua, cara Nonna Lea.

    Io per ora sono Padre e spero di rimanere tale per i prossimi 13 anni per lo meno; mia figlia ha 17 anni …. !

    A presto.

    Stefano.


  24. tony screnci ( Montreal , Canada )

    Ciao Francesca?che meravigliosa idea di farci conoscere nonna Lea, cia stupiti tutti fantastica questa nonnina le faccio i migliori Auguri sempre continuando con quel spirito giovane, saluti e abracci e arrisentirci presto ciao


  25. Stefano Mollo ( Guayaquil , Ecuador )

    … mi sembrava ovvio, ma … Molto bello il filmato… Mi è piaciuto per davvero.

    Stefano.


  26. Carmela Celentano ( São Paulo , BRASIL )

    Nonna Lea,
    come sei bella, simpatica, dolce, attiva, elegante e la tua età non la dimostri per niente.
    Molto lieta di averti vista in quel bel video nella tua casa che si affaccia su tutta Roma la nostra bellissima capitale che io adoro tanto.
    Grazie per le tue belle poesie che ci regali e Buonavita per te.

    Francesca,
    grazie per la tua magnifica idea di farci conoscere Nonna Lea questa tua grande amica che ora è anche nostra. Baci


  27. Giuseppe (Dal Canada)

    Bellissima idea Francesca!
    Ciao! Nonna Lea e’ un immenso piacere averti conosciuto.Bacioni Da Toronto Canada.


  28. Giorgio Turri ( Middletown, CT , USA )

    Grazie Francesca per il filmato di Nonna Lea.

    Cara Nonna Lea,
    è scontato che non dimostri l’età che dici di avere vista la tua esuberanza, freschezza e voglia di vivere. Quello però che mi ha fatto più impressione è la tua voce, quasi identica a quella di una delle due zie romane, sorelle di mia madre (passate purtroppo a miglior vita) e che, come te, si consideravano romane al cento per cento a dispetto di quello che stava scritto nella loro carta d’identità: erano in effetti nate in quel di Rovigo.
    Volevo molto bene alle mie zie “romanacce”, Gina (quella che ti assomigliava di voce e che tra l’altro era la controfigura di mia madre) e Flora presso la quale sono stato ospite per nove mesi quando, durante la grande alluvione del Polesine, le due zie mi “rapirono” portantomi con loro a Roma. Questo per far posto in casa nostra (ed allora abitavamo a Montagnana (PD))ad una marea di parenti, vittime dell’alluvione. Piccolo com’ero adottai subito la cadenza romana grazie alla quale, al mio ritorno, parenti ed amici coniarono per me il nomignolo di “Giangianese”.
    Grazie per avermi fatto ricordare un periodo felice della mia infanzia e soprattutto per aver rievocato in me con la tua voce, la voce di mia zia Gina che mi chiamava amorevolmente “Giorgé”.
    Con affetto,
    Giorgio


  29. Odette ( Stati Uniti )

    Che cosa fantastica de vedere e sentire questa signora romana chi e molto simpatica. Ho trovato un gran piaccere de potere capire suo messagio. Mi ha fatto tanto bene d’essere invitata a la sua casa ed anche al suo cuore! Che bella idea Francesca. Grazie! :) e grazie a questa nona simpatica!


  30. Saverio ( Fountain Hills , Arizona Usa )

    Cara Francesca

    Molto simpatica Nonna Lea.

    Vedo che si da molto da fare;Libri poesie,scrive per giornali,naviga in rete,che vitalita,e’un fiume in piena.
    L’unica cosa che ho notato:si lamenta della lentezza del desktop,forse un po vecchiotto,oppure non ha connessione asdl.
    Comunque a Nonna Lea,se stavi qui ti regalavo un desktop (computer).
    Nonna Lea a te serve roba ultima generazione tipo;Desktop da 200/300gb hard drive,Intel/Pentium dual core processor come minimo,con quella vitalita,questo e’ il minimo.
    Roba del genere qui in Arizona si compra per 400/500 dollari.Comunque io lancio una sfida a tutti i connazinali in rete, facciamo una colletta e compriamo un bel desk top a Nonna Lea.
    Francesca se ne fa carico per l’acquisto e la colletta.Io sono disposto a offrire i primi 50 dollari.
    Francesca tu che ne dici.
    In attesa,Saluto Nonna Lea e Voi tutti con grande Cordialita.


  31. anna -Sao Paulo/Brasile

    Un parentesi, SANTO, NON HO RESISTITO A COMMENTARE IL TUO SCRITTO SULL’ARGOMENTO ANTERIORE.

    Carissima nonna LEA, ormai, inutile dirlo, sei la nonna d’Italia, altro che nipoti e pronipoti, ormai non puoi neanche considerarti padrona di te stess, sei di tutti. Grazie a Francesca di avercela presentata, è come la pensavo, però mi piaceva e divertiva cercare di indovinare un poco che tipo di persona era dai tanti scritti, dalle poesie, certo che ci ho perso un poco di fantasia, ma è valsa la pena. Bella la nostra Roma, ma bella più ancora sei tu, fisica e mentalmente, viva, la Roma ognuno di noi la fà vivere secondo i suoi ricordi, tu sei lì, chiara e potente.
    Allora, come ti senti girando il mondo? Devi certamente sorridere, ridere, piangere, ma varrà la pena. Continua col tuo computer, sai perchè? Perchè la sua lentezza ti dà il tempo di pensare, non esigge da te una rapidità forsennata che può distruggere anche. Ti è stato tanto tempo accanto, vedi se puoi solo aumentare un poco la sua capacità di memoria ed un tecnico credo che riuscirà a riprendere i tuoi tesori lì dentro nascosti.
    Benvenuta al blog, ora come attrice e non più coadiuvante, è il cammino normale di una grande.
    Un abbraccione e spero di sentirti.
    Grazie ancora Francesca, più che altro per regalarci questa nonna, io purtroppo da tempo non ne ho nessuna, cioè non ne avevo
    anna


  32. YaraPacchioni ( San Paolo , Brasile )

    Cara Francesca
    è uma allegria vedere Nonna Lea con sua simpatica clareza intelligenza e tanto amore per tutti.Nel mondo di oggi bisognerrebe molta Nonna Lea per levare a pace che tanto manca.
    Francesca grazie per fare conoscere Nonna Lea.
    Abracci a tutti


  33. silvia bedrossian (sydney) (australia)

    Cara Francesca,
    Non finisci mai di stupirci e di sorprenderci….! Che ingegno! Questa di presentarci Nonna Lea e’ stata davvero una bella sorpresa in quanto ho sempre letto con molto interesse ed entusiasmo tutto cio’ che ha scritto sul Blog ed in effetti ero proprio curioisa di conoscerla.
    Carissima Nonna Lea, nella mia vita, mia nonna ha sempre avuto un posto speciale. Da piccina sono stata legata a lei in un modo quasi morboso e tuttora nonc’e’ giorno che passi che io non la ricordi o non la pensi! Era una donna eccezionale … era raffinata, colta, umile e … una dinamite come te (scusami se ti do’ del tu… perche’ tu per me ora che ti ho visto in video, sei diventata la mia nonna virtuale)Figurati che lei era nata nel 1892, era armena di origine pero’ emigrata in Egitto e si e’ laureata in lettere all’Universita` americana in Egitto (pensa una ‘donna’ … ed a quei tempi!) Suonava Chopin e Shubert al pianoforte divinamente e parlava ben 5 lingue e con tutte queste virtu’ era una donna di una semplicita’ unica. Si metteva con le ginocchia per terra e puliva la casa tutti i santi giorni da capo a fondo … incluse le finestre, le persiane, i lampadari ecc. All’eta’ di 64 anni ha subito una paralisi e tutti i medici l’hanno data per spacciata, ma lei con la sua tenacia e ferrea volonta` si e’ ripresa completamente dalla paralisi ‘facendosi la fisioterapia’ alla parte sinistra del corpo muovendlo con il braccio destro lo straccio per pulire per terra! Secondo me, e’ stata geniale!
    Nonna Lea, anche mia madre e’ nata nel 1919:il 31 marzo per l’esattezza… E tu che giorno sei nata? E’ importante per me saperlo, cosi’ quel giorno ti pensero’ e ti augurero’ “Buon Compleanno”.
    Grazie Nonna Lea per il regalo che ci fai con le tue bellissime poesie e per l’amor di vita che ci comunichi con le tue sagge parole. Grazie Nonna Lea, ti voglio bene e continuero’ a leggerti attraverso questo nostro bellissimo salotto globale.


  34. Vito Gugliotta

    cara Francesca penso che e’stata una buona idea a nfarci conoscere Nonnina Lea mi auro che anche io se arrivo a invecchiare ho lo stesso spirito di lei Ciao Nonnina LEA
    continua cosi’e Dio ti aiutera


  35. Enrico Montelli ( Miami , USA )

    Cara Nonna Lea,
    mi ha fatto piacere conoscerla attraverso il grazioso filmato messo gentilmente a disposizione di tutti noi dalla premurosa Francesca e complimenti sia per la sua magnifica condizione psico-fisica che per la sua..romanita’. Anche io sono romano con nonni e padri tutti romani e nato 81 anni fa a cavallo tra il Pantheon e Piazza Navona, cioè Piazza dei Caprettari. Erano i tempi di Rabagliati, Ernesto Bonino, il Trio Lescano ed il Maestro Angelini. Pensando a quel periodo mi è uscita spontanea questa poesiola:
    Festival di San Remo.
    Oramai questo Festival è una parodia
    della canzone Italiana senza melodia,
    dove cantanti senza voce e mal vestiti
    ci torturano le orecchie con quei vagiti.

    Ma non eravamo noi la patria del Bel Canto,
    dove musica e ugole eran il nostro vanto?
    Che tristezza provo e che sgomento sento
    all’ esser queste le canzoni del momento.

    La mia sola speranza è che ci sia pur un domani,
    dove potremo di nuovo felici battere le mani,
    per canzoni melodiche , cantate da voci potenti
    che ci faccian presto scordar questi patimenti.


  36. Roberto Oliva da Bello Horizonte-Minas Gerais-Brasile

    Carissima Francesca,
    Salute a tutti.
    Mi conforta sapere che esistono persone come Nonna Lea nel cuore del cuore del mondo, la indimenticabile Roma bella.
    Io che mai avuto conosciuto mia nonna italiana Elisabetta, mi permetto di adottare questa gentile signora non come nonna, ma come mamma, Mamma Lea.

    Nonna Lea, entrare nella tua casa è stato per me una graziosa emozione. Tu sei anche bella, simpatica, divertente, spiritosa e tanto italiana come mai.

    Dio vi benedica. Un abbraccio.


  37. Mirella ( Buenos Aires , Argentina )

    FINALMENTE FRANCESCA, CHE MERAVIGLIOSO REGALO!!!!
    Me la sono beata bevendo le sue parole una a una, é romana come me capisci?? l´accento romano mi fa morire, non riesco mai a trovare romani qui per poter parlare un pó di romanaccio, che allegria!! Poi, é anche lei una innamorata ” de Roma nostra”, se sente che jé viene propio fori dar core!!Nonna Lea, m´é preso un capogiro cuando hai detto la tua etá, ma che te sei conservata ner frizzer?? Incredibile, simpatica, elegante , intelligentissima, con tutto quello che ce regali hai pure l´energia pé scrive nel computer, sei propio incredibile, e io te desidero tantissimi anni ancora con tutta la vitalitá e le cose che fai, sei propio in gambissima, complimentoni!!!
    Te vojio giá un gran bene e t´ammiro da tempo, ma sentirti e vederti guarda…….é stato propio il raggio de sole che ha illuminata una giornataccia nera che c´avevo!! Ti amoooooooooooooo!!!
    Ná romana come te , tanto lontana e con tantissima vojia de rivedé prima de morí la mia amatissima Roma!!
    Bacioni mille e che Dio te benedica!!


  38. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissima Francesca, cosa mi hai combinato?
    non so se lo hai fatto per scherzare oppure hai voluto gratificarmi inserendomi al tuo posto di comando….
    sia chiaro che ho accettato di buon grado, ma non so altro delle altre cose che avrai certamente in cantiere. intanto ti ringrazio per l’affetto sincero che mi dimostri e per le belle parole che mi hai indirizzate, ma non mi hai detto che durata avrà questa parentesi nonnesca. .
    da parte mia cercherò di diffondere nel blog quell’affetto che io sento per tutti gli italiani all’estero
    per i quali ho creata una pagina su uno dei giornali Web di cui sono redattrice e di cui vi segno appresso l’indirizzo. http://tempinostri.interfree.it dove molti di voi hanno già inviate lettere e foto di famiglia; seppure non potrò esaudire sempre i vostri desideri , farò del mio meglio per farvi sentire il mio sostegno affettuoso se doveste averne necessità .
    di te , cara Francesca , non conosco quali altre sorprese hai in mente di farci , ma so che i tuoi impegni non si esauriranno con questo blog e siamo tutti in grande attesa poiché tu sei piena di risorse e, soprattutto sei imprevedibile e la tua autostima mi è sempre piaciuta perché so che ti porterà lontano.
    questa è la qualità che ti caratterizza e che io ho scoperta fin dal primo momento che ho avuto il piacere di parlare con te nel bellissimo Programma Pandora che tu hai ricordato.
    eri giovanissima e sapevi trattare gli ospiti che si succedevano nello studio di Teleregione col tuo garbo educato e gentile di cui tutti s’innamoravano immediatamente. .
    Pandora ( che tutti credevano fosse il tuo nome) ha fatto compagnia per tre anni alle famiglie che ti si erano affezionate e che ha avuto un ascolto incredibile.
    voglio anche dire che un grande merito è da dare ai tuoi genitori che hanno creato una persona splendida quale tu sei.
    ciao mia cara e sempre avanti, coi miei più grandi auguri.


  39. Rachelina ( buenos aires , argentina )

    carafrancesca cifatanto piacere leggere i tuoi comenti
    ele tue notizie sui fatti del giorno tanto che abbiamo
    conosciuto dal tuo commento sulla caduta del governo
    prodi la stessa sera che e successo mentre noi qui da noi le notizie per questioni di orario si sanno il giorno dopo,come puoi immagginare ci e tanto dispiaciuto quelloche esuccesso nella camera dei dibutati ecome tutti quelliche siamo lontani
    queste cose cifanno male,.come pure il tuo allontanamento dalla RAI,ci edispiaciuto moltissimo
    e non sapere il perche forse tu lo ai gia comentato
    e noi non lo sappiamo gradiremmo un tuo commento,su
    questo argomento sepuoi,ese vuoi.. grazie di cuore
    perquesta bella idea che ci mette in comunicazione
    con te e con tutti gliamici di Fancesca ERICEVI
    da noi un grande saluto e abraccio RACHELE E ARMANDO
    ……………..


  40. LILLA ( BUENOS AIRES , ARGENTINA )

    CARISSIMA LEA! NON SO COSA SCRIVERÓ PERCHÉ SONO EMOZIONATISSIMA, MI SONO SENTITA A CASA TUA ACCANTO A TE E SENTIRE IL MIO NOME DETTO DA TE CARA AMICA LONTANA É STATO INDESCRITTIBILE! MI AI FATTO SENTIRE TANTO VICINA A TE E ALLA MIA CARA ITALIA!
    GRAZZIE FRANCESCA PER QUESTO DONO MERAVIGLIOSO!
    SONO FELICE DI APPARTENERE AI TUOI “SEGUITORI”.
    VI ABBRACCIO ENTRAMBE. LILLA


  41. Pasquale ( Clifton , USA )

    Ciao Nonna Lea, sei brava. Auguri

    Pasquale


  42. Salvatore Prattico ( Syracuse NY. USA )

    CARA FRANCESCA, BRAVA PER QUEL CHE HAI FATTO, PER QUEL CHE FAI, E SON SICURO DI POTERTI DIRE ANCHE BRAVA PER QUEL CHE FARAI. RIGUARDO NONNA LEA, SO DI NON AVER MOLTO DA DIRE, DA LEI MI PIACE MOLTO ASCOLTARE, PERCHE` SO DI POTER APPRENDERE MOLTO…NONNA LEA, MI PIACE IL TUO AMBIENTE…IL BEL BALCONE, LE PIANTE ED IL PANORAMA. IO CREDO CHE TU SIA SPESSO FELICE, SPECIALMENTE QUANDO HAI FINITO DI SCRIVERE UN BEL PENSIERO O UNA POESIA.
    BRAVA E GRAZIE!

    Salvatore


  43. Juliana Guelph On Canada

    Ciao Francesca, sono delusa, perche’ non ho potuto aprire il video, per vedere La Nonna Lea, e questo mi dispiace perche’ ci tenevo tando di vederla,permezo di Nonna Lea io ti rimproverai,quando eri a sportello Italia.Annungiasti la sua e-mail,e lo feci cosi’ veloce che non riusci a prenderla e anche l’indirizzo di sportelloItalia, eri velocissima, scusami Francesca,ora
    Le tande poesie che ha fatto, qui’ nel salotto,la Nonna Lea io non riesco ad esprimermi l’aprezamendo dovuto per la Nonna Lea perche’ sono tande e una piu’ bella dellaltra. Nonna Lea le faccio i miei comblimenti di cuore singero per quando e’ brava, Grazzie moltissimo Nonna Lea un forte abraccio, spero che potro vedere il video,saluto a tutti un bacio per Francesca che ha sempre le buone idee J.D.


  44. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    e adesso a voi , carissimi tutti che state scrivendo le vostre impressioni su di me . nel ringraziarvi per tutte le belle cose che mi dite , dovete sapere che non posso fare a meno di essere commossa perché io credo di rappresentare veramente tutte le vostre mamme, le vostre zie e soprattutto le vostre nonne per il solo fatto di avere avuto una vita normale di brava madre di famiglia con la passione per la poesia e con l’attitudine alla creatività e questi non sono meriti personali, ma sono talenti che sono nel DNA di tutti , l’unica differenza è che non tutti hanno la volontà di coltivarli mentre io non ho mai tenuto le mani in riposo mentre continuavo a studiare insieme ai miei figli . se fosse possibile , vorrei conoscere tutto lo scibile umano e quando dopo 63 anni di vita matrimoniale piuttosto sacrificata dalla gelosia di un marito geloso e possessivo (anche coi figli) sono rimasta vedova , la prima cosa che ho fatto , sono tornata a scuola per concludere quei corsi di studio che avevo dovuto interrompere a causa di un matrimonio precoce . per questo sono diventata nonna in una età piuttosto giovanile e sono stata quindi, nonna Lea da tempo immemorabile . posso dire di non aver mai sprecato il mio tempo e ho saputo anche utilizzarlo per fare del volontariato a persone disabili e depresse. mi sono sempre detta che ciascuno deve sentirsi utile alla società ed insegnare ciò che sa. e questo ho fatto come fosse un preciso dovere . ho fatto sentire il mio affetto solidale con le mie dediche poetiche personalizzate a chiunque me l’abbia richieste e tengo a dire che non ho mai percepito compensi di nessun genere.
    ed ora veniamo a voi che mi state conoscendo in queste ore. non siete tenuti a complimentarvi meco, ma dovete considerarmi come una persona di famiglia, molto semplice e molto modesta perché ora vi dico una ultima cosa: sento di amare il prossimo più di me stessa. e forse a volte questo è anche un male.
    un abbraccio virtuale a tutti voi.


  45. Mariella Brogan ( Middle Village, N.Y. )

    Cara Francesca,
    Grazie di farci conoscere Nonna Lea, una nonnina moderna e meravigliosa.
    Un caro saluto,
    Mariella


  46. Maria Zannelli ( melroseBOSTON , stati uniti )

    Francesca non voglio essere ripetitiva,ma mi sembra doveroso fare i complimenti a NONNA LEA veramente in gamba il video meraviglioso nonna LEA lei e stata molto gentile a farci vedere il panorama del suo terrazzo
    le voglio dire quando ho visto ROMA 45 anni fa per la prima volta ho sempre detto che avrei cambiato PALERMO
    solo per ROMA invecesono finita a BOSTON comunque sono tornata tante volte a visitare la nostra bella ITALIA
    io dico sempre chi si accontenta gode essendo nonna anche io mi svago con i miei nipotini che sono 5 maschi.Ciao Francesca un saluto a nonna LEA MARIA


  47. ernesto ( USA )

    Cara Francesca,
    e a tutti gli amici del “salotto Mondiale”.
    Sto in ansia…..
    fra meno di SEI ORE il presidente Napolitano aprira’ l’ultimo giorno di consultazioni.
    Queste sono ore piene di trepidazione e di speranza.
    Che non si apra il vaso di Pandora, appare spesso su questo blog in questi giorni,please, perche’ da esso uscivano solo sciagure per gli uomini.
    Qui,dove vivo, “a da passa’ a nuttata..” domani apriro’ il computer che le ultime consultazioni saranno terminate, vado a prendermi una cammomilla, voglio credere che usciranno fuori nomi NUOVI.
    Facciamo voti per questo,
    saluti, Ernesto.


  48. A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia

    Francesca, non ho potuto aprire il video di Nonna Lea. Ringrazieró a chi mi sappia dire cosa devo fare. Come informazione è il primo video che non posso aprire.

    Saluti a tutti,

    Amparo Margarita


  49. maurizio ( phuket , thailandia )

    Francesca complimenti!!!
    Mi hai riportato alla mente la nonna Adelia, scomparsa purtroppo molti anni fa, che mi ha fatto da madre, la mia e’ morta molto prematuramente, non avevo neanche un mese, non l’ho mai conosciuta. Francesca grazie, ciao, Maurizio.


  50. IGNAZIO GIUNTA ( PORLAMAR, ISLA DE MARGARITA , VENEZUELA )

    Carissima LEA,

    Son rimasto gratamente impressionato di conoscere oggi,a la signora più incredibile, mai immaginato che potrebbe esistere un personaggio così grande, simpatica e meravigliosa come lei. Ho deciso che a partire di questo istante, per me sarà non più la nonna Lea, sino MAMMA LEA. Sono orgoglioso di lei , e sento una immenza gioia averla conosciuta. Cordialmente la saluta, ignazio.


  51. MENA ( Fort Lee , USAA )

    Carissima Francesca, conoscere nonna Lea e` stata una bellissima idea, ma che nonnaaaaaaaaaaaa una donna veramente speciale chissa che un giorno non riesca ad intervistarla per il mio programma radiofonico per me sarebbe un onore, comunque continua cosi che questo blog come vedo va crescendo giorno dopo giorno e presto vedrai che avremo di nuovo il piacere di vederti in tv, ti auguro il meglio che la vita ti possa offrire e lo faccio dal profondo del cuore
    un abbraccio
    Mena


  52. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    COME NASCE UNA POESIA

    C’è un seme dentro l’anima, che solo,
    non ha vitalità nè forza alcuna,
    ma si feconda con il patimento
    e con i sentimenti più sublimi.

    Si nutre di ricordi e nostalgia
    e s’accompagna alla malinconia
    e, qualche volta, a sprazzi d’euforia
    e quando è in boccio è colmo di passione.

    Passione insinuante e travolgente
    che avvince, incanta, logora e consola
    fino a che esplode come sinfonia
    in un tripudio di note deliranti.

    Covato con amore è ognor quel fiore
    che sboccia fra contrasti e delusioni
    e chi è assetato di dolcezze arcane
    trova soltanto in esso appagamento.

    Ed ogni fiore reca il “suo” profumo
    e la “sua” propria musica… divina.
    ch’ogni poesia s’evolve come un fiore
    e spande intorno… note di violini.

    nonna Lea


  53. SYLVIO ( OTTAWA , Ontario , CANADA )

    GRAZIE NONNA LEA,
    per averci fatto entrare nella tua casa e averci fatto venire un po’ la nostalgia di ROMA…
    E’ con immenso piacere che mi congratulo con te e ti
    invio tanti cari saluti.
    Dal lontano CANADA’, con tutto il mio affetto, SILVIO.


  54. Gino Amoretti ( Lima , Perù )

    un carissimo saluto a nonna Lea dalla terra degli Incas.
    sono veramente molto lieto di conoscerla.
    cordiali saluti


  55. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    Per A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia
    29 Gennaio 2008 alle 3:54

    Hola, haz click en la flecha en la mitad del video y luego otro click en la flechita abajo a la izquierda. Espera que el video se “cargue” y depués se abre. Saludos mil, Gab


  56. Juliana Guelph On Canada

    SSSSSIIII ho aperto il video ma che sorpresa di vedere la Nonna Lea,mia ricordato mia sorella,ma che carina,Nonnina, e Si’ mi da tanda gioia nel vedere il video e conoscere la nostra cara Nonnina, Grazie moltissimo di averci fatto indrare nella vostra bellissima casetta. I fiori che ha ma li’ non c’e’ freddo?
    E molto brava Nonnina, e si vede che e’ una persona vivace e attiva a tutto, questo ci sprone anche a noi di non abandonarci mai,ma cercare sempre di essere attivi nella vita che fa molto bene alla salute.
    io non ho conosciuto nessuna Nonnina ero troppo picola per ricordarle, pero’ penso che sarebbe stato molto bello di avere la Nonnina in casa propria. gli auguro una lunga e felice vita. Un bacione alla Nonna Lea e a Francesca che ha avuto questa meravigliosa sorpresa per tutti noi saluto a tutti J.D.


  57. Francesca verde ( Melbourne , Australia )

    Francesca ancora una volta miai dato una grant’emzione, facentici vedere Nonna Lea, ma e fantastica beata lei. Nonna Lea, cotinua sempre a scrivere poesie una cosa belelisima, sei moto cara quanto dici che, Francesca e come tua nipote ti dico che sei una nonna fortunata, di averla vicino poterla abraciare, tutto questo a me manca perche come Francesca non esistono al monto,un saluto di cuore a nonna e nipote,da Francesca Melbourne Australia


  58. Umberto Virgillo

    Ciao Francesca,non ti fermi mai con le belle sorprese,sei proprio una”, Napoletana doc” nonna Lea e’ una vera “Romana de Roma”,siete veramente una coppia imprevedibile ed imbattibile,nonna Lea e’ come il buon vino piu’ invecchia ed piu’ si gusta, peccato che il suo computer e’ molto lento,io direi che piu’ del cumputer,forse la mente della nonna e’ velocissimo, comunque vorrei fare un appello a tutti quelli che seguiamo il blog di Francesca,cioe’ vorrei proporre di farci una bella sorpresa a nonna Lea,comprandole un computer nuovo,cio’ sarebbe un piccolo gesto di gratitudine , io offro 200 dollari,spero che possiamo realizzare questa bella sorpresa a questa dolcissima donna cosi’ piena di energia ed idea, nel dir questo non vorrei offendere a nonna Lea,bensi’ e’ soltanto un piccolo segno di riconoscimendo per il suo contributo,quidni spero che il mio appello sara’ preso in considerazione dai lettori,cosi’ nonna Lea dopo che avra’ un nuovo computer,non avra’ nessun motivo a rallentare la sua attivita’ poetica e letteraria.
    Cara Francesca, io conto di essere a Roma nei primi di giugno,ti prego cortesemente di informare a nonna Lea che il nostro incontro e’ imperativo,leggere le sue poesia e’ trasparente lo stile D”annunziano, stile molto fluido colmo di semtinenti,facendo commuovere a cinque legge le sue poesie, io personalmente ho una profonda ammirazione per lei personalmente ed anche per tutto cio’ che verga sulla carta o per via telematica,voglia il gran Dio proteggerla , affinche’ possiamo ancora per molti anni leggere ed ammirare la sua vena poetica.
    Concludo cara Francesca, pregandoti di dare a nonna Lea i miei piu’ calorosi saluti ed sentimenti,grazie ancora una volta di aver introdotto a tutti noi questa meravigliosa donna cosi’ vibrante.
    Un immenso grazie a te cara Francesca, chiedendoti “Comme facette mammeta”,ti saluto con quel affetto a te noto, oggi piu’ di sempre, credimi uno dei tuoi ammiratori.
    Cordialmente.
    Umberto Virgillo


  59. Umberto Virgillo

    Chiedo scuse ed ommissioni, mi son dimenticato di precisare da dove scrivo.
    Umberto Virgillo
    Minneapolis Minnesota. U.S.A.


  60. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissimi, stanotte ho deciso di farvi compagnia fino a che non giungerà il nuovo giorno che è atteso anche come portatore di notizie politiche nuove e, speriamo, soddisfacenti cosicché queste siano ore di vigilia per questo speciale evento.
    sarebbe mio desiderio rispondere esaurientemente ad ogni domanda che mi ponete, ma sarà un pò difficile così penso che la miglior cosa sarà quella di riassumere brevemente ciò che interesserà un pò tutti. inizio col dire a quanti non sono riusciti a vedere il video di riconnettersi alla prima pagina di Prontofrancesca dove ci sono le Istruzioni per l’uso. poi confermo che questo blog è stato creato per gli Italiani all’estero e per quanti sono interessati alle loro questioni, ( io ci sono entrata perché da qualche anno corrispondo con i nostri connazionali che mi hanno conosciuto tramite Francesca.
    per chi lo ha chiesto: queste sono le mie date. quella di nascita: 11 novembre 1919 e di onomastico 22 di marzo.un particolare saluto alla terra degli Incas la cui storia e cultura mi ha sempre affascinata.
    a Mena concederò di buon grado l’intervista in quanto anch’io appassionata di Radio e per essere stata regista e conduttrice di qualche programma radiofonico
    specialmente dedicato ai bambini,al tempo delle prime trasmissioni a modulazione di frequenza.
    saluto tutti coloro che mi hanno inviato commenti e che la giornata che sta sorgendo, rechi le notizie positive che tutti ci attendiamo affinché l’Italia
    possa riprendere un percorso in salita.


  61. Carlos Castiglione ( San Paolo , Brasile )

    Ciao amici,
    NON SAPETE L’ULTIMA NOTIZIA, ANZI GLI ULTIMISSIME:
    Francesca diventerà nostra bravissima rappresentante con la sua candidatura alle prossime elezione e questo blog cambierá nome; Questo blog sarà chiamato PRONTONONNALEA.IT hehehe…
    Scherzi a parte, cosa dire di Nonna Lea???
    Com’è brava Nonna Lea… Semplicemete meravigliosa…
    Certamente un esempio per tutti noi…
    Grazie Francesca per questo regalo.
    A presto.


  62. maria r guerra;(norridge,ill U.S.A)

    Ciao Francesca:
    E ciao Nonna Lea. Vi dico che questa sorprea
    e’ stata ben gradita, dopo aver letto tutte le
    poesie ed i commenti che Nonna Lea ha scritto per noi nel blog penso, che era arrivato il momento di farla
    conoscere, anche se’ io ti dico che gia lo vista a sportelloitalia,e gia’ allora rimasi colpita dalla sua,frizzante personalita’,ed ora apprezzando la sua grandioosa saggezza, perche’ e’ cosi’, io la vedo una persona,capace di ispirare altre persone a diventare piu’ dolci, e migliori,e penso che sulla terra ci vorrebbero molte altre di Nonne come lei
    Nonna Lea ,le faccio i migliori auguri, per ancora cento anni,e cosi’ che si dice dalle nostre parti,
    anche qui,io con persone pui grandi di me’ uso questo augurio.Ed ora:Francesca e Nonna Lea buona notte e ciao a tutti …………………..
    maria r guerra


  63. PIERO LUCENTE ( WINDSOR,ONT. , CANADA )

    CIAO FRANCESCA;
    CIAO BELLISSIMA NONNA LEA, FAMMI DIRE CHE SENTIRE PARLARE ROMANESCO LA MIA MENTE E VOLATA SUBITO NELLA
    MIA INFANZIA, RIPRTANDOMI INDIETRO AI MIEI GIOVANNI ANNI
    QUANDO INIZIAI AD ANDARE A IMPARARE LA PROFESSIONE
    CHE TUTTORA FACCIO,(CIOE’IL SARTO)DALL’ETA’ DI (6) ANNI,
    IL MIO PAESE NATIO E SAN GIOVANNI IN FIORE PROVINCIA DI
    COSENZA (DALLA BELLA SILA)INIZAI LA CARRIERA DI SARTO
    AL MIO PAESE FINO A SEDICI ANNI E MEZZO,E POSSO DIRE
    ORGOGLIOSAMENTE CHE IN DIECI ANNI HO’ IMPARATO L’ARTE
    NEL CAMPO SARTORIALE SIA NEL TAGLIO, E NELLA CONFEZIONATURA, FINCHE POI NON PARTII PER IL CANADA.
    RITORNANDO A QUEL CHE’HO DETTO ALL’INIZIO RIGUARDO
    LA BELLISSIMA LINGUA ROMANA,IL CHE’RAPPRESENTAVA MOLTO
    IN QUEI MIEI GIOVANI ANNI IN SARTORIA,PERCHE IL MIO
    PRINCIPALE AVEVA VISSUTO A ROMA PER 36 ANNI,E QUANDO
    E RITORNATO AL PAESE IN CALABRIA AVEVA 58 ANNI E GRAZIE
    A LUI CON IL SUO GRANDE CARISMA NEL PARLARE ROMANESCO,
    NON SOLO IMPARAI L’ARTE,MA IMPARAI ANCHE A PARLARE
    LA MERAVIGLIOSA LINGUA ROMANA CHE AMO TANTO.
    IL MIO PRINCIPALE SI CHIAMAVA CARLO ADAMO,MOLTO CONOSCIUTO A ROMA NEI SUOI ANNI VISSUTI; IL CHE VESTIVA
    TANTA GENTE DI FAMA.
    VORREI ANCHE DIRE CHE QUANDO PARTI’ PER IL CANADA
    M’A FATO UN BELLISSIMO REGALO, UN LIBRO DI POESIE
    ROMANESCHE DI MARIO CENTI,”QUATTRO PASSI PE’ ROMA”
    CHE CONSERVO ANCORA,E’ CHE AMO MOLTISSIMO.

    NONNA LE’.. GRAZIE, GRAZIE PE’ MA’VE FATTO RITORNA’
    UN PO’ DE ROMA.
    TE SALUTO.
    PIERO


  64. Carla ( BALI , INDONESIA ASIA )

    Ciao Francesca.CARRAMBA CHE SORPRESA!!!!!!NonnaLEA in video! Che bello!
    Pensa nonna Lea che leggendo le tue poesie avevo una visione che ,guarda caso corrisponde alla realta’,ma solo fisicamente.Quando ti ho sentita anche parlare
    allora la mia immaginazione si e’ allontanata di molto.Parli come una ragazza,
    pronta,veloce anche troppo,pensa che ho rivisto il video piu’ volte perche’ ogni tanto mi perdevo nel sottofondo musicale di Gabriella FERRI,un mito.,percio’ perdevo le tue parole che scivolano via con tanta facilita’.
    Ti ammiro tantissimo forse perche’ a me manca la parola facile perche’ soffro di
    “pigrizia acuta” e poi qui non parlo mai se non con mio marito che a sua volta
    non si sforza granche’ tutto preso dai suoi passatempi telematici.
    Continua a scrivere poesie perche’trasmettono a tutti noi tanta verita’ e freschezza allo stesso tempo.
    Sono veramente felice di avere fatto la tua conoscenza”di persona” e ringrazio ancora la nostra Francesca che sa sempre cogliere l’attimo…..
    Un abbraccio davvero di cuore
    CARLA


  65. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Buongiorno , sperando che sia veramente un buon giorno per tutti. che debbo dirvi? i vostri commenti senbrano preparati da un regista segreto affinché io trovi una risposta appropriata. basta che io consideri ciò che scrive uno soltanto di voi per scatenare vecchi ricordi.in questo caso è prorio il caso di dire che la risposta è su misura dato che rispondo a Piero Lucente che è grande sarto e le sue misure debbono essere sempre precise e perfette.
    mi accingo subito a spiegare le mie parole alquanto sibilline e ciò che racconterò è tutta verità.
    dovete sapere che anch’io ho avuto nella mia famiglia dei grandi sarti e può darsi anche che proprio Piero che è di origine romane, abbia conosciuto mio zio nato nel 1911 il cui nome era Riccardo Ralli e che ha svolto la sua attività nell’ambito di grandi sartorie in qualità di primo tagliatore e capo confezionatore per uomo e per donna, oltre ad avere una clientela privata insieme s suo padre e suo nonno in prossimità del Corso Umberto. egli svolse la sua lunga attività nell’importante negozio Zingone alla Maddalena e poi nei Grandi Magazzini dell’Urbe a Piazza Venezia dove lavorò fino a tarda età..
    ricordo che da bambina il mio divertimento era di fare i vestiti alle mie bambole con le pezze di stoffa dei “campionari” del nonno.
    per questo anche a me è sempre piaciuto cucire e fare da sola i miei propri modelli.
    adesso però non voglio trascurare tutti gli altri cari commentatori che mi hanno rivolto espressioni affettuose che hanno commosso il mio cuore. grazie a tutti.


  66. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Caro Piero, nella infatuazione di risponderti ho fatto un pò di confusione e ti chiedo scusa giacché non sei tu che potresati aver consociuto mio zio , ma il tuo principale che è vissuto a Roma per tanti anni.
    comunque spero che avrai gradita la storia che ho raccontata e che voleva essere un apprezzamento per il lavoro di sartoria.ciao


  67. Mirella ( Buenos Aires , Argentina )

    Carissima nonna Lea, só nata 66 anni fa de fronte alla Stazione Termini, vicino alla Chiesa der Sacro Core, in Via Marsala 96. Eravamo i portieri dell´edificio, e te posso garantí che la vita nostra allora era pura fatica, altro che i portieri d´adesso!! Só cresciuta vedendo nonna pulí scalino pé scalino de marmo có la polvere e poi sciacquá e io appresso ad asciugá ogni gradino, te parlo de 5 piani senza ascensore he! Lucidá col Sidol tutti i bronzi, le maniglie der portone sulla strada, grande ed imponente come l´entrata tutta in marmo con due leoni agli angoli e poi me mettevano dopo scquola en guardiola, mentre facevo i compiti dovevo stá lí a vedé chi entrava e chi usciva, mentre nonna e mamma su alla nostra casetta all´ultimo piano, in terazza, lavavano pure un sacco de panni pé racimolá un pó piú de soldini!! E nonno e papá , dopo lavoro, aiutavano a pitturá, portá valigie, aiutá traslochi, ecc. ecc.
    He sí, prima se faticava a fá i portieri, e ce consideravamo fortunati, pensa adesso!!
    Bacione carissima, ha..mamma mia ( 87 anni) dice se la sai la ricetta della porchetta.
    Sei incredibilmente bella, alla prossima e grazie mille, te vojio tanto bene!!!


  68. ilena ( Guanare , Venezuela )

    Cara Francesca,
    che bella sorpresa stamattina aprire il tuo blog e trovare questo straordinario argomento..!!!Che bella lezione di vita…amica!..soprattutto dove oggi la famiglia ha perso la sua struttura tradizionale, vediamo che la società ha imparato a produrre cambiamenti sempre più rapidi, anche radicali…..per cui l’uomo comune ha perso totalmente il controllo delle scelte che vengono preparate e decise in oscuri “antri” chissà dove,e in questa continua incertezza, le persone non “più giovane”, contano sempre meno, sono sempre più emarginate (questo pero non è il caso di Nonna Lea).Grazie, francesca, per la tua sensibilità conosciuta e riconosciuta dagli italiani sparsi nel mondo.
    Cara nonna Lea, inanzitutto ho un’emozione immensa vederti nel video…entrare nella tua casa (perdonami se ti do del tu)nel tuo picclo e grande mondo….raccontarci la storia delle tue piante e…poi mostrarci quel pezzettino di Roma città eterna…che tanto amo!!!! Complimenti e grazie per le tue straordinarie poesie. A proposito se permetti vorrei fare una richiesta: hai delle poesie per bambini? Sai insegno l’italiano ai bambini e decisamente le poesie le imparano in modo veloce e poi …con il tempo non le dimenticano!!! Bene, Nonna Lea ti auguro dal profondo del mio cuore, una lunga e serena vita. Un bacione a te e a Francesca…


  69. Lea Mina Ralli

    Cara Ilena anche perte una risposta diretta che ti do con piacere poiché, fin da bambina raccontavo favole e parodie di canzoncine, alla mia sorellina per farla addormentare e alle nostre compagnucce quando si raccoglievano attorno a me sulla terrazza di quel villino che avete visto nel video .
    perché il mio sogno era di fare ” la maestra giardiniera ” come si chiamava allora la maestra della scuola materna. quando poi divenni madre collaboravo con le maestrine dem miei bimbi inviando spesso a scuola le poesie,le favole e i piccoli quadretti dove applicavo dei collage in panno lenci. ora a te dico di aprire qun altro mio sito http://learacconta.interfree.it dove troverai tutti i miei libri in prosa e poesia e troverai qualcosa che ti potrà interessare.
    aggiungo la battuta di mia madre dopo la nascita dei miei figli: vedi che sei riuscita a farla la maestra giardiniera, ma coi tuoi bambini.
    (tre maschi e una femmina).


  70. Sabino da Roma ( roma )

    Cara Francesca,
    grazie per il bellissimo servizio su Nonna Lea. Non vorrei essere ripetitivo per tutti i commenti positivi, gli apprezzamenti e le parole di affetto che le sono giunti da tutte le parti del mondo.
    Io vivo a Roma e Nonna Lea, da me immediatamente adottata, la sento ora più che mai molto vicina.
    Sento il suo profumo e le dolci note di violino dell’ultima sua meravigliosa poesia, di cui mi permetto riportare l’ultima strofa:

    “Ed ogni fiore reca il “suo” profumo
    e la “sua” propria musica… divina.
    ch’ogni poesia s’evolve come un fiore
    e spande intorno… note di violini”

    Questa è vera musica! Nonna Lea, facci sempre sognare.
    Auguri di lunga e serena vita, cura la cardiopatia (malattia che mi accomuna), a ciò incoraggiata da migliaia di “nipoti” che ti sono vicini e che ti abbracciano con tanto affetto.


  71. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Nonna Lea,un buongiorno da Toronto Canada. Qui sono le ore otto di mattina, ed ho pensato di darvi il buongiorno. Ho visto la sua bella casa con il balcone pieno di fiori, come l`aveva mia madre ai suoi tempi.io sono Francesco, ed sono condento d“averla conosciuta, anzi d`averla vista, Le mando tantissimi saluti, ed auguri per sempre. Un saluto anche ha Francesca, ed ha risentirci. Ciao Francesca.


  72. Lino da Phuket

    Ernesto non ti illudere ne cambieranno le musiche e nemmeno i musicisti,saranno piu tenaci di Andreotti per tenere quelle poltrone.rio mi rassegno.
    dopo tutti questi commenti ora devo andare in un iternet point per vedere il video


  73. Chiara, USA ( Pittsburgh , USA )

    Care Francesca e Lea, e’ stato bello conoscere Lea che e’ una persona straordinaria. E che bell’appartamento: non e’ affatto modesto perche’ la vista che godi dalla terrazza vale , per me, tantissimo! Che nostalgia dei bei tramonti romani.. ( Ho vissuto 20 anni a Roma, anche se sono toscana) Ed i miei nonni vivevano a Roma , dove venivamo spesso a trovarli dalla Toscana. Ricordo che , qualche volta ,andavamo da Zingone alla Maddalena a fare compere; quindi , in un cero senso, siamo conoscenti.

    Comunque, la tua bella intervista, nonna Lea, mi ha confermato quello che penso da sempre : che il futuro non appartiene solo ai giovani, ma anche e soprattutto alle persone che, anagraficamente , non lo sono piu’. Siete voi la speranza del mondo ( e sper di esserlo un po’ anche io perche’ non mi discosto di troppo dall’eta’ di nonna Lea e sono anche io da poco nonna).


  74. Chiara, USA ( Pittsburgh , USA )

    Vorrei sapere da nonna Lea se posso utilizzare qualcuno dei suoi racconti nelle classi dove insegno italiano : sono deliziosi ed il linguaggio e’ semplice , senza essere banale. Ovviamente, menzionero’ il suo nome.


  75. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissimi nel ringraziarvi per le vostre affettuosità
    perché adesso abbiamo stabilito che siete tutti miei nipoti, vorrei dare qualche altra risposta, scusandomi se qualcuno non verrà nominato . in questo caso vi chiedo di scusarmi perché sarà successo involontariamente giacché ogni vostra parola e gentilezza , resterà scolpita nel mio cuore.
    A Stefano: consiglio di non stabilire date e di non mettere limiti alla provvidenza poiché mio padre non avrebbe mai pensato di vedermi sposa a 17 anni . però così è stato e avevo appena compiuti i 18 quando i miei genitori divennero nonni felici e premurosi..
    A Enrico dico che anch’io non apprezzo le canzoni moderne che non hanno più la melodia adesso è tutta un’altra musica..
    A Rosa : che mi chiede se ho segreti per mantenere la pelle liscia , rispondo che non ci sono segreti giacché la mia pelle ama respirare e i miei pori rifiutano qualsiasi tipo di crema o belletto. come
    accadeva a mia madre e mia nonna che hanno avuto una pelle uguale alla mia.
    invece alla romanissima Mirella dico che puro io jé vojo bene e jé manno la
    la ricetta della porchetta che desidera la mamma e che è facile trovare nelle piazze dei Castelli Romani e non solo:-

    Il maiale scelto deve essere di piccola o media dimensione,tolte le zampe , viene disossato e poi bene
    imbottito con le interiora sminuzzate ( di fegato, cuore e polmoni insaporite con pepe, aglio, sale e finocchio selvatico)e vi si possono aggiungere altre erbe odorose a piacere .
    La cottura più adatta dovrebbe essere nel forno di legna che permette alla cotenna di abbrustolirsi per bene, e buon appetito.

    Carlos, anch’io dico ; “scherzi a parte”! perché Francesca segue costantemente tutte le cose serie e amene che ci scambiamo e, talvolta si farà pure delle matte risate, ma state tranquilli che non si farà mai spodestare! ma neppure la sottoscritta vorrebbe farlo è solo lei che dirige questa nave…siatene certi!
    ciao a tutti e il seguito a poi


  76. Maria Rosa ( Luján , Argentina )

    Carissima Nonna Lea oggi appena mi sono alzata e prima di andare a lavorare nella Parrocchia sono andata in un internet per vedere il video, che bello e che BELLA che sei fuori e DENTRO, sai che io penso che sei tanto felice, come io!!!! che ho tre maschi, due sposati e quattro nipotine da 10 anni a 2 mesi, io ho tutta la famiglia del mio papa a GALLARATE, non ho nessuno vicino, con chi parlare italiano, per questo mi fa tanto piacere questo blog, io la mia vera nonnna on la ho conosciuto perche é morta quando il papa aveva due mesi, ma dopo nonno Beniamino sposó la migliore amica della madre, nonna Maria, che ha portato avanti la famiglia, erano due fratelli e una sorella, dopo il nonno vino in Argentina, e Nonna Maria nel anno l956 arrivó a Buenos Aires per vedere al suo caro Rino e alla famiglia che aveva formato, non sai come ricordo il giorno che siamo andati al porto per aspettare la nonna, che mi aveva portato un ombrello bellisimo, ma dopo due mesi e ritornata in Italia,…. ma adesso tu sei la mia nonna, ti do tanti tanti baci Nonna Lea, ti voglio bene


  77. maria rosaria martinellida Brooklyn, N.Y. ( Brooklyn,N.Y. )

    Cara nonna Lea, posso chiamarla cosi’ vero? Lei mi ricorda tanto la mia mamma che vive in un piccolo paese in provincia di Bari.Nonna Lea, lei e’ una donna formidabile dove la trova tutta questa grinta? Auguri per i suoi splendidi anni li porta davvero molto bene,pensi che i miei genitori hanno la sua stessa eta’ e purtroppo gli anni sono a sfavore,domani il mio papa’ compie la bellezza di 93 anni, vogliamo augurargli un Sereno Compleanno? Le mando nonna Lea un affettuoso abbraccio da un’altra acquisita nipotina. Baci Maria Rosaria


  78. Domenico Muccio ( Melville Melville N.Y. Long Island. , U.S.A. )

    Cara Francesca, permettimi per un momento di tornare bambino e di voltare indietro lo sguardo dai cumuli d’immondizia nelle comunita’ campane, dal poco esaltante modo di fare politica in Italia, dall’osceno spettacolo delle risse nelle aule parlamentari…ecc. per recitare (e ad alta voce)un’innocente poesia imparata a memoria e non piu’ dimenticata, quando la solerte maestrina delle elementari ci impartiva le prime lezioni di geografia. Eccola: O cari monti del mio paese/ valli ridenrti, pianure estese/ Lago di Garda Lago Maggiore/ d’Iseo, di Como, vi sogna il core/ Superbi fiumi che al mar correte/ e cento macchine liete movete/ Po serpeggiante, vago Ticino/ Adige Arno, Tever divino/ Metauro, Tronto, Volturno chiaro/ i nomi vostri con gioia imparo. Vorrei cantare tante canzoni/ o dall’Italia dolci regioni/ Piemonte, Veneto e Lombardia/ Liguria Emilia Toscana mia/ Le Marche e l’Umbria vorrei vedere,/ l’Abruzzo, il Lazio e le costiere/ Puglia, Calabria, Basilicata/ Sicilia bella terra incantata/ Sardegna bruna di la’ del mare/ oh vi potessi tutte ammirare./Verdi parsetti, citta’ gentili/ palazzi artistici, bei campanili/ statue superbe quadri, memorie/ d’eroi famosi d’antiche glorie/ io vo saluto con tutto il cuore/ e dell”Italia sento l’amore. Carissimi saluti a tutti! Ciao Francesca! Dom Muccio.


  79. Enrico Montelli

    Cara Nonna Lea,
    grazie per la righetta che mi hai rivolto e mi fa piacere sapere che non sono il solo a non apprezzare le attuali caratteristiche della canzone italiana (?). All’ uopo mi permetto trascrivere un scritto che inviai al Corriere nel 2005 ma che, per quel che concerne anche l’ ultimo Festival di San Remo, è ancora valido. Solo cambiano i nomi ma le dissonanze sono le stesse.

    “Festival di San Remo.
    Da anni non ho piú assistito alle trasmissioni di questo Festival perché, per quel che hanno prodotto specialmente le ultime , ho sempre provato un senso di commiserazione (ed anche, come Italiano, di indignazione) nel constatare la sempre maggiore decadenza della musicalitá italiana, sia sul piano canoro che su quello della composizione. Quest’anno ho voluto fare una eccezione spinto dalla vaga speranza di poter constatare una svolta storica verso un miglioramento. Dopo la prima giornata non è che la mia opininone abbia cambiato molto ma ho fatto delle riflessioni che vorrei esporre sperando poter suscitare qualche polemica costruttiva.
    Innanzi tutto vorrei ricalcare che il Festival di San Remo è definito come il Festival della canzone Italiana e pertanto è la canzone che va premiata, sia per la sua musica, sia per le sue parole e sia anche per il suo tocco Italiano.

    D’altra parte , il cantante e la sua interpretazione hanno un ruolo molto importante per l’esito della canzone stessa, specialmente se interviene una giuría non tecnica come puó essere quella del pubblico generale. Perché non creare due premi, uno per la canzone ed uno per il cantante?

    Come puó una giuria (specialmente quella pubblica) non essere influenzata dall’ardore, dalla simpatia, dal fanatismo che potrebbe sentire verso un/una giovane cantante con rispetto ad un vetusto anche se rinomato interprete?”
    Ho terminato i caratteri disponibili.
    In un altro intervento completero’ il mio scritto e quindi il ragionamento.
    Cara monna Lea, abbiti i miei affettuosi saluti.


  80. Enrico Montelli ( Miami , USA )

    Carra Nonna Lea,
    ecco la fine del ragionamento precedente.


  81. Ana Mar'ia Argnani

    Cara Francesca:che gioia per tutti noi che frequentiamo il BLOG aver avuto la fortuna di conoscere la cara NONNA LEA! Veramente mi son sentita al posto tuo guardando Roma dal balcone fiorito di Lea.Gente come lei è quella che ci fa amare la vostra terra,appunto anche nostra perchè il sangue rimane in noi e rimarrà in nostri discendenti se siamo in grado di trasmettere quel sentimento così forte che proviamo.Un abbraccio a tutti i miei amici del blog.A presto,Anna


  82. Enrico Montelli

    Cara Nonna Lea,
    ecco la fine del mio ragionamento precedente:
    “Come puó una giuria (specialmente quella pubblica) non essere influenzata dall’ardore, dalla simpatia, dal fanatismo che potrebbe sentire verso un/una giovane cantante con rispetto ad un vetusto anche se rinomato interprete come lo è, ad esempio, il bravissimo ed ammirevolissimo Nicola Arigliano che cantò splendidamente, ma dentro i limiti della sua etá, Colpevole?
    Precisamente, secondo la mia modesta opinione dopo questa prima giornata , ed in virtú di quanto esposto, il merito assoluto per quanto ascoltato va alla canzone Colpevole perché rispecchia pienamente le tre condizioni di cui sopra, la quale canzone , se fosse stata cantata da una voce alla Emilio Pericoli o alla Perry Como, avrebbe senz’altro suscitato differenti emozioni e reazioni. Mi sembra che si dovrebbe far giustizia in questo senso sia verso un autore che verso un cantante”.


  83. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    carissima Chiara, sono lieta che i miei racconti per bambini ti siano piaciuti e puoi scegliere quelli che vuoi e così per le poesie però è bene citarne la fonte poiché io ho creato i miei siti proprio per rendere facilmente reperibili i miei libri a chi piacciono e seppure abbia superato l’esame Siae e mi sia isxcritta a tale Società fin dal 1977 come Autrice Letteraria, non ho mai percepito un Diritto d’Autore perché, dopo molte delusioni , non passo più per mano di Editori. e oltre che scriverli , dei miei libri creo da me stessa i menabò e le copertine .
    questo uno dei motivi per cui ho voluto imparare l’informatica. eppure sono anche iscritta al Sindacato Scrittori senza ricavarne nessun beneficio.persino la mia Parrocchia mi ha fatto la sorpresa di pubblicare sul proprio sito la mia foto e le mie poesie utilizzando quelle a soggetto religioso nelle lezioni di Catechismo.
    perciò scegli ciò che vuoi che mi farà piacere.io scrivo per il mondo e felici lezioni ai tuoi giovani.


  84. grillo parlante - brazil

    vola alto un uccello di acciaio con tanti cuori pulsanti
    ed uno solitario che forse sta facendo riposare i suoi battiti.
    il profumo di latte e un sorriso trattenuto mentre a terra un altro cuore arido e sconsolato ma pieno di vita e speranza….che senz’altro non sa battere cosi’ veloce.
    ma tutti sorridono perche c’e sempre una poesia ad intrattenrli.

    donna lea ….cosa ne pensi dell’amore dopo i 40 anni …per chi non si e’ mai innamorato veramente ….puo’ essere preso ancora in considerazione ?


  85. Giuseppe

    Cara nonna Lea ieri notte come se in un sogno queste parole “Urbi et Orbi” risuonavano nella mia testa. Ma nel dormi veglia non potevo abbinarle alla benidizione papale, ma una visione del panorama di Roma dal tuo balcone era la piu` chiara.
    Percio` credo che il sogno mi segnalava che le parole “Urbi et Orbi” hanno un significato specifico e vengo con la deduzione che e` una benedizione per tutti noi all’estero di avere voi, nonna Lea e Francesca dalla citta` eternal [Urbi], a darci l’abilita` di comunicare fra noi a tutto il mondo[Orbi].

    Non posso dire altro che GRAZIE per averci portato insieme.


  86. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Caro Enrico, proseguo lo scritto precedente che ho dedicato a Chiara per quanto riguarda le mie prose e le mie poesie per grandi e piccini , ma adesso mi è salita un pò d’amarezza e debbo dire altre cose. come si deduce dal precedente commento sono iscritta alla Siae come autrice letteraria da circa mezzo secolo e i miei lavori, anche sceneggiature di commedie, testi di canzoni e libri di storia ecc. sono tutti depositati alla stessa Siae .ebbene moltissimi anni orsono una cantante e suo marito, maestro di musica, hanno insistemente chiesto due miei testi di canzoni romane per musicarli e inserirli in due dischi a 33 giri . le canzoni furono musicate benissimo e pubblicate, ma io non ho mai raggiunto la minima quota dei diritti che mi sarebbero spettati perché la percentuale dovute ai parolieri in quell’epoca erano minime e bisognava arrivare a £ 25 che io non ho mai raggiunto. Eppure avevo contribuito al pagamento dell’orchestra che aveva composto la musica.come magra soddisfazione ho solo due esemplari dei due dischi in questione. così presi la decisione di fare da sola i miei libri e regalarli agli amici e da vari anni sono sui miei siti e chi vuole può scaricarli
    i poeti saranno sempre poveri poiché non sapranno mai districarsi fra ladroni e corruzione. per questo penso che pure le canzoni che vengono spinte adesso percorrono strade tortuose che le mettono in evidenza , mentre un tempo persino testi e musiche di anonimi riuscivano non solo ad affermarsi , ma pure a restare nella storia e nell’animo delle persone. ciao caro amico

    q dei mii uattro miei testi di canzoni romane per musicarli e inserirli nei loro long plain
    ebbene , dato che a quel tempo i diritti che spettavano al parolieri era una vera miseria , per raggiungere la minima quota di pagamneo non bastavano pochi brani


  87. Danila ( Jax , Florida )

    Ciao nonna Lea,

    non ho piu` chiamato nonna nessuno dal 23 Dicembre del 1985, devo dire che fa un certo effetto e tanti ricordi riafforano nella mente.

    Ho letto parte degli aforismi che hai pubblicato on line, questo mi e` piaciuto molto:

    “Se un problema ha più soluzioni
    non c’è bisogno di affannarsi a trovarle tutte, ne basta una”

    Danila


  88. Lea Mina Ralli ( Roma , IOtalia )

    Caro Grillo , io credo che in questi nostri tempi nessuna età possa precludere un cuore verso la scoperta di un vero amore, anzi proprio una età meno spensierata e più posata dovrebbe permettere una visione più reale e un giudizio più lungimirante dando quella capacità di capire se esistono affinità di pensiero e di sentimento fra due persone per poter sancire una unione sincera e duratura.
    scusami , ma io parlo di un amore sincero e altruista che pone alla base il bene deldue partner e questo
    non apparirà con il famoso colpo di fulmine che spesso brucia e acceca. quello che ci è dato di osservare in questa nostra società è il fatto che le unioni in giovane età si sfasciano rapidamente e le seconde unioni sono quelle che reggono al tempo e rendono sereni. ti basta il mio giudizio? non credo!!!


  89. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    INCANTAMENTO

    Amore che diventa incantamento
    amalgamando corpo e sentimento
    che fa battere il core senza scampo
    e rifuggire fa il ragionamento.
    riempie il mondo e nulla più si brama
    l’immagine adorata di chi s’ama,
    ogni ora sarà sì meravigliosa
    che la vita diviene color rosa.
    Trasforma ogni difetto in pia virtude
    senza capir che a volte ci s’illude
    perché mancano mete o fondamento,
    ma quando il dardo scocca e va a ferire
    è bello solo credere e sognare.
    Eppure amare vuole dir soffrire!
    Ne ci si chiede se a colmare i vuoti
    d’un anima sincera e innamorata
    saranno verità fatte d’amore
    oppure rimasugli di dolore.
    Si vive come in estasi gioendo
    perché l’amore da l’incantamento.


  90. Maria Rosa Caporossi ( Punta Alta , Argentina )

    Cara Nonna Lea:io sempre ho detto che “nonna” o “abuela”(in spagnolo) è una delle piu belle parolle che essisteno.Il rapporto tra nonni e nipoti è veramente speciale.Anch´io ho diventato nonna abbastanza giovane,giachè, ho 55 anni e mia nipotina maggiore complira ,a marzo,10 anni.Ho anche,un maschietto da 7 anni ,una bella e simpaticissima bimba da quasi 3 ,ed aspeto il quarto nipotino per il 28 marzo(…o forse sara come Francesca,il 29).Per me,loro sono come un premio…mi fanno godere veramente della vita,giocare piu da quando ero bambina,leggere delle belle storie(anche con “teatralizazione”);inventare continuamente diversi divertimenti…anche cucire molto..(adesso,come ho finito da cucire un vestito da sposa,sto preparando tutta la roba per la nascita del nuovo bambino)…e pure imparare questo mezzo.
    Da tutta la vita ho ammirato la grinta della donna italiana.Sempre ho imparato ,ed imparo ancora,della loro saggezza.Devo riconoscere che si ho “un pizzico” di brava o creativa ,sicuramente e venuto nelle goccie di sangue italiana che porto con orgoglio ed osservando il lavoro de Caterina e “doña” Assunta i miei amate vicine….ed ora di Lea Mina Ralli,un vero essempio per me.Un bacione!!!!!


  91. Umberto Malanga ( San Paolo , Brasile )

    Carìssima Nonna Lea,
    Un bel dì, dal mio nido, andai via,
    procurando nuovi e sconosciuti orizzonti,
    in luoghi distanti, al di là del mare.
    In un Paese meraviglioso. Natura prodiga.
    Temperatura ideale. Dodici mesi di sole!
    Un vero Continente. Un mosaico di razze.
    Lo incontrai. Là ho costruito la mia vita,
    una splendida famiglia. È la mia seconda Patria!
    O Patria, ama i tuoi figli, pur che essi poco meritano.
    È proprio là che, del tuo amore, necessitano!
    Cordiali saluti.


  92. Maria Rosa ( Luján , Argentina )

    Nonna Lea, che é per te la felicitá??????
    Grazie per il tuo INCANTAMENTO!!!!!!!


  93. Maria Rosa

    mi sono dimenticata per Doménico, molto bella la tua poesia!!!!!!!!!


  94. Enrico Montelli ( Miami , USA )

    Cara Nonna Lea,
    ho letto circa le tue vicissitudini (ed ingiustizie commesse) in merito ai testi di canzoni da te concepiti e mi dispiace. Mi sarebbe piaciuto sapere per lo meno i titoli di quelle canzoni. Chi lo sa se si potrebbero reperire?
    Nel frattempo, e sempre sul Festival di San Remo, aggiungo qualche altra linea:
    Il Festival di San Remo è definito come il Festival della Canzone Italiana e pertanto dovrebbe rispecchiare la caratteristica principale del nostro canto popolare che è la melodia ed invece anche lo scorso anno, seguendo la tendenza exterofila degli ultimi decenni, abbiamo assistito ad un comune show dove cantanti, la maggior parte senza voce, hanno strimpellato canzoni,la maggior parte senza un vera vena musicale.
    Le canzoni (?) che hanno vinto hanno il solo merito del profondo messaggio lanciato ma, da un punto di vista musicale non sono canzoni. Sono poesie. Io credo che quí risieda il grande equivoco del Festival di quest’anno (e forse anche degli ultimi anteriori) e che porta sempre più all’ allontamento del pubblico (specie quello internazionale) da tale manifestazione. Forse ci dovrebbero essere due Festivals: quello che esprima in musica e canto la canzone popolare Italiana e quello che esprima in poesia e qualche nota il sentimento popolare della vita nazionale.
    All’ estero, da un punto di vista melodico, ci ricordano sempre e solamente con ” O Sole mio” o con ” Volare”. Credo che sarà difficile trovare un tedesco od un danese (ma anche un italiano) cantare od anche fischiettare un motivo (?) come ” Pensa”.
    Come dicevo in un mio anteriore intervento: forse, tornando alle nostre origini potremo trovare il remo per salvare il sempre più naufragante Festival di San Remo.


  95. grillo parlante - brazil

    certo che no nonna lea !!!…non basta solo il tuo giudizio…..certo pero’ che volevo sentire il tuo pensiero…questo si ! :-)..e’ come essere passato a prendere un te …..o magari piu’ tardi un brodo di arzilla ….eheheh…..
    e poi sai quanti quarantenni single ci avranno pensato su sulle tue parole ……
    e non fare la notte in piedi che non ce ne’ bisogno…sei una donna modernissima e molto altruista.


  96. Marta Galzerano ( CHIVILCOY , ARGENTINA )

    Cara Francesca: Complimenti per la tua scelta del tema d’odierna!
    Carissima Nonna Lea:
    ti ringrazio della sensibilità, della semplicità e della cortesia…
    ti ringrazio delle emozioni que io vivevo mentre ho guardato e ho ascoltato il video, ricco di immagini della bella Roma;
    è un filmato che colpisce sia per i contenuti che per la personalità di chi lo ha fatto.
    Cordiali saluti a tutti gli amici del blog.


  97. Domenico Muccio ( Melville N.Y. Long Island , U.S.A. )

    Cara Francesca- il mio messaggio delle 17:24 l’ho inserito un po’ frettolosamente, prima ancora di aver subito l’mpatto della tua nuova sorpresa, del tuo nuovo “terremoto telematico” cioe’ la presentazione di NONNA LEA. Che grande persona questa nonnetta!! Tutti ci sentiamo tanto piu’ ricchi di averla conosciuta, grazie alla tua genialissima pensata Francesca. Io vorrei vedervi insieme su quel balcone pieno di fiori a recitare poesie dialettali che a me piacciono tanto. Tu recitereste quelle napoletane e NONNA LEA quelle romane. M vurria arricria’. Intanto auguroni di buona salute, che Iddio vi benedica. P.S.Con riferimento almio messaggio delle 17:24, sinoti un importante errore, cioe’ l’omissione involontaria del verso sulla Campania, che viene dopo lAbruzzo, il Lazio e le costiere/ Dalla Campania tutto un giardino/ ricca di frutti di grano e vino/. Strana coincidenza,all’inizio del messaggio avevo menzioneato i cumuli d’immondizia nelle localita’ campane per cui senza questa correzione poteva esserci un equivoco. Tutto chiarito, spero. Rinnovoi miei saluti in attesa di rileggerci presto.Dom Muccio


  98. Eddie Lanz ( Houston , Stati Uniti )

    Ciao Francesca sono eddie dagli Stati Uniti, Io non sono italiano ma certamente sono un amante di tutto quello ch’e italiano come il cibo, la cultura e naturalmente la musica italiana. Ho imparato l’Italiano
    quando ero bimbo in una scuola Italo-Venezolana. Mi piacerebbe se mi potessi rispondere L’email. Tutti i giorni guardavo sportello italia ma ho apena visto che non esiste piu. devo dirti che sei una vera e propria italiana. voglio dire questo per tutto quello che fai per i tuoi conazzionali. grazie mille

    arrivederci.

    Eddie Lanz


  99. Raffaele ( Ariano Irpino AV. )

    IMPORTANTE!!! Per Francesca e tutti gli Italiani nel mondo.
    Ciao francesca,consentimi di dividere in due parti questo commento.
    Esprimendo tutto il mio affetto per te. Il tuo blog mi piace, ma in via del tutto personale credo che non sarebbe male se alternassi le tue lettere a un video messaggio.Altrimenti finiro per rivedere tutte le tue puntate a sportello Italia. Condivido le tue scelte sulla politica e ti fanno cosi tanto amare dal publico, ma credo che sia anche il tuo tallone di Achille se visto da un’altra angolazione.
    Permettimi però di spendere due parole sul problema spazzatura.
    Qui mi rivolgo a tutti gli Italiani. Non tanto per ritornare su un argomento già trattato ma per riabilitare,se mai ce ne fosse bisogno, l’onestà,l’onorabilità e la civiltà dei miei concittadini. Ci hanno accusati di essere poco sensibili al problema e avere poco senso civico in una situazione di emergenza. Ebbene dovete sapere che Ariano Irpino ha dato il suo contributo per ben 10 anni,trasformando il suo territorio agricolo, dove un tempo non lontano su quelle terre si coltivava grano,in uno sversatoio a cielo aperto. Uno tra i più grandi d’Europa. Compromettendo le possibilità di crescita dell’intera irpinia, Nel 2004, dopo varie lotte si raggiungeva una tregua con false promesse e nel giugno del 2007 ci si chiedeva, anche allora per una situazione di emergenza,di fare uno sforzo ulteriore per altri 20 giorni, durante i quali lo sversatoio funzionava 24 ore su 24, dopodiche si sarebbe provveduto alla bonifica del territorio. Una legge dello stato, la N° 87, apparsa anche slla gazzetta ufficiale, appagava i nostri sforzi.
    Cari amici Italiani, dopo appena 6 mesi il commissario speciale Di Gennaro. scavalcando una legge dello stato, non solo fa marcia indietro ma accusa l’intera citadinanza di avere poco senso di responsabilità di fronte ad un emergenza.
    E’ o non è l’Italia uno stato di diritto?
    Siamo noi a non aver rispettato la legge? Saluti a tutti da Raffaele.


  100. grillo parlante - brazil ( xxxx , brazil )

    raffaele ..credo che tutti siano d’accordo che mai questo momento i cittadini campani stiano meritando il rispetto di tutti gli italiani per il vostro impegno civico ….solo dovresti aggiungere questo post in colonna all argomento trattato il 7 gennaio.

    abbracio


  101. Saverio ( Fountain Hills , Arizona USA )

    Cara Francesca
    Cari Lettori,mi rivolgo a tutti quelli che leggono i commenti su questo blog/forum,altrimenti lasciate correre.

    Qui c’e’ qualcosa che non va.Dopo l’appello di Umberto Virgillo dalla (
    (Twin City) Minneapolis Minnesota di fare un piccolo gesto di gratitudne a Nonna Lea per l’acquisto di un nuovo compiuter,(Virgilio aveva offerto $ 200 dollari).
    Sicuramente non avete notato,un mio commento piu sopra ne offrivo $ 50 dollari.
    Sono certo,che la maggior parte dei lettori di questo Blog/forum non legge i commenti,altrimenti non si spiega tutte queste orecchie da mercanti.
    Aggiungo,dopo il commento di Umberto;Nonna Lea ha intervenuto sul blog varie volte,neanche un accenno da parte sua di questa nostra iniziativa,forse questo gli e’ sfuggito.
    Forse e sfuggito a me e mi auguro che sia cosi.
    Comunque Cara Nonna Lea se Lei non ha gradito questa nostra iniziativa,personalmento mi scuso,e Le Auguro molte ore di interventi e lettura sul blog/forum di Francesca.
    Un Abbraccio.


  102. grillo parlante - brazil ( xxx , brazil )

    forse saverio e’ a te che sfugge che nei blog non si possono offrire soldi.
    devi anche pensare che magari la tua offerta e’ stata gradita ….ma non per questo meriti una risposta immediata ….abbi pazienza ….non avere fretta.


  103. ernesto ( USA )

    SAVERIO(FOUNTAI HILLS,ARIZONA USA)

    La signora LEA MINA RALLI ha gia’ spiegato che deve soltanto eliminare dal computer diversi documenti e il computer sara’ piu’ veloce.
    Inoltre,mi sia consentito,sono certo che ella che savolge diverse attivita’non abbia assolutamente alcun problema economico. E’ conosciutissima, fa parte di diverse organizzazioni,scrive per i giornali,pubblica libri; per cui soprassediamo a offerte di aiuti,please.
    Cordiali saluti, Ermesto.


  104. Saverio ( Fountain Hills , Arizona Usa )

    Caro Sig. Grillo
    Io non mi apettavo una risposta immediata come dice Lei,ma un piccolissimo accenno,nel bene o nel male.
    Lei dice: “magari”la tua offerta e’ stata gradita.E’ per questo che cercavo un accenno,(puo darsi “Magari” la nostra offerta/gratitudine non e’ stata gradita.
    Comunque;questo riconoscimento/gratitudine verso Nonna Lea, da parte mia e penso anche da parte di Umberto, sia stato un modo per ringraziare una persona di grande disponibilita e amore verso il prossimo.
    Saluti,
    Saverio


  105. maria mandarino ( toronto , canada )

    Ciao nonna Lea, sei grande,non vorrei ripetere le cose che`ormai anno detto tutti .Le tue poesie le aprezzo molto , o` ammirato il tuo balcone tutto pieno di fiori ,e` un sogno ? .la cosa che` mi a` colpito di piu , il tuo parlare svelto , si vede che sei una professionista ,che dire ..!tanda ammirazione , un abraccio maria….


  106. Lea Beraldo - São Paulo - Brasile

    Salve, carissima omonima Lea Mina Ralli!
    È stata una piacevole sorpresa sapere che Lei esiste e che, come Santa Lea, abita a Roma. Lei è meravigliosa e dignifica il nome Lea.
    Mille complimenti, Francesca, per questa “puntata”.
    Saluti da São Paulo, la più grande città italiana fuora Italia.
    Lea Beraldo


  107. augusta prina ( milltown nj , usa )

    QUESTA E’ UN’ALTRA NONNA CHE SCRIVE E INNANZI TUTTO COMPLIMENTI ALLA NONNA LEA PER LE SUE MOLTEPLICI ATTIVITA’. I MIEI NIPOTINI PURTROPPO SONO LONTANI ,LA BENEDETTA E’ IN ROMA E IL DAVID IN BOSTON MA GRAZIE AL TELFONO CI SENTIAMO QUASI OGNI GIORNO. FORTUNA VUOLE CHE I MIEI VIAGGI SONO FREQUENTI MA PENSO GIA’ AL GIORNO CHE DOVRO’ RINUNCIARE A QUESTA GRANDE GIOIA MA POI…. SARANNO LORO CHE RAGGIUNGERANNO NONNA TITTY. NIENTE VIENE FACILE E BOSOGNA ADATTARSI AI TEMPI D’OGGI ANCHE SE CON TANTO RAMMARICO. NON SONO RIUSCITA A VEDERE IL VIDEO DI NONNA LEA DI CUI SI E’ TANTO PARLATO MA NON MI ARRENDO PERCHE’ CERCHERO’ DI CHIEDERE AIUTO A CHI DI COMPUTER SE NE INTENDE PIU’ DI ME. IN RIFERIMENTO ALLA MUSICA DEI TEMPI D’OGGI IO PENSO CHE SIAMO NOI NON PIU’ PRONTI AD ACCETTARLA,RITENGO CHE CI SONO CANZONI BELLISSIME CANTATE DALLA PAUSINI E DALLA NANNINI CHE TROVO NON SOLO BELLE MA ANCHE DIFFICILI DA INTERPRETARE. MI CAPITA DI SOSTENERE QUESTA TESI CON AMICI CHE RIMPIANGONO I VECCHI RITORNELLI DI…..” PAPAVERE E PAPERE”. E NON TROVIAMO MAI UN ACCORDO. CONCLUDO CON UN AFFETTUOSO SALUTO PER TUTTI GLI AMICI DI BLOG,FRANCESCA E LA ORMAI FAMOSISSIMA NONNA LEA. NONNA TITTY AUGUSTA PRINA NJ USA


  108. Francesco da toronto ( TORONTO ON. , CANADA )

    Ciao Francesca, non sapevo che nel passato, presentavi dei programmi regionali, qui ha Toronto la rai internazionle, è venuta solo nel maggio del 2005. Io mi trovavo in Italia, quando sono tornato nel mese di luglio, ho trovato la rai int. Ed ne sono molto condento che ti ho conosciuta con il tuo bellissimo programma. SPORTELLO ITALIA, che ora con tanto dispiacere te l`anno tolto. Ora tramite di nonna Lea ho saputo che avevi già fatto programmi televisivi, prima dello sportello. Spero sempre che un giorno ti rivedrò di nuovo in TV. Ti saluto Francesco.


  109. Mirella ( Buenos Aires , Argentina )

    GRAZIE INFINITE CARA NONNA LEA!! MAMMA GIÁ STA CERCANNO ER MAIALINO ADATTO E LE HO MESSO BEN CHIARO TUTTO CUELLO CHE CE VÓ PÉ FÁ STA FAMOSA PORCHETTA!! JE PIACE MOLTO CUCINÁ, VA MATTA CON LA MOZZARELLA IN CARROZZA E I CARCIOFI ALLA ROMANA, MA SEMPRE DICE CHE QUA NUN C´É NIENTE DE BONO COME DA NOI, I CARCIOFIHANNO I PELI E LE SPINE, ANCHE I PRIMI BELLI ROTONDI, LA MOZZARELLA FA PIETÁ, QUELLO CHE QUI CHIAMANO MOZZARELLA DA NOI NON É ALTRO CHE STRACCHINO. ER PROSCIUTTO NUN SA DE NIENTE, LA MORTADELLA NEMMENO, MANCANO TUTTI I PRODOTTI E LE SPEZIE NOSTRANE, L´ERBE CON I PROFUMI DE ROMA NOSTRA QUI TE LI POI SCORDÁ CARA MIA!!
    PERÓ TE RINGRAZIA TANTISSIMO, E VEDREMO CO STÁ PORCHETTA CHE SCAPPA FORI!! MA LO SAI CHE NEMMENO SE VENDONO AL MERCATO I FIORI DE ZUCCA?? E PER GIUNTA LEI C´É SEMPRE ANDATA MATTA, POTRAI CAPÍ COME S´INCAVOLA , MALGRADO AD AGOSTO FA 88 ANNI GRAZIE A DIO, E SPERO CON TUTTO ER CORE CHE POSSA ARRIVÁ AI CENTO, ALLORA SÍ FAREMO UNA FESTA MEMORABILE E DOVRAI VENIRE ANCHE TU!!
    BACIONE GIGANTE, LA NOSTRA CASA É SEMPRE APERTA PÉ TE, T´ASPETTAMO NEL MOMENTO CHE TU VORRAI O POTRAI, GUARDA CHE A MAMMA L´HO PORTATA DUE ANNI FA A FÁ UN VIAGGETTO CON I SUOI 85 DE ALLORA, E ….M´HA SDERENATA, TE GIURO!!


  110. Maria Sciortino ( Naples Florida )

    Dopo tre giorni d,assenza, sono entrata nel nostro salotto …. che bella sorpresa conoscere Nonna Lea [grazie Francesca] Carissima signora Lea Lei e’ veramente una persona grande . Sia per la sua intelligenza, il suo buon cuore e la suaespressione sempre giovane. anzi giovanissima senbra una sessantenne , davvero . Ho aperto il video , ma purtroppo dopo alcuni minuti sie’ interrotto , domani provero’ ancora ,sperando di vederlo meglio. Grazie nonna Lea di tutte le belle poesie che ci ha dedicato . Tempo fa lei mi aveva chiesto se avevo le ricette del mio libro “Pinch’ of sicily in Italiano , quando ho publicato il libro erano in Inglese, adesso li ho quasi trdotti tutti in Italiano dunque sono felice di poterle mandare . Anche a qualcuno che desidera qualche ricetta Siciliana, sono felice d,accontentarla. Nonna Lea che Dio la benedica e la faccia campare 100 anni in buona salute, perche’ di persone come LEI il mondo ne ha tanto bisogno .. Grazie Francesca di averci fatto questo bel regalo . Ciao a tutti e un grosso bacione a Nonna Lea


  111. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    Per Saverio ( Fountain Hills , Arizona USA )
    30 Gennaio 2008 alle 1:08 . Effettivamente, si nota che non leggiamo TUTTI i commenti. “Sorvoliamo” cercando le frasi piú interessanti. Perció rinnovo la mia richiesta: quando vi dirigete a qualcuno, Vi preghiamo di mettere giorno e ora, cosí andremo a vedere a chi si riferisce il Vostro commento. Nonna Lea é rapidissima perché il suo commento si riferisce giusto a 2 o 3 persone piú sopra al suo ! Cari saluti a tutti gli “amici invisibili” (E la mia proposta di mettere una foto accanto al nome, Francesca ?)


  112. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    Nonna Lea… sono entrata nel suo sito (learacconta) e visto che ha pubblicato ben 14 libri. Ora é mezzanotte e vado a letto ma prometto andare a “frugare” fra le varie pubblicazioni in questi giorni! Complimenti vivissimi ! Gab


  113. Carla ( BALI , INDONESIA )

    Cara nonna LEA,
    ho seguito il blog a te dedicato e non ho perso una sola poesia e un solo tuo commento.Sei proprio brava e ben preparata anche se mi dispiace che tu non
    abbia avuto fortuna con gli editori.Volevo rivolgerti una domanda:conosci
    ALDA MERINI? A me piacciono molto anche le sue poesie nate da tante vicissitudini della sua travagliata vita.Ora ha avuto fortuna ,le sue opere vengono pubblicate con molto successo,e sai perche’?Perche’ ha avuto la fortuna di essere chiamata alla trasmissione di MAURIZIO COSTANZO che le ha fatto raccontare
    la sua storia.Vedi a volte la fortuna?
    Ti ammiro molto e continuero’ a seguirti
    CARLA


  114. Enrico Montelli ( Miami , USA )

    Per la Signora. Augusta Prima.
    Gentile Signora,
    una canzone fa presa quando è sulla bocca di tutti e perché? Perché ha una melodia orecchiabile e non ha bisogno di essere sbraitata che solamente alcuni potrebbero fare. Non rimpiango i vecchi ritornelli ma canzoni melodiche come Al Di la, il Mondo,Una lacrima sul viso,Zingara,I giorni dell’ arcobaleno,l’ Immensitá,la Lontananza, anzi tutto Modugno, ecc. ecc.,
    canzoni cioè che ancora tutti cantano o fischiettano. Ha mai sentito qualcuno cantare la canzone che ha vinto l’ ultimo Festival?Io credo che il 99% della gente neanche sappia quale sia stata.
    Il mio è un richiamo alla melodia puramente Italiana senza dover scimmiottare suoni a noi alieni altrimenti è come se condissimo una piatto di spaghetti con il ketch-up.


  115. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    miei carissimi estimatori, TUTTI, mi scuso con voi se ho dovuto prendermi qualche ora d’intervallo per dormire , ma ora cercherò di fare il punto con i generosi Saverio, Umberto. Ignazio a cui non ho risposto e chiedo umilmente scusa e così pure a tutti quelli che vorrebbero aiuarmi a velocizzare le mie scritturew. vi confesso che le vostre offerte mi hanno commosso fino alle lacrime, ma non ho voluto rispondere di proposito proprio perché io nom mi sento così importante da smuovere la vostra generosità. mi sembrerebbe di deufraudare quelli più bisognosi di me con tanta fame che c’è nel mondo. mi spiego meglio e denudo la mia anima di fronte a voi: non sono ricca perché sono una pensionata al minimo e se è vero che io scrivo assiduamente e giornalmente per alcuni giornali cartacei e on line , non ricevo né paghe né contributi da nessuno perché sono giornali di quartiere romani , riviste di volontariato, mensili culturali ecc. e sia chiaro che non mi sono mai proposta poiché tutti hanno cercato la mia collaborazone senza mai parlare di denaro, tanto che ho deciso di regalare al mondo la mia produzione perché non so vendere neppure uno dei miei libri che pure mi costano qualcosa per fari. proprio in questi giorni ho trovato per caso su Google che il mio primo libro di poesie romane del 1956, fa parte dei libri antichi e la tipografia dove fu pubblicato ne spedisce copia a pagamento a chi lo richiede. nel campo commerciale riconosco di essere una sprovveduta, forse perché parto dal fatto che per me scrivere è una necessità fisica e se per questo mezzo sono in grado di aiutare psicologicamente chi mi legge sono appagata. aiutavo nei temi pure le mie compagne di scuola!!! e so vivere dignitosamente, ma ma in modo molto modesto con lo stretto indispensabile. i miei ringraziamenti per la vostra generosità sono infiniti e mi ha colpito in modo molto commovente perchè il vostro gesto non lo hanno fatto neppure i miei figli. grazie, vi sono molto riconoscente.


  116. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    per sintetizzare il precedente scritto,incollo questa poesia che scrissi al termine del mio primo manoscritto che aveva , appunto una foderina di plastica. e non vi dico in prosa e in poesia che mi sono valse molte premiazioni , ma ZERO denari.

    agli indirizzi dei miei siti che qualcuno già conosce aggiungo anche quello di poesie romane, specialmente per quanti amano la poesia romanesca.

    http://www.angoloderoma.interfree.it

    LA FODERA DI PLASTICA

    La fodera di plastica incolore
    racchiude un diario il diario
    del mio cuore
    L’ho scritto con inchiostro
    rosso fuoco
    e l’ho sofferto tutto poco a poco.
    Ci son ricordi appunti date inezie
    ma date retta a me
    non son facezie.

    Dediche argute e punte di malizia
    motti d’amore e versi d’amicizia.
    Romane storie
    ed italiane glorie
    e d’ogni anima le piccole vittorie
    che io ho cantate sempre con amore
    per dar conforto
    all’altrui dolore.

    Lo dono al mondo ai posteri
    ai miei figli e sono paga
    se può dar consigli.


  117. Lea Mina Ralli

    Caro Enrico, mi hai chiesti i titoli delle mie due canzoni romane edite? la prima : NENA E NINA che fa parte del disco a 33 giri CON DIECI CANZONI cantate da Isapola che porta il titolo :Cento chitare.
    la seconda: BASTA UNA LACRIMA che fa parte del disco a 33 giri , con 10 canzoni cantato da Isapola col titolo Roma fichissima.
    questo secondo disco contiene pure una bellissima canzone: LA FOJA MORTA il cui testo è di mio figlio Fernando anche lui poeta e anche lui sfortunato come sua madre in quanto al lancio di canzoni.
    sempre depositato alla SIAE ti segnalo un altra mia canzone per bambini dal titolo : GIROTONDO SULLA LUNA che fu premiato al un Concorso di testi d’autore , ma che non fu accettato dallo ZECCHINO D’ORO perché presentato dalla sottoscritta invece che da una casa discografica con un deposito di £ 200.000 .

    dopo queste delusioni….mi dici tu se era il caso di continuare? anche perché mio marito era contrario alle mie esibizioni in pubblico e mi teneva quasi in clausura!!! con questo ti potrai spiegare molte altre cose della mia vita e del perché il mio rifugio è stata sempre la poesia. cari saluti.
    ti dico pure che le due canzoni cantate da Isapola in alcune radio private vengono ancora richieste ed inserite nelle cassette ricordo. inoltre alla Siae sezione OLAF oltre queste vi sono un centinaio di miei testi depositati INUTILMENTE.


  118. Carlotta ( Roma , Italia )

    Ciao Francescca,volevo fare i complimenti a te e (scusami!)sopratutto a NONNA LEA….strepitosa!!!!!
    Ciao
    Carlotta


  119. Maria Rosa ( Luján , Argentina )

    Nonna Lea grazie mille per aprire la sua vita a noi, lei é per noi……. la nonna piu bella del mondo!!!!
    tanti baci a tutti i miei amici nel mondo!!!!


  120. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissimi tutti, questo commento inizia con
    Domenico che con la filastrocca geografica mi ha ricordato gli antichi metodi per mandare a memoria alcune lezioni che si usavano al tempo della mia infanzia …che poi non si dimenticano più :Bravissimo!
    a Maria Sciortino dico: vorrei avere qualche tua ricetta che potrei pubblicare a tuo nome accanto a quelle di Rita di Melbourne sul giornale http:tempinostri.interfree.it
    Con Nonna Titti condivido l’amore per i nostri nipoti e pensa che io ne ho 12 + 12 pronipoti e con l’aiuto divino tutti sani, belli e intelligenti .
    a Gabriella, suggerisco di continuare a “frugare” fra i miei libri che troppi altri ne troverà…
    a Carla dico che conosco Alda Merini e le sue poesie e sono lieta della fortuna che ha avuto, ma riconosco che la conoscenza e l’interesse di Maurizio Costanzo le sono state utili, tanto più che la sta proponendo come premio Nobel auguri anche tenendo presente la sua storia. però ti suggerisco di leggere un’altra
    ” triste storia dal vero” nel mio romanzo: I tiranni le vittime i ribelli. (che si trova su Learacconta.it) poi ned potremo riparlare. ciao.

    più tardi vi racconto una bella storia mangereccia.


  121. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    Carissima Lea Mina Ralli,

    Quel “Mina” e’ parte del tuo nome o del tuo cognome?
    E’ giusto una mia curiosita’,(sono famosa per questo, Ernesto ne sa qualcosa) ma d’altra parte se non si e’ un po’ curiosi pero’ non sfacciati,non si impara niente nella vita.
    Te lo chiedo perche’ anche io ho un “Mina” ed e’ parte del cognome,dici di essere nata a Vicenza e molto tempo fa’ nel Veneto e Friuli data l’abbondanza di cognomi tutti uguali era uso aggiungere allo stesso un suffisso, un’altra parola, per distinguere il ceppo familiare. Per esempio nello stesso paese di mio padre ci sono ben 5 ceppi diversi di Roman. Cosi’ che esistono in un paese di poche anime diverse Claudia Roman (come se una non fosse piu’ che abbastanza!)ma si distinguono da Roman-Mina/Roman-Di Bon/Roman/Toso. Alcune sono cugine di terzo o piu’ grado. Interessante vero? Mando questo sito cosi’ tutti potete curiosare sul vostro cognome. E’ molto accurato.

    /http://www.cognomiitaliani.org/cognomi/cognomi0001v.htm

    Per quanto riguarda le tue canzoni e le tue poesie…be’ la tua storia dimostra ancora una volta che in Italia non si premia il merito ma la..mazzetta.
    Mio fratello quando aveva 4 anni partecipo’ alle preliminari per cantare allo Zecchino d’oro e vinse.
    SOLO che per andare avanti e partecipare al concorso avremmo dovuto PAGARE la lauta somma di…non lo seppi mai perche’ mia madre giro’ i tacchi mandando tutti quei ciarlatani (cosi’ li chiamo’) a quel paese.
    Cosi’ che quando alla TV si vedono quelle belle trasmissioni sul (perche’, non ci si spiega come mai)la fuga di tanti cervelli, io non recito proprio il rosario! Me lo spiego eccome, se me lo spiego.

    Per quanto riguarda il tuo computer,cosi’ rispondo anche a chi si chiedeva perche’ ce ne stavamo tutti in silenzio, io non ho OSATO offrire somme di denaro,sottolineo osato,non voluto.
    Temevo di offenderti in qualche modo ma se si decidesse in merito credimi io sarei la prima.

    CONTINUA


  122. Vincenzo Lettieri

    Fancesca Buon pomeriggio!
    scusami: sono centinaia di migliaia…
    grazie Vincenzo.


  123. luciana cianfarani ( troy, mi , usa )

    Carissima nonna Lea, dai tuoi e-mail ho capito che la tua vita non e` stata facile, forse da quelli che la guardavano da fuori sarai stata anche invidiata. Comunque, quello spirito indominabile che emani ti ha salvata per tutti quelli che hanno avuto opportunita` di conoscerti nel vero o virtualmente come noi e ti ha resa piu` forte fisicamente e anche spiritualmente. Penso che hai la capacita` di carpire subito i sentimenti degli altri e nel tuo modo di fare e scrivere apri gli occhi di tutti quelli che hanno contatto con te. Sei molto saggia, hai molte esperienze alle tue spalle belle e quelle brutte non te le sei fatte pesare. Continua la tua vita e quando puoi, dacci anche a noi un po` della tua saggezza. Grazie e un mondo di serenita`. luciana


  124. Claudia Roman

    Carissima Lea MIna Ralli

    Continuo e finisco dicendo che se potessi ti manderei mio figlio che e’ un “Geek Squad” (la banda dei secchioni).
    Altro non e’ che un gruppo di ragazzini “genietti” al computer. Sanno tutto, risolvono tutto.
    Li chiami e dietro modico compenso ti sistemano il computer. Qui e’ molto diffuso, anche perche’ tutti ma proprio tutti lo usano. Volenti o nolenti.
    Come al solito se qui negli States c’e’ una necessita’, nasce un business.
    Francesca…ho usato un termine inglese!
    Forza nonna Lea, sei tutti noi!
    Claudia


  125. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    http://www.cognomiitaliani.org

    Scusate, vi rimando il sito per i cognomi mi sa che prima ho sbagliato qualcosa.
    Vediamo se adesso funziona…


  126. ernesto ( USA )

    A CLAUDIA ROMAN (JACKSONVILLE,FL.USA)
    …..questo nome mi attira…..segreto fascino.

    SEI INTERESSATA AI COGNOMI,O A COSA ??
    FAMMI SAPERE, LO SONO ANCHE IO.
    CIAO,ERNESTO.


  127. Lino da phuket

    Claudia sono con te al 100%,


  128. alessia ( roma , italia )

    Complimenti a Francesca per la Sua professionalità…SEI BRAVISSIMA!! E complimenti alla mia adorata nonna Lea che è davvero una persona MERAVIGLIOSA. GRAZIE PER ESSERE.. SEMPLICEMENTE..ADORABILE!!
    Con infinito affetto
    Ale


  129. ernesto ( non mi ricordo...... )

    Cara Francesca e a Voi tutti…SALVE ! (che introduzione di lusso).

    Mi accorgo,affacciandomi alla imbiancata finestra, che il Sole,finalmente splendente su un desero di neve, si affaccia da dietro al monte che sovrasta il paese dove trascino la mia esistenza (ah…..Roma…Roma..caput mundi !) qualche minuto prima.
    E,guardando ad Ovest verso le montagne che annunciano piu’ lontano lo Stato del Nevada, realizzo,con un sospiro di sollievo, che esso tramonta qualche minuto piu’ tardi. Il che mi consola mentre mi sforzo di distrarre gli occhi da questo infinito mare bianco. Fa freddo…stanotte “meno 12” .
    La nostra Terra, la astronave che ci trasporta negli infiniti spazi del cosmo, con tutto il sistema solare, noi astonauti distratti pellegrini inconsapevoli, si muove velocemente lungo la sua orbita e si sposta in modo tale che i raggi della nostra Stella la colpiscano sempre un po’ piu ‘ a lungo, fino a quasi la fine di Giugno,dove comincera’ – ahime’ – la marcia indietro.
    In questo Paese, anche per trascorrere il tempo concessoci piu’allegramente e con meno depressione sarebbe necessario saper andare a cavallo e sciare d’inverno. Io…no.
    Cioe’, feci dei tentativi anni fa, poi, notando gli sguardi commiserevoli delle istruttrici,
    gia’….questo e’ il Paese delle donne, bionde Valchirie anglosassoni e teutoniche, capii che mi sarebbe stato piu’ dignitoso il rinunciarvi e cosi’ feci.
    E allora ? Ecco, adesso smetto, se mi lascio prendere un altro poco da questa storia,
    acchiappo il primo aereo e volo verso l’Urbe.
    Non posso…qui c’e’ la “Titti’ che come una passeretta non ha penne per il suo vesrire”.
    Cari saluti,
    Ernesto.


  130. Lea Mina Ralli

    .Questa è una ricetta molto popolare a Roma perché semplice e poco cosa .
    l’Arzilla o Razza, è ricoperta da una pelle simile a quella scura delle sogliole che va tolta prima di lavarla e metterla a lessare in acqua salata,con aggiunta di cipolla e aglio mezz’ora di bollitura e si scola . si lascia freddare in un piatto da portata e il brodo si filtra per potervi cuocere la minestra di bavettine spezzate che avrà per contorno l’arzilla irrorata di olio e succo di limone guarnita di ciuffetti di prezzemolo alternati a spicchi di limone.

    questo sonetto mi valse il terzo Premio al concorso del
    Comune di Roma nel 1999 ; Campifoglio d’argento che fu l’anno dedicato agli anziani.
    SONETTO AR LIMONE

    Ve porto ‘na ricetta sopraffina
    che pare fatta pé l’arta cucina
    e utilizza un pesce de staggione
    che s’acconnisce co’ojo e co’limone.

    Pijate ‘n’arzilletta già pulita
    lessatela nell’acqua ‘n po’ salata
    buttatece d’odori ‘na manciata
    poi la tirate su tutta scolata.

    Posatela ner piatto da portata
    cor sugo de limone ‘mbriacata
    e ricoperta d’erbetta sprofumata.

    Co’ spicchi de limone va guarnita
    e offritela così poi … all’affamati.
    Credeteme! … Sarete ringrazziati.

    ma c’è la storia che coinvolge pure Francesca è la seguente..

    Ci conoscevamo con Francesca già da qualche anno e quando seppe di questo sonetto premiato e
    apprezzato pure dall’attore Fiorenzo Fiorentini che a Campidoglio lo aveva recitato e mi aveva dato medaglia e diploma, ne fu incuriosita al punto di volerla assaggiare e mi chiese di cucinargliela..
    accettai di buon grado, ma dato che ero reduce da una brutta caduta ed ero impossibilitata ad andare al mercato, s’incaricò lei stessa dell’acquisto .
    ci accordammo in modo che lei potesse portarmi il pacco nella tarda mattinata dell’indomani così avrei avuto tutto il tempo di cucinare.
    difatti auando la sera venne trovò la tavola pronta


  131. Enrico Montelli

    Cara Nonna Lea,
    grazie per le notizie riguardanti le tue Canzoni. Sono andato su YouTube e non ho trovato niente ma ho trovato un video dove Salvatore Prattico declama il tuo ” Come nasce una poesia ” .
    Come vedi sei anche in YouTube. Complimenti.
    Enrico


  132. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    Ohhh Povero Ernesto,

    al freddo e al gelo, ha anche perso la memoria,(sara’ per quello che non ha ne’ cognome ne’ paese?) guarda malinconico verso Ovest……il Nevada?
    Ummm …Se sei dove dici di essere il Nevada dovrebbe essere a Sud e a ovest dovresti avere il Pacifico.
    NONNA LEA, mi sa che Ernesto ha bisogno di una delle tue poesie, che ne dici hai qualche ispirazione per il povero smemorato turbato dalle Valchirie?
    A proposito anche qui ci sono certe Valchirie…gli manca solo l’elmetto e lo scudo.
    Io quando le vedo scappo, avete presente come le presentavano nei libri di storia? Ecco appunto, sembrano degli armadi a quattro stagioni, tutte muscoli e con le trecce bionde.
    Capisco perche’ Ernesto non ha imparato a sciare….
    Speriamo che un caldo raggio di sole ti rinfranchi, stai subendo una trasformazione leopardiana.

    Sempre dal paese degli alligatori,
    Claudia


  133. Lea Mina Ralli ( rRoma , Italia )

    Cara Claudia ,la tua domanda si è scontrata con la mia sullo stesso argomento . giacché anch’io ho avuta la tua sessa curiosità di chiarire qualcosa del cognome Mina che per quanto mi riguarda è
    pti ringrazio per l’indirizzo che ci hai segnalato e che ho subito guardato. avrei proprio necessità della genialità di tuo figlio per il mio CP che non sarebbe vecchissimo, ma è intasato dalle troppe memorizzazioni che faccio. perché come dici bene tu: a chi è curioso di sapere , non bastano mai le notizie che si ricavano dalle ricerche e il disco rigido s’intasa.
    ma in fondo la spesa di un muovo computer non è eccessiva , ma p più a causa della pigrizia che certi acquisti si rima<ndano.
    spero di essermi spiegata con tutti voi così gentili e che nessuno si sia offeso. saluti a tutti con molta
    graditudine. ciao


  134. Salvatore Prattico ( Syracuse NY. USA )

    ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
    ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
    C’E` UN NUOVO VIDIO CON UNA POESIA DI NONNA LEA. PER VEDERLO, BASTA ANDARE SU “YUOTUBE” E CERCARE:”COME NASCE UNA POESIA” ,,,,,,,,,,,,,CARA NONNA LEA, MI SON PERMESSO DI FARE QUESTO VIDIO, PERCHE` LA POESIA E` MOLTO BELLA E MOLTO SIGNIFICATIVA, SE NON TI PIACE LO CANCELLEREMO SUBITO.

    Salvatore


  135. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Carissima Claudia, la spiegazione del mio secondo cognome è scomparsa e , quindi, ho dovuto ripeterla :
    Mina è il cognome da sposata .
    mi complimento con te per la tua tempestività nel commentare e nella tua precisione su ogni argomento e sono contenta di averti conosciuta sia pure virtualmente. buona serata e saluti.


  136. ernesto ( usa )

    CLAUDIA ROMAN, JACKSONVILLE,FL,USA

    SENTI…….SENTIMENTAMENTE…SEI LIBERA ??


  137. ernesto ( USA )

    ALLA SIGNORA LEA MINA RALLI.
    Gentilissima,
    tutte le sue morizzazioni, per quante siano, si possono trasferi su dischetti e liberare il compouter.
    Francesca dovrebbe essere maestra in questo, poi ha, mi pare, ottimi tecinici. Allora, lo faccia.
    Riverisco, Ernesto.


  138. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Caro Ernesto , seguo il consiglio di Claudia dedicando una poesia a Ernesto e invece della neve lo invito a guardare il Palatino …visto che invoca l’Urbe-

    SUR PALATINO

    Sur palatino fra ruderi e sassi

    vale la pena de fa’ quattro passi.

    da la terrazza che guarda Roma

    ce se respira ‘n’ aria più bòna.

    La flora classica sta solo a ‘sto sito

    e cresce da sola senza smòve un dito

    c’è la finocchietta ce sta er rosmarino

    e più vicino la mentuccia cor timo.

    Lo sguardo se spigne ancor più lontano

    che vede perfino lassù Montecavo.

    Sì poi quarchiduno conosce la Storia

    Assieme all’origgini …ce trova cicoria.

    Ritrova er “Solco” e la “Capanna”

    indo’ Romolo e Remo annaveno a nanna.

    Sur Palatino ce prese dimora

    ‘gni aristocratico importante d’allora.

    Fu Colle-In residenziale

    pieno de “Domuse” de tipo spesciale

    ch’ereno tutte assai pitturate

    e de marmi e stucchi disseminate.

    Funtane, arberi, capitelli

    e opere artistiche d’arti livelli.

    D’Apollo l’epoche e de Cibele

    ce so’ rimaste sortanto le stèle.

    Der dominio de Roma senza confini

    quì resta er profumo de prati e giardini.

    Lea Mina Ralli


  139. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    OH MAMMA MIA!!

    Mi sa che il freddo non fa bene ad Ernesto….
    Ernesto, sposatissima da 25 anni,pure felicemente.
    Continua a guardare verso ovest, la neve si sciogliera’ prima o poi e intanto consolati con la bella poesia che ti ha dedicato nonna Lea.
    Ciao


  140. Maria Sciortino ( Naples Florida )

    carissima Nonna Lea Sono felice di partecipare colle ricette Siciliane del mo libro “Pinch”of Sicily Incomincio con la quella piu’famosa ARANCINE SICILIANE” Si chiamano cosi’, dalla forma rotonda e dal colore arancio. INGREDIENTI: 500 gr riso, 6 cucchiai parmiggiano grattuggiato, 8 uova sbattuti, 2 cucchiai burro, 300 gr carne macinata, 300 gr salsiccia senza la pelle, 1/2 tazza farina, 2 tazze mollica di pane, 300 gr piselli , 2 latte di pomodoro per la salsa, 2 spicchid,aglio tritati, 1 litro d,olio vegetale per friggerli, sale e pepe a vostro gusto. In una larga casseruola bollire il riso fino che sia morbido, aggiungere il burro, e fare raffreddare, Preparate la salsa soffigendo l,agio, aggiungere il pure’ di pomororo e cucinarli 15 minuti, Soffriggere la carne macinata, la salsiccia, aggiungere i piselli e trasferire tutto nella salsa , un pizzico si sale e pepe ,fateli cuocere per almeo 20 minuti fino che sia molto densa . Nel riso metterci 4 cucchiai di salsa e mescolarlo fino che il riso si colora d,arancio. In un,altro piatto michiare la mollica col formaggio, In un,alto piatto sbattere le uova, Prendete un cuchiaio di riso mettetelo nel palmo della mano ,allargateloun po’ metteteci in mezzo un cucchiaio di carne e piselli con poco sugo , metteteci sopra un,altro cucciaio di riso e arrotolatelo come una palla, cercate di far restare la carne in mezzo. Arrotolate ne, passateli prima nell,uovo sbattuto poi nella farina e nella mollica. Metteteli in una teglia e fateli raffreddare un po’ , possibilmente in frigo. In una friggitrice riscaldate bene l,lio e friggete le arancine tutte immerse nell,olio caldo tre quattro per volta dipende la grandezza della friggitrice. Friggeteli per 6, o7 minuti fino che siano ben colorati. fateli raffreddare e mangiateli accompafnati con un bel bicchere di vino . Buon appetito


  141. Pino Amara ( Boston, Massachusetts , Stati Uniti )

    Cara Nonna Lea, voglio chiederti se Giovanna Ralli, attrice del cinema italiano,e’ tua parente.


  142. Claudia Roman ( Jacksonville , FL,USA )

    Maria Sciortino,

    hai per caso la ricetta delle Sarde a beccafico? Non so se si scrive cosi’, mia nonna le faceva sempre e se non sbaglio e’ un piatto siciliano.
    Gli arancini sono buonissimi.

    Grazie


  143. Lea Mina Ralli

    Cara Maria, ti ringrazio per o pinao


  144. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    Cara Maria , grazie per gli” Arancini” che fra qualche giorno troverai pubblicati su Tempinostri.interfree.it
    dove c’è anche una mia pagina di ricette di tutte le regioni d’Italia.

    a Pino, rispondo che pur non essendoci mai incontrate , con Giovanna Ralli siamo cugine perché i nostri nonni erano fratelli e mia sorella le rassomigliava molto e spesso veniva scambiata per lei seppure non fosse attrice, ma solo una brava pittrice dfi Roma Sparita.

    Salvatore,sappi che ancora non sono andata a cercare” Come nasce una poesia”, ma t’informo che molte mie poesie sono state convogliate in vari siti di Blog. ma non dalla sottoscritta e ti dirò che neppure mi dispiace perché significa che sono apprezzate da chi le invia e pure da chi le riceve. anzi grazie a tutti.

    per Mirella e altri romani che me le hanno chieste vi invierò qualche altra poesia in dialetto. ciao a tutti.


  145. anna -Sao Paulo/Brasile

    cARISSIMA NONNA lEA, TI PROMETTO CHE NON FARÒ NESSUNISSIMO COMMENTARIO O POLEMICA SU QUANTO, CASO POTESSI, MI DIRESTI, E PURE, SE NON TE LA SENTI DI DARE UN OPINIONE, LO CAPIRÒ. mA NON VOGLIO PERDERE L’OCCSIONE DI TENTARE AVERE LA TUA OPINIONE SU UN ARGOMENTO CHE MI SCOTTA MOLTO. SICCOME ANCHE TU HAI FIGLI E NIPOTI, PRONIPOTI, QUINDI ACCOMPAGNI LA VITA DI OGGI ED ANCHE GLI USI E COSTUMI(NON POSSIAMO CAMBIARE IL MONDO), VORREI SAPERE COSA NE PENSI DELLE TEORIE RIGIDE E SEVERE DELLA CHIESA, MORMENTE DELL’ATTUALE PAPA, CHE IO RISPETTO COME MERITA PER IL CARICO CHE HA, MA CHE MI PERMETTO DI NON ESSERE CAPACE DI BLOCCARE IL MIO CERVELLO.
    NON ENTRERÓ IN DETTAGLI, MA ALMENO NEI TEMI PRINCIPALI, PUOI DARCI N CONSIGLIO DA ZIA, DA NONNA, COME LO DARESTI AI TUOI CARI?GRAZIE.
    ANNA


  146. Giuseppe ( USA )

    Claudia ecco la ricetta delle sarde, l’ho trovata su “Ricettiamo”. Si chiamano al beccafico, perche’ l’uccello chiamato cosi` perche mangiando fichi e` considerato un buongustaio.

    Buon Appetito!!!

    Sarde alla beccafico da Catania Sicilia

    1 Kg di sarde fresche, 20 g di formaggio pecorino grattugiato, 2 uova, 2 spicchi d’aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, 10 g di pangrattato, olio d’oliva extravergine, sale e pepe

    Tagliate la testa alle sarde, apritele e levate la lisca, in modo che ogni sarda divenga piatta. Lavatele ed asciugatele con carta da cucina. Mescolate bene il formaggio, il pangrattato il prezzemolo e l’aglio ben tritati, il sale ed il pepe, infine aggiungete un uovo e rimescolate ancora. Prendete poi una sarda (aperta) stendetevi un po’ dell’impasto e sovrapponetevi un altra sarda (imbottite insomma due sarde con l’impasto). Passate sui bordi un po’ dell’altro uovo che avrete sbattuto a parte e procedete così fino alla fine. Mettete l’olio in una padella, quando sarà ben calda metteteci le sarde preparate rigirandole più volte. A cottura ultimata togliete dall’olio, mettetele in un vassoio, contornatele di spicchi di limone, spruzzatele di origano, servitele bene calde


  147. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    MARIA ROSARIA CON MOLTO PIACERE AUGURO UN FELICXE COMPLEANNO AL TUO CARO PER I SUOI 93 ANNI.

    NELLA STANZA DI MIO PADRE

    Una nuvola di fumo
    nella stanza di mio Padre
    ed in essa son diffusi
    i ricordi del passato.

    Lui fumando li raccoglie
    tutti quanti e li assapora
    dolcemente a ogni boccata
    aspirando soavemente.

    e rivede di ogni cosa
    tutto quello che ne ha avuto
    sia sofferto che goduto.

    Nel silenzio della stanza
    lui rivive antichi ardori.
    Nel miraggio si concreta

    la sua vita in qualche istante…
    Poi la nube di dissolve
    e ritorna nel presente.

    Lea Mina Ralli


  148. Carla Ciaffi ( Toms River N.J , U.S.A )

    Pronto Francesca.
    Cara nonna Lea ,non so’come ringraziare Francesca per questa opportunita che mi da ,poter parlare con lei .
    Anche io sono romana come lei e,vengo a Roma tutti gli anni per vedere mia madre e i miei fratelli ,due anni fa’ sono andata a Saxa Rubra dove ho conosciuto Francesca in persona ,la conoscevo soltanto attraverso Rai International, debbo dire che e ‘una ragazza dolcissima .Mi chiamo Carla Ciaffi vivo negli Stati Uniti da 38 anni con mio marito imiei figli e 5 nipoti ,stiamo bene ma la nostalgia di Roma e’ sempre molto grande.Tornero’ a Roma il 31 Marzo mi piacerebbe conoscere lei e rivedere Francesca che ha il mio numero di telefono .
    Posso cuntinuare ha chiamarla nonna Lea ?Mi auguro di si .Un salutone a lei a Francesca e a tutti i romani .
    Carla Ciaffi .


  149. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    MA COME MI DIVERTE QUESTO SALOTTO ! Peccato non ci si possa vedere… anche virtualmente. La corrispondenza di Ernesto é sempre simpatica e amena. Brava Nonna Lea con tutte queste poesie. Passeró questo “prontofrancesca” a dei romani che si divertiranno a leggerti. Ma ti vengono cosí facilmente ? Un personaggio qui in Venezuela, cantautore e di facile parole mi spiegava che, bastava sapere parole che facessero rima per metterle alla fine di ogni verso e… voilà la poesia. Non credo sia cosí facile, saremmo tutti poeti !!!
    Ernesto (19.55)… sei cosí solo da chiedere a Claudia se é libera sentimentalmente ? E mi piace che Claudia (21:24)risponde benissimo e con molto buon umore ! Abbracci a tutti, Gab


  150. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    PER Maria Sciortino ( Naples Florida ) 30 Gennaio 2008 alle 21:30
    Grazie della ricetta degli Arancini che a me piacciono enormemente. Sarebbero come i “Supplí di riso” ? Senti, per “mollica di pane” vuoi dire “pan grattato” come per fare le “milanesi” ? Grazie ancor, Gab


  151. Enrico ( Sydney , Australia )

    Carissima Francesca.
    Innanzitutto sono d’accordo al 100% sulla tua opinione riguardo ad un eventuale coinvolgimento in politica.

    L’indirizzo che stai dando a questo blog, sta incominciando a svilupparsi veramente come una iniziativa sempre piu’ coinvolgente per tutti noi.
    BRAVISSIMA!

    Carissima Nonna Lea.
    Non avevo sentito parlare di te prima di questa occasione (scusami).
    Mi e’ molto piaciuto il video che mi ha aiutato a conoscerti anche per quello che sei: Una energetica, eclettica Nonna, che si presenta come un ESEMPIO per molti giovani (o meno).
    SEI GRANDE!

    Salutoni a tutti.


  152. ernesto ( USA )

    Alla gentile LEA MINA RALLI (ma a quest’ora sara’ riposando),

    sono molto grato per la dedica a me di una sua bella
    fra le tante, poesia dialettale.
    Sinceramente, Ernesto.


  153. Enrico Montelli

    Per Anna di Sao Paolo, Brasile.
    Cara Anna, ho visto la tua richiesta alla nonna Lea e, con tua venia, mi permetto darti la mia modesta opinione in merito.
    La Chiesa è, nel fondo, una organizzazione terrena che controlla , consiglia e dirige tutti i credenti del Cattolicesimo e, come tale, cioè terrena , ha le sue limitazioni od imperfezioni (non esiste la legge perfetta) : sarebbe ingiusto discostarsi da essa perché non si è d’ accordo su qualche regola o precetto perché ciò che ci insegna è sempre per il bene dell’ umanità intera e non instiga mai alla violenza. Da quel che so la Chiesa Cattolica, tramite il Papa, è l’ unica organizzazione religiosa che ha teso la sua mano alle altre maggiori religioni nell’ intento di trovare un modus operandi che possa unire tutti i fedeli in un Credo conforme alle proprie credenze, usi e costumi. Forse qualche norma può non essere in linea con i concetti di alcuni di noi (ad esempio quello sull’ aborto) ma il fine è sempre lo stesso e le intenzioni sono sempre buone: trovare il giusto cammino per una armonica convivenza della nostra Societá. Accettare dettami che si sembrano troppo rigorosi? Ognuno di noi ha la propria coscienza ed attuerá di conseguenza. Errore sarebbe non seguirli unicamente perché non ci convengono nel piano puramente personale.


  154. ernesto ( USA )

    Carissimi,
    ho dovuto assentarmi, sono in ritardo (….ho sentito un: meno male!, chi lo ha detto ??);
    nonostante colei “che fe’ il gran rifiuto”,
    distongo la sguardo dall’Ovest lontano e, fra cotante ricette e poesie e battute e commenti e saluti, e modesti accenni di astronomia, io mi volgo all’EST, perche’ : EX ORIENTE LUX.
    Non si sfugge….
    ma, Francesca….dov’e’ ????
    Ernesto.


  155. ernesto ( USA )

    SULLA LETTERA DI ENRICO MONTELLI ore 1,20

    Ricordo una trsmissione di Bruno Vespa: alla sinistra c’erano quattro rappresentanti di partiti che avevano fortemente sostenuto e sostenevano il diritto all’aborto e che, adesso,declamavano perche’ si abolisca in tutto il mondo la pena di morte.
    Dalla destra di Vespa si udi’ una vocina che disse:
    “ma come….battagliate contro la pena di morte quando da sempre avete votato per l’aborto???
    Il gelo calo’ sulla trasmissione…silenzio di “tomba”,
    appunto.
    Saluti, Ernesto.


  156. Umberto Virgillo ( Minneapolis , u.s.a. )

    Carissima nonna Lea!
    Con magnanimo piacere ti ho dedicata questa poesia,dopo aver letto ogni commento, per fosse stato impossibile di rimanere nel silenzio,ti do’ del tu,per farci sentire ancora piu’ vicini.

    “A Nonna Lea ”

    Sin dai giorni di Diocleziano;
    su questo suol Romano,c’e’ una bravissima poetessa;
    ancor piu’ forte di una leonessa;
    di poesia,ne ha scritte una marea;
    lei e conosciuta, come “Nonna Lea’
    come la Romana barcarola,
    di nonna Lea, c’e’ ne una sola.

    Grazie al blog di Francesca;
    tramite i suoi scritti, possiamo conoscere;
    questa meravigliosa nonna Romanesca;
    le sue poesia son de core,
    sono una vera favola,
    ancor di piu’ dell’abbacchio,
    ed il buon vino che stanno sulla tavola.

    Mentre l’america, ed la U.S.S.R
    fanno la gara spaziale;
    Nonna Lea e’ la prima dell”Italico stivale; i suoi versi hanno uno stile indescrivibile;
    se fosse ancora in vita,
    l’adorasse anche, il grande Annibale.

    Come due alberi, che un ramo, tocca l’altro ramo;
    poeticamente parlando;
    nonna Lea, d’avanti a te;
    noi tutti ci inchiniamo !

    Viva L’Italia, viva Roma imperiale,
    nonna Lea,
    sei veramente immortale.

    Con profondo ed umano affetto.

    Umberto Virgillo.

    P.s. Commentando la temperatura che Ernesto ha fatto cenno,oggi a Minneapolis la temperatura massima e’ stata di 28 centigradi sotto zero,ed non sara’ di meglio per ancora 4 giorni, nonna Lea le tue poesie sono una vera fonte di calore, un infinito grazie anche a te Francesca,ti scrivero’ sul tuo sito personale,a te nonna Lea,un abbraccio ed un imbocca al lupo.


  157. Roberto Giordano ( Concord,Ontario , Canada )

    Nonna Lea,ho appena finito di vedere il tuo video.Sei propprio come ti immagginavo.Le tue poesie mi piacciono molto,continua a scriverne ancora e a pubblicarle sul blog.Non aggiungo altro,altri lo hanno fatto prima di me.E a te Francesca,tanti saluti e continua cosi’.Tuo amico Roberto.Ciao.


  158. Maria Sciortino ( Naples FL )

    Rispondo a Gabriella si la mollica di pane e’ come dici tu il pangrattato . Pero’ non lo devi arosolare come nella milanese . Devi lasciare il pangrattato al naturale , cosi’ manterra’ le arancine ad non aprirsi e si friggeranno bene. Se hai altre domande quando li farai scrivimi te lo spieghero’ subito . Sono tanto gustose . Adesso rispondo a Claudia. come ho visto gia’ ti ha risposto Giuseppe . La sua ricetta e quasi uguale alla mia , perche’ e pure Siciliano, dunque li facciamo tutti allo stesso modo . Si in quasi tutta la Sicilia, si chiamano usualmente cosi’ Sarde a beccafico, ma a Sciacca li chiamiamo Sarde a chiappa , cioe’ Sarde a coppia. Comunque sia il suo nome ,sono tanto buone e gustose, paccato che qui, specialmente in Florida non possiamo trovare le sardine fresche come quelle Siciliane. Alcuni anni fa li trovavv quelli del Portogallo ch.erano un po’ piu” grandi ,ma buoni quasi lo stesso . Buon appetito Maria


  159. Romina,Virginia,U.S.A.

    Ragazzi grazie per le ricette,poi un giorno le faccio entrambi(quella delle Arancine Siciliane e quella delle Sarde)cosi’ faccio una sorpresa alle mie amiche Siciliane che vivono nel mio vicinato.MMMmmmmmmmm sento gia’ il profumino,che bonta’.Baci Romina


  160. Claudia Roman ( Jacksonville , Fl,USA )

    Maria Sciortino,

    hai ragione qui in Florida sono difficili da trovare perche’ agli americani non piacciono molto,(too fishy) dicono…contenti loro. Io pero’ ho trovato un negozio/pescheria che fornisce i ristoranti e i proprietari,molto simpatici, mi procurano le sardine e anche il polipo, altro pesce (va be non e’ un pesce ma ci siamo capite no?)che qui non e’ amato.
    Pero’, io mi ricordo che le sardine di mia nonna erano un po’”dolci” mi pare ci fosse dell’uvetta e molto alloro o lauro.
    Un’altra cosa, ma la mollica non e’ quella parte del pane che sta all’interno? La parte soffice e bianca?
    Il pangrattato per quanto ne so io e’ il pane duro grattuggiato usato appunto per impanare milanesi,arancini,carciofi e altro per poi friggerli.
    Comunque grazie per la ricetta.
    Tira e molla stiamo andando di nuovo fuori tema e finiamo sempre per parlare di mangiare…e a me viene subito fame.
    Ha un bel dire nonna Lea che bisogna mangiare poco per vivere a lungo…


  161. Maria Sciortino ( Naples FL )

    Sto scrivendo dinuovo per presisare una cosa , Dopo che scrivo controllo l,orario Italiano che appare dopo che ho scritto , dice 31 Gennaio 2008 alle 3’17. Per me qua negli Stati Uniti sono ancora 30 Gennaio 2008 ore 9’17 PM dunque alcuni che abitano qui mi possono seguire, mentre tu Francesca e nonna Lea dormite, e lo troverete domani mattina , e mi risponderete mentre dormo io. Vorrei sapere , tu Gabriella cosa fai a questora? Come’ la differenza d.orario in Venezuela? Come’ composto bello il mondo , ce’ sempre qualcuno a turno che ci segue …. Grazie ancora a Francesca e nonna Lea che ci hanno invitati a sederci in questo bellissimo salotto mondiale, e farci incontrare tante bravissime persone che cerchiamo di mantenere intatte le nostre radici , frequentantoci {anche da lontano ] e continuare le antiche abitudini familiari, culinarie paesane, cosi’sentiremo meno la nostalgia . Buona notte


  162. Juliana On Canada

    Cara Nonnina Lea, Oggi ho passato un paio di ore nel guerdare nel suo sito, e’ ho apreso molte cose belle nel suo conto di come e’ brava, del grande amore che ha verso il prossimo.
    Ho letto la storia della ragazza che suonava il piano,ho visto le foto di Romina se non mi sbsglio con i bambini, le dico che il suo sito e pieno di emozzione e ben, organizato, congradulazione cara Nonnina Lea.
    Mia piaciuto le ricerche fatte sull’Erbe e fiori,ho notato che i fiori di Biangospino e buono per il cuore,io cio’ i palpiti di cuore a volte forte e avolte normale, ma i dottori non mi trovano nulla,lei pensa che questo mi potrebbe essre udile anche a me?la ringrazzio per la sua risposta un forte abraccio da Juliana, saluto a tutti i conazionali e sopra tutto a Francesca e il suo equipaggio


  163. Juliana On Canada

    Ciao Romina,
    Anzi tutto mi voglio scusare se le do del tu so che sei molto giovane ho visto le tue foto che sono molto belle, so che sei di Virginia, li’ cio una nipote, lo vista sul blog, ma ora e un tempo che non la vedo, chisa quando siete londane da una allaltra,se la vedi facci amicizia forse avra una compagnia di qualche Italiana, si sente unpo’sola, Francesca veramente ci sta unendo, io e mio marito stiamo pensando di farci una vaganza a visitare mia nipote, in Virginia e unaltra in Florida, se verremo ci mettiamo daccordo dove trovarci forse dove sta quella stella che si vede tutta la Cita sotto cisiamo stati li’mio dimenticata come si chiama la Cita’ ciao e un abraccio,da Juliana D.


  164. Juliana On Canada

    Ciao Tiziana,
    E da unpo’ che non ti vedo sul Blog,
    Come stai? Sai che stiamo pensando che voglismo farci una vaganza, e forse voglimo venire a visitare Nancy in Florida, cosi’ passando visitiamo anche te’ pero’ non ti prometto quando, tu losai che per far partire Johnny ci vuole la forsa ma nestiamo parlando, mi saluti la famiglia un bacione ai bambini, un forte abraccio a te tua Zia Juliana,


  165. Fernando Mastrangelo ( Rockville, MD , USA )

    CIAO A TUTTI ROMINA IO VIVO IN ROCKVILLE, MD. PUO DARSI CHE SIAMO VICINI, CON TUTO IL RISPETTO, DA CHE PARTE DI VIRGINIA VIVI, SE SI PUO’ SAPERE, (PER PROVARE GLI ARANCINI SICILIANI) SCHERZO!!, FORSE FREQUENTI LA HOLY ROSARY CHURCH, CASA ITALIANA, CONOSCO MOLTI,PUO’ DARSI IL MIO COGNOME TI SIA FAMIGLIARE.SRA. ROMAN COME VA TUTTO CHIAMATO AI MIEI AMICI, NON ERNO A CASA., TI FARO’ SAPERE QUALCOSA.
    SALUTI
    FERNANDO M.


  166. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    PER Maria Sciortino ( Naples FL ) 31 Gennaio 2008 alle 4:17.
    Ciao, Maria ! E’ giá mezzanotte e mezza e, prima di andare a letto, rispondo: Con l’Italia ora abbiamo 5.30 di differenza. Questo perché il nostro “caro” imperatore si é svegliato un giorno e ha deciso che si doveva indietreggiare di mezz’ora gli orologi perché… i bambini non si alzino col buio per andare a scuola !!!! Il buio, secondo lui, non aiuta l’intelletto ! (Allora, tutti quei paesi che hanno un inverno prolungato dove il sole “non fa capolino” che alle 9-10 del mattino, dovrebbero essere stupidi!)
    Bon, é tutto un caos con i computer, le TV, le linee aeree, ecc. Con gli Stati Uniti (EST) invece di avere la stessa ora vostra abbiamo mezz’ora in meno, cioé, indietro. Sicché da voi ora é l’una di notte ! Beh, l’una e un quarto, se mi spiccio a inviare il commento. Grazie per la precisione del pangrattato. Questo aderisce meglio che la mollica ! Salutissimi, Gab


  167. Gabriella Tami-Valencia (Venezuela)

    PER Maria Sciortino ( Naples FL ) 31 Gennaio 2008 alle 4:17.

    Scusa, non ho risposto alla tua domanda. Prima di ritornare qui nel mio studio, ho visto la TV, un po’ la RAI con un filmato, poi un programma buono alla TV locale, poi un po’ di Porta a Porta con il gravissimo problema della spazzatura in Campania. Ecco che chiudo che il marito é giá salito in camera !! Abbracci cari, Gab


  168. Lea Mina Ralli

    Carissimi Amici buongiorno , quì sono circa le sette e il cielo si sta schiarendo su Roma.prima di ogni altra cosa debbo fare un grande ringraziamento a Umberto per la poesia che mi ha dedicata. non mi sento tantomeritevole per elogi così grandi dato che io non faccio nessuno sforzo a creare rapidamente sia poesie che lavori manuali perché questa è la mia natura e lo è sempre stata fin da piccola.
    E Juliana che sta curiosando nei miei siti , si starà rendendo conto quanto sono vari i miei interessi e su quanti argomenti mi sono approfondita facendo specifiche ricerche anche in campo botanico e scientifico.
    anzi quando avevo i figli piccoli , mi sono divertita con loro a fare la cultura idroponica e abbiamo mangiato delle insaltine tenere e gustose create nell’acqua ed ho pensato che fossero veramente igieniche. e queste culture le ho fatte anche coi bulbi di alcuni fiori ( giunchiglie ecc. ecc.)
    le mie creazioni nascono dall’osservazione che tutti noi abbiamo occhi per vedere, cervello per ragionare e mani per eseguire. giusto? allora bisogna avere anche la volontà per creare. questo è il mio pensiero.
    ricordo quando a mia figlia Vilma, giovinetta, chiedevo di fare qualcosa …alla sua risposta immediata :”Non ci riesco” rispondevo : >Almeno prova!<
    e con questo provarci ….è diventata più brava di me
    giacché la sua casa brilla e i suoi due figli Stefano e Alessia sono venuti su in modo perfetto.
    adesso una risposta profonda dovrei darla ad Anna di Sao Pao, ma Enrico Montelli ha risposto per me in modo esauriente e dotto e io la penso uguale.
    aggiungo soltanto che sono veramente contenta che le religioni si stiano unificando perché questo sarà un bene per l’umanità.
    A chi si congratula per i miei siti ben fatti debbo dre che non è tutto merito mio, ma anche della mia carissima amica Mariafelice che è la WEBMASTER più brava di Roma e che è sempre sollecita a pubblicare le foto e le lettere di voi carissimi Connazionali.
    guardate chebelle famiglie.


  169. Lea Mina Ralli ( Roma , Italia )

    A Gabriella dico ancora, che la notte ,per me è fonte di creatività maggiore poiché nel silenzio e nella perfetta solitudine aumenta la concentraione e non si è distratti da nulla. se io non avessi scritto di notte non avrei concluso nulla poiché il giorno era pieno di lavori prosaici e faticosi e, il mio riposo notturno era la ricerca,lo scrivere e lo sferruzzare e di sonno appena lo stretto necessario …al massimo quattro ore, come Napoleone e Giulio Cesare.
    ora vado a cercare ; ” Come nasce una poesia” e intanto vi dedico la seguente.

    LA TAVOLOZZA

    La tavolozza è bell’e preparata

    Io vi ho disposto un mucchio di colori

    Sono andata a rubarli a destra e a manca

    Me li han donati persino alcuni fiori.

    Il rosa chiaro l’ho preso dall’aurora

    e quello acceso invece da una rosa

    l’azzurro l’ho cercato sopra il mare

    l’argento l’ho tolto dalle stelle.

    Il fuoco dell’amor m’ha dato il rosso

    il verde la speranza che non muore.

    Dalla castagna ho avuto un bel marrone

    e della neve ho preso il suo candore.

    Il giallo è solo quello di ginestra

    ed ora dipingo accantoalla finestra

    il quadro che farò lo dono al mondo

    che amo tutto quanto è largo e tondo.

    Lea Mina Ralli


  170. Giuseppe ( USA )

    Claudia Roman,
    ecco la ricetta per le sarde cme quella di tua nonna col l’uva passa e alloro. invece di friggerle si fanno al forno, la ricetta di prima era da Catania, invece questa e` da Palermo. Me sta a veni pure a me la voglia de sarde. Non so` poeta ma buongustaio si. Ciao e buon appetito!

    Sardi a Beccaficu Palermitani
    2 3/4 pounds (1.2 k) very fresh, not too big sardines
    6 ounces (150 g) bread crumbs
    8 salted anchovies
    2 ounces (50 g) raisins
    2 ounces (60 g) pine nuts
    A bunch of parsley, minced
    Bay leaf
    The juice of a lemon
    2 tablespoons sugar
    Olive oil
    Salt & Pepper to taste

    Scale the sardines, remove their heads, bone them, and split them, leaving the two sides connected by a thin strip of flesh along the back. Wash them well and set them to drain. Sauté all but a little of the breadcrumbs in a skillet with the oil. When the breadcrumbs are well browned, transfer them to bowl and combine them with the raisins, pine nuts, anchovy fillets, and minced parsley. Check seasoning. Use the mixture to fill the open anchovies, folding the two halves together once you have filled them. Put the filled anchovies in a well-oiled pan, with their backs down, separating them with bay leaves. Dust them with the remaining breadcrumbs and sprinkle them with a little oil. Combine the juice of the lemon and the sugar, and sprinkle the mixture over the sardines.

    Cook them in a preheated 360 degree F (180 C) oven for about 10 minutes, or until done.


  171. Maria Rosa ( Luján , Argentina )

    Carissima nonna Lea, anche io ringrazio Humberto per la poesia che sprime il sentimento di noi tutti, un bacio a tutti vado al lavoro!!!!
    per Gabriela, ieri sera ho voluto spiegarte che la mollica era “miga de pan” ma il compiuter non rispondeva, baci a tutti!!!


  172. Francesca verde ( Melbourne , Australia )

    Ciao Francesca, il tuo BLOG sta crescento giorno per giorno, a me mi piace legere tutti icomenti sono belissimi soecialmente Nonna Lea con tutte queste belle poesie, ame piacciono tantissime mi fa ritornare banbina quando andavo a scuola,gentilisima Nonna Lea mi rivolgo a lei, per qualcosa che mi sta molto al cuore quanto ero picola recitavo una poesia che non ricordo il titolo ma ricordo che era per lisola di Ponza se mi farebe una cortesia scriverla per me mi faresti felice, perche dopo tanti anni ho avuta la fortuna di andarla a vedere, e unisola belissima, un grazie di cuore Nonna Lea, e un abraccio a te Francesca, e grazie per questa bella aportunita che ci dai da Francesca Melborne Australia tantisimetantisimetantisime


  173. anna -Sao Paulo/Brasile

    Carissimi Enrico Montelli(1.20) Ernesto(1.40) e nonna Lea che li ha appoggiati, quindi ora só l’opinione generale.Grazie, mi dispiace tanto di non saper cucinare e neanche scrivere poesie, mi piacerebbe tanto poter partecipare di più a questo salotto, ma proprio sono una nullità.
    Caro Enrico, la tua risposta´`e molto ben elaborata e mi è piaciuta l’ironia del racconto di Ernesto, ho capito. Solo vorrei obiettare a Enrico che assolutamente non è che seguo o meno per convenienza personale, per la semplice ragione che alla mia età veramente non avrei questi problema. Poi vedo che voi
    vi preoccupate giustamente sul tema aborto, il chè lo capisco perchè è il più menzionato, ma io avendo nipoti e pronipoti ancora piccoli, mi preoccupo per gli altri problema di oggi, l’AIDS, le gravidanze precoci dovute ad ignoranza, non quando sono coscienti. E poi vivo in un paese dove grande parte della popolazione non ha accesso all’informazione, quindi ci sono tanti e tanti problema gravi. Ma non credo sia convenienza. Comunque grazie infinite.

    Di tutte le ricette i risini sono quelli che forse riuscirò a fare, solo che proverò.
    Un grande abbraccio e grazie, grazie anche a te nonna, questi problema mi affligono.
    Un abbraccio
    anna


  174. A. Margarita Morales da Ibagué-Colombia

    Gabriela Tami da Valencia-Venezuela, la cosa che mi consigli e esattamente quello che avvevo già fatto, ma niente no si apriva. Oggi che ho avuto un po’ di tempo, prima di leggere il nuovo commento di Francesca sono venuta qui. E miracolo, si è aperto il video, ma con interruzioni. Non importa alla fine sono riuscita a conoscere Nonna Lea. In tutti i modi ti ringrazio per l’aiuto, cara sorella venezuelana.

    Amparo Margarita


  175. Dora Malagrino ( Mar del Plata , Argentina )

    Carissima nonna Lea, appena ho visto il video, ah!!

    sei MERAVIGLIOSA,così dolce, istruita, capace,non

    trovo le parole per poter esprimere tutto quello

    che sento, mi è tanto piaciuto sentirti parlare,lo

    fai in un modo carino e con un accento che vorrei

    avere, scusa i miei errori, io no sono italiana,so-

    no figlia e nipote di italiani,e amo l’italiano,vor-

    rei che tu abitassi vicino a me per poter parlare e

    imparare un po’ di tutto quello che tu sai.

    Un forte abbraccio e un bacione, Dora


  176. Juliana On Canada

    Cara Nonnina, grazie per la sua risposta, Quanto e Cara. Sto leggendo tutti i suoi commenti, sono affascinante le sue parole, vanno tutte a rima, che dono bello che il Sovrano Signore e Creatore dell’Universo glia dato.
    La saluto caramente, da tanto londana come il Canada.

    Juliana De.A


  177. alessandro superina ( cascate di niagara , Canada )

    Mamma Mia !!!! come mi e piaciuto tutto, ma come puo essere, e tutto come un ” deja vu”. Doppio dono ! E quella poesia!!!! il pesce al limone !!!! mi ha fato ridere moltissimo… per i affamati..ho sentito una volta che il migliore sugo e la fame !!! Lo gia detto, qui, ma questa volta veramente addato.
    Ciao Francesca, Nonna Lea !!! sempre in gamba …saluti ciao!


  178. qznnztemf ( iodimsGAfqAO , daAsIuBvapqy )

    UxnMfg mnayvjaieend, [url=http://edkmxzbglrgz.com/]edkmxzbglrgz[/url], [link=http://wajgvktjtmek.com/]wajgvktjtmek[/link], http://fqheworptqvl.com/


Lascia un commento per Francesca





(non verrà pubblicata)

Caratteri disponibili